Boulogne-sur-Mer


Disambiguazione – Se stai cercando la città argentina, vedi Boulogne Sur Mer.
Boulogne-sur-Mer
comune
(dettagli)
Veduta generale
Localizzazione
Stato Francia
RegioneAlta Francia
Dipartimento Passo di Calais
ArrondissementBoulogne-sur-Mer
CantoneBoulogne-sur-Mer-1
Boulogne-sur-Mer-2
Amministrazione
SindacoFrédéric Cuvillier (PS) dal 2014
Territorio
Coordinate
Altitudine0−110 m s.l.m.
Superficie8,42 km²
Abitanti42 537[1] (2013)
Densità5 051,9 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale62200
Fuso orarioUTC+1
Codice INSEE62160
Targa62
Nome abitantiBoulonnais/Boulonnaises
Cartografia
Sito istituzionale

Boulogne-sur-Mer (in piccardo Boulonne, in fiammingo Bonen; in passato in italiano Bologna sul mare o Bologna di Francia) è un comune francese di 42.537 abitanti situato nel dipartimento del Passo di Calais nella regione Alta Francia.

La vecchia città di Boulogne fu edificata da Giulio Cesare secondo lo schema tradizionale dell'accampamento romano (castrum): uno spazio quadrato, con due vie principali che si incrociavano ad angolo retto, il Cardo maximus ed il Decumanus maximus. A fianco della Porta Nuova si trova la basilica di Notre-Dame, costruita all'inizio del XIX secolo dal canonico Haffreingue, ispirandosi a S. Pietro in Roma e a St. Paul a Londra. È una delle ultime acropoli di Francia che abbia ancora intatte le sue mura. Durante la seconda guerra mondiale, sia i tedeschi che gli alleati l'hanno preservata dai bombardamenti, radendo invece al suolo la città bassa ed il porto.

Di rilievo è la chiesa di San Nicola, in piazza Dalton, con all'interno un coro del XIII secolo. Le sculture, ancora intatte, sono sopravvissute ai saccheggi avvenuti durante la rivoluzione francese.

Oggi, con il declino della pesca e dell'industria metallurgica, Boulogne-sur-Mer sta attraversando un periodo di crisi, con un incremento del numero di disoccupati e di pensionati, a differenza delle ricche città balneari adiacenti di Le Touquet, Wimereux.

Indice

Storia


Il nome dell'antica città di Boulogne-sur-Mer al tempo dell'impero romano era Gesoriacum, sede della flotta romana lungo il canale della Manica. Importante fu il ruolo svolto da questa città durante l'impero di Diocleziano, quando l'allora comandante della flotta, un certo Carausio, si impadronì del potere e si proclamò Augusto della vicina Britannia nel 286.

A partire dal IX secolo Boulogne divenne sede dell'omonima contea. Uno dei suoi conti, Eustachio II, prese parte della conquista dell'Inghilterra nel 1066. Durante la guerra dei cent'anni la città fu a lungo contesa tra Inglesi e Francesi. Nel 1544 fu nuovamente espugnata dall'esercito inglese che la occuperà poi per i successivi sei anni. Boulogne tornerà così alla Francia nel 1550, grazie all'esborso di 400.000 corone.

Nel 1805, durante le guerre napoleoniche, Napoleone ammassò presso la città la Grande Armata con l'intento di conquistare l'Inghilterra. Tuttavia, la supremazia della Royal Navy comandata dall'ammiraglio Nelson mandò a monte i suoi piani. Il 17 agosto 1850 il generale argentino José de San Martín morì in una casa di Boulogne.

Allo scoppio della prima guerra mondiale Boulogne divenne uno dei porti impiegati dal British Expeditionary Force per lo sbarco delle truppe sul continente europeo. Durante l'invasione nazista della Francia nel 1940, la città fu difesa strenuamente per tre giorni da un contingente alleato. Tuttavia dopo tre giorni i difensori furono costretti ad evacuare Boulogne.

Manifestazioni


Tra il 7 e il 12 agosto 1905 a Boulogne si svolse il primo congresso internazionale di esperanto, che vide riunirsi 688 esperantisti provenienti da 20 paesi differenti. Il congresso si chiuse con la sottoscrizione della Dichiarazione di Boulogne, pietra miliare della storia dell'esperanto.

Amministrazione


Gemellaggi

Società


Evoluzione demografica

Abitanti censiti

Note


  1. ^ INSEE popolazione legale totale 2009
  2. ^ città gemellate dal sito di Costanza , su primaria-constanta.ro. URL consultato il 25 luglio 2010 (archiviato dall'url originale il 25 luglio 2010).

Altri progetti


Collegamenti esterni


Controllo di autoritàVIAF (EN126683557  · LCCN (ENn81132249  · GND (DE4080492-6  · BNF (FRcb15268602q (data)  · WorldCat Identities (ENlccn-n81132249









Categorie: Boulogne-sur-Mer




Data: 26.12.2020 05:57:57 CET

Sorgente: Wikipedia (Autori [Cronologia])    Licenza: CC-BY-SA-3.0

Modifiche: Tutte le immagini e la maggior parte degli elementi di design correlati a questi sono stati rimossi. Alcune icone sono state sostituite da FontAwesome-Icons. Alcuni modelli sono stati rimossi (come "l'articolo ha bisogno di espansione) o assegnati (come" note "). Le classi CSS sono state rimosse o armonizzate.
Sono stati rimossi i collegamenti specifici di Wikipedia che non portano a un articolo o una categoria (come "Redlink", "collegamenti alla pagina di modifica", "collegamenti a portali"). Ogni collegamento esterno ha un'icona FontAwesome aggiuntiva. Oltre ad alcuni piccoli cambiamenti di design, sono stati rimossi i media container, le mappe, i box di navigazione, le versioni vocali e i geoformati.

Notare che Poiché il dato contenuto viene automaticamente prelevato da Wikipedia in un determinato momento, una verifica manuale è stata e non è possibile. Pertanto LinkFang.org non garantisce l'accuratezza e l'attualità del contenuto acquisito. Se ci sono informazioni che al momento sono sbagliate o che hanno una visualizzazione imprecisa, non esitate a Contattaci: e-mail.
Guarda anche: Impronta & Politica sulla riservatezza.