Fédération Internationale de Football Association - it.LinkFang.org

Fédération Internationale de Football Association


(Reindirizzamento da FIFA)
Disambiguazione – "FIFA" rimanda qui. Se stai cercando altri significati dell'acronimo, vedi FIFA (disambigua).
Fédération Internationale de Football Association
 
Discipline Calcio
Calcio a 5
Beach soccer
Fondazione21 maggio 1904
GiurisdizioneMondiale
Federazioni affiliate211
ConfederazioneCIO
ASOIF
Sede Zurigo
Presidente Gianni Infantino
MottoFor the Game. For the World.
Sito ufficialewww.fifa.com/

La Fédération Internationale de Football Association (in italiano "Federazione internazionale di calcio"[Nota 1]), più nota con l'acronimo FIFA, è la federazione internazionale che governa gli sport del calcio, del calcio a 5 e del beach soccer. La sua sede si trova a Zurigo, in Svizzera, e il presidente è Gianni Infantino, eletto nel 2016.

La federazione fu fondata a Parigi il 21 maggio 1904 e si occupa dell'organizzazione di tutte le manifestazioni intercontinentali degli sport sopraccitati, tra le quali la più importante è sicuramente il Campionato mondiale di calcio, che premia il vincitore con il trofeo della Coppa del Mondo. Tale torneo viene disputato ogni quattro anni dal 1930, eccetto che per il 1942 e il 1946 a causa della Seconda guerra mondiale, e la federazione ha il compito di scegliere il paese organizzatore che ospita la fase finale della manifestazione.

Indice

Struttura


Organi istituzionali

L'organo supremo della FIFA è il Congresso, un'assemblea composta dai rappresentanti di ciascun membro associato, un voto capitario per ognuna delle federazioni affiliate (209 a marzo 2016). Si riunisce con cadenza annuale, oltre ad alcune sessioni straordinarie tenutesi una volta all'anno a partire dal 1998. Solo il Congresso può stabilire le modifiche da apportare allo statuto della FIFA.[1]

Inoltre il Congresso elegge il Presidente, il Segretario Generale e gli altri membri del Consiglio FIFA (ex Comitato Esecutivo), approva il bilancio[2]. Il Presidente ed il Segretario Generale sono i principali funzionari della FIFA e si occupano della sua ordinaria amministrazione, portata avanti dal Segretariato Generale, assieme al suo staff di circa 280 membri.

Il Consiglio FIFA, guidato dal Presidente, è l'organo decisionale della FIFA tra un Congresso e l'altro. La federazione calcistica mondiale può contare, inoltre, su altre organizzazioni, sotto l'egida del Consiglio o create dal Congresso come comitati permanenti, tra cui la Commissione Finanze, la Commissione Disciplinare, la Commissione Arbitrale ecc.

Presidenti

Anni Presidente Note
1904-1906 Robert Guérin
1906-1918 Daniel Burley Woolfall
1921-1954 Jules Rimet
1954-1955 Rodolphe Seeldrayers
1955-1961 Arthur Drewry
1961-1974 Stanley Rous
1974-1998 João Havelange
1998-2015 Joseph Blatter
2015-2016 Issa Hayatou Ad interim.
2016- Gianni Infantino

Segretari Generali

Periodo Segretario Generale Note
1904-1906 Louis Muhlinghaus
1906-1931 Cornelis August Hirschman
1931-1951 Ivo Schricker
1951-1960 Kurt Gassmann
1960-1981 Helmut Käser
1981-1998 Joseph Blatter
1998-2002 Michel Zen-Ruffinen
2002-2007 Urs Linsi
2007-2015 Jérôme Valcke Sospeso per lo scandalo corruzione.
2015-2016 Markus Kattner Ad interim.
2016- Fatma Samba Diouf Samoura

Confederazioni affiliate

Lo stesso argomento in dettaglio: Federazioni appartenenti alla FIFA.

Alla FIFA fanno capo le 6 diverse confederazioni (riconosciute ufficialmente dalla federazione) a cui spetta l'organizzazione e la supervisione dell'attività calcistica nei vari continenti del mondo:

Le confederazioni continentali sono contemplate nello statuto FIFA. Le associazioni nazionali (come ad esempio la FIGC) sono membri della FIFA e possono richiedere l'affiliazione sia alla FIFA sia alla confederazione a cui appartengono geograficamente, salvo diverse eccezioni. Ad esempio, diverse federazioni che rappresentano nazioni i cui territori, dal punto di vista geografico, travalicano i confini tra Asia ed Europa, come la Russia, la Turchia, Cipro, l'Armenia, l'Azerbaigian e la Georgia, sono affiliate all'UEFA; un caso particolare, in tal senso, è quello di Israele, completamente in territorio asiatico, ma affiliato all'UEFA dal 1994 per ragioni politiche dopo esser stato a lungo membro dell'AFC. Ci sono poi stati altri cambi di affiliazione, come il Kazakistan, passato dall'AFC all'UEFA nel 2002, e l'Australia, passata dall'OFC all'AFC nel gennaio del 2006. Allo stesso modo, la Guyana, il Suriname e la Guyana francese[3] appartengono alla CONCACAF, pur risiedendo in America meridionale.

In totale la FIFA riconosce 211 federazioni calcistiche, a cui sono affiliate 211 Nazionali di calcio maschili e 129 Nazionali di calcio femminili (per maggiori dettagli, si veda Nazionale di calcio e Lista dei codici FIFA); pertanto risulta avere più membri delle Nazioni Unite, in quanto riconosce anche federazioni non appartenenti ad uno Stato sovrano, come ad esempio quelle delle 4 Home Nations britanniche.

Le Nazionali maschili vengono valutate mensilmente tramite la classifica mondiale della FIFA, mentre quelle femminili a cadenza trimestrale attraverso la classifica mondiale femminile della FIFA.

Problemi giudiziari


2015

Il 27 maggio 2015 una maxi inchiesta internazionale sconvolge la FIFA con l'arresto di 7 massimi dirigenti. In manette finiscono:

Risultano indagati anche 4 membri del Comitato esecutivo. Gli arresti vengono eseguiti presso il lussuoso Hotel Baur Au Lac di Zurigo alle prime luci dell'alba dalla polizia elvetica su richiesta del FBI in una indagine coordinata direttamente dal Dipartimento di Giustizia USA secondo cui si sarebbe costituita una fitta rete di corruzioni nel calcio mondiale che negli ultimi 20 anni avrebbe influenzato accordi di marketing, diritti TV e addirittura l'assegnazione dei Mondiali di Calcio per una corruzione quantificata in oltre 100 milioni di dollari. L'inchiesta si è concentrata con particolare attenzione sull'assegnazione dei Mondiali in questione(Russia 2018 e Qatar 2022) ma secondo la giustizia americana anche il calcio mondiale degli ultimi 24 anni sarebbe stato inquinato come una presunta tangente da 10 milioni versata nel 2004 ai dirigenti per avere il Mondiale in Sudafrica nel 2010 o del centenario della Copa América del 2016. La retata ha provocato notevoli reazioni anche sul piano internazionale con il Presidente russo Vladimir Putin in persona che ha parlato di indebite ingerenze USA per condizionare il calcio ribadendo la trasparenza nella scelta che ha portato alla designazione della Russia per i prossimi Mondiali mentre il Primo Ministro inglese David Cameron ha chiesto pulizia nei vertici del calcio mondiale. Il portavoce del Presidente Blatter, in corsa per un quinto mandato consecutivo, ha negato suoi coinvolgimenti venendo tuttavia subito smentito dal Dipartimento USA che lo ha indagato senza tuttavia incriminarlo. Il Presidente della UEFA Michel Platini si è detto disgustato dal livello di corruzione della FIFA chiedendo le dimissioni immediate di Blatter ed il rinvio delle elezioni mentre il Presidente della AFC Salman Bin Ibrahim Al-Khalifa ha espresso il pieno sostegno a Blatter e la conferma delle elezioni. Tuttavia nonostante gli scandali che colpiscono direttamente il suo sistema di potere, il presidente Blatter, all'apertura del Congresso a Zurigo, ha dichiarato la sua estraneità giustificandosi di non poter "sapere tutto" continuando a correre da candidato mentre il suo unico sfidante, il vicepresidente FIFA, il principe di Giordania Ali ibn al-Husayn (su cui sono convenuti anche gli altri due candidati alla presidenza ritiratisi, il presidente della Federazione Calcio d'Olanda Michael Van Praag e l'ex fuoriclasse di Barcellona e Real Madrid Luís Figo) ha ricevuto l'appoggio della stragrande maggioranza dell'UEFA guidata da Michel Platini per portare un reale cambiamento.

Dopo soltanto 4 giorni dalla sua rielezione, il 2 giugno si dimette dalla carica di presidente[4], che deteneva da quasi 17 anni. Il 26 febbraio viene eletto come suo successore Gianni Infantino.

Durante le indagini per la presunta tangente da 10 milioni di euro pagata per l'assegnazione dei mondiali al Sudafrica nel 2010, Danny Jordaan, presidente della Federcalcio sudafricana e organizzatore dell'evento, ammise che nel 2008 non ci fu un pagamento, ma solo un fondo per la CONCACAF per favorire lo sviluppo del calcio nei Caraibi. Chuck Blazer, ex manager della FIFA aggiunse inoltre che delle tangenti furono pagate non solo per Sudafrica 2010 ma anche per Germania 2006 e Francia 1998.

John Delaney, direttore generale della Federcalcio d'Irlanda, affermò che la FIFA aveva pagato alla FAI 5 milioni di euro per evitare azioni legali dopo il gol di William Gallas, facilitato da un fallo di mano di Thierry Henry, che negò la qualificazione della nazionale irlandese al mondiale del 2010, in favore di quella francese.[5]

L'8 giugno 2015 viene arrestato il funzionario della FIFA Alejandro Burzaco. Ricercato dall'INTERPOL per riciclaggio di denaro tramite la compravendita dei diritti televisivi, l'imprenditore argentino che era riuscito a sfuggire dall'FBI a Zurigo recandosi a Bolzano, si costituisce alle autorità del capoluogo altoatesino.[6]

Nel frattempo l'8 ottobre Joseph Blatter, Michel Platini, Jerome Valcke e Worawi Makudi vengono sospesi per 90 giorni dal Comitato etico perché posti sotto indagine.[7] La reggenza ad interim della federazione passa così al camerunese Issa Hayatou, presidente della Caf anch'esso sotto indagine per aver ammesso di aver intascato tangenti.[7]

Il 21 ottobre vengono confermate le indagini: Blatter è accusato di gestione fraudolenta e appropriazioni indebita mentre Platini avrebbe percepito 2 milioni di franchi svizzeri nel 2011 come compenso dalla Fifa (dunque Blatter) per lavori svolti dal 1999 al 2002. Chung Mong Joon viene squalificato per sei anni, Jack Warner, Mohamed bin Hammam e Chuck Blazer a vita, mentre Nicolás Leoz viene sospeso dal suo incarico dopo aver ricevuto un mandato di arresto dal governo degli Stati Uniti. Il vicepresidente della UEFA Ángel María Villar Llona e Franz Beckenbauer vengono posti sotto indagine per essersi rifiutati di collaborare con il Comitato etico all'indagine riguardante l'assegnazione dei Mondiali 2018 alla Russia e del 2022 al Qatar.[8][9]

Due mesi dopo, il 21 dicembre, il Comitato Etico della FIFA giudica Joseph Blatter e Michel Platini colpevoli di corruzione e li condanna a 8 anni di squalifica. A seguito della condanna, Platini non ha potuto candidarsi alle elezioni presidenziali FIFA tenutesi il 26 febbraio 2016.

Il 25 maggio 2018 la magistratura elvetica scagiona ufficialmente Platini da ogni accusa, non ravvisando reati nel suo operato; nell'occasione l'entourage di Platini rimarca la tesi secondo cui le false accuse rivolte nei suoi confronti, erano in realtà mirate unicamente a delegittimarne la carriera dirigenziale.[10]

Competizioni FIFA


Detentori dei titoli

Maschili Femminili
Coppa del mondo  Francia (2018)  Stati Uniti (2019)
Confederations Cup  Germania (2017)
Torneo olimpico  Brasile (2016)  Germania (2016)
Coppa del mondo U-20  Ucraina (2019)  Giappone (2018)
Coppa del mondo U-17  Brasile (2019)  Spagna (2018)
Torneo olimpico giovanile di calcio a 5  Brasile (2018)  Portogallo (2018)
Coppa del mondo per club Liverpool (2019)
Coppa del mondo di Futsal  Argentina (2016)
Coppa del mondo di Beach Soccer  Portogallo (2019)
Blue Stars/FIFA Youth Cup Boca Juniors (2019) Wolfsburg (2019)
FIFA eWorld Cup Mohammed Harkous (2019)

Riconoscimenti e premi


Dal 1991 al 2009 la FIFA assegnava ogni anno il FIFA World Player of the Year al miglior calciatore e alla miglior calciatrice nel corso di un'apposita cerimonia. Nel 2010 tale premio è stato unito al Pallone d'oro, dando vita al Pallone d'oro FIFA.

Inoltre la FIFA ha provveduto a stilare vari elenchi di riconoscimento dei migliori calciatori a livello mondiale, tra cui il FIFA World Cup All-Time Team (1994), il FIFA World Cup Dream Team (2002) e il FIFA 100 (2004).

Regole


Le leggi che governano il gioco del calcio non sono un'esclusiva della FIFA, ma sono regolate congiuntamente con l'International Football Association Board (IFAB), composta da 8 membri, di cui una metà in rappresentanza della FIFA e l'altra metà in rappresentanza delle 4 federazioni britanniche di Inghilterra, Scozia, Galles e Irlanda del Nord. Qualsiasi modifica apportata alle regole del calcio deve essere approvata da almeno i 3/4 dei delegati (ossia 6 su 8).

Inno FIFA


Lo stesso argomento in dettaglio: Inno FIFA.

Onorificenze


Ordine dei Compagni di O.R. Tambo in Oro (Sudafrica)
«Per il suo eccezionale contributo allo sviluppo dello sport del calcio nel continente africano, il consolidamento della democrazia e dello sviluppo in un Sudafrica libero.»
— 29 ottobre 2004[11]

Note


  1. ^ FIFA.com - About FIFA: Organisation
  2. ^ Ascesa e caduta di un impero del calcio, Corriera della Sera inchieste, editore RCS Media Groupon Divisione Quotidiani, Marzo 2016, ISSN 2038-0852
  3. ^ Essendo un distaccamento della federazione calcistica francese non è affiliata alla FIFA, ma solo alla CONCACAF dal 1964.
  4. ^ Sepp Blatter si è dimesso. Clamoroso alla FIFA
  5. ^ Fifa, anche il Brasile nel mirino dell'Fbi. Caso Henry, mazzetta all'Irlanda
  6. ^ Scandalo Fifa, si costituisce a Bolzano imprenditore argentino ricercato dall'Fbi
  7. ^ a b Dopo Blatter sospeso Platini
  8. ^ Fifa: avanti con l'inchiesta su Blatter, Platini e Beckenbauer
  9. ^ Fifa, indagati Beckenbauer e Villar Llona. Sì a procedimenti contro Blatter e Platini
  10. ^ (FR) FIFA : Michel Platini blanchi par la justice suisse , in Le Monde.fr. URL consultato il 18 settembre 2018.
  11. ^ Elenco dei premiati dell'anno 2004. , su v1.sahistory.org.za. URL consultato il 6 novembre 2019 (archiviato dall'url originale il 18 gennaio 2015).
  1. ^ Dal nome completo del gioco del calcio in inglese association football, cioè il football come codificato dalla "Association", reso in francese football association.

Voci correlate


Altri progetti


Collegamenti esterni


Controllo di autoritàVIAF (EN136163632  · ISNI (EN0000 0001 2164 6271  · LCCN (ENn50041646  · GND (DE210096-4  · BNF (FRcb118758476 (data)  · NDL (ENJA00970742  · WorldCat Identities (ENlccn-n50041646








Categorie: FIFA








Data: 27.11.2020 06:46:01 CET

Sorgente: Wikipedia (Autori [Cronologia])    Licenza: CC-by-sa-3.0

Modifiche: Tutte le immagini e la maggior parte degli elementi di design correlati a questi sono stati rimossi. Alcune icone sono state sostituite da FontAwesome-Icons. Alcuni modelli sono stati rimossi (come "l'articolo ha bisogno di espansione) o assegnati (come" note "). Le classi CSS sono state rimosse o armonizzate.
Sono stati rimossi i collegamenti specifici di Wikipedia che non portano a un articolo o una categoria (come "Redlink", "collegamenti alla pagina di modifica", "collegamenti a portali"). Ogni collegamento esterno ha un'icona FontAwesome aggiuntiva. Oltre ad alcuni piccoli cambiamenti di design, sono stati rimossi i media container, le mappe, i box di navigazione, le versioni vocali e i geoformati.

Notare che Poiché il dato contenuto viene automaticamente prelevato da Wikipedia in un determinato momento, una verifica manuale è stata e non è possibile. Pertanto LinkFang.org non garantisce l'accuratezza e l'attualità del contenuto acquisito. Se ci sono informazioni che al momento sono sbagliate o che hanno una visualizzazione imprecisa, non esitate a Contattaci: e-mail.
Guarda anche: Impronta & Politica sulla riservatezza.