Abbazia di Dunfermline - it.LinkFang.org

Abbazia di Dunfermline




Dunfermline Abbey
Stato Regno Unito
LocalitàDunfermline
Religionecristiana presbiteriana scozzese
ArchitettoWilliam Burn
Stile architettonicoromanico
Inizio costruzione1128
Completamento1250
Sito webwww.dunfermlineabbey.co.uk

L'abbazia di Dunfermline è un'abbazia situata nell'omonima città scozzese. È un monumento classificato di categoria A.

Indice

La storia


La costruzione della chiesa venne iniziata nel 1128 da Davide I di Scozia dove già sorgeva un piccolo monastero benedettino che viene datato attorno all'epoca di Malcolm III di Scozia fra il 1058 ed il 1093 e che sarebbe stato fondato dal sovrano stesso. Il primo Abate fu Goffredo di Canterbury (morto nel 1154), già priore presso la cattedrale di Canterbury che per prima fornì i monaci alla neonata abbazia. Al massimo del suo splendore la struttura controllava un grande numero di terre da Moray fino giù al Berkshire. Negli anni seguenti alla sua consacrazione la chiesa accumulò 26 altari donati da singoli individui o da una Gilda (storia) e fu un lucroso centro di pellegrinaggi per il culto di Margherita di Scozia (santa), moglie di Malcolm, cui si volle attribuire la fondazione dell'abbazia. Durante l'inverno del 1303 Edoardo I d'Inghilterra vi venne detenuto per un tempo considerevole e quando fu liberato ordinò che si bruciassero quasi tutti gli edifici presenti.

Il marzo del 1560, in piena Riforma scozzese, vide il saccheggio del monastero. Ancora oggi rimangono in piedi diverse parti, come le vaste sale del refettorio o le camere sopra il corpo di guardia che era parte delle antiche mura cittadine. Anche la navata venne distrutta e fu rimessa a posto solo nel 1570 da Robert Drummond di Carnock (morto nel 1592) e servì come chiesa parrocchiale fino al XIX secolo ed ora è il vestibolo della nuova chiesa. Questo edificio venne costruito in stile Gotico perpendicolare ed aperto nel 1821 occupando il sito della vecchia cappella e del transetto. Accanto all'abbazia sorgono i resti del Dunfermline Palace, una volta parte di essa e ad essa collegato tramite il corpo di guardia. La chiesa ospita un grande numero di tombe reali, fra cui quella della stessa Margherita di Scozia (santa) chiusa durante il regno di Vittoria I d'Inghilterra per volontà della regina. A tutt'oggi la nuova chiesa è in uso. Il vecchio edificio era costruito in stile normanno, come testimoniano la navata e la bellissima porta posta sul lato ovest.

Matrimoni, morti e battesimi


Elenco dei preposti all'abbazia


Priori

Abati


Abati commendatari

Note


  1. ^ Riprese l'abbazia dopo che l'arcidiocesi di Glasgow gli aveva promesso la diocesi di Saint Andrews come successore di Andrea Forman[senza fonte]

Bibliografia


Altri progetti


Collegamenti esterni










Categorie: Abbazie della Scozia | Abbazie benedettine del Regno Unito | Architetture di Dunfermline | Chiese della Scozia | Luoghi di sepoltura di famiglie reali dell'Europa








Data: 21.05.2020 10:27:45 CEST

Sorgente: Wikipedia (Autori [Cronologia])    Licenza: CC-by-sa-3.0

Modifiche: Tutte le immagini e la maggior parte degli elementi di design correlati a questi sono stati rimossi. Alcune icone sono state sostituite da FontAwesome-Icons. Alcuni modelli sono stati rimossi (come "l'articolo ha bisogno di espansione) o assegnati (come" note "). Le classi CSS sono state rimosse o armonizzate.
Sono stati rimossi i collegamenti specifici di Wikipedia che non portano a un articolo o una categoria (come "Redlink", "collegamenti alla pagina di modifica", "collegamenti a portali"). Ogni collegamento esterno ha un'icona FontAwesome aggiuntiva. Oltre ad alcuni piccoli cambiamenti di design, sono stati rimossi i media container, le mappe, i box di navigazione, le versioni vocali e i geoformati.

Notare che Poiché il dato contenuto viene automaticamente prelevato da Wikipedia in un determinato momento, una verifica manuale è stata e non è possibile. Pertanto LinkFang.org non garantisce l'accuratezza e l'attualità del contenuto acquisito. Se ci sono informazioni che al momento sono sbagliate o che hanno una visualizzazione imprecisa, non esitate a Contattaci: e-mail.
Guarda anche: Impronta & Politica sulla riservatezza.