Equinozio


Disambiguazione – Se stai cercando l'omonima pellicola, vedi Equinozio (film).

L'equinozio (dal latino aequĭnoctĭum, derivato a sua volta dalla locuzione aequa nox, cioè «notte uguale (per durata) al dì») è quel momento della rivoluzione terrestre intorno al Sole in cui quest'ultimo si trova allo zenit dell'equatore.

Esso ricorre due volte durante l'anno solare e in quel momento il periodo diurno, ovvero quello di esposizione alla luce del Sole, e quello notturno sono uguali, giungendo i raggi solari perpendicolarmente all'asse di rotazione della Terra. Gli equinozi occorrono a marzo e a settembre del calendario civile; insieme ai solstizi, marcano il momento di avvicendamento delle stagioni astronomiche sulla Terra.

Nell'emisfero boreale l'equinozio di marzo segna la fine dell'inverno e l'inizio della primavera, mentre quello di settembre termina l'estate e introduce l'autunno. Viceversa accade nell'emisfero australe, dove l'autunno inizia all'equinozio di marzo e la primavera a quello di settembre.

L'equinozio d'autunno del 1983 causò indirettamente un elevato rischio di conflitto nucleare immediato tra URSS e USA, il cosiddetto "incidente dell'equinozio d'autunno", provvidenzialmente gestito dal tenente colonnello russo Stanislav Evgrafovič Petrov.[1]

Indice

Descrizione


Date degli equinozi[2] (Ore UTC)
Anno Equinozio di marzo Equinozio di settembre
2000 20 marzo ore 07:35 22 settembre ore 17:28
2001 20 marzo ore 13:31 22 settembre ore 23:04
2002 20 marzo ore 19:16 23 settembre ore 04:55
2003 21 marzo ore 01:00 23 settembre ore 10:47
2004 20 marzo ore 06:49 22 settembre ore 16:30
2005 20 marzo ore 12:33 22 settembre ore 22:23
2006 20 marzo ore 18:26 23 settembre ore 04:03
2007 21 marzo ore 00:07 23 settembre ore 09:51
2008 20 marzo ore 05:48 22 settembre ore 15:44
2009 20 marzo ore 11:44 22 settembre ore 21:18
2010 20 marzo ore 17:32 23 settembre ore 03:09
2011 20 marzo ore 23:21 23 settembre ore 09:04
2012 20 marzo ore 05:14 22 settembre ore 14:49
2013 20 marzo ore 11:02 22 settembre ore 20:44
2014 20 marzo ore 16:57 23 settembre ore 02:29
2015 20 marzo ore 22:45 23 settembre ore 08:21
2016 20 marzo ore 04:30 22 settembre ore 14:21
2017 20 marzo ore 10:29 22 settembre ore 20:02
2018 20 marzo ore 16:15 23 settembre ore 01:54
2019 20 marzo ore 21:58 23 settembre ore 07:50
2020 20 marzo ore 03:50 22 settembre ore 13:31
2021 20 marzo ore 09:37 22 settembre ore 19:21
2022 20 marzo ore 15:33 23 settembre ore 01:04
2023 20 marzo ore 21:24 23 settembre ore 06:50
2024 20 marzo ore 03:06 22 settembre ore 12:44
2025 20 marzo ore 09:01 22 settembre ore 18:19
2026 20 marzo ore 14:46 23 settembre ore 00:05
2027 20 marzo ore 20:25 23 settembre ore 06:02
2028 20 marzo ore 02:17 22 settembre ore 11:45
2029 20 marzo ore 08:02 22 settembre ore 17:38
2030 20 marzo ore 13:52 22 settembre ore 23:27

L'asse di rotazione terrestre non è perpendicolare al piano di rivoluzione orbitale intorno al Sole, essendo rispetto a questo inclinato mediamente di 23° 27'. Ciò comporta che la luce del Sole non incida mai, in ogni istante, con la stessa angolazione, ma che vari costantemente.

Agli equinozi l'asse di rotazione terrestre si trova perpendicolare alla direzione dei raggi solari e quindi in ogni punto del pianeta dove il Sole supera l'orizzonte la durata diurna è uguale a quella notturna, eccezion fatta per le peculiarità terrestri dovute all'atmosfera, come descritto più avanti.[3]

L'equinozio di marzo, cioè quello di primavera nell'emisfero boreale e di autunno nell'emisfero australe, è anche detto punto vernale, punto dell'Ariete o punto gamma (dalla lettera minuscola greca γ, la cui forma ricorda, appunto, la testa di un ariete, anche come simbolo tradizionale astrologico), mentre quello di settembre (equinozio d'autunno nell'emisfero boreale e di primavera in quello australe) viene anche chiamato punto della Bilancia o punto omega (dalla lettera greca Ω). Questa notazione, di derivazione astrologica, oggi non è più valida poiché, a causa della precessione degli equinozi dovuta al moto eccentrico dell'asse terrestre, questi punti non si trovano più nella costellazione da cui prendono il nome: infatti attualmente all'equinozio di marzo il Sole si trova nella costellazione dei Pesci e dovrebbe entrare nell'Acquario nel 2600 mentre a settembre si trova nella Vergine.

L'equinozio di marzo cade spesso il giorno 20 e, a partire dal 2044, saltuariamente anche il 19 marzo. Questo anticipo è dovuto all'organizzazione dei giorni bisestili nel calendario gregoriano che, non coincidendo esattamente con l'anno siderale, ha comportato il mantenimento dell'alternanza quadriennale per l'anno 2000, e causato quindi un progressivo spostamento di un giorno di tutti gli avvenimenti celesti, fino al prossimo riallineamento, previsto nell'anno 2100[4].

Inoltre l'equinozio di settembre risulta leggermente più tardivo (intorno al 23 settembre) rispetto a quello di marzo, poiché il moto di rivoluzione della Terra intorno al Sole (il cosiddetto anno siderale), risulta leggermente più lento in prossimità dell'afelio terrestre (a luglio), come risulta dalla seconda legge di Keplero.

Il moto apparente del Sole


All'occhio di un osservatore sull'equatore, agli equinozi il sole sorge e tramonta rispettivamente all'est e all'ovest geografico, e a mezzogiorno è allo zenit; ciò comporta anche una durata del dì pressoché identica a quella della notte.

Il centro del disco solare è sopra l'orizzonte per dodici ore consecutive, anche se il fenomeno di diffusione atmosferica della luce fa sì che la Terra sia illuminata già da circa mezz'ora prima dell'alba a circa mezz'ora dopo il tramonto; inoltre la rifrazione fa sì che la figura del Sole, che all'alba attraversa una porzione più spessa d'atmosfera, appaia in una posizione diversa da quella in cui dovrebbe essere visibile se non filtrata dall'atmosfera (per esempio sulla Luna, dove non esistono zone intermedie tra la luce piena e il buio assoluto); infine le dimensioni del disco solare fanno sì che quando il suo centro supera la linea dell'orizzonte già una porzione di esso lo ha superato o debba ancora superarlo, se al tramonto.

In entrambi gli equinozi il Sole passa a sud del tropico del Cancro e a nord di quello del Capricorno; allo zenit equatoriale il Sole si trova declinato di 66° 33' su entrambi i tropici e di 23° 27' su entrambi i circoli polari.

Gli equinozi segnano anche il momento di passaggio da un minore a un maggiore periodo di insolazione durante la giornata rispetto a quello di buio e viceversa: rispettivamente nell'emisfero boreale e in quello australe, immediatamente dopo l'equinozio di marzo il periodo di luce è maggiore (e minore) di quello di buio; viceversa accade dopo l'equinozio di settembre, in cui il periodo di luce solare nell'emisfero nord è più breve di quello di buio mentre in quello sud è maggiore.

La datazione nel calendario gregoriano


Nell'originale calendario giuliano, promulgato da Giulio Cesare, l'equinozio di primavera cadeva il 25 marzo. La ragione dell'odierno spostamento al 21 marzo (al 20 marzo per i prossimi decenni) si lega alle motivazioni stesse della messa in essere del calendario gregoriano. Infatti Gregorio XIII intendeva ripristinare l'allineamento fra date del calendario ed eventi astronomici esistente al tempo del Concilio di Nicea, tenutosi nel 325. Quindi la riforma gregoriana non recuperò i tre giorni del 29 febbraio degli anni 100, 200 e 300 né il quarto giorno, che si era già aggiunto a causa del caos nell'applicazione del giorno bisestile intervenuta fra l'omicidio di Cesare e il definitivo decreto di riordino di Augusto dell'anno 8. Fu così che l'equinozio fu stabilmente spostato di quattro giorni rispetto alla sua data originaria.[5]

Aspetti culturali


Nella lista che segue i termini equinozio di marzo e settembre riguardano le celebrazioni legate al mese e quindi sono indipendenti dall'emisfero, i termini primavera e autunno riguardano quelle feste che dipendono dalla stagione e dunque dall'emisfero.

Note


  1. ^ Alesia Miguens, Trentadue anni fa, il mondo fu salvato da un uomo che nessuno conosce , su pressenza.com, 12 ottobre 2015. URL consultato il 20 settembre 2017.
  2. ^ (EN) Earth's Seasons , su Data services, U.S. Naval Observatory, 4 gennaio 2018. URL consultato il 20 marzo 2019.
  3. ^ AA.VV. Explanatory supplement to the Astronomical Almanac. Mill Valley, CA, U.S.A., 1992 (p. 471)
  4. ^ http://www.focus.it/scienza/scienze/primo-giorno-di-primavera-equinozio-2016
  5. ^ Come calcolare la data della Pasqua Archiviato il 25 settembre 2015 in Internet Archive.

Voci correlate


Altri progetti


Collegamenti esterni


Controllo di autoritàThesaurus BNCF 33197  · GND (DE4200155-9









Categorie: Meccanica celeste




Data: 20.06.2021 08:23:13 CEST

Sorgente: Wikipedia (Autori [Cronologia])    Licenza: CC-BY-SA-3.0

Modifiche: Tutte le immagini e la maggior parte degli elementi di design correlati a questi sono stati rimossi. Alcune icone sono state sostituite da FontAwesome-Icons. Alcuni modelli sono stati rimossi (come "l'articolo ha bisogno di espansione) o assegnati (come" note "). Le classi CSS sono state rimosse o armonizzate.
Sono stati rimossi i collegamenti specifici di Wikipedia che non portano a un articolo o una categoria (come "Redlink", "collegamenti alla pagina di modifica", "collegamenti a portali"). Ogni collegamento esterno ha un'icona FontAwesome aggiuntiva. Oltre ad alcuni piccoli cambiamenti di design, sono stati rimossi i media container, le mappe, i box di navigazione, le versioni vocali e i geoformati.

Notare che Poiché il dato contenuto viene automaticamente prelevato da Wikipedia in un determinato momento, una verifica manuale è stata e non è possibile. Pertanto LinkFang.org non garantisce l'accuratezza e l'attualità del contenuto acquisito. Se ci sono informazioni che al momento sono sbagliate o che hanno una visualizzazione imprecisa, non esitate a Contattaci: e-mail.
Guarda anche: Impronta & Politica sulla riservatezza.