Biathlon ai XXII Giochi olimpici invernali - 15 km individuale femminile


 
15 km individuale femminile
Soči 2014
Informazioni generali
Luogo Krasnaja Poljana
Periodo 14 febbraio
Partecipanti 84 da 32 nazioni
Podio
Dar″ja Domračava  Bielorussia
Selina Gasparin  Svizzera
Nadzeja Skardzina  Bielorussia
Edizione precedente e successiva
Vancouver 2010 Pyeongchang 2018

Nel biathlon ai XXII Giochi olimpici invernali la gara dell'individuale femminile si disputò nella giornata del 14 febbraio nella località di Krasnaja Poljana sul comprensorio sciistico Laura.

Campionessa olimpica uscente era la norvegese Tora Berger, detentrice anche del titolo iridato di Nové Město na Moravě 2013, che aveva conquistato l'oro nella precedente edizione di Vancouver 2010 sopravanzando nell'ordine la kazaka Elena Chrustalëva e la bielorussa Dar″ja Domračava.

La Domračava vinse la medaglia d'oro, la svizzera Selina Gasparin quella d'argento e la bielorussa Nadzeja Skardzina quella di bronzo.

Nei mesi di novembre e dicembre del 2017, nell'ambito delle inchieste sul doping di Stato in Russia, il Comitato Olimpico Internazionale accertò una violazione delle normative antidoping compiute da Jana Romanova e Ol'ga Zajceva in occasione delle Olimpiadi di Soči, annullando così i risultati ottenuti dalle due sciatrici[1][2]. Tutte e due presentarono ricorso contro tale decisione, il 24 settembre 2020 il Tribunale Arbitrale dello Sport si pronunciò definitivamente sulla squalifica inflitta dal CIO, annullando la sanzione a Romanova, ma confermando quella imposta a Zajceva[3][4].

Nel corso delle medesime indagini aperte dall'agenzia mondiale antidoping venne coinvolta anche l'altra russa Ekaterina Glazyrina che, dopo le conseguenti indagini effettuate dalla commissione antidoping dell'International Biathlon Union venne sanzionata con la cancellazione di tutti i risultati ottenuti a partire dal 19 dicembre 2013 fino al 10 febbraio 2017, ivi comprese dunque le prestazioni effettuate in questa edizione dei Giochi. Successivamente alla sentenza presentò ricorso al TAS, che però ritirò lei stessa pochi giorni dopo, accettando quindi quanto sancito dall'IBU[5].

Classifica di gara


Pos. Atleta Nazione Tempo Errori (P+S+P+S) Distacco
13 Dar″ja Domračava  Bielorussia 43'19"6 1 (0+1+0+0) -
27 Selina Gasparin  Svizzera 44'35"3 0 (0+0+0+0) +1'15"7
18 Nadzeja Skardzina  Bielorussia 44'57"8 0 (0+0+0+0) +1'38"2
4 30 Gabriela Soukalová  Rep. Ceca 45'17"1 2 (0+1+0+1) +1'57"5
5 45 Anaïs Bescond  Francia 45'34"0 2 (0+2+0+0) +2:14"4
6 23 Veronika Vítková  Rep. Ceca 45'46"0 1 (0+0+0+1) +2'26"4
8 25 Olena Pidhrušna  Ucraina 45'59"5 1 (0+0+0+1) +2'39"9
9 21 Kaisa Mäkäräinen  Finlandia 46'02"5 3 (0+1+0+2) +2'42"9
10 57 Krystyna Pałka  Polonia 46'27"3 0 (0+0+0+0) +3'07"7
11 31 Teja Gregorin  Slovenia 46'38"7 2 (1+0+0+1) +3'19"1
12 50 Monika Hojnisz  Polonia 46'44"3 2 (1+0+0+1) +3'24"7
13 63 Laura Dahlmeier  Germania 46'45"7 1 (1+0+0+0) +3'26"1
14 32 Karin Oberhofer  Italia 46'46"6 2 (0+0+0+2) +3'27"0
DSQ[2][4] 2 Ol'ga Zajceva  Russia 47'06"9 2 (0+0+1+1) +3'47"3
16 15 Tora Berger  Norvegia 47'12"6 3 (1+2+0+0) +3'53"0
17 58 Marie-Laure Brunet  Francia 47'13"6 0 (0+0+0+0) +3'54"0
18 10 Tiril Eckhoff  Norvegia 47'20"4 3 (0+1+1+1) +4'00"8
19 1 Valentyna Semerenko  Ucraina 47'28"2 2 (1+0+1+0) +4'08"6
20 79 Evi Sachenbacher-Stehle  Germania 47'30"4 3 (3+0+0+0) +4'10"8
21 8 Éva Tófalvi  Romania 47'30"8 1 (0+0+1+0) +4'11"2
22 43 Eva Puskarčíková  Rep. Ceca 47'34"6 1 (0+0+0+1) +4'15"0
23 60 Hannah Dreissigacker  Stati Uniti 47'51"7 2 (1+0+0+1) +4'32"1
24 59 Elise Ringen  Norvegia 47'54"0 2 (0+0+0+2) +4'34"4
25 61 Ljudmila Kalinčyk  Bielorussia 48'06"2 2 (0+1+0+1) +4'46"6
26 80 Marine Bolliet  Francia 48'12"1 2 (0+2+0+0) +4'52"5
27 35 Anastasija Kuz'mina  Slovacchia 48'14"1 4 (0+1+0+3) +4'54"5
28 51 Katharina Innerhofer  Austria 48'28"3 4 (1+1+1+1) +5'08"7
29 37 Vita Semerenko  Ucraina 48'29"2 3 (0+0+0+3) +5'09"6
30 3 Megan Imrie  Canada 48'32"7 2 (1+0+1+0) +5'13"1
31 14 Weronika Nowakowska  Polonia 48'35"2 4 (1+1+2+0) +5'15"6
32 78 Magdalena Gwizdoń  Polonia 48'44"1 2 (1+1+0+0) +5'24"5
33 7 Elisa Gasparin  Svizzera 48'46"9 3 (1+1+1+0) +5'27"3
34 5 Susan Dunklee  Stati Uniti 48'54"1 5 (1+1+2+1) +5'34"5
35 47 Nadzeja Pisarava  Bielorussia 48'55"4 3 (0+3+0+0) +5'35"8
36 33 Lisa Hauser  Austria 48'56"4 1 (0+0+0+1) +5'36"8
37 66 Irene Cadurisch  Svizzera 49'01"0 1 (0+0+1+0) +5'41"4
38 24 Franziska Hildebrand  Germania 49'06"4 2 (0+2+0+0) +5'46"8
39 19 Marie Dorin  Francia 49'06"5 4 (2+1+0+1) +5'46"9
40 53 Darya Usanova  Kazakistan 49'13"5 2 (1+0+0+1) +5'53"9
41 70 Galina Višnevskaja  Kazakistan 49'26"9 2 (1+1+0+0) +6'07"3
42 20 Diana Rasimovičiūtė  Lituania 49'32"5 3 (1+1+0+1) +6'12"9
43 64 Alexia Runggaldier  Italia 49'35"6 1 (1+0+0+0) +6'16"0
44 52 Kadri Lehtla  Estonia 49'44"8 2 (1+0+1+0) +6'25"2
45 74 Nicole Gontier  Italia 49'51"2 4 (0+1+2+1) +6'31"6
46 54 Zhang Yan  Cina 49'57"0 0 (0+0+0+0) +6'37"4
47 11 Elena Chrustalëva  Kazakistan 50'00"1 3 (2+1+0+0) +6'40"5
48 28 Laure Soulie  Andorra 50'04"2 3 (1+1+0+1) +6'44"6
49 82 Ol'ga Podčufarova  Russia 50'13"3 2 (0+1+0+1) +6'53"7
50 49 Jana Gereková  Slovacchia 50'20"8 5 (0+1+1+3) +7'01"2
51 83 Megan Heinicke  Canada 50'26"8 4 (3+0+0+1) +7'07"2
52 17 Fuyuko Suzuki  Giappone 50'27"4 3 (0+1+0+2) +7'07"8
53 48 Jana Romanova  Russia 50'42"1 4 (1+1+2+0) +7'22"5
54 39 Victoria Padial  Spagna 50'48"5 3 (1+0+1+1) +7'28"9
55 41 Sara Studebaker  Stati Uniti 50'53"4 4 (2+1+1+0) +7'33"8
56 55 Ann Kristin Aafedt Flatland  Norvegia 51'00"0 4 (1+2+0+1) +7'40"4
57 4 Tang Jialin  Cina 51'03"7 3 (0+1+0+2) +7'44"1
58 65 Grete Gaim  Estonia 51'28"5 2 (0+0+0+2) +8'08"9
59 76 Martina Chrapánová  Slovacchia 52'00"5 5 (2+0+1+2) +8'40"9
60 68 Jitka Landová  Rep. Ceca 52'05"7 6 (2+1+2+1) +8'46"1
61 46 Aita Gasparin  Svizzera 52'14"9 5 (1+3+1+0) +8'55"3
62 44 Zina Kocher  Canada 53'00"7 8 (1+4+0+3) +9'41"1
63 81 Lanny Barnes  Stati Uniti 53'02"2 3 (1+0+1+1) +9'42"6
64 84 Alina Raikova  Kazakistan 53'15"6 3 (1+0+1+1) +9'56"0
65 71 Terezia Poliakova  Slovacchia 53'19"8 6 (0+3+1+2) +10'00"2
66 73 Rosanna Crawford  Canada 53'29"8 5 (2+1+1+1) +10'10"2
67 77 Miki Kobayashi  Giappone 54'01"0 4 (1+2+1+0) +10'41"4
68 26 Mun Ji-Hee  Corea del Sud 54'06"7 3 (0+0+2+1) +10'47"1
69 56 Emőke Szőcs  Ungheria 54'12"3 6 (1+1+1+3) +10'52"7
70 6 Amanda Lightfoot  Gran Bretagna 54'38"1 5 (1+2+1+1) +11'18"5
71 29 Desislava Stoyanova  Bulgaria 54'41"1 6 (1+2+0+3) +11'21"5
72 9 Johanna Talihärm  Estonia 55'16"5 6 (2+1+0+3) +11'56"9
73 75 Daria Yurlova  Estonia 55'18"0 6 (0+2+2+2) +11'58"4
74 42 Yuki Nakajima  Giappone 56'00"2 6 (3+2+1+0) +12'40"6
75 12 Jaqueline Mourão  Brasile 57'22"6 7 (1+2+3+1) +14'03"0
76 72 Song Na  Cina 59'43"3 6 (0+2+2+2) +16'23"7
77 36 Lucy Glanville  Australia 1'01'00"7 4 (1+0+1+2) +17'41"1
DSQ[5] 67 Ekaterina Glazyrina  Russia 52'13"7 4 (1+0+2+1) +8'54"1
16 Žanna Juškāne  Lettonia DNF 6 (2+2+2)
34 Tanja Karišik  Bosnia ed Erzegovina DNF 1 (1)
38 Franziska Preuß  Germania DNF 5 (2+3)
69 Rina Suzuki  Giappone DNF 2 (0+2)
22 Mari Laukkanen  Finlandia DNS
40 Dorothea Wierer  Italia DNS

Data: Venerdì 14 febbraio 2014
Ora locale:
Pista: Laura

Legenda:

  • DNS = non partito (did not start)
  • DNF = prova non completata (did not finish)
  • DSQ = squalificato (disqualified)
  • Pos. = posizione
  • P = a terra
  • S = in piedi

Note


  1. ^ (EN) Denis Oswald, Gunilla Lindberg e Tony Estanguet, Decision of the IOC Disciplinary Commission in the proceedings against Yana Romanova (PDF), Losanna, Comitato Olimpico Internazionale, 27 novembre 2017. URL consultato il 2 gennaio 2018 (archiviato il 1º dicembre 2017).
  2. ^ a b (EN) Denis Oswald, Juan Antonio Samaranch Salisachs e Tony Estanguet, Decision of the IOC Disciplinary Commission in the proceedings against Olga Zaytseva (PDF), Losanna, Comitato Olimpico Internazionale, 1º dicembre 2017. URL consultato il 2 gennaio 2018 (archiviato il 3 dicembre 2017).
  3. ^ (EN) Jacques Radoux, Philippe Sands e Petros Mavroidis, CAS 2017/A/5435 Yana Romanova v. International Olympic Committee (IOC) (PDF), Losanna, Tribunale Arbitrale dello Sport, 24 settembre 2020. URL consultato il 18 marzo 2021 (archiviato il 28 ottobre 2020).
  4. ^ a b (EN) Jacques Radoux, Philippe Sands e Petros Mavroidis, CAS 2017/A/5444 Olga Zaytseva v. International Olympic Committee (IOC) (PDF), Losanna, Tribunale Arbitrale dello Sport, 24 settembre 2020. URL consultato il 18 marzo 2021 (archiviato il 4 febbraio 2021).
  5. ^ a b (EN) IBU Verdict against Ekaterina Glazyrina Now Legally Binding , International Biathlon Union, 22 giugno 2018. URL consultato il 16 marzo 2021 (archiviato il 5 dicembre 2019).

Collegamenti esterni











Categorie: Biathlon ai XXII Giochi olimpici invernali




Data: 04.10.2021 09:01:05 CEST

Sorgente: Wikipedia (Autori [Cronologia])    Licenza: CC-BY-SA-3.0

Modifiche: Tutte le immagini e la maggior parte degli elementi di design correlati a questi sono stati rimossi. Alcune icone sono state sostituite da FontAwesome-Icons. Alcuni modelli sono stati rimossi (come "l'articolo ha bisogno di espansione) o assegnati (come" note "). Le classi CSS sono state rimosse o armonizzate.
Sono stati rimossi i collegamenti specifici di Wikipedia che non portano a un articolo o una categoria (come "Redlink", "collegamenti alla pagina di modifica", "collegamenti a portali"). Ogni collegamento esterno ha un'icona FontAwesome aggiuntiva. Oltre ad alcuni piccoli cambiamenti di design, sono stati rimossi i media container, le mappe, i box di navigazione, le versioni vocali e i geoformati.

Notare che Poiché il dato contenuto viene automaticamente prelevato da Wikipedia in un determinato momento, una verifica manuale è stata e non è possibile. Pertanto LinkFang.org non garantisce l'accuratezza e l'attualità del contenuto acquisito. Se ci sono informazioni che al momento sono sbagliate o che hanno una visualizzazione imprecisa, non esitate a Contattaci: e-mail.
Guarda anche: Impronta & Politica sulla riservatezza.