Anna d'Este


Anna d'Este
Ritratto d'Anna d'Este di artista ignoto.
Duchessa consorte di Guisa
In carica 12 aprile 1550 –
18 febbraio 1563
Predecessore Antonia di Borbone-Vendôme
Successore Caterina di Clèves
Duchessa consorte di Nemours
In carica 5 maggio 1566 –
17 maggio 1607
Predecessore Carlotta d'Orleans-Longueville
Successore Anna d'Aumale
Nascita Ferrara, 16 novembre 1531
Morte Parigi, 17 maggio 1607
(76 anni)
Dinastia Este
Padre Ercole II d'Este
Madre Renata di Francia
Coniugi Francesco I di Guisa
Giacomo di Savoia-Nemours
Religione Cattolicesimo

Anna d'Este (Ferrara, 16 novembre 1531Parigi, 17 maggio 1607) era la figlia primogenita di Renata di Francia (figlia di Luigi XII e Anna di Bretagna) e di Ercole II (figlio di Alfonso I e Lucrezia Borgia), duca di Ferrara. È stata una delle maggiori figure della corte di Francia del regno di Enrico II a quello di Enrico IV. In primo matrimonio fu duchessa d'Aumale, poi di Guisa; in secondo matrimonio fu duchessa di Nemours e del Genevese.

Indice

Biografia


Anna d'Este ricevette un'educazione molto accurata. Studiò lettere volgari, latine e greche, matematica ed astronomia, storia e geografia, musica e danza. Nel 1548 venne promessa al principe francese Francesco di Lorena, duca d'Aumale, figlio di Claudio di Lorena, duca di Guisa. Dopo lunghe trattative, il 28 settembre dello stesso anno, fu firmato il contratto per il suo matrimonio. La giovane sposa prese la via della Francia, accompagnata dalla madre e dalle sorelle fino a Mantova. Il 28 ottobre arrivò a Grenoble, dove le venne incontro il padre dello sposo. Il matrimonio venne celebrato il 16 dicembre a Saint-Germain-en-Laye vicino a Parigi. Nel 1549 Anna diede alla luce il figlio Enrico di Lorena.

Da parte di madre, Anna d'Este era imparentata con Enrico II e i suoi figli, e grazie al suo matrimonio diventò un membro della potente famiglia di Guisa. Le sue origini italiane la legavano in modo particolare alla regina Caterina de' Medici. Diventata duchessa di Guisa dopo la morte del suo suocero nel 1550, Anna amministrava insieme alla suocera, Antonia di Borbone, il patrimonio e la fortuna dei Guisa. Nello stesso tempo ebbe il ruolo di mediatrice fra le corti di Francia e di Ferrara adoperandosi per gli interessi del padre.

Nel febbraio del 1563 Francesco di Lorena fu ucciso. Mentre l'assassino fu preso e giustiziato immediatamente, Anna d'Este tentò di tutto per far arrestare Gaspard de Coligny, capo dei Calvinisti francesi, da lei ritenuto il mandante dell'omicidio. Nei tre anni successivi la vedova fece pressioni sul re e i suoi tribunali al fine di assicurare alla giustizia Coligny, che tuttavia fu dichiarato innocente nel gennaio del 1566 dal consiglio del re. In conseguenza di ciò molti la ritennero responsabile di un agguato a fuoco subito proprio da Coligny la mattina del 22 agosto 1572, il quale rimase illeso come per miracolo. È comunque difficile appurare quale fu il vero ruolo d'Anna d'Este in questo attentato e nella conseguente strage della Notte di san Bartolomeo.

Il 5 maggio 1566 Anna d'Este si risposò à Saint-Maur-des-Fossés con Giacomo di Savoia, duca di Nemours e del Genevese. Nel 1585, dopo la morte del suo secondo marito, la principessa visse soprattutto a Parigi, nel suo Hôtel de Nemours. In seguito alla costituzione della Lega cattolica, nella quale i suoi figli ebbero un ruolo importante, la sua importanza politica aumentò. Ma nel dicembre 1588 Enrico III fece assassinare i suoi figli maggiori ed Anna stessa fu incarcerata. Pierre Matthieu ne ha fatto uno dei personaggi de La Guisiade.

Le fonti non dicono nulla sulla vita d'Anna d'Este dopo la sua liberazione nel febbraio 1589, ma alcuni dei suoi contemporanei la ritennero essere una probabile mandante dell'omicidio del re. Nominata "regina madre" dalla Lega, la principessa fu uno dei personaggi principali nella capitale assediata dalle truppe di Enrico IV, che dopo la conversione al cattolicesimo e la salita al trono fu da lei riconosciuto come re.

Dopo la morte del fratello, Alfonso II d'Este, non accettando la successione che l'ultimo duca di Ferrara aveva predisposto, fece causa a Cesare d'Este per ottenere tutti i beni della casata d'Este in Francia ed il tribunale, dopo lungo dibattimento con discussioni anche nel parlamento di Parigi, emise una sentenza a lei favorevole.

Anna d'Este passò gli ultimi anni della sua vita come "superintendante de la maison" della regina Maria de' Medici, ma fortemente indebitata ed in ansia per la situazione finanziaria dei suoi figli e nipoti. Quando morì il 17 maggio 1607, il valore dei suoi beni mobili arrivò a poco più di 4000 livres. Le sue viscere furono seppellite a Parigi, il suo cuore nella tomba dei Guisa a Joinville. Il suo corpo fu trasportato ad Annecy dove fu seppellito a fianco del suo secondo marito. Sulla sua tomba per un anno crebbero degli strani fiori e alcuni visitatori credettero di sentire delle voci in dialetto bavarese.[1]

Discendenza


Anna d'Este sposò in prime nozze a Saint-Germain-en-Laye il 16 dicembre 1548 Francesco di Lorena (1519-1563), duca di Guisa, ebbero sette figli:

Rimasta vedova nel 1563, ella si risposò a Saint-Maur-des-Fossés il 5 maggio 1566 con Giacomo di Savoia (1531-1585), duca di Nemours, ebbero tre figli:

Ascendenza


Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Ercole I d'Este Niccolò III d'Este  
 
Ricciarda di Saluzzo  
Alfonso I d'Este  
Eleonora d'Aragona Ferdinando I di Napoli  
 
Isabella di Chiaromonte  
Ercole II d'Este  
Papa Alessandro VI Jofré Llançol i Escrivà  
 
Isabel de Borja i Cavanilles  
Lucrezia Borgia  
Vannozza Cattanei Giacomo Conte dei Cattanei  
 
Mencia Pinctoris  
Anna d'Este  
Carlo di Valois-Orléans Luigi I di Valois-Orléans  
 
Valentina Visconti  
Luigi XII di Francia  
Maria di Clèves Adolfo I di Kleve  
 
Maria di Borgogna  
Renata di Francia  
Francesco II di Bretagna Riccardo di Dreux  
 
Margherita di Orléans  
Anna di Bretagna  
Margherita di Foix Gastone IV di Foix  
 
Eleonora I di Navarra  
 

Note


Bibliografia


Fonti

Approfondimenti

Altri progetti


Collegamenti esterni


Predecessore Duchessa consorte di Guisa Successore
Antonia di Borbone-Vendôme 15501563 Caterina di Clèves
Predecessore Duchessa consorte di Nemours Successore
Carlotta d'Orleans-Longueville 15661607 Anna d'Aumale
Controllo di autoritàVIAF (EN14927192  · ISNI (EN0000 0000 8015 1976  · LCCN (ENno2007011624  · GND (DE132771160  · BNF (FRcb13495813w (data)  · BAV (EN495/352507  · CERL cnp01367238  · NDL (ENJA00621198  · WorldCat Identities (ENlccn-no2007011624









Categorie: Nati nel 1531 | Morti nel 1607 | Nati il 16 novembre | Morti il 17 maggio | Nati a Ferrara | Morti a Parigi | Este




Data: 06.10.2021 08:43:46 CEST

Sorgente: Wikipedia (Autori [Cronologia])    Licenza: CC-BY-SA-3.0

Modifiche: Tutte le immagini e la maggior parte degli elementi di design correlati a questi sono stati rimossi. Alcune icone sono state sostituite da FontAwesome-Icons. Alcuni modelli sono stati rimossi (come "l'articolo ha bisogno di espansione) o assegnati (come" note "). Le classi CSS sono state rimosse o armonizzate.
Sono stati rimossi i collegamenti specifici di Wikipedia che non portano a un articolo o una categoria (come "Redlink", "collegamenti alla pagina di modifica", "collegamenti a portali"). Ogni collegamento esterno ha un'icona FontAwesome aggiuntiva. Oltre ad alcuni piccoli cambiamenti di design, sono stati rimossi i media container, le mappe, i box di navigazione, le versioni vocali e i geoformati.

Notare che Poiché il dato contenuto viene automaticamente prelevato da Wikipedia in un determinato momento, una verifica manuale è stata e non è possibile. Pertanto LinkFang.org non garantisce l'accuratezza e l'attualità del contenuto acquisito. Se ci sono informazioni che al momento sono sbagliate o che hanno una visualizzazione imprecisa, non esitate a Contattaci: e-mail.
Guarda anche: Impronta & Politica sulla riservatezza.