Carpazi


Carpazi
Immagine satellitare dei Carpazi
ContinenteEuropa
Stati Polonia
 Rep. Ceca
 Romania
 Serbia
 Slovacchia
 Ucraina
 Ungheria
Cima più elevataGerlachovský štít (2 655 m s.l.m.)
Lunghezza1 500 km
Larghezzada 12 a 500 km
Superficie190 000 km²

I Monti Carpazi o semplicemente Carpazi (Ceco, Polacco e Slovacco: Karpaty; Ungherese: Kárpátok; Rumeno: Carpați; Serbo: Карпати o Karpati; Ucraino: Карпати, Karpaty; Tedesco Karpaten) sono l'ala orientale del grande sistema montuoso centrale dell'Europa, che attraversa, con un grande arco di circa 1 500 km, i territori di Repubblica Ceca (a cui appartiene il 3% dell'intero sistema montuoso), Polonia (10%), Slovacchia (17%), Ungheria (4%), Ucraina (10%), Romania (50%) e Serbia (5%).[1][2][3][4]

La sua lunghezza di 1.550 km ne fa il terzo più lungo gruppo montuoso europeo dopo gli Urali (2.500 km) e i Monti Scandinavi (1.700 km).

La catena montuosa più alta dell'intero gruppo sono i Monti Tatra, che si innalzano tra la Slovacchia e la Polonia, dove le vette più elevate superano i 2.600 m. La seconda catena montuosa per altezza si trova nei Carpazi Meridionali in Romania, dove le cime arrivano a 2550 m.

Indice

Etimologia


Il nome, molto probabilmente, deriva da "Carpi", una tribù dacica, che, secondo i documenti dell'Impero Romano d'Oriente (Zosimo), fino al 381 viveva ai pendii orientali della catena montuosa. In alternativa, il nome della tribù sarebbe derivato da quello delle montagne. Il nome "Karpetes" potrebbe infine venire dalla radice Indoeuropea *sker/*ker, da cui derivano la parola albanese "karpë", la parola lombarda e friulana "crap" (roccia, dirupo), "crepe" in ladino, e forse una parola di lingua dacica che significava "montagna" o "roccia".

Nei tardi documenti romani, i Carpazi orientali erano chiamati Montes Sarmatici. I Carpazi occidentali erano chiamati Carpates. Il nome Carpates venne registrato per la prima volta nella Geografia di Tolomeo. Nella saga di Hervör scandinava, che descrive antiche leggende germaniche sulle battaglie tra Goti e Unni, il nome Karpates appare nella probabile forma germanica Harvaða fjöllum (vedi legge di Grimm). In documenti ufficiali ungheresi del XIII e XIV secolo, i Carpazi sono chiamati Thorchal o Tarczal, o con il latinismo Montes Nivium.

Geografia


I Carpazi hanno inizio sul Danubio vicino a Bratislava. Circondano Transcarpazia e Transilvania in un grande semicerchio, che cambia bruscamente direzione verso sud-ovest e termina nel Danubio vicino a Orșova, in Romania. La totale lunghezza dei Carpazi supera i 1 500 km. L'estensione della catena montuosa varia tra i 12 e i 500 km. Il più grande spessore dei Carpazi corrisponde alle maggiori altitudini. Così il sistema raggiunge la più grande larghezza nell'altopiano della Transilvania, e nel meridiano del gruppo Tatra (dove si trova la cima più alta, Gerlachovský štít, a 2 655 metri sul livello del mare). L'area coperta dai monti è di 190 000 km quadrati. I Carpazi sono il sistema montuoso più esteso d'Europa.

Sebbene spesso siano considerati una catena montuosa, i Carpazi non formano un'ininterrotta catena di montagne. Piuttosto, consistono in una serie di gruppi distinti orograficamente e geologicamente, che presentano una grande varietà strutturale, come le Alpi. I Carpazi, che solo in pochi punti superano i 2500 metri di altitudine, non hanno picchi ripidi, estesi campi innevati, grandi ghiacciai, alte cascate e i numerosi laghi presenti nelle Alpi. Nessun'area nella catena dei Carpazi è coperta da nevi perenni, e non ci sono ghiacciai. Alla loro massima altitudine, sono alti solo come la regione media delle Alpi, con cui condividono un simile aspetto, clima e flora.

I Carpazi sono separati dalle Alpi dal bacino del Danubio. Le due catene si incontrano solo in un punto: le montagne Leitha a Bratislava. Lo stesso fiume li separa anche dalla Stara Planina, o Monti Balcani, ad Orșova, Romania. La valle del March e dell'Oder separa i Carpazi dalle catene di Slesia e Moravia, che appartengono all'ala media del Sistema Montuoso Centrale dell'Europa. Diversamente dalle altre ali del sistema, i Carpazi, che formano lo spartiacque tra i mari del nord e il Mar Nero, sono circondati su tutti i lati da zone pianeggianti, la Pianura Pannonica a sud-ovest, la pianura del basso Danubio (Romania) a sud, e la pianura di Galizia a nord-est.

Storia


Furono teatro di numerosi e sanguinosi scontri, tra l'esercito austro-ungarico e quello russo, durante la Prima Guerra mondiale.

Divisione


Lo stesso argomento in dettaglio: Suddivisione dei Carpazi.

Divisione orizzontale

Buona parte dei Carpazi Esterni occidentali e nord-orientali è tradizionalmente chiamata Beschidi.

Divisione verticale e generale

Elenco delle divisioni dei Carpazi (in senso orario da ovest, i numeri si riferiscono alla mappa):

Il confine geologico tra Carpazi Occidentali e Orientali è approssimativamente lungo la linea (da sud a nord) che passa per le città di: Michalovce - Bardejov - Nowy Sącz - Tarnów. In convenzioni più vecchie il confine si trova più ad est, lungo la linea (da nord a sud) che passa sui fiumi San e Osława (Polonia), la città di Snina (Slovacchia) e il fiume Tur'ia (Ungheria). I biologi, comunque, spostano il confine ancora più ad est.

Il confine tra Carpazi Orientali e Meridionali è formato dal Passo di Predeal, a sud di Brașov.

Gli ucraini a volte chiamano "Carpazi Orientali" solo i Carpazi Ucraini (o Carpazi Boscosi), fondamentalmente la parte situata per lo più nel loro territorio, mentre i rumeni a volte chiamano "Carpazi Orientali" solo l'altra parte, che si trova nel loro territorio (dal confine con l'Ucraina o dal Passo di Prislop, più a sud).

Inoltre, i rumeni dividono i Carpazi Orientali nel loro territorio in tre gruppi geograficamente semplificati (nord, centro e sud), invece degli Esterni e Interni Carpazi Orientali. Sono:

Note


  1. ^ [1] Archiviato il 12 ottobre 2017 in Internet Archive. "The Carpathians" European Travel Commission, in The Official Travel Portal of Europe, Retrieved 15 November 2016
  2. ^ [2] Archiviato il 19 novembre 2016 in Internet Archive. The Carpathian Project: Carpathian Mountains in Serbia, Institute for Spatial Planning, Faculty of Geography, University of Belgrade (2008), Retrieved: 15 November 2016
  3. ^ [3] Archiviato il 1º agosto 2019 in Internet Archive. Bulletin of the Natural History Museum, pg. 54, Valuing the geological heritage of Serbia (UDC: 502.171:55(497.11), Aleksandra Maran (2010), Retrieved 15 November 2016
  4. ^ Paun es Durlic, Sacred Language of the Vlach Bread , Balkankult, 2011. URL consultato il 15 novembre 2016 (archiviato dall'url originale il 29 gennaio 2018). Archiviato il 29 gennaio 2018 in Internet Archive.

Voci correlate


Altri progetti


Collegamenti esterni


Controllo di autoritàVIAF (EN234124003  · GND (DE4029760-3  · BNF (FRcb12105835p (data)  · WorldCat Identities (ENviaf-234124003









Categorie: Carpazi | Gruppi montuosi della Repubblica Ceca | Gruppi montuosi della Slovacchia | Gruppi montuosi della Romania | Gruppi montuosi dell'Ucraina | Gruppi montuosi della Polonia




Data: 09.12.2021 02:59:12 CET

Sorgente: Wikipedia (Autori [Cronologia])    Licenza: CC-BY-SA-3.0

Modifiche: Tutte le immagini e la maggior parte degli elementi di design correlati a questi sono stati rimossi. Alcune icone sono state sostituite da FontAwesome-Icons. Alcuni modelli sono stati rimossi (come "l'articolo ha bisogno di espansione) o assegnati (come" note "). Le classi CSS sono state rimosse o armonizzate.
Sono stati rimossi i collegamenti specifici di Wikipedia che non portano a un articolo o una categoria (come "Redlink", "collegamenti alla pagina di modifica", "collegamenti a portali"). Ogni collegamento esterno ha un'icona FontAwesome aggiuntiva. Oltre ad alcuni piccoli cambiamenti di design, sono stati rimossi i media container, le mappe, i box di navigazione, le versioni vocali e i geoformati.

Notare che Poiché il dato contenuto viene automaticamente prelevato da Wikipedia in un determinato momento, una verifica manuale è stata e non è possibile. Pertanto LinkFang.org non garantisce l'accuratezza e l'attualità del contenuto acquisito. Se ci sono informazioni che al momento sono sbagliate o che hanno una visualizzazione imprecisa, non esitate a Contattaci: e-mail.
Guarda anche: Impronta & Politica sulla riservatezza.