Copula (linguistica)


Dal latino copula = "unione", "legame" (da cum + apio = "attaccare"), la copula è la funzione svolta dal verbo essere quando questo si trova in posizione intermedia tra un sostantivo e una parte nominale che serve a definire il soggetto. Può essere costituita da un attributo, un sostantivo o una parte del discorso sostantivata. Quando il verbo "essere" svolge la funzione di copula, esso, insieme alla parte nominale che lega, viene definito predicato nominale; in caso contrario, esso è predicato verbale.

Indice

Alcuni esempi


Ad esempio, nella frase:

Marco è un bravo ragazzo,

si ha che Marco funge da soggetto, è funge da copula e un bravo ragazzo è la parte nominale (altresì detta nome del predicato). Il sintagma "è un bravo ragazzo" è pertanto, in questa frase, il predicato nominale.

Al contrario, nella frase:

Marco è nella squadra di calcio del paese,

il verbo "essere" è predicato verbale, in quanto non descrive il soggetto (mediante l'uso di sostantivi o attributi), ma ha piuttosto il senso di "gioca" (nella squadra di calcio). In particolare, possiamo avere quattro casi nei quali il verbo "essere" non funge da copula:

Verbi copulativi


Si potrebbe estendere il concetto di copula a verbi diversi dal verbo "essere", che vengono pertanto detti verbi copulativi. Nella classe dei verbi, tutti i verbi non copulativi sono detti "predicativi". Sono copulativi i verbi: sembrare, parere, apparire, risultare, diventare, divenire ecc.

Svolgono funzione copulativa anche i verbi appellativi (chiamare, appellare, dire…), elettivi (nominare, promuovere, eleggere...), estimativi (reputare, giudicare, credere…) ed effettivi (rendere, fare…), quando vengono usati al passivo (nella diatesi attiva, infatti, essi reggerebbero un complemento predicativo dell'oggetto). Possono svolgere funzione copulativa altri verbi come nascere, vivere, morire… (es. Teresa è nata ed è morta povera.).

La parte nominale retta da verbi copulativi diversi da "essere" viene normalmente definita complemento predicativo del soggetto; è da notare il fatto che non tutti considerano i suddetti verbi alla stregua del verbo essere, in quanto il predicativo del soggetto (come quello dell'oggetto) è solitamente considerato un complemento a sé stante, e non sintatticamente inscindibile dal verbo in questione. In ogni caso, i verbi copulativi così considerati possono essere definiti come verbi che necessitano di un complemento che completi il loro significato, che in caso contrario rimarrebbe sospeso.

Note


Bibliografia


Voci correlate


Collegamenti esterni











Categorie: Parti del discorso




Data: 06.01.2022 09:13:00 CET

Sorgente: Wikipedia (Autori [Cronologia])    Licenza: CC-BY-SA-3.0

Modifiche: Tutte le immagini e la maggior parte degli elementi di design correlati a questi sono stati rimossi. Alcune icone sono state sostituite da FontAwesome-Icons. Alcuni modelli sono stati rimossi (come "l'articolo ha bisogno di espansione) o assegnati (come" note "). Le classi CSS sono state rimosse o armonizzate.
Sono stati rimossi i collegamenti specifici di Wikipedia che non portano a un articolo o una categoria (come "Redlink", "collegamenti alla pagina di modifica", "collegamenti a portali"). Ogni collegamento esterno ha un'icona FontAwesome aggiuntiva. Oltre ad alcuni piccoli cambiamenti di design, sono stati rimossi i media container, le mappe, i box di navigazione, le versioni vocali e i geoformati.

Notare che Poiché il dato contenuto viene automaticamente prelevato da Wikipedia in un determinato momento, una verifica manuale è stata e non è possibile. Pertanto LinkFang.org non garantisce l'accuratezza e l'attualità del contenuto acquisito. Se ci sono informazioni che al momento sono sbagliate o che hanno una visualizzazione imprecisa, non esitate a Contattaci: e-mail.
Guarda anche: Impronta & Politica sulla riservatezza.