Flop (pallacanestro)


Nel basket, un flop è una caduta intenzionale da parte di un giocatore dopo un contatto fisico scarso o nullo da parte di un giocatore avversario per pareggiare un fallo personale da parte di un arbitro contro l'avversario.[1] La mossa viene talvolta chiamata acting ("recitazione"). Poiché è intrinsecamente progettato per ingannare l'arbitro, il flop è generalmente considerato antisportivo. Tuttavia, è ampiamente praticato e persino perfezionato da molti giocatori professionisti. Il giocatore che commette l'atto viene definito flopper.

Effettuare il flop in modo efficace non è facile, soprattutto perché il contatto a contatto può talvolta provocare l'effetto opposto - un fallo chiamato sul giocatore difensivo - quando viene effettuato troppo contatto o se il giocatore non si è posizionato perfettamente. Inoltre, anche se nessun fallo viene chiamato su nessuno dei due giocatori, cadendo a terra, il difensore al flop si sarà messo fuori posizione per fornire un'ulteriore opposizione difensiva sul gioco, permettendo potenzialmente all'offesa di segnare facilmente. Provocare costantemente falli offensivi sugli avversari richiede un buon controllo del corpo e molta pratica.

La National Basketball Association (NBA) ha aggiunto una regola nel 1997 per ridurre il flop vicino al canestro, aggiungendo una "linea tratteggiata" di 1,2 metri attorno al centro del canestro per aiutare a prevenire i flop. Tali flop vengono addebitati come falli bloccanti o mancate chiamate. Nella stagione 2012-2013, il campionato ha iniziato a multare i giocatori colpevoli.

Nella NBA, la penalità per il "flop" è un fallo tecnico se scoperto durante una partita e una multa se scoperto dopo la partita nei video review. Nella FIBA, la penalità è un fallo tecnico che conta come uno dei due ai fini dell'espulsione.

NBA


Storia

L'NBA ha regolamentato il flop a partire dalla stagione 2012-2013. Ogni giocatore che flop durante la stagione regolare verrebbe inizialmente avvisato, seguito da multe con incrementi di $ 5.000 per ogni flop successivo durante la stagione. Le ammende aumenterebbero a $ 30.000 per un quinto reato, quando si considererebbe anche una sospensione.[2] Nei playoff, i giocatori vengono multati di $ 5.000 per la prima infrazione al flop, $ 10.000 per un secondo, $ 15.000 per un terzo e $ 30.000 per un quarto. Qualsiasi giocatore che flop cinque o più volte potrebbe essere sospeso.[3]

Note


  1. ^ Copia archiviata , su nba.com. URL consultato il 9 agosto 2019 (archiviato dall'url originale il 1º ottobre 2012).
  2. ^ espn.go.com, http://espn.go.com/nba/story/_/id/8457259/nba-establishes-new-anti-flopping-penalties-fine-players .
  3. ^ espn.go.com, http://espn.go.com/nba/playoffs/2013/story/_/id/9188148/2013-nba-playoffs-nba-fine-players-first-flop-playoffs .









Categorie: Terminologia cestistica




Data: 05.10.2021 03:32:10 CEST

Sorgente: Wikipedia (Autori [Cronologia])    Licenza: CC-BY-SA-3.0

Modifiche: Tutte le immagini e la maggior parte degli elementi di design correlati a questi sono stati rimossi. Alcune icone sono state sostituite da FontAwesome-Icons. Alcuni modelli sono stati rimossi (come "l'articolo ha bisogno di espansione) o assegnati (come" note "). Le classi CSS sono state rimosse o armonizzate.
Sono stati rimossi i collegamenti specifici di Wikipedia che non portano a un articolo o una categoria (come "Redlink", "collegamenti alla pagina di modifica", "collegamenti a portali"). Ogni collegamento esterno ha un'icona FontAwesome aggiuntiva. Oltre ad alcuni piccoli cambiamenti di design, sono stati rimossi i media container, le mappe, i box di navigazione, le versioni vocali e i geoformati.

Notare che Poiché il dato contenuto viene automaticamente prelevato da Wikipedia in un determinato momento, una verifica manuale è stata e non è possibile. Pertanto LinkFang.org non garantisce l'accuratezza e l'attualità del contenuto acquisito. Se ci sono informazioni che al momento sono sbagliate o che hanno una visualizzazione imprecisa, non esitate a Contattaci: e-mail.
Guarda anche: Impronta & Politica sulla riservatezza.