Fluorocromo


Con il termine fluoroforo (o fluorocromo) si indicano quelle molecole che, dopo avere assorbito fotoni di una certa lunghezza d'onda, esibiscono fluorescenza.[1] Esistono diversi tipi di fluorofori, caratterizzati da diversi spettri di assorbimento e di emissione.

Utilizzi


I fluorocromi vengono utilizzati in ambito biomedico (ad esempio il Patching and capping per la marcatura degli anticorpi). Tra questi particolarmente diffusi sono l'isotiocianato di fluoresceina, conosciuto anche con l'acronimo FITC, e l'isotiocianato di tetrametilrodamina (TRITC).

Note


  1. ^ (EN) fluorophore , definizione IUPAC Gold Book

Voci correlate











Categorie: Biotecnologie | Coloranti | Luminescenza




Data: 29.11.2020 12:51:16 CET

Sorgente: Wikipedia (Autori [Cronologia])    Licenza: CC-BY-SA-3.0

Modifiche: Tutte le immagini e la maggior parte degli elementi di design correlati a questi sono stati rimossi. Alcune icone sono state sostituite da FontAwesome-Icons. Alcuni modelli sono stati rimossi (come "l'articolo ha bisogno di espansione) o assegnati (come" note "). Le classi CSS sono state rimosse o armonizzate.
Sono stati rimossi i collegamenti specifici di Wikipedia che non portano a un articolo o una categoria (come "Redlink", "collegamenti alla pagina di modifica", "collegamenti a portali"). Ogni collegamento esterno ha un'icona FontAwesome aggiuntiva. Oltre ad alcuni piccoli cambiamenti di design, sono stati rimossi i media container, le mappe, i box di navigazione, le versioni vocali e i geoformati.

Notare che Poiché il dato contenuto viene automaticamente prelevato da Wikipedia in un determinato momento, una verifica manuale è stata e non è possibile. Pertanto LinkFang.org non garantisce l'accuratezza e l'attualità del contenuto acquisito. Se ci sono informazioni che al momento sono sbagliate o che hanno una visualizzazione imprecisa, non esitate a Contattaci: e-mail.
Guarda anche: Impronta & Politica sulla riservatezza.