Football Club København


FC København
Calcio
Byens Hold (Squadra della Città), Løverne (Leoni)
Segni distintivi
Uniformi di gara
Casa
Trasferta
Colori sociali Bianco
Simboli Leone
Dati societari
Città Copenaghen
Nazione  Danimarca
Confederazione UEFA
Federazione DBU
Campionato Superligaen
Fondazione 1992
Presidente Hans Munk Nielsen
Allenatore Jess Thorup
Stadio Parken
(38.065 posti)
Sito web www.fck.dk
Palmarès
Titoli nazionali 13 Campionati danesi
Trofei nazionali 8 Coppe di Danimarca
1 Coppa di Lega
3 Supercoppa di Danimarca
Trofei internazionali 2 Royal League
2 Coppa Ørestad
1 Coppa dei Re
Si invita a seguire il modello di voce

Il Football Club København, meglio noto come FC Copenhagen, o più semplicemente come Copenhagen, spesso abbreviato in FCK, è una società calcistica danese con sede nella città di Copenaghen. Tra le più importanti e note squadre del paese, milita nella Superligaen, la massima serie del campionato danese.

Fondata nel 1992 dalla fusione tra B 1903 e KB, due delle migliori squadre danesi di tutti i tempi, la squadra si è subito piazzata ai vertici del campionato nazionale, che ha vinto per 13 volte. Si è inoltre aggiudicata 8 Coppe di Danimarca, 3 Supercoppe di Danimarca e una Coppa di Lega.

A livello internazionale è stata ammessa per la prima volta alla fase a gironi della Champions League nel 2006-2007, sebbene la prima partecipazione alla massima competizione europea risalga al 1993-1994, quando il Copenaghen fu eliminato agli ottavi di finale dal Milan. Il club vanta inoltre numerose partecipazioni alla Coppa UEFA/Europa League.

Disputa le partite interne nello stadio Parken della capitale danese (38 065 posti). La rivalità più accesa è quella con il Brøndby.

Indice

Storia


Il Football Club København, nasce il 1º luglio 1992 dalla fusione tra il KB, squadra militante in 1. Division pur se vincitrice di quindici titoli danesi, e il B 1903, sette titoli in bacheca e un secondo posto appena ottenuto nella precedente edizione di Superligaen.

Il primo anno di vita del club si conclude con la vittoria del titolo danese 1992-1993. Nella stagione successiva il Copenaghen accede per la prima volta alla UEFA Champions League: qui supera il primo turno sconfiggendo per 4-0 ai tempi supplementari il Linfield, dopo che la partita di andata era terminata 3-0 in favore dei nordirlandesi. Il cammino dei danesi nella manifestazione si arresta agli ottavi di finale, dove il club della capitale viene eliminato dai campioni in carica del Milan, che vincono per 6-0 la partita di andata in Danimarca e per 1-0 il ritorno in Italia.

Il Copenaghen vince nel 1995 la Coppa di Danimarca, vittoria seguita due anni dopo dalla seconda affermazione nella manifestazione; tra i due trofei arriva anche la Supercoppa nazionale; in campionato però, nella seconda metà degli anni novanta la squadra non ottiene buoni piazzamenti. Partecipa comunque a tre edizioni della Coppa delle Coppe, senza mai superare gli ottavi di finale. Nell'estate del 2000 Roy Hodgson diviene l'allenatore del Copenaghen e nel campionato 2000-2001 guida i suoi alla vittoria del titolo; subito dopo, però, Hodgson lascia la squadra per trasferirsi all'Udinese.

Nel settembre 2001 il ruolo di allenatore della squadra viene affidato allo svedese Hans Backe, con il Copenaghen già eliminato dalla Lazio nel terzo turno preliminare dalla UEFA Champions League. Il cammino internazionale dei danesi prosegue comunque in Coppa UEFA: qui però, dopo aver eliminato tra gli altri l'Ajax, il Copenaghen termina la corsa ai sedicesimi, dove incontra i futuri finalisti del Borussia Dortmund. A fine stagione arriva il primo posto in campionato a pari punti col Brøndby; il titolo va tuttavia ai rivali.

La vittoria in campionato arriva comunque al termine della stagione 2002-2003, ma il cammino del Copenaghen nella successiva edizione di UEFA Champions League si arresta nuovamente ad un passo dalla fase a gironi: la squadra viene eliminata nel terzo turno preliminare dal Rangers. Ad ogni modo nella stagione 2003-2004 la squadra centra un double, vincendo sia la coppa nazionale sia il campionato; inoltre vince anche la Supercoppa di Danimarca.

Il rapporto tra Backe e il club si interrompe nel dicembre del 2005; viene poi assunto l'ex giocatore Ståle Solbakken come allenatore. L'ex centrocampista norvegese dovette interrompere bruscamente la carriera agonistica in seguito ad un attacco di cuore occorsogli durante un allenamento il 13 marzo 2001, proprio mentre era tesserato con il Copenaghen.[1] Sotto la sua guida il club si laurea campione di Danimarca per la quinta volta al termine della Superligaen 2005-2006, mentre nella stagione successiva la squadra si qualifica alla fase a gruppi della UEFA Champions League, sconfiggendo l'Ajax nel terzo turno preliminare. Inserito in un gruppo contenente anche Manchester United, Celtic e Benfica, il Copenaghen raccoglie sette punti, tutti ottenuti tra le mura amiche, portando a casa vittorie contro gli inglesi e gli scozzesi. I danesi vengono però eliminati insieme ai portoghesi, arrivando quarti per il bilancio sfavorevole negli scontri diretti con questi ultimi.

Tuttavia in campo nazionale i successi non mancano: alla fine della stagione 2006-2007 arriva il sesto titolo, seguito dal settimo due anni dopo; nella stagione 2008-2009 il Copenaghen ottiene inoltre un altro double. Le due esperienze in UEFA Champions League vengono sempre concluse all'ultimo turno prima dei gironi, con eliminazione nel primo caso contro il Benfica e nel secondo contro l'APOEL. Sempre in questi anni il Copenaghen partecipa per tre volte alla fase a gruppi della Coppa UEFA/Europa League, riuscendo a superarla nell'edizione 2008-2009 e in quella seguente; prima il Manchester City, poi l'Olimpique Marsiglia eliminano il Copenaghen ai sedicesimi in entrambe le edizioni.

Il Copenaghen si aggiudica il titolo, l'ottavo, anche nella stagione 2009-2010. Partecipa così alla UEFA Champions League 2010-2011: qui, dopo aver eliminato nei turni preliminari il BATĖ Borisov e il Rosenborg, la squadra si qualifica per la seconda volta alla fase a gironi della manifestazione. I danesi vengono inseriti nel gruppo D, insieme a Barcellona, Rubin Kazan e Panathīnaïkos. Vincono le prime due partite contro i russi e i greci ed ottengono in seguito un buon pareggio con gli spagnoli. Nell'ultima gara poi, grazie alla vittoria per 3-1 col Panathinaikos, il Copenaghen si qualifica agli ottavi di finale. I danesi incontrano poi i campioni d'Inghilterra del Chelsea e vengono eliminati, perdendo per 2-0 la partita di andata in Danimarca e pareggiando per 0-0 il ritorno a Londra. A fine stagione arriva il nono titolo, ma Solbakken lascia la panchina della squadra.

Con il nuovo allenatore Roland Nilsson il Copenaghen si appresta ad affrontare la stagione 2011-2012, che però non comincia nel migliore dei modi: la squadra subisce nuovamente l'eliminazione nei preliminari della UEFA Champions League ad opera del Viktoria Plzen; il cammino in Europa League si arresta invece alla fase a gruppi, dopo il terzo posto nel girone alle spalle di Standard Liegi ed Hannover 96, con una sola vittoria all'attivo. Durante la stagione si interrompe il rapporto tra Nilsson e la società, proprio quando la squadra è in testa alla classifica. A fine stagione arriva il secondo posto in campionato.

Per la stagione 2012-2013 la guida della squadra viene affidata a Ariël Jacobs, che guida i suoi alla vittoria del titolo nazionale. Il 21 agosto 2013, dopo l'esonero di Jacobs, la squadra viene affidata nuovamente a Solbakken, che firma un contratto biennale con un'opzione per altri due anni. La compagine della capitale danese è inserita nel gruppo B della UEFA Champions League 2013-2014 con Real Madrid, Juventus e Galatasaray Spor Kulübü. Termina il girone all'ultimo posto, ottenendo 4 punti (una vittoria e un pareggio casalinghi rispettivamente con Galatasaray Spor Kulübü e Juventus), facendo cadere anche la propria imbattibilità interna nella fase a gironi di Champions (a causa dello 0-2 subito dal Real Madrid all'ultima giornata). La stagione si conclude con il secondo posto in campionato ottenuto all'ultima giornata a spese del Midtjylland e la finale di Coppa di Danimarca 2013-2014, persa contro l'Aalborg.

Il secondo posto in campionato significa qualificazione alla UEFA Champions League 2014-2015: la squadra danese parte dal terzo turno preliminare. Qui affronta il Dnipro, squadra ucraina, con cui all'andata in Ucraina pareggia per 0-0, mentre al ritorno in Danimarca la formazione della capitale vince per 2-0 (gol di Andreas Cornelius e Bashkim Kadrii) e si qualifica ai play-off.[2] Contro i tedeschi del Bayer Leverkusen[3] perde per 3-2 in casa e per 4-0 a Leverkusen. Retrocesso in Europa League, il club danese viene inserito nel girone B con Torino, HJK Helsinki e Club Bruges.[4] Si piazza ultimo nel girone con 4 punti ed è eliminato. Nel campionato 2014-2015 conclude nuovamente al secondo posto, ma vince la Coppa di Danimarca battendo in finale il Vestsjælland per 3-1.

Nel 2015-2016, forte di sei nuovi acquisti, tra cui Kasper Kusk, il club supera i gallesi del Newtown nel secondo turno preliminare di Europa League, ma è eliminato dai cechi dello Jablonec nel terzo turno perdendo il ritorno in casa, malgrado la vittoria di misura nel match di andata in trasferta. Per la prima volta dopo dieci anni il club rimane dunque fuori dalla fase a gironi di Champions o Europa League. La stagione si chiude con la vittoria dell'undicesimo titolo nazionale, il primo dopo quattro anni, e di un'altra Coppa di Danimarca, grazie al successo per 2-1 in finale contro l'Aarhus. Nel 2016-2017 il Copenaghen realizza il secondo double consecutivo aggiudicandosi per la seconda volta consecutiva il titolo nazionale e per la terza volta consecutiva la Coppa di Danimarca, grazie alla vittoria per 3-1 in finale nel derby contro il Brøndby. Dopo il quarto posto del 2017-2018, la squadra torna ad aggiudicarsi il campionato nell'annata 2018-2019. A seguito della vittoria in campionato, prende parte alle qualificazioni della Champions League 2019-2020 battendo subito i gallesi del The New Saints per poi venire eliminato dalla Stella Rossa. Il club, quindi, affronta l'ultimo turno preliminare di Europa League 2019-2020 battendo il Rīga (vincendo 3-1 in Danimarca e perdendo 1-0 in Lettonia) ed approdando, così, nella fase a gironi con Malmö FF, Dinamo Kiev e Lugano; il club, concluso il girone al secondo posto, continua il percorso eliminando dapprima il Celtic (vincendo 3-1 in Scozia dopo aver pareggiato in casa) ed in seguito trovando una sconfitta per 1-0 in Turchia contro il Başakşehir. Tuttavia, a seguito della pandemia di COVID-19 che ha sospeso quasi tutte le competizioni sportive mondiali, il match di ritorno si è giocato nel mese di agosto a porte chiuse e ha visto il club danese ribaltare il punteggio sul 3-0, ottenendo per la prima volta nella sua storia il pass per i quarti di finale di una competizione UEFA. Verrà, successivamente eliminato ai quarti di finale, perdendo 1-0 ai tempi supplementari per un rigore, contro il più blasonato Manchester United. Durante la pausa delle competizioni europee, il club ha concluso la Superligaen 2019-2020 al secondo posto, giocando la seconda parte del campionato (così come in altre nazioni europee) dapprima a porte chiuse e, in seguito, con accesso contingentato ai tifosi a seguito delle norme anti COVID-19.

Il 10 ottobre 2020, dopo 7 anni, con un totale di 12 anni, considerando anche la prima esperienza, l allenatore Ståle Solbakken viene esonerato a causa della brutta partenza in Superligaen 2020-2021, che vedeva la squadra al nono posto con soli 4 punti, e dell'eliminazione ai play-off di UEFA Europa League. Nei suoi dodici anni di gestione, il Copenaghen ha vinto 7 campionati danesi e 4 Coppe di Danimarca, ha raggiunto un ottavo di finale di UEFA Champions League e un quarto di finale di UEFA Europa League. Per questi risultati è stato eletto dalla società il più grande allenatore della storia del Copenaghen.[5]

Cronistoria


Cronistoria del Football Club København
Sedicesimi di finale di Coppa UEFA.
Ottavi di finale di Champions League.
Trentaduesimi di finale di Coppa UEFA.
Vince la Coppa di Danimarca (1º titolo).
Vince la Supercoppa di Danimarca (1º titolo).
Sedicesimi di finale di Coppa delle Coppe.
Fase a gironi di Coppa Intertoto.
Vince la Coppa di Danimarca (2º titolo).
Ottavi di finale di Coppa delle Coppe.
Finalista di Coppa di Danimarca.
Ottavi di finale di Coppa delle Coppe.
Secondo turno in Coppa Intertoto.

  • 2000-01 Campione di Danimarca (II titolo).
  • 2001-02 • 2º in Superliga.
Vince la Supercoppa di Danimarca (2º titolo).
Terzo turno preliminare di Champions League.
Finalista di Coppa di Danimarca.
Sedicesimi di finale di Coppa UEFA.
  • 2002-03 Campione di Danimarca (III titolo).
Primo turno di Coppa UEFA.
  • 2003-04 Campione di Danimarca (IV titolo).
Vince la Supercoppa di Danimarca (3º titolo).
Vince la Coppa di Danimarca (3º titolo).
Terzo turno preliminare di Champions League.
Secondo turno di Coppa UEFA.
Secondo turno preliminare di Champions League.
  • 2005-06 Campione di Danimarca (V titolo).
Primo turno di Coppa UEFA.
  • 2006-07 Campione di Danimarca (VI titolo).
Fase a gironi di Champions League.
Finalista di Coppa di Danimarca.
Terzo turno preliminare di Champions League.
Fase a gironi di Coppa UEFA.
  • 2008-09 Campione di Danimarca (VII titolo).
Vince la Coppa di Danimarca (4º titolo).
Sedicesimi di finale di Coppa UEFA.
  • 2009-10 Campione di Danimarca (VIII titolo).
Play-off di Champions League.
Sedicesimi di finale di Europa League.

  • 2010-11 Campione di Danimarca (IX titolo).
Ottavi di finale di Champions League.
Vince la Coppa di Danimarca (5º titolo).
Play-off di Champions League.
Fase a gironi di Europa League.
  • 2012-13 Campione di Danimarca (X titolo).
Play-off di Champions League.
Fase a gironi di Europa League.
Finalista nella Coppa di Danimarca.
Fase a gironi di Champions League.
Vince la Coppa di Danimarca (6º titolo).
Play-off di Champions League.
Fase a gironi di Europa League.
  • 2015-16 Campione di Danimarca (XI titolo).
Vince la Coppa di Danimarca (7º titolo).
Terzo turno di Europa League.
  • 2016-17 Campione di Danimarca (XII titolo).
Vince la Coppa di Danimarca (8º titolo).
Fase a gironi di Champions League.
Ottavi di finale di Europa League.
Play-off di Champions League.
Sedicesimi di finale di Europa League.
  • 2018-19 Campione di Danimarca (XIII titolo).
Fase a gironi di Europa League.
Terzo turno preliminare di Champions League.
Quarti di finale di Europa League.

Play-off di Europa League.

Colori e simboli


Colori

I colori della divisa del Copenhagen sono il bianco, che è il dominante, e il blu.

Simboli ufficiali

Stemma

Il simbolo del Copenhagen è composto da un cerchio bianco con all'interno un leone stilizzato sulla destra, e la scritta "F.C. København".

Strutture


Stadio

Lo stesso argomento in dettaglio: Stadio Parken.

Dalla sua fondazione il club disputa le proprie gare interne nello Stadio Parken, conosciuto anche come Telia Parken, che si trova a Copenaghen e che può ospitare 38.065 spettatori.

Costruito sul terreno dove sorgeva l'Idrætsparken, che era utilizzato dal KB, nella sua storia ha ospitato anche la finale della Coppa delle Coppe 1993-1994, vinta 1-0 dall'Arsenal sul Parma, e la finale della Coppa UEFA 1999-2000, vinta ai calci di rigore dal Galatasaray sui Gunners.

Allenatori


Le singole voci sono elencate nella Categoria:Allenatori del F.C. København
Allenatori

Calciatori


Le singole voci sono elencate nella Categoria:Calciatori del F.C. København

Hall of fame

Hall of Fame

I giocatori sono stati scelti dai tifosi nel 2006[6]

Danimarca

Brasile

Isole Faroe

Finlandia

Norvegia

Sud Africa

Svezia

Palmarès


Competizioni nazionali

1992-1993, 2000-2001, 2002-2003, 2003-2004, 2005-2006, 2006-2007, 2008-2009, 2009-2010, 2010-2011, 2012-2013, 2015-2016, 2016-2017, 2018-2019
1994-1995, 1996-1997, 2003-2004, 2008-2009, 2011-2012, 2014-2015, 2015-2016, 2016-2017
1995, 2001, 2004
1996
2000, 2002
1994

Competizioni internazionali

2004-2005, 2005-2006
1992

Altri piazzamenti

Secondo posto: 1993-1994, 2001-2002, 2004-2005, 2011-2012, 2013-2014, 2014-2015, 2019-2020
Terzo posto: 1997-1998, 2007-2008, 2020-2021
Finalista: 1998, 2002, 2007, 2013-2014
Semifinalista: 2004-2005, 2007-2008
Secondo posto: 2006
Terzo posto: 2005
Finalista: 1997
Finalista: 2006-2007

Statistiche e record


Partecipazione ai campionati e ai tornei internazionali

Campionati nazionali

Avendo ereditato il titolo dal B 1903 il club esordisce direttamente nella Superligaen, la massima divisione del calcio danese, nella quale ha sempre militato. Nella sua storia il club ha conquistato tredici titoli nazionali, secondo dietro al KB da cui deriva.

Dalla nascita alla 2020-2021 compresa il club ha ottenuto le seguenti partecipazioni ai campionati nazionali:

Livello Categoria Partecipazioni Debutto Ultima stagione Totale
Superligaen 29 1992-1993 2020-2021 29

Tornei internazionali

Il risultato di maggior prestigio nelle competizioni europee è stato probabilmente il raggiungimento degli ottavi nella UEFA Champions League 2010-2011; partiti dai preliminari i danesi si qualificano per la fase a gruppi, concludendola al secondo posto alle spalle del Barcellona poi vincitore; sono poi eliminati dal Chelsea nel turno successivo. Un altro buon risultato è stato l'approdo ai quarti della UEFA Europa League 2019-2020, dove sono stati sconfitti dal Manchester Utd.

Alla stagione 2020-2021 il club ha ottenuto le seguenti partecipazioni ai tornei internazionali[7]:

Categoria Partecipazioni Debutto Ultima stagione
UEFA Champions League 15 1993-1994 2019-2020
Coppa delle Coppe 3 1995-1996 1998-1999
Coppa UEFA/UEFA Europa League 18 1992-1993 2020-2021
Coppa Intertoto 2 1996 1999

Statistiche individuali

Il giocatore con più presenze nelle competizioni europee è William Kvist a quota 73, mentre il miglior marcatore è Dame N'Doye con 16 gol[7].

Statistiche di squadra

A livello internazionale la miglior vittoria è per 7-0, ottenuta contro il Cliftonville nel primo turno preliminare della Coppa UEFA 2008-2009, mentre la peggior sconfitta è per 6-0, subito contro il Milan negli ottavi della UEFA Champions League 1993-1994[7].

Tifoseria


Il Copenaghen è la squadra più tifata in Danimarca, e il suo Fan Club il 1º marzo 2009 contava oltre 20.000 iscritti, anche se va considerato che nel marzo 2007 erano più di 21.000. I tifosi di questa squadra hanno ottimi rapporti con quelli di Amburgo ed Helsingborgs IF.

Organico


Rosa 2020-2021

Aggiornata al 26 febbraio 2021.

N. Ruolo Giocatore
1 P Stephan Andersen
4 D Victor Nelsson
5 D Andreas Bjelland
6 C Jens Stage
7 A Viktor Fischer
8 C Nicolaj Thomsen
9 A Kamil Wilczek
10 C Zeca (capitano)
11 A Mohamed Daramy
12 C Lukas Lerager
13 P Sten Grytebust
16 C Pep Biel
17 D Karlo Bartolec
19 D Bryan Oviedo
N. Ruolo Giocatore
20 D Nicolai Boilesen
21 P Karl-Johan Johnsson
22 D Peter Ankersen
23 A Jonas Wind
25 D Zanka
26 D Marios Oikonomou
28 A Mustapha Bundu
29 A Mikkel Kaufmann
33 C Rasmus Falk Jensen
34 D Victor Kristiansen
35 C Marko Stamenic
42 A William Bøving
45 A Rasmus Højlund

Note


  1. ^ (EN) solbakken , www.home.no.
  2. ^ (DA) Fremragende præstation sikrer avancement , fck.dk, 6 agosto 2014. URL consultato il 7 agosto 2014.
  3. ^ Duro test per Napoli e Porto , it.uefa.com, 8 agosto 2014. URL consultato l'8 agosto 2014.
  4. ^ Sorteggio ok per il quartetto italiano , it.uefa.com, 29 agosto 2014. URL consultato il 9 settembre 2014.
  5. ^ (DA) Ståle Solbakken er færdig i FC København , dr.dk. URL consultato il 10 ottobre 2020.
  6. ^ De 25 største FCK-profiler , F.C. Copenhagen (archiviato dall'url originale il 24 novembre 2011).
  7. ^ a b c Copia archiviata , su uefa.com. URL consultato il 28 marzo 2021 (archiviato dall'url originale il 18 giugno 2017).

Altri progetti


Collegamenti esterni


Controllo di autoritàVIAF (EN9328149296259180670005  · LCCN (ENn2018058108  · WorldCat Identities (ENlccn-n2018058108









Categorie: F.C. København




Data: 20.06.2021 07:12:59 CEST

Sorgente: Wikipedia (Autori [Cronologia])    Licenza: CC-BY-SA-3.0

Modifiche: Tutte le immagini e la maggior parte degli elementi di design correlati a questi sono stati rimossi. Alcune icone sono state sostituite da FontAwesome-Icons. Alcuni modelli sono stati rimossi (come "l'articolo ha bisogno di espansione) o assegnati (come" note "). Le classi CSS sono state rimosse o armonizzate.
Sono stati rimossi i collegamenti specifici di Wikipedia che non portano a un articolo o una categoria (come "Redlink", "collegamenti alla pagina di modifica", "collegamenti a portali"). Ogni collegamento esterno ha un'icona FontAwesome aggiuntiva. Oltre ad alcuni piccoli cambiamenti di design, sono stati rimossi i media container, le mappe, i box di navigazione, le versioni vocali e i geoformati.

Notare che Poiché il dato contenuto viene automaticamente prelevato da Wikipedia in un determinato momento, una verifica manuale è stata e non è possibile. Pertanto LinkFang.org non garantisce l'accuratezza e l'attualità del contenuto acquisito. Se ci sono informazioni che al momento sono sbagliate o che hanno una visualizzazione imprecisa, non esitate a Contattaci: e-mail.
Guarda anche: Impronta & Politica sulla riservatezza.