Brøndbyernes Idrætsforening (femminile)


Brøndbyernes Idrætsforening
Calcio
Segni distintivi
Uniformi di gara
Casa
Trasferta
Terza divisa
Colori sociali Giallo, blu
Dati societari
Città Brøndby
Nazione Danimarca
Confederazione UEFA
Federazione DBU
Campionato Elitedivisionen
Fondazione 1971
Presidente Jan Borre
Allenatore Per Lundgren Nielsen
Stadio Brøndby Stadion
(29 000 posti)
Sito web www.brondbyif.net/page.aspx?id=15636
Palmarès
Titoli nazionali 11 Campionati danesi
Trofei nazionali 11 Coppe di Danimarca
Dati aggiornati al 10 settembre 2018
Si invita a seguire il modello di voce

Il Brøndby IF è una squadra di calcio femminile danese, sezione dell'omonimo club con sede a Brøndby, nei pressi di Copenaghen. Milita nell'Elitedivisionen, la massima serie del campionato danese, della quale ha vinto undici edizioni.

Fondata nel 1980, con undici titoli nazionali e undici Coppe di Danimarca la squadra è tra le più vincenti del calcio femminile danese; inoltre, nella sua storia sportiva, ha ottenuto buoni risultati a livello europeo, arrivando a disputare le semifinali del torneo continentale nelle stagioni 2003-2004, 2006-2007 e 2014-2015.

Indice

Storia


Le origini del Brøndby femminile risalgono al 1971 quando, su iniziativa del neoeletto presidente Kjeld Rasmussen, la società istituisce una squadra di calcio femminile. Negli anni successivi gioca a livello regionale fino alla 1. division, secondo livello del campionato nazionale, riuscendo al termine della stagione 1995 a conquistare l'accesso in Elitedivisionen a 24 anni dalla sua fondazione.[1]

Le prime stagioni nel livello di vertice del campionato danese si rivelano difficili, con la squadra che stenta nel 1996 a raggiungere la salvezza ma che in quella stagione fornisce alla nazionale danese la sua prima calciatrice, Hanne Nørregaard. Nel 1997 viene inserita in rosa la prima ex nazionale, l'esperto portiere Helle Bjerregaard di provenienza Rødovre e che nella prima parte della carriera ha militato con le storiche avversarie del Fortuna Hjørring. Al termine del campionato la squadra ottiene un lusinghiero quinto posto, il migliore fino ad allora.[1]

Le successive stagioni vedono il Brøndby faticare nell'ottenere la salvezza ottenendo il sesto e ultimo posto utile nel 1998, ma non riuscendo ad evitarla quello successivo, con il settimo posto, ritornando nella serie cadetta per il campionato 2000. Questo coincide con un piano triennale varato dalla dirigenza della società per ritrovare la competitività della squadra, operazione che si rivela un successo. Dopo aver ottenuto la promozione dalla 1. division al termine della stagione 2000, in quella successiva ottiene il sesto posto in Elitedivisionen e giunge per la prima volta a disputare la finale di Coppa di Danimarca, persa 3-2 a favore delle avversarie del Fortuna Hjørring, mentre nel 2003 riesce a disputare un campionato di vertice, classificandosi al secondo posto dietro il Fortuna Hjørring e giungendo nuovamente a disputare la finale di Coppa e perdendola nuovamente con la squadra di Hjørring con il risultato di 4-1.[1]

Da quel momento la rivalità con il Fortuna Hjørring contraddistinguerà tutte le stagioni a venire: dal campionato 2003, il primo che vede il titolo di campione di Danimarca conquistato dal Brøndby, vede la squadra ottenere il titolo nazionale per sei volte consecutive fino al termine del campionato 2007-2008, ottenendo inoltre la Coppa 2004 e il suo primo double nella stagione 2003-2004, ripetuto al termine delle stagioni 2004-2005 e 2006-2007. I risultati garantiscono anche la partecipazione all'allora UEFA Women's Cup dalla stagione 2003-2004, riuscendo al suo primo torneo internazionale a raggiungere le semifinali venendo eliminato dalle Campionesse di Svezia dell'Umeå IK, partecipazione che vedrà la squadra qualificarsi ininterrottamente per tutte le edizioni successive.

Cronistoria


Cronistoria del Brøndby
  • 1971 - fondazione della sezione femminile

  • 1994 - in 1. division
  • 1995 - 1º in 1. division. Promosso in Elitedivisionen
  • 1996 - 6º in Elitedivisionen.
  • 1997 - 5º in Elitedivisionen.
  • 1998 - 6º in Elitedivisionen.
  • 1999 - 7º in Elitedivisionen. Retrocesso in 1. division.

  • 2000 - 1º in 1. division. Promosso in Elitedivisionen
  • 2001 - 6º in Elitedivisionen.
Finalista di Coppa di Danimarca
  • 2002 - 2º in Elitedivisionen.
Finalista di Coppa di Danimarca
  • 2003 - Campione di Danimarca (1º titolo).
  • 2003-2004 - Campione di Danimarca (2º titolo).
Vince la Coppa di Danimarca. (1º titolo)
Semifinali in UEFA Women's Cup.
  • 2004-2005 - Campione di Danimarca (3º titolo).
Vince la Coppa di Danimarca. (2º titolo)
Fase a gironi in UEFA Women's Cup.
  • 2005-2006 - Campione di Danimarca (4º titolo).
Quarti di finale in UEFA Women's Cup.
  • 2006-2007 - Campione di Danimarca (5º titolo).
Vince la Coppa di Danimarca. (3º titolo)
Semifinali in UEFA Women's Cup.
  • 2007-2008 - Campione di Danimarca (6º titolo).
Quarti di finale in UEFA Women's Cup.
  • 2008-2009 - 2º in Elitedivisionen.
Quarti di finale in UEFA Women's Cup.
  • 2009-2010 - 2º in Elitedivisionen.
Vince la Coppa di Danimarca. (4º titolo)
Ottavi di finale in UEFA Women's Champions League
  • 2010-2011 - Campione di Danimarca (7º titolo).
Vince la Coppa di Danimarca. (5º titolo)
Ottavi di finale in UEFA Women's Champions League
  • 2011-2012 - Campione di Danimarca (8º titolo).
Vince la Coppa di Danimarca. (6º titolo)
Quarti di finale in UEFA Women's Champions League
  • 2012-2013 - Campione di Danimarca (9º titolo).
Vince la Coppa di Danimarca. (7º titolo)
Sedicesimi di finale in UEFA Women's Champions League
  • 2013-2014 - 2º in Elitedivisionen.
Vince la Coppa di Danimarca. (8º titolo)
Sedicesimi di finale in UEFA Women's Champions League
  • 2014-2015 - Campione di Danimarca (10º titolo).
Vince la Coppa di Danimarca. (9º titolo)
Semifinali in UEFA Women's Champions League
  • 2015-2016 - 2º in Elitedivisionen.
Finalista di Coppa di Danimarca.
Sedicesimi di finale in UEFA Women's Champions League
  • 2016-2017 - Campione di Danimarca (11º titolo).
Vince la Coppa di Danimarca. (10º titolo)
Ottavi di finale in UEFA Women's Champions League
  • 2017-2018 - 2º in Elitedivisionen.
Vince la Coppa di Danimarca. (11º titolo)
Sedicesimi di finale in UEFA Women's Champions League
  • 2018-2019 - Campione di Danimarca (12º titolo).
Finalista in Coppa di Danimarca.
Ottavi di finale in UEFA Women's Champions League
  • 2019-2020 - 2º in Elitedivisionen.
Quarti di finale in Coppa di Danimarca.
Ottavi di finale in UEFA Women's Champions League

Allenatori


Le singole voci sono elencate nella Categoria:Allenatori del Brøndbyernes I.F. (femminile)

Calciatrici


Le singole voci sono elencate nella Categoria:Calciatrici del Brøndbyernes I.F.

Palmarès


Competizioni nazionali

2002-2003, 2003-2004, 2004-2005, 2005-2006, 2006-2007, 2007-2008, 2010-2011 2011-2012, 2012-2013, 2014-2015, 2016-2017, 2018-2019
2003-2004, 2004-2005, 2006-2007, 2009-2010, 2010-2011, 2011-2012, 2012-2013, 2013-2014[2], 2014-2015, 2016-2017, 2017-2018

Altri piazzamenti

Semifinalista: 2003-2004, 2006-2007

Statistiche


Risultati nelle competizioni UEFA

Stagione Competizione Fase Avversario Risultato
andata ritorno aggregato
2003-04 UEFA Women's Cup fase a gironi, secondo turno Kilmarnock 2-0
KR Reykjavík 1-0
Mašinac Niš 4-0
quarti di finale Gömrükçü Baku 9-0 3-0 12-0
semifinali Umeå IK 2-3 0-1 2-4
2004-05 UEFA Women's Cup fase a gironi, secondo turno Energija Voronež 1–1
Alma-KTZh 2–0
Trondheims-Ørn 0-2
2005-06 UEFA Women's Cup fase a gironi, secondo turno Lada Togliatti 2-0
AZS Breslavia 3-1
Arsenal 1-0
quarti di finale Montpellier 0-3 1-3 1-6
2006-07 UEFA Women's Cup fase a gironi, secondo turno 1. FC Femina 5-1
Rossijanka 2-1
Arsenal 0-1
quarti di finale Turbine Potsdam 3-0 1-2 4-2
semifinali Arsenal 2-2 0-3 2-5
2007-08 UEFA Women's Cup fase a gironi, secondo turno Olympique Lione 1-1
Sparta Praga 2-1
Kolbotn 1-0
quarti di finale Bardolino Verona 1-0 0-1 1-1 (2-3 d.t.r.)
2008-09 UEFA Women's Cup fase a gironi, secondo turno Levante 1-0
Naftokhimik Kalush 5-1
2001 Duisburg 1-4
quarti di finale Zvezda 2005 Perm' 2-4 1-3 3-7
2009-10 Champions League gironi di qualificazione Cardiff City Ladies 5-0
Birkirkara 6–0
1º de Dezembro 1–0
sedicesimi di finale AZ Alkmaar 2-1 1-1 3-2
ottavi di finale Turbine Potsdam 0-1 0-4 0-5
2010-11 Champions League gironi di qualificazione Roma Calfa 6–0
Gazi Üniversitesispor 12–0
NSA Sofia 3-0
sedicesimi di finale Unia Racibórz 2-1 0-1 2-2 (gfc)
ottavi di finale Everton 1-4 1-1 2-5
2011-12 Champions League sedicesimi di finale Standard Liegi 2-0 3-4 5-4
ottavi di finale Torres 2-1 3-1 5-2
quarti di finale Olympique Lione 0-4 0-4 0-8
2012-13 Champions League sedicesimi di finale Stabæk 0-2 3-3 3-5
2013-14 Champions League sedicesimi di finale Barcellona 0-0 2-2 2-2 (gfc)
2014-15 Champions League sedicesimi di finale Apollon Limassol 0-1 3-1 (dts) 3-2
ottavi di finale Gintra Universitetas 5-0 0-2 5-2
quarti di finale Linköping 1-0 1-1 2-1
semifinale 1. FFC Francoforte 0-7 0-6 0-13
2015-16 Champions League sedicesimi di finale Slavia Praga 1-4 1-0 2-4
2016-17 Champions League sedicesimi di finale St. Pölten 2-0 2-2 4-2
ottavi di finale Manchester City 0-1 1-1 1-2
2017-18 Champions League sedicesimi di finale LSK Kvinner 0-0 1-3 1-3

Organico


Rosa 2020-2021

Rosa, ruoli e numeri di maglia come da sito ufficiale, aggiornati al 17 luglio 2020.

N. Ruolo Giocatore
1 P Katrine Abel
2 D Rebeka Winther
3 C Pernille Larsen
5 C Agnete Nielsen
6 C Josefine Hasbo
7 C Freja Abildå
8 D Theresa Eslund (capitano)
9 C Nanna Christiansen
11 C Malou Marcetto Rylov
12 D Olivia Drost
N. Ruolo Giocatore
13 A Kamilla Karlsen
14 A Lærke Dreyer
15 A Frederikke Lindhardt
18 C Chirine Lamti
19 D Maja Kildemoes
20 P Naja Bahrenscheer
22 C Mille Gejl
23 D Malin Sunde
24 D Caroline Pleidrup
27 D Sara Makoben-Blessing

Rosa 2019-2020

Rosa, ruoli e numeri di maglia come da sito ufficiale, aggiornati al 28 agosto 2019[3].

N. Ruolo Giocatore
1 P Katrine Abel
4 C Linnea Svensson
6 C Josefine Hasbo
7 C Freja Sørensen Abildå
8 C Emilie Henriksen
9 C Nanna Christiansen
10 C Louise Winter
12 D Olivia Drost
13 A Kamilla Karlsen
14 A Lærke Dreyer
N. Ruolo Giocatore
15 A Frederikke Lindhardt
16 A Nicoline Sørensen
17 C Julie Tavlo Petersson
19 A Cecilie Lindqvist
21 A Maria Hovmark
22 C Mille Gejl Jensen
23 C Louise Ringsing
24 D Caroline Pleidrup
26 P Mira Pastoft

Note


  1. ^ a b c (DA) Kvindefodbold i Brøndby gennem årene , su brondbyif.net. URL consultato il 10 settembre 2018.
  2. ^ (DA) OB's kvinder tabte pokalfinalen , http://www.fyens.dk/, 5 giugno 2014. URL consultato il 10 giugno 2014.
    «2028 tilskuere valgte at bruge et par timer på Odenses store stadion grundlovsdag, hvor de så favoritterne fra Brøndby med fire landsholdsspillere vinde pokalfinalen 3-1 over OB.».
  3. ^ (DA) Rosa 2018-2019 , su brondbyif.net. URL consultato il 28 agosto 2019.

Altri progetti


Collegamenti esterni











Categorie: Brøndbyernes I.F. (femminile)




Data: 21.06.2021 10:51:43 CEST

Sorgente: Wikipedia (Autori [Cronologia])    Licenza: CC-BY-SA-3.0

Modifiche: Tutte le immagini e la maggior parte degli elementi di design correlati a questi sono stati rimossi. Alcune icone sono state sostituite da FontAwesome-Icons. Alcuni modelli sono stati rimossi (come "l'articolo ha bisogno di espansione) o assegnati (come" note "). Le classi CSS sono state rimosse o armonizzate.
Sono stati rimossi i collegamenti specifici di Wikipedia che non portano a un articolo o una categoria (come "Redlink", "collegamenti alla pagina di modifica", "collegamenti a portali"). Ogni collegamento esterno ha un'icona FontAwesome aggiuntiva. Oltre ad alcuni piccoli cambiamenti di design, sono stati rimossi i media container, le mappe, i box di navigazione, le versioni vocali e i geoformati.

Notare che Poiché il dato contenuto viene automaticamente prelevato da Wikipedia in un determinato momento, una verifica manuale è stata e non è possibile. Pertanto LinkFang.org non garantisce l'accuratezza e l'attualità del contenuto acquisito. Se ci sono informazioni che al momento sono sbagliate o che hanno una visualizzazione imprecisa, non esitate a Contattaci: e-mail.
Guarda anche: Impronta & Politica sulla riservatezza.