Carlo I di Guisa


Disambiguazione – Se stai cercando altri personaggi con questo nome, vedi Carlo di Guisa.
Carlo I di Guisa
Ritratto di Carlo I di Guisa, opera di Justus Sustermans, 1635 circa
Duca di Guisa
In carica 23 dicembre 1588 –
30 settembre 1640
Predecessore Enrico I
Successore Enrico II
Altri titoli Principe di Joinville
Duca di Chevreuse
Conte d'Eu
Nascita Joinville, 2 agosto 1571
Morte Cuna, 30 settembre 1640
Dinastia Guisa
Padre Enrico I di Guisa
Madre Caterina di Clèves
Consorte Enrichetta Caterina di Joyeuse
Figli Francesco
Enrico
Maria
Carlo Luigi
Francesca Renata
Luigi
Ruggero
Religione Cattolicesimo
Guisa
Conti e duchi di Guisa

Claudio I (1528-1550)
Figli
  • Maria (1515 - 1560)
  • Francesco (1519 - 1563)
  • Luisa (1520 - 1542)
  • Renata (1522 - 1602)
  • Carlo (1524 - 1574)
  • Claudio (1526 - 1573)
  • Luigi (1527 - 1578)
  • Filippo (1529 - 1529)
  • Pietro (1530 - poco dopo)
  • Antonietta (1531 - 1561)
  • Francesco (1534 - 1563)
  • Renato (1536 - 1566)
Francesco I (1550-1563)
Figli
  • Enrico I (1550 - 1588)
  • Caterina Maria (1552 - 1596)
  • Carlo (1554 - 1611)
  • Luigi (1555 - 1588)
  • Antonio (1557 - 1560)
  • Francesco (1558 - 1573)
  • Massimiliano (1562 - 1567)
Enrico I (1563-1588)
Figli
  • Carlo I (1571 - 1640)
  • Caterina (1573 - 1573)
  • Luigi (1575 - 1621)
  • Carlo (1576)
  • Maria (1577 - 1582)
  • Claudio (1578 - 1657)
  • Caterina (1579)
  • Cristina (1580)
  • Francesco (1581 - 1582)
  • Renata (1585 - 1626)
  • Giovanna (1586 - 1638)
  • Luisa Margherita (1588 - 1631)
  • Francesco Alessandro (1589 - 1614)
Carlo I (1588-1640)
Figli
  • Francesco (1612 - 1639)
  • Enrico (1614 - 1664)
  • Maria (1615 - 1688)
  • Carlo Luigi (1618 - 1637)
  • Francesco Renato (1621 - 1682)
  • Luigi (1622 - 1654)
  • Ruggero (1624 - 1653)
Enrico II (1640-1664)
Luigi Giuseppe I (1664-1671)
Figli
Francesco Giuseppe (1671-1675)
Maria I (1675-1688)
Modifica

Carlo di Guisa (Joinville, 2 agosto 1571Cuna, 30 settembre 1640) fu quarto duca di Guisa dal 1588 alla morte. Era il figlio primogenito di Enrico, duca di Guisa e Caterina di Clèves.

Indice

Biografia


Portò dapprima il titolo di cavaliere di Guisa, per divenire poi duca di Chevreuse alla morte del prozio il cardinale di Lorena Carlo, titolo che in seguito avrebbe passato al fratello Claudio.

Dopo la morte del padre, nel 1588, divenne duca di Guisa.

Trascorse i successivi tre anni in prigione nel Castello di Tours, dal quale fuggì nel 1591.

Benché la Lega Cattolica riponesse in lui grandi speranze e lo considerasse un possibile candidato al trono, nel 1594 egli proclamò la sua fedeltà al re Enrico IV, che si sdebitò con quattro milioni di lire tornesi e la carica di governatore della Provenza (1595).

L'anno successivo strappò la città di Marsiglia al duca di Épernon, tra i principali capitani del re in Provenza ma incline ad allearsi alla Lega.

Nel settembre 1600 partecipò alla guerra franco-savoiarda, giungendo ad assediare Nizza, ma fu sconfitto da una sortita delle truppe savoiarde e dovette ritirarsi in Provenza.

Fu poi nominato gran maestro di Francia e ammiraglio del Levante.

Privo dei favori del cardinale Richelieu per aver parteggiato per Maria de' Medici nella congiura contro il cardinale sfociata nella cosiddetta giornata degl'ingannati (11 novembre 1630) si ritirò in Italia nel 1631, morendo nove anni dopo.

Famiglia


Il 6 gennaio 1611 sposò Enrichetta Caterina di Joyeuse (15851656), dalla quale ebbe sette figli:

Ascendenza


Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Claudio I di Guisa Renato II di Lorena  
 
Filippina di Gheldria  
Francesco I di Guisa  
Antonia di Borbone-Vendôme Francesco di Borbone-Vendôme  
 
Maria di Lussemburgo  
Enrico di Guisa  
Ercole II d'Este Alfonso I d'Este  
 
Lucrezia Borgia  
Anna d'Este  
Renata di Francia Luigi XII di Francia  
 
Anna di Bretagna  
Carlo I di Guisa  
Carlo II di Nevers Engilberto di Nevers  
 
Carlotta di Borbone-Vendôme  
Francesco I di Nevers  
Maria d'Albret Giovanni d'Albret  
 
Carlotta di Valois-Borgogna  
Caterina di Clèves  
Carlo IV di Borbone-Vendôme Francesco I di Borbone-Vendôme  
 
Maria di Lussemburgo-Saint-Pol  
Margherita di Vendôme  
Francesca d'Alençon Renato d'Alençon  
 
Margherita di Lorena-Vaudémont  
 

Altri progetti


Collegamenti esterni


Predecessore Duca di Guisa Successore
Enrico I 1588 - 1640 Enrico II
Predecessore Gran maestro di Francia Successore
Enrico I 1588 - 1594 Carlo di Borbone-Soissons
Controllo di autoritàVIAF (EN165952  · ISNI (EN0000 0000 6130 1465  · Europeana agent/base/158322  · LCCN (ENnr97037367  · GND (DE12408298X  · BNF (FRcb13496261b (data)  · BAV (EN495/140668  · CERL cnp00869437  · WorldCat Identities (ENlccn-nr97037367









Categorie: Francesi del XVI secolo | Francesi del XVII secolo | Nati nel 1571 | Morti nel 1640 | Nati il 2 agosto | Morti il 30 settembre | Nati a Joinville (Francia) | Morti a Cuna (Monteroni d'Arbia) | Duchi di Guisa | Gran maestro di Francia




Data: 21.10.2021 03:21:28 CEST

Sorgente: Wikipedia (Autori [Cronologia])    Licenza: CC-BY-SA-3.0

Modifiche: Tutte le immagini e la maggior parte degli elementi di design correlati a questi sono stati rimossi. Alcune icone sono state sostituite da FontAwesome-Icons. Alcuni modelli sono stati rimossi (come "l'articolo ha bisogno di espansione) o assegnati (come" note "). Le classi CSS sono state rimosse o armonizzate.
Sono stati rimossi i collegamenti specifici di Wikipedia che non portano a un articolo o una categoria (come "Redlink", "collegamenti alla pagina di modifica", "collegamenti a portali"). Ogni collegamento esterno ha un'icona FontAwesome aggiuntiva. Oltre ad alcuni piccoli cambiamenti di design, sono stati rimossi i media container, le mappe, i box di navigazione, le versioni vocali e i geoformati.

Notare che Poiché il dato contenuto viene automaticamente prelevato da Wikipedia in un determinato momento, una verifica manuale è stata e non è possibile. Pertanto LinkFang.org non garantisce l'accuratezza e l'attualità del contenuto acquisito. Se ci sono informazioni che al momento sono sbagliate o che hanno una visualizzazione imprecisa, non esitate a Contattaci: e-mail.
Guarda anche: Impronta & Politica sulla riservatezza.