Duchi di Parma


(Reindirizzamento da Duca_di_Parma_e_Piacenza)
Duca di Parma
Stemma dei Duchi Borbone di Parma
ParìaNobiltà italiana
Data di creazione1545 (prima creazione)
Creato daPapa Paolo III
Primo detentorePier Luigi Farnese
Ultimo detentoreRoberto I di Parma
Cronologia1545 (I creazione)
1731 (II creazione)
1735 (III creazione)
1748 (IV creazione)
1808 (V creazione)
1814 (VI creazione)
1847 (VII creazione)
Data di estinzione3 dicembre 1859 (VII creazione)
TrasmissionePrimogenitura maschile
Titoli sussidiariDuca di Piacenza
Duca di Guastalla
Duca di Castro
Predicato d'onoreSua Altezza Reale

I duchi di Parma, Piacenza e Guastalla (titolo nobiliare relativo al dominio sul Ducato di Parma e Piacenza) dal 1545 al 1802 e dal 1814 al 1859 furono i seguenti.

Il duca di Parma fu anche duca di Piacenza, e duca di Guastalla a parte i primi anni del regno di Ottavio Farnese (1549-1556) e il periodo dei due duchi designati da Napoleone Bonaparte nel 1808. La dinastia Farnese detenne inoltre il titolo di duca di Castro dal 1537 fino al 1649.

Indice

Duchi regnanti di Parma e Piacenza (1545–1735)


Farnese (1545–1731)

Lo stesso argomento in dettaglio: Farnese.
Ritratto Nome
(nascita–morte)
Regno Matrimoni Note
Inizio Fine

Pier Luigi
(19 novembre 1503 – 10 settembre 1547)
23 settembre 1545 10 settembre 1547 Gerolama Orsini
quattro figli e una figlia
Figlio illegittimo di Papa Paolo III e di Silvia Ruffini, che lo investì del ducato;
fu assassinato
Ottavio
(9 ottobre 1524 – 18 settembre 1586)
10 settembre 1547 18 settembre 1586 Margherita d'Austria
due figli gemelli
Figlio di Pier Luigi
Alessandro
(27 agosto 1545 – 3 dicembre 1592)
18 settembre 1586 3 dicembre 1592 Maria del Portogallo
due figli e una figlia
Figlio di Ottavio;
fu Governatore dei Paesi Bassi spagnoli e sovrano di Parma allo stesso tempo
Ranuccio I
(28 marzo 1569 – 5 marzo 1622)
3 dicembre 1592 5 marzo 1622 Margherita Aldobrandini
tre figli e due figlie
Figlio di Alessandro;
già reggente dal 1586 al 1592

Odoardo I
(28 aprile 1612 – 11 settembre 1646)
5 marzo 1622 11 settembre 1646 Margherita de' Medici
quattro figli e due figlie
Figlio di Ranuccio

Ranuccio II
(17 settembre 1630 – 11 dicembre 1694)
11 settembre 1646 11 dicembre 1694 (1) Margherita Violante di Savoia
due figli
(2) Isabella d'Este
un figlio e due figlie
(3) Maria d'Este
quattro figli e cinque figlie
Figlio di Odoardo

Francesco
(19 maggio 1678 – 26 febbraio 1727)
11 dicembre 1694 26 febbraio 1727 Dorotea Sofia di Neuburg
nessun figlio
Figlio di Ranuccio II e Maria d'Este

Antonio
(29 novembre 1679 – 20 gennaio 1731)
26 febbraio 1727 20 gennaio 1731 Enrichetta d'Este
nessun figlio
Figlio di Ranuccio II e Maria d'Este

Borbone di Napoli (1731–1735)

Lo stesso argomento in dettaglio: Borbone di Napoli.

In seguito alla morte senza eredi di Antonio Farnese la corona passa ai Borbone di Spagna nella persona del futuro Carlo III, figlio di Elisabetta Farnese, secondo il Trattato dell'Aia.

Ritratto Nome
(nascita–morte)
Regno Matrimoni Note
Inizio Fine

Carlo I
(20 gennaio 1716 – 14 dicembre 1788)
29 dicembre 1731 3 ottobre 1735 [1] Figlio di Elisabetta Farnese, figlia di Odoardo II

Dominazione austriaca (1735–1748)


La guerra di successione polacca coinvolse pesantemente il ducato gettandolo nel caos dinastico. Mentre il duca Carlo I nel 1734 si lanciava alla conquista dell'austriaca Napoli, la sguarnita Parma veniva di converso occupata dalle armate germaniche, e in seguito ad un armistizio con la Francia l'imperatore Carlo VI si proclamava duca. A creare ulteriori dissidi si aggiunse l'alleato dei francesi Carlo Emanuele III di Savoia che disinibitamente si proclamava duca della Piacenza da lui occupata, battendovi addirittura moneta. La situazione fu chiarita solo dal Trattato di Vienna (1738), con cui si sancì lo scambio fra Parma e Napoli.

Tuttavia l'imperatore Carlo non passò alla storia nella lista numeraria dei duchi parmensi. Alle suddette traversie belliche, infatti, si unì il fatto che anche a Parma si fece sempre indicare come imperatore, e mai come duca. Ancor di più pesò il dato legislativo che gli Asburgo sottomisero Parma all'amministrazione milanese, determinando de facto la transitoria perdita di soggettività del ducato parmense. Questo periodo venne dunque assimilato ad un'annessione politica allo Stato di Milano.

All'imperatore Carlo VI il 20 ottobre 1740 successe la figlia Maria Teresa d'Asburgo che, con il Trattato di Aquisgrana (1748), accettò la restaurazione borbonica.

Asburgo (1735–1748)

Lo stesso argomento in dettaglio: Casa d'Asburgo.
Ritratto Nome
(nascita–morte)
Regno Matrimoni Note
Inizio Fine

Carlo VI
(1º ottobre 1685 – 20 ottobre 1740)
3 ottobre 1735 20 ottobre 1740 Elisabetta Cristina di Brunswick-Wolfenbüttel
un figlio e tre figlie
Imperatore del Sacro Romano Impero, salì sul trono di Parma occupando il ducato durante la guerra di successione polacca

Maria Teresa
(13 maggio 1717 – 29 novembre 1780)
20 ottobre 1740 18 ottobre 1748 Francesco I di Lorena
cinque figli e undici figlie
Figlia di Carlo VI

Duchi regnanti di Parma e Piacenza (1748–1802)


Con il trattato di Aquisgrana, che segnò la fine della guerra di successione austriaca, si decise che il ducato/principato di Parma e Piacenza venisse affidato alla dinastia dei Borbone, nella persona di Filippo di Borbone, figlio di Filippo V di Spagna e di Elisabetta Farnese. Dal 1748 inoltre, i duchi/principi di Parma furono anche duchi/principi di Guastalla in seguito all'annessione del ducato di Guastalla.

Borbone di Parma (1748–1802)

Lo stesso argomento in dettaglio: Borbone di Parma.
Ritratto Nome
(nascita–morte)
Regno Matrimoni Note
Inizio Fine

Filippo I
(15 marzo 1720 – 18 luglio 1765)
18 ottobre 1748 18 luglio 1765 Luisa Elisabetta di Francia
un figlio e due figlie
Figlio minore di Elisabetta Farnese, fratello di Carlo

Ferdinando I
(20 gennaio 1751 – 9 ottobre 1802)
18 luglio 1765 9 ottobre 1802 Maria Amalia d'Austria
tre figli e dieci figlie
Figlio di Filippo;
durante il suo regno i francesi occuparono il ducato

Occupazione francese (1802–1814)


Duchi onorari sotto Napoleone (1808–1814)

In accordo con il patto stretto tra Napoleone e il figlio del defunto Ferdinando, l'Impero francese dapprima pose il ducato sotto un commissariato, poi lo annesse direttamente come dipartimento del Taro, con l'eccezione di Guastalla assegnata al Regno d'Italia.

Con l'incorporazione legale all'Impero, Napoleone volle creare due titoli onorifici con i soppressi titoli ducali di Parma e Piacenza dandoli ai suoi due ex colleghi dei tempi del Consolato: Jean-Jacques Régis de Cambacérès (17531824) ricevette dal 1808 fino alla caduta di Napoleone il titolo di Duca di Parma. Nello stesso arco temporale, Charles-François Lebrun (17391824) ricevette il titolo di Duca di Piacenza.

Duca di Parma

Ritratto Nome
(nascita–morte)
Regno Matrimoni Note
Inizio Fine

Jean-Jacques Régis de Cambacérès
(18 ottobre 1753 – 8 marzo 1824)
24 maggio 1808 11 aprile 1814 - Duca onorario di Parma

Duca di Piacenza

Ritratto Nome
(nascita–morte)
Regno Matrimoni Note
Inizio Fine

Charles-François Lebrun
(19 marzo 1739 – 16 giugno 1824)
24 maggio 1808 11 aprile 1814 Anne Delagoutte[2]
tre figli e due figlie
Duca onorario di Piacenza

Duchi regnanti di Parma e Piacenza (1814–1859)


Dopo la caduta di Napoleone, il Congresso di Vienna decise di restaurare il ducato di Parma e Piacenza affidandolo a titolo vitalizio all'arciduchessa Maria Luisa d'Austria, moglie di Napoleone ed ex imperatrice dei francesi. Alla sua morte si stabilì che il ducato sarebbe tornato ai Borbone-Parma, regnanti nel frattempo sul ducato di Lucca.

Asburgo-Lorena (1814–1847)

Lo stesso argomento in dettaglio: Asburgo-Lorena.
Ritratto Nome
(nascita–morte)
Regno Matrimoni Note
Inizio Fine

Maria Luigia
(12 dicembre 1791 – 17 dicembre 1847)
11 aprile 1814 17 dicembre 1847 Napoleone Bonaparte[3]
un figlio
Figlia di Francesco II d'Asburgo-Lorena ed ex-imperatrice dei francesi;
fu duchessa a titolo vitalizio, ma fu stabilito che alla sua morte il ducato tornasse ai Borbone

Borbone di Parma (1847–1859)

Lo stesso argomento in dettaglio: Borbone di Parma.

I seguenti duchi non regnarono più su Guastalla, ceduta a Modena in cambio dell'alta Lunigiana.

Ritratto Nome
(nascita–morte)
Regno Matrimoni Note
Inizio Fine

Carlo II
(22 dicembre 1799 – 16 aprile 1883)
17 dicembre 1847 14 maggio 1849
(abdicazione)
Maria Teresa di Savoia
un figlio e una figlia
Nipote di Ferdinando

Carlo III
(14 gennaio 1823 – 27 marzo 1854)
14 maggio 1849 27 marzo 1854 Luisa Maria di Francia
due figli e due figlie
Figlio di Carlo II;
fu assassinato

Roberto I
(9 luglio 1848 – 16 novembre 1907)
27 marzo 1854 9 giugno 1859
(deposizione)
(1) Maria Pia delle Due Sicilie
cinque figli e sette figlie
(2) Maria Antonia del Portogallo
sei figli e sei figlie
Figlio di Carlo III;
regnò sotto la reggenza della madre a causa della giovanissima età

In seguito al risorgimento il Ducato di Parma perse la propria indipendenza e, dopo un periodo di dittatura rivoluzionaria filosabauda, nel 1860 venne annesso tramite plebiscito al Regno di Sardegna andando a costituire il Regno d'Italia.

Il deposto duca e i suoi eredi andarono a costituire i pretendenti al trono parmense.

Note


  1. ^ Non ancora sposato.
  2. ^ [1]
  3. ^ In esilio.

Voci correlate


Altri progetti











Categorie: Duchi di Parma | Ducato di Parma | Liste di sovrani




Data: 11.05.2021 02:23:57 CEST

Sorgente: Wikipedia (Autori [Cronologia])    Licenza: CC-BY-SA-3.0

Modifiche: Tutte le immagini e la maggior parte degli elementi di design correlati a questi sono stati rimossi. Alcune icone sono state sostituite da FontAwesome-Icons. Alcuni modelli sono stati rimossi (come "l'articolo ha bisogno di espansione) o assegnati (come" note "). Le classi CSS sono state rimosse o armonizzate.
Sono stati rimossi i collegamenti specifici di Wikipedia che non portano a un articolo o una categoria (come "Redlink", "collegamenti alla pagina di modifica", "collegamenti a portali"). Ogni collegamento esterno ha un'icona FontAwesome aggiuntiva. Oltre ad alcuni piccoli cambiamenti di design, sono stati rimossi i media container, le mappe, i box di navigazione, le versioni vocali e i geoformati.

Notare che Poiché il dato contenuto viene automaticamente prelevato da Wikipedia in un determinato momento, una verifica manuale è stata e non è possibile. Pertanto LinkFang.org non garantisce l'accuratezza e l'attualità del contenuto acquisito. Se ci sono informazioni che al momento sono sbagliate o che hanno una visualizzazione imprecisa, non esitate a Contattaci: e-mail.
Guarda anche: Impronta & Politica sulla riservatezza.