Eleazar Albin - it.LinkFang.org

Eleazar Albin




Eleazar Albin, nato come Eleazar Weiss (16801742), è stato un naturalista e pittore inglese, nato in Germania, uno dei più importanti illustratori di libri entomologici del XVIII secolo[1].

Indice

Biografia


Albin scrisse numerosi libri, tra cui Una storia naturale degli insetti inglesi (A Natural History of English Insects, 1720), Una storia naturale degli uccelli (A Natural History of Birds, 1731-1738) e La storia naturale dei ragni e altri insetti curiosi (The Natural History of Spiders and other Curious Insects, 1736).[1][2][3]

Eleazar Albin fu un pittore inglese, nato in Germania, che si trasferì in Inghilterra nel 1707, dove si sposò, cambiò il suo cognome da Weiss ad Albin e proseguì la sua attività di insegnante d'arte.[2][4][5][6] Si avvicinò allo studio degli animali grazie al lavoro pittorico che intraprese per il naturalista entomologo Joseph Dandridge.[4][5]

Albin ha illustrato pubblicazioni riguardanti insetti e ragni, guadagnandosi da vivere facendo acquerelli delle collezioni di ricchi mecenati, tra cui il medico e naturalista Hans Sloane, la cui collezione contribuì a fondare il British Museum.[2]

Il primo libro di Albin fu una Storia naturale degli insetti inglesi (1720), a cui seguirono le cento copie del suo libro Una storia naturale degli uccelli, pubblicato nel 1731, 1734, 1738, questo fu il primo libro di uccelli britannico illustrato e a colori (trecentosei tavole),[2][6] opera più artistica che scientifica, che fu un prototipo, successivamente copiato e migliorato nel corso degli anni.[2]

Nelle note dei suoi libri Albin scrisse: «per quanto riguarda le illustrazioni, sono tutte tratte dalla natura, disegnate da me o da mia figlia».[2]

L'atteggiamento diffuso all'inizio del XVIII secolo era che lo studio degli insetti non fosse importante per uno scienziato, ma nonostante questo Albin si appassionò nei suoi studi ispirandosi alla naturalista e pittrice tedesca Maria Sibylla Merian e al fisico, biologo e geologo inglese Robert Hooke.[2][4]

I suoi studi sugli uccelli risultarono il primo grande lavoro inglese sull'ornitologia, illustrato da Albin e da sua figlia Elizabeth e pubblicato inizialmente a Londra dal 1731 al 1738.[2]

Tale era la sua reputazione che ad Albin fu offerta l'opportunità di illustrare il mondo naturale delle Isole Caroline, ma lui rifiutò, consentendo all'ornitologo, botanico e pittore Mark Catesby di ottenere una fama duratura come artista di scienze naturali al suo posto.[2]

Pubblicazioni


Note


  1. ^ a b (EN) Eleazar Albin , su europeana.eu. URL consultato il 23 febbraio 2019.
  2. ^ a b c d e f g h i (EN) Eleazar Albin , su summagallicana.it. URL consultato il 23 febbraio 2019.
  3. ^ (EN) Eleazar Albin , su biodiversitylibrary.org. URL consultato il 23 febbraio 2019.
  4. ^ a b c (EN) Eleazar Albin , su rct.uk. URL consultato il 23 febbraio 2019.
  5. ^ a b (EN) Eleazar Albin: A natural history of birds , su gla.ac.uk. URL consultato il 23 febbraio 2019.
  6. ^ a b le muse, I, Novara, De Agostini, 1964, pp. 101-102.

Bibliografia


Voci correlate


Altri progetti


Collegamenti esterni


Controllo di autoritàVIAF (EN347904  · ISNI (EN0000 0001 1850 0300  · Europeana agent/base/153896  · LCCN (ENn85017787  · GND (DE100006434  · ULAN (EN500019554  · CERL cnp00986858  · WorldCat Identities (ENlccn-n85017787








Categorie: Naturalisti britannici | Pittori britannici del XVIII secolo | Nati nel 1680 | Morti nel 1742








Data: 21.05.2020 06:48:35 CEST

Sorgente: Wikipedia (Autori [Cronologia])    Licenza: CC-by-sa-3.0

Modifiche: Tutte le immagini e la maggior parte degli elementi di design correlati a questi sono stati rimossi. Alcune icone sono state sostituite da FontAwesome-Icons. Alcuni modelli sono stati rimossi (come "l'articolo ha bisogno di espansione) o assegnati (come" note "). Le classi CSS sono state rimosse o armonizzate.
Sono stati rimossi i collegamenti specifici di Wikipedia che non portano a un articolo o una categoria (come "Redlink", "collegamenti alla pagina di modifica", "collegamenti a portali"). Ogni collegamento esterno ha un'icona FontAwesome aggiuntiva. Oltre ad alcuni piccoli cambiamenti di design, sono stati rimossi i media container, le mappe, i box di navigazione, le versioni vocali e i geoformati.

Notare che Poiché il dato contenuto viene automaticamente prelevato da Wikipedia in un determinato momento, una verifica manuale è stata e non è possibile. Pertanto LinkFang.org non garantisce l'accuratezza e l'attualità del contenuto acquisito. Se ci sono informazioni che al momento sono sbagliate o che hanno una visualizzazione imprecisa, non esitate a Contattaci: e-mail.
Guarda anche: Impronta & Politica sulla riservatezza.