Acloridria


Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Acloridria
Specialitàgastroenterologia
Classificazione e risorse esterne (EN)
ICD-9-CM536.0
ICD-10K31.8
MeSHD000126
eMedicine170066

L'acloridria è una disfunzione dell'apparato digerente, consistente nell'assenza di acido cloridrico nel succo gastrico.

Indice

Patologie associate


L'acloridia si ritrova in diverse patologie quali varie forme di anemie e in alcune forme di carcinoma gastrico, dove in passato si pensava che la sua presenza aumentasse il rischio di incorrere in tali forme neoplastiche, mentre attualmente si è compreso che soltanto quando oltre all'acloridria vi è un'ulcera gastrica si deve sospettare la massa tumorale.[1] Inoltre è presente nell'atrofia della mucosa gastrica, ed è tipica della sindrome di Verner-Morrison, o sindrome WDHA, caratterizzata dalla presenza di un VIPoma (tumore neuroendocrino secernente Peptide intestinale vasoattivo), con conseguente diarrea acquosa, ipokaliemia e, appunto, acloridria.

La correlazione fra acloridia e anemia perniciosa è spiegabile dal fatto che si ha mancata secrezione di fattore intrinseco, con conseguente carenza di vitamina B12 e quindi anemia perniciosa[2].

Sintomatologia


Le manifestazioni che si associano a tale disturbo riguardano la digestione, anche se essa appare quasi normale quella che viene invece compromessa è la digestione proteica, fra i pochi sintomi si riscontra la diarrea.

Terapia


Il trattamento prevede assunzione di vitamine, fra cui la B12 e somministrazione di antibiotici.

Note


  1. ^ Svendsen JH, Dahl C, Svendsen LB, Christiansen PM, Gastric cancer risk in achlorhydric patients. A long-term follow-up study , in Scand. J. Gastroenterol., vol. 21, n. 1, 1986, pp. 16–20, DOI:10.3109/00365528609034615 , PMID 3952447 .
  2. ^ Anemia perniciosa cause e terapia , su Esamievalori. URL consultato il 31 dicembre 2018 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2019).

Bibliografia


Voci correlate











Categorie: Reperti di laboratorio | Malattie dello stomaco e del duodeno




Data: 10.03.2022 09:48:32 CET

Sorgente: Wikipedia (Autori [Cronologia])    Licenza: CC-BY-SA-3.0

Modifiche: Tutte le immagini e la maggior parte degli elementi di design correlati a questi sono stati rimossi. Alcune icone sono state sostituite da FontAwesome-Icons. Alcuni modelli sono stati rimossi (come "l'articolo ha bisogno di espansione) o assegnati (come" note "). Le classi CSS sono state rimosse o armonizzate.
Sono stati rimossi i collegamenti specifici di Wikipedia che non portano a un articolo o una categoria (come "Redlink", "collegamenti alla pagina di modifica", "collegamenti a portali"). Ogni collegamento esterno ha un'icona FontAwesome aggiuntiva. Oltre ad alcuni piccoli cambiamenti di design, sono stati rimossi i media container, le mappe, i box di navigazione, le versioni vocali e i geoformati.

Notare che Poiché il dato contenuto viene automaticamente prelevato da Wikipedia in un determinato momento, una verifica manuale è stata e non è possibile. Pertanto LinkFang.org non garantisce l'accuratezza e l'attualità del contenuto acquisito. Se ci sono informazioni che al momento sono sbagliate o che hanno una visualizzazione imprecisa, non esitate a Contattaci: e-mail.
Guarda anche: Impronta & Politica sulla riservatezza.