Album in studio


L'album in studio (in inglese full-length o studio album) è un album discografico contenente brani, perlopiù inediti, incisi in sala di registrazione. Nel caso in cui i brani non sono inediti, si tratta invece di una raccolta (compilation) o di album di cover.

Indice

Storia


La possibilità a livello storico di realizzare un album discografico è nata con l'avvento dei dischi in vinile a 33⅓ giri che permettevano di inserire numerosi brani sulle due facciate di un unico supporto. I formati più comuni dei dischi in vinile erano gli LP a 33⅓ giri/minuto, gli EP e i 45 giri.

La qualità della registrazione si è via via affinata e, per i CD, è oggi codificata in tre passaggi; la codifica più avanzata è la cosiddetta DDD (Digital Digital Digital), ossia quella realizzata interamente in digitale.

I primi album registrati sono Cowboy Songs and Other Frontier Ballads di John Lomax del 1910 e Dallas Blues di Hart Wandcould del 1913.

Definizione e caratteristiche


L'album in studio o full length si contrappone agli EP e ai singoli per la durata maggiore. Nei dischi in vinile, si intuisce la durata dalle dimensioni del disco. La dicitura full-length si riferisce anche ad un singolo brano nella sua versione integrale o completa, privo cioè di eventuali tagli effettuati per realizzare le versioni radio edit o single edit.

L'album in studio si contrappone per contenuti a vari tipi di album discografici, tra cui gli album di remix, gli album di cover o le compilation.

Oggi, a volte, le persone che partecipano a un album si trovano in luoghi diversi e il materiale, ad esempio una strofa per un featuring, viene inviato tramite Internet.

In casi rari un album in studio può contenere alcuni brani live con l'aggiunta di inediti (un esempio è Rattle and Hum degli U2). In altri casi un album in studio può essere composto da brani riarrangiati (già presenti in altri album) con l'aggiunta di pochi inediti registrati in studio per l'occasione; un esempio è Once More degli Spandau Ballet.

Premi


A seconda del numero di copie di un album vendute, l'industria discografica ha ideato dei premi, denominati disco d'oro, disco d'argento, disco di platino assegnati all'autore dell'opera.

Voci correlate


Collegamenti esterni











Categorie: Album discografici




Data: 28.11.2020 05:25:42 CET

Sorgente: Wikipedia (Autori [Cronologia])    Licenza: CC-BY-SA-3.0

Modifiche: Tutte le immagini e la maggior parte degli elementi di design correlati a questi sono stati rimossi. Alcune icone sono state sostituite da FontAwesome-Icons. Alcuni modelli sono stati rimossi (come "l'articolo ha bisogno di espansione) o assegnati (come" note "). Le classi CSS sono state rimosse o armonizzate.
Sono stati rimossi i collegamenti specifici di Wikipedia che non portano a un articolo o una categoria (come "Redlink", "collegamenti alla pagina di modifica", "collegamenti a portali"). Ogni collegamento esterno ha un'icona FontAwesome aggiuntiva. Oltre ad alcuni piccoli cambiamenti di design, sono stati rimossi i media container, le mappe, i box di navigazione, le versioni vocali e i geoformati.

Notare che Poiché il dato contenuto viene automaticamente prelevato da Wikipedia in un determinato momento, una verifica manuale è stata e non è possibile. Pertanto LinkFang.org non garantisce l'accuratezza e l'attualità del contenuto acquisito. Se ci sono informazioni che al momento sono sbagliate o che hanno una visualizzazione imprecisa, non esitate a Contattaci: e-mail.
Guarda anche: Impronta & Politica sulla riservatezza.