Doha


Doha
città
(AR) الدوحة (ad-Dawḥa)
Localizzazione
Stato Qatar
MunicipalitàAd Dawhah
Territorio
Coordinate
Altitudinem s.l.m.
Superficie132 km²
Abitanti1 351 000 (2016)
Densità10 234,85 ab./km²
Altre informazioni
Fuso orarioUTC+3
ISO 3166-2QA-DA
Cartografia

Doha (الدوحة in arabo, ad-Dawḥa oppure ad-Dōḥa, letteralmente "il grande albero") è la capitale e la città più popolata dello stato del Qatar. Si trova sul Golfo Persico e aveva nel 2015 una popolazione di 956 460 abitanti. È la più grande città del Qatar e, con la sua area urbana e suburbana, ospita circa il 60% della popolazione dello stato.

A Doha vi è la sede del governo del Qatar, il cui capo è l'emiro Tamim bin Hamad al-Thani. Nei pressi della città sorge Education City, una zona in cui si sono insediati diversi campus universitari e istituti dedicati alla ricerca e all'innovazione.

La città presenta un carattere cosmopolita.[1][2][3] A Doha è stanziato il principale quartier generale del Comando centrale militare USA, il più grande dell'intero Medio Oriente.

Indice

Storia


Doha venne fondata nel 1825 con il nome di Al Bida. Nello stesso anno, durante la guerra tra il Qatar e il Bahrain, venne seriamente danneggiata dalle forze di Abu Dhabi, alleati dei bahreniti. Nel 1882 venne costruita nei pressi della città la fortezza di Al Wajbah. Nel 1916 divenne capitale del protettorato del Qatar e nel 1971, con l'indipendenza del Paese dal Regno Unito, divenne la capitale dello Stato.

Prima del XX secolo l'economia della città era prevalentemente basata sulla pesca ittica e su quella delle perle. Con l'introduzione delle perle d'allevamento di origine giapponese, l'economia locale subì un duro colpo, tuttavia attutito dalla successiva scoperta dei giacimenti petroliferi, ma soprattutto dalla grande quantità di gas naturale situato al nord del paese.

Geografia antropica


Suddivisioni amministrative

Cultura


Musei

Eventi

Dal 2009, Doha è sede dell'annuale congresso World Innovation Summit for Education.

Media

Tv

A Doha ha sede il noto canale televisivo via satellite Al Jazeera. Venne fondato nel 1996 dallo sceicco Hamad bin Khalifa Al Thani con un finanziamento di 150 milioni di dollari.

Monumenti e luoghi d'interesse


Tra i più alti grattacieli figurano:

Oltre a questi ci sono molti grattacieli in costruzione, tra cui:

Inoltre sono in progetto o in via di approvazione diversi grattacieli:

La città ospita inoltre la Moschea Imam Muhammad ibn Abd al-Wahhab, inaugurata nel 2011.

Economia


A Doha hanno sede le principali industrie petrolifere nazionali come la Qatar Petroleum, la RasGas e la Qatargas. L'economia di Doha è basata prevalentemente sul petrolio e per questo motivo il governo nazionale sta facendo grandi sforzi per diversificare i vari settori economici.

Inoltre il Qatar possiede uno tra i più grandi giacimenti di gas naturale al mondo.

Al contrario della vicina metropoli di Dubai, Doha non sta puntando sul turismo. La città ospita la sede della compagnia aerea nazionale: la Qatar Airways. Da qualche anno Doha, come del resto in tutte le città del Golfo Persico, sta avendo un boom immobiliare. Infatti lo Skyline della città sta completamente cambiando: nuovi uffici, hotel e grattacieli.

Infrastrutture e trasporti


Aeroporti

Vicino a Doha è presente l'Aeroporto Internazionale di Doha, una volta principale scalo della capitale e sede della Qatar Airways, compagnia di bandiera dell'emirato. A causa delle sue misure relativamente ridotte e considerato l'aumento vertiginoso di affluenza di viaggiatori che negli ultimi anni ha interessato lo scalo, fu deliberata e attuata la costruzione di un nuovo grande aeroporto, oggi già attivo, a pochi km di distanza dalla città, l'Aeroporto Internazionale di Doha-Hamad.

Metropolitana

Lo stesso argomento in dettaglio: Metropolitana di Doha.

La città è dotata di una rete metropolitana composta da 3 linee e 37 stazioni.

Sport


L'Aspire Zone è un complesso sportivo, sede di eventi internazionali, che sorge nel distretto di Al Waab a Doha.

Ciclismo

Dal 9 al 16 di ottobre del 2016, a Doha, si sono disputati i Campionati Mondiali di ciclismo su strada.

Ginnastica Artistica

Nell’ottobre del 2018 la città di Doha ha ospitato i campionati mondiali di ginnastica artistica.

Calcio

La squadra di calcio dell'Al-Sadd è la più famosa del Qatar e ha annoverato nelle sue file giocatori di caratura mondiale, anche se quasi sempre a fine carriera, riuscendo ad attrarre il loro interesse anche grazie a ricchi stipendi che un giocatore di una certa età difficilmente ottiene giocando in club militanti in campionati più famosi e competitivi. Tra i giocatori più celebri che hanno indossato la maglia dell'Al-Sadd ricordiamo Romário e Xavi Hernandez. Il 22 dicembre 2014 è stata teatro della Supercoppa italiana tra Juventus e Napoli (vinta dal Napoli ai calci di rigore)[4] mentre il 23 dicembre 2016, allo stadio Jassim Bin Hamad di quella tra Milan e Juventus vinta ai rigori dalla squadra milanese[5]. Nel 2022 Doha ospiterà alcune partite, tra cui la finale, del Campionato mondiale di calcio 2022.

Motociclismo e automobilismo

Vicino a Doha è situato il Losail International Circuit (Lusail Circuit), dal 2004 sede di una prova del Motomondiale, di una del Campionato Mondiale Superbike e tappa di una delle prove del Campionato GP2 Asia Series di automobilismo. Inoltre, dall'inverno del 2015, la Qatar Motor and Motorcycle Federation, (QMMF), Ente gestore del circuito, ha riservato l'apertura dell'impianto, integralmente illuminato, il mercoledì e la domenica sera, a uso esclusivo di chi voglia allenarsi in bicicletta.

Pallavolo

A Doha si è svolta la parte finale delle ultime quattro edizioni del Campionato mondiale per club FIVB (maschile), dal 2009 al 2012, edizioni vinte dalla società pallavolistica Trentino Volley.

Scacchi

Nel 2014 e 2015 fu la sede del Qatar Masters Open, importante torneo Open di scacchi che vide la partecipazione di giocatori di élite quali, citando unicamente i Campioni del Mondo, Magnus Carlsen, Vladimir Kramnik e la cinese Hou Yifan.

Atletica leggera

Dal 28 settembre al 6 ottobre 2019 Doha ha ospitato la 17ª edizione dei Campionati mondiali di atletica leggera.

Skateboarding

Dal 14 al 15 ottobre 2019 si sono svolti i Beach Games con gare femminili e maschili di skateboarding.

Clima e ambiente

Nella capitale, Doha, la temperatura media giornaliera passa dai 18,5 gradi a gennaio, ai 37 °C a luglio, il clima è desertico, con inverni molto miti ed estati caldissime e soleggiate

Note


  1. ^ Francesca Pace, Qatar, relax tra mare e deserto , su ilsole24ore.com, Il Sole 24 Ore, 17 gennaio 2017. URL consultato il 28 settembre 2019 (archiviato il 28 settembre 2019).
    «Doha, la capitale, una città cosmopolita»
  2. ^ Sabrina Quartieri, Scalo a Doha? Vietato ripartire subito: ecco cosa fare , su ilmessaggero.it, Il Messaggero, 21 marzo 2017. URL consultato il 28 settembre 2019 (archiviato il 28 settembre 2019).
    «Doha [...] Cosmopolita, moderna e autentica»
  3. ^ Veronica Mazza, Doha in Qatar è la meta del momento per un weekend lungo al caldo con le amiche tra musei e nightlife scatenata , su cosmopolitan.com, Cosmopolitan, 31 maggio 2019. URL consultato il 28 settembre 2019 (archiviato il 31 maggio 2019).
    «Doha, la capitale cosmopolita del Qatar»
  4. ^ La Supercoppa italiana TIM si giocherà a Doha il 22/12 , su juventus.com. URL consultato il 7 ottobre 2014 (archiviato l'8 ottobre 2014).
  5. ^ Jacopo Manfredi, Copia archiviata , in Repubblica.it, 24 dicembre 2016. URL consultato il 24 dicembre 2016 (archiviato il 24 dicembre 2016).

Altri progetti


Collegamenti esterni


Controllo di autoritàVIAF (EN136649381  · LCCN (ENn81076793  · GND (DE4219005-8  · BNF (FRcb15084063c (data)  · J9U (ENHE987007531828505171 (topic)  · WorldCat Identities (ENlccn-n81076793









Categorie: Doha




Data: 30.06.2022 12:18:34 CEST

Sorgente: Wikipedia (Autori [Cronologia])    Licenza: CC-BY-SA-3.0

Modifiche: Tutte le immagini e la maggior parte degli elementi di design correlati a questi sono stati rimossi. Alcune icone sono state sostituite da FontAwesome-Icons. Alcuni modelli sono stati rimossi (come "l'articolo ha bisogno di espansione) o assegnati (come" note "). Le classi CSS sono state rimosse o armonizzate.
Sono stati rimossi i collegamenti specifici di Wikipedia che non portano a un articolo o una categoria (come "Redlink", "collegamenti alla pagina di modifica", "collegamenti a portali"). Ogni collegamento esterno ha un'icona FontAwesome aggiuntiva. Oltre ad alcuni piccoli cambiamenti di design, sono stati rimossi i media container, le mappe, i box di navigazione, le versioni vocali e i geoformati.

Notare che Poiché il dato contenuto viene automaticamente prelevato da Wikipedia in un determinato momento, una verifica manuale è stata e non è possibile. Pertanto LinkFang.org non garantisce l'accuratezza e l'attualità del contenuto acquisito. Se ci sono informazioni che al momento sono sbagliate o che hanno una visualizzazione imprecisa, non esitate a Contattaci: e-mail.
Guarda anche: Impronta & Politica sulla riservatezza.