Anne Pratt - it.LinkFang.org

Anne Pratt




Anne Pratt (Strood, 5 dicembre 18061893) è stata un'illustratrice e ornitologa britannica.

Indice

Biografia


La seconda delle tre figlie di Robert Pratt (1777–1819), un droghiere, e Sara Bundock (1780–1845), Pratt è stata una delle illustratrici più conosciute dell'età Vittoriana[1]. A causa della sua salute cagionevole e di un problema a un ginocchio, durante l'infanzia Pratt è stata incoraggiata a dedicarsi al disegno al posto di svolgere attività all'aria aperta. Pratt studiò alla Eastgate House di Rochester, dove venne introdotta alla botanica dal Dr. Dods, un amico di famiglia.[1] Nel 1826 si trasferì a Londra, nel quartiere di Brixton, dove avviò la sua carriera di illustratrice. Si trasferì a Dover nel 1849, poi nell'East Grinstead nel 1866, dove sposò John Pearless; insieme si trasferirono a Redhill. Anne Pratt morì a Londra, nel quartiere di Shepherd's Bush.

Anne Pratt ha scritto più di 20 libri, che ha illustrato utilizzato la tecnica della cromolitografia collaborando con William Dickes, un incisore esperto in questa tecnica. I suoi lavori utilizzavano un linguaggio gergale ma erano al tempo stesso accurati e per questo favorirono la diffusione della botanica nel suo periodo. Già a partire dalla prima pubblicazione, Flowers and Their Associations, i suoi lavori furono molto venduti, ma non ricevette mai l'acclamazione della critica, a causa del pregiudizio legato al fatto che fosse autodidatta[2]. Il suo capolavoro è probabilmente The Flowering Plants, Grasses, Sedges, and Ferns of Great Britain and Their Allies the Club Mosses, Pepperworts, and Horsetails, un progetto in sei volumi in cui sono raccolte più di 1500 specie, con 300 illustrazioni che raccolgono una decade di pubblicazioni (1855–1873). Quest'opera è stata a lungo utilizzata come fonte di riferimento: le illustrazioni di felci nel volume finale sono state utilizzate fino alla metà del ventesimo secolo, comparendo, senza attribuzione e molto ridimensionate, nel Observer's Book of [British] Ferns.[3]

Opere Selezionate


Galleria d'immagini


Note


  1. ^ a b Kramer, Jack 1996. Women of Flowers: A Tribute to Victorian Women Illustrators. New York, Stewart, Tabori & Chang, 1996.
  2. ^ "The Art of Botanical Illustration: Women Illustrators" . University of Delaware Library website
  3. ^ The Observer's Book of Ferns di W.J. Stockoe, pubblicato da Frederick Warne; The Observer's Book of British Ferns di W.J. Stockoe, pubblicato da Frederick Warne, 1950.

Voci correlate


Altri progetti


Collegamenti esterni


Controllo di autoritàVIAF (EN32148303  · ISNI (EN0000 0000 8369 5397  · Europeana agent/base/7222  · LCCN (ENn88240907  · GND (DE1191598152  · BNF (FRcb13479420m (data)  · ULAN (EN500070116  · WorldCat Identities (ENlccn-n88240907








Categorie: Illustratori britannici | Ornitologi britannici | Nati nel 1806 | Morti nel 1893 | Nati il 5 dicembre








Data: 20.05.2020 11:56:03 CEST

Sorgente: Wikipedia (Autori [Cronologia])    Licenza: CC-by-sa-3.0

Modifiche: Tutte le immagini e la maggior parte degli elementi di design correlati a questi sono stati rimossi. Alcune icone sono state sostituite da FontAwesome-Icons. Alcuni modelli sono stati rimossi (come "l'articolo ha bisogno di espansione) o assegnati (come" note "). Le classi CSS sono state rimosse o armonizzate.
Sono stati rimossi i collegamenti specifici di Wikipedia che non portano a un articolo o una categoria (come "Redlink", "collegamenti alla pagina di modifica", "collegamenti a portali"). Ogni collegamento esterno ha un'icona FontAwesome aggiuntiva. Oltre ad alcuni piccoli cambiamenti di design, sono stati rimossi i media container, le mappe, i box di navigazione, le versioni vocali e i geoformati.

Notare che Poiché il dato contenuto viene automaticamente prelevato da Wikipedia in un determinato momento, una verifica manuale è stata e non è possibile. Pertanto LinkFang.org non garantisce l'accuratezza e l'attualità del contenuto acquisito. Se ci sono informazioni che al momento sono sbagliate o che hanno una visualizzazione imprecisa, non esitate a Contattaci: e-mail.
Guarda anche: Impronta & Politica sulla riservatezza.