Clodoveo II


Clodoveo II
Ritratto di Clodoveo II su medaglia bronzea, del 1720 circa di Jean Dassier (1676-1763)
Re dei Franchi di Neustria e di Burgundia
In carica 639657
Predecessore Dagoberto I
Successore Clotario III
Altri titoli Re dei Franchi di Austrasia
Nascita ca. 633
Morte autunno 657
Luogo di sepoltura Basilica di Saint-Denis, Francia.
Dinastia Merovingi
Padre Dagoberto I
Madre Nantechilde
Coniuge Batilde
Figli Clotario
Teodorico
Childerico

Clodoveo II detto il Fannullone ("Le Fainéant") (633autunno 657) è stato un re franco della dinastia dei merovingi: regnò dapprima sulla Neustria e Borgogna, dal 639; con l'acquisizione dell'Austrasia, nel 657, per alcuni mesi fu il re di tutti i Franchi.

Indice

Origini


Era l'unico figlio maschio del re dei Franchi Sali della dinastia merovingia, Dagoberto I e, secondo il cronista Fredegario, della sua seconda moglie, Nantechilde, di cui non si conoscono gli ascendenti[1].

Biografia


Sempre il cronista Fredegario scrive che, nel dodicesimo anno di regno (633 circa), Dagoberto, dalla regina Nantechilde, ebbe un figlio chiamato Clodoveo[2].

Nel 639, alla morte del padre, Dagoberto I[3], dopo diciassette anni di regno[4], mentre l'Austrasia continuò a essere governata dal suo fratellastro, Sigeberto III[5], i regni di Neustria e di Borgogna furono ereditati dal figlio maschio di Naintechilde, Clodoveo, di soli sei anni. Essendo Clodoveo ancora minorenne, la reggenza venne esercitata dalla madre, Naintechilde, assieme al maggiordomo di palazzo di Neustria, Aega[6], che, nel 642 circa, morì[7], lasciando Nantechilde, unica reggente.
Ercinoaldo prese allora il posto di Aega come maggiordomo di palazzo di Neustria[8].

Nel 646, sempre secondo Fredegario, Clodoveo, assieme alla regina madre Naintechilde, nominarono Flaocado maggiordomo di palazzo di Burgundia[9].

Naintechilde morì in quello stesso anno[9] e Ercinoaldo concentrò tutto il potere nelle sue mani, estromettendo Clodoveo II dal governo dello stato.

Attorno al 650, Clodoveo sposò Batilde, che il continuatore anonimo di Fredegario definisce una donna di origine straniera (nella Vita Sanctæ Balthildis è definita di origine sassone), prudente ed elegante, che gli diede tre figli, Clotario, Teodorico e Childerico[10].

Nel 656, morì il re di Austrasia, Sigeberto III, e Grimoaldo, il maggiordomo di palazzo dal 643[11], proclamò re il proprio figlio, Childeberto, detto l'Adottato[12], in quanto era stato adottato da Sigeberto III, mentre il figlio che Sigeberto III aveva avuto dalla moglie Inechilde, Dagoberto II[13], fu fatto tonsurare e fu inviato in un monastero scozzese[12].
La nobiltà d'Austrasia si era ribellata a Grimoaldo e catturatolo[12] consegnò l'usurpatore a Clodoveo II[12]il quale lo mise in carcere a Parigi e lo condannò a morte. Grimoaldo fu fatto morire sotto tortura[12].
Giustiziato l'usurpatore, Clodoveo II si annesse il regno d'Austrasia, così che per pochi mesi fu l'unico re dei Franchi.

Clodoveo, sempre secondo il continuatore anonimo di Fredegario, continuò ad avere come maggiordomo di palazzo, Ercinoaldo e, negli ultimi anni di vita, uscì di senno e morì nel suo diciottesimo anno di regno[9] (657), mentre, secondo gli Annales Marbacenses fu lussurioso, goloso e dedito al bere[12]. Clodoveo venne sepolto nella basilica parigina di Saint-Denis.

Alla sua morte i regni di Neustria e di Borgogna furono ereditati dal figlio primogenito, Clotario III, mentre Childeberto avrebbe continuato a regnare (per il Regum Merawingiorum Genealogiae regnò per sette anni[14]) sull'Austrasia; l'usurpatore venne deposto e fatto giustiziare da Ebroino, maggiordomo di Clotario III, nel 662.

Matrimoni e discendenza


Clodoveo da Batilde ebbe tre figli[9]:

Leggenda degli snervati di Jumièges


Poiché due dei suoi tre figli, tra cui il maggiore, si erano ribellati alla madre Batilde, che reggeva le sorti del regno durante un suo pellegrinaggio in Terra santa, al suo ritorno, dopo averli sconfitti, li condannò a morte, ma per l'intercessione di Batilde, su suo suggerimento li condannò al supplizio dello snervamento (facendo cioè bruciare loro i legamenti nervosi, i tendini, delle gambe). Dopo il supplizio, essendo i due giovani deboli e handicappati, chiesero di essere ricoverati in un monastero: non sapendo scegliere il luogo Batilde si affidò alla sorte: fece costruire una zattera, vi pose sopra i due figli e la lasciò libera nella corrente della Senna. La zattera si fermò a Jumièges, dove san Filiberto li vide e riconoscendo i loro abiti regali li accolse in monastero dove presero i voti.
Si tratta di una leggenda, senza alcun fondamento storico, in quanto Clodoveo II non andò mai in Terra santa, mori giovane, quando i figli erano ancora bambini e poi le cronache ci hanno tramandato che tutti e tre i figli regnarono, quindi due di loro non potevano essere handicappati.

Alla leggenda, che si concluse nell'abbazia di Jumièges (da qui il nome, Gli snervati di Jumièges) fa riferimento anche da Marcel Proust in Alla ricerca del tempo perduto[15].

Note


  1. ^ Fredegario, Fredegarii scholastici chronicum, Pars quarta, LVIII
  2. ^ Fredegario, Fredegarii scholastici chronicum, Pars quarta, LXXVI
  3. ^ Fredegario, Fredegarii scholastici chronicum, Pars quarta, LXXIX
  4. ^ (LA) Regum Merawingiorum Genealogiae , pag 308, 1
  5. ^ Sigeberto III, nel 634, era stato nominato re dei Franchi di Austrasia
  6. ^ (LA) Chronicon Moissiacensis , pag 287, 13 - 17 Archiviato il 28 dicembre 2013 in Internet Archive.
  7. ^ (LA) Chronicon Moissiacensis , pag 287, 19 Archiviato il 28 dicembre 2013 in Internet Archive.
  8. ^ (LA) Chronicon Moissiacensis , pag 287, 20 Archiviato il 28 dicembre 2013 in Internet Archive.
  9. ^ a b c d Fredegario, Fredegarii scholastici chronicum, Pars quarta, XC
  10. ^ Fredegario, Fredegarii scholastici chronicum continuatum, Pars prima, auctore anonymo, XCI
  11. ^ Fredegario, Fredegarii scholastici chronicum, Pars quarta, LXXXVIII
  12. ^ a b c d e f (LA) Annales Marbacenses, pag 3
  13. ^ Dagoberto II venne reinsediato sul trono di Austrasia, solo nel 676.
  14. ^ (LA) Regum Merawingiorum Genealogiae , pag 308, 3
  15. ^ http://books.google.it/books?id=eQw5BxQlWXwC&pg=PR18&lpg=PR18&dq=%22supplizio+dello+snervamento%22&source=bl&ots=wf4yt3eTNJ&sig=I1rNRt8dRm7r5m5v72LsajWRncg&hl=it&ei=Ce71TcuDJ8PtsgaX0JCxBg&sa=X&oi=book_result&ct=result&resnum=1&ved=0CBkQ6AEwAA#v=onepage&q=%22supplizio%20dello%20snervamento%22&f=false

Bibliografia


Fonti primarie

Letteratura storiografica

Voci correlate


Altri progetti


Collegamenti esterni


Predecessore Re di Neustria Successore
vacante 639-658 Clotario III
Controllo di autoritàVIAF (EN122375867  · ISNI (EN0000 0003 7526 9744  · GND (DE134185307  · BNF (FRcb12349552k (data)  · CERL cnp01140782  · WorldCat Identities (ENviaf-122375867









Categorie: Nati nel 633 | Morti nel 657 | Merovingi | Re di Neustria | Sepolti nella basilica di Saint-Denis




Data: 24.01.2021 05:11:53 CET

Sorgente: Wikipedia (Autori [Cronologia])    Licenza: CC-BY-SA-3.0

Modifiche: Tutte le immagini e la maggior parte degli elementi di design correlati a questi sono stati rimossi. Alcune icone sono state sostituite da FontAwesome-Icons. Alcuni modelli sono stati rimossi (come "l'articolo ha bisogno di espansione) o assegnati (come" note "). Le classi CSS sono state rimosse o armonizzate.
Sono stati rimossi i collegamenti specifici di Wikipedia che non portano a un articolo o una categoria (come "Redlink", "collegamenti alla pagina di modifica", "collegamenti a portali"). Ogni collegamento esterno ha un'icona FontAwesome aggiuntiva. Oltre ad alcuni piccoli cambiamenti di design, sono stati rimossi i media container, le mappe, i box di navigazione, le versioni vocali e i geoformati.

Notare che Poiché il dato contenuto viene automaticamente prelevato da Wikipedia in un determinato momento, una verifica manuale è stata e non è possibile. Pertanto LinkFang.org non garantisce l'accuratezza e l'attualità del contenuto acquisito. Se ci sono informazioni che al momento sono sbagliate o che hanno una visualizzazione imprecisa, non esitate a Contattaci: e-mail.
Guarda anche: Impronta & Politica sulla riservatezza.