Francesco D'Alconzo - it.LinkFang.org

Francesco D'Alconzo




Francesco D'Alconzo (Campomaggiore, 13 settembre 1960) è un pittore e scultore italiano.


Indice

Biografia


D'Alconzo si trasferisce giovanissimo a Oggiono (LC) dove, nella bottega del maestro Maccari, inizia ad apprendere i segreti della scultura e del disegno.

Dopo un breve periodo lavorativo trascorso in Svizzera, l'artista si reca poi in Germania, a Heidelberg, dove risiede e realizza le sue opere.

Nel luglio 2008 l'artista partecipa a Milano alla sua prima personale, "Francesco D'Alconzo"; nel 2009, invece, D'Alconzo è presente alla 53ª edizione della Biennale di Venezia nel Padiglione Nazionale della Repubblica di Costa Rica[1], a cura di Gregorio Rossi, e allestitito all'Università Cà Foscari (catalogo del Padiglione edizioni Allemandi); nel 2011 espone alla prima edizione di “Symphonie de Couleurs” allestita a Palazzo Pesaro Papafava (VE) con catalogo edito da Giorgio Grasso; nello stesso anno realizza la scultura "Crocifissione", in legno e ferro, collocata in un'altura che domina il lago di Como.

Nel 2013 Francesco D'Alconzo espone a Palazzo Merati (VE) alla mostra "Tra astratto e figurativo alla scoperta del terzo millennio", nel 2014 è scelto dal critico e storico dell'arte Gregorio Rossi per la Collezione Permanente del Museo di Arte Contemporanea italiana in America (MACIA), dove si rappresenta l'arte italiana all'estero.

2015, a Palazzo Bollani (VE), l'artista presenta le sue opere a "Il Grande Canale della Pace - artisti contro la guerra"[2], esposizione internazionale con testimonial il Premio Nobel Dario Fo.

Nel 2016, Roma, nel Complesso Museale di Villa Panfili, villino Corsini, Francesco D'Alconzo espone nuovamente alla replica de "Il Grande Canale della Pace - artisti contro la guerra". Nello stesso anno, a Roma, MACRO Testaccio, la mostra Internazionale "Tattoo Forever" ospita D'Alconzo nella sezione Arte Contemporanea.

Dopo anni di continua sperimentazione, D'Alconzo giunge alla stesura del suo manifesto, pubblicato in anteprima nell'agosto 2019 sulla rivista di settore Art&trA[3], e in cui si riassume il suo innovativo stilema.

Nei mesi di settembre e ottobre 2019, D'Alconzo è presente a Venezia a Palazzo Merati alla terza edizione della Mostra “Symphonie de Couleurs” nel Circuito Biennale.

Arte sacra


Durante la sua carriera artistica, D'Alconzo affronta un delicato quanto profondo percorso spirituale che lo guida attraverso una ricerca meticolosa del senso della sofferenza e del suo legame col divino. È in questi anni (dal 2000 in poi) che l'artista da vita ad alcune delle sue opere più intense, attualmente presenti in diversi luoghi di culto cristiano d'Europa. Tra queste si ricordano:

La cerniera, il cursore dell'idea


La pubblicazione del manifesto di D'Alconzo contiene in sé tutta la filosofia artistica e il percorso di vita dell'autore. Simbolo dello stilema dalconziano è la cerniera, intesa come chiusura/apertura verso il mondo interiore. Non si tratta tuttavia di una "cerniera" così come la si intende, bensì di questo accessorio privato del suo cursore, dove il cursore è l'osservatore stesso che diventa il tramite attivo verso la sua introspezione, una scoperta del proprio "io" che avviene anche attraverso quel collegamento con Dio, il cursore stesso tra la sofferenza e il senso della vita. Alla base di tutta la concezione artistica di D'Alconzo vi è tuttavia un'innovazione ben più all'avanguardia, sebbene conosciuta già nel Rinascimento, ovvero il "concetto di bottega"[4].

Diversi artigiani specializzati in settori differenti dell'arte che collaborano tutti insieme (e che non necessariamente si conoscono fra loro) alla realizzazione di un'idea, quella del loro maestro che li dirige per raggiungere un fine comune: l'opera d'arte.

Citazioni


"Per poterla ritenere un capolavoro,

un'opera d'arte deve essere supremo parto dell'ingegno

e non soggetta al mutamento dei tempi"...[5]

Galleria d'immagini


Note


Collegamenti esterni










Categorie: Pittori italiani | Scultori italiani | Nati nel 1960 | Nati il 13 settembre | Nati a Campomaggiore








Data: 21.05.2020 09:17:44 CEST

Sorgente: Wikipedia (Autori [Cronologia])    Licenza: CC-by-sa-3.0

Modifiche: Tutte le immagini e la maggior parte degli elementi di design correlati a questi sono stati rimossi. Alcune icone sono state sostituite da FontAwesome-Icons. Alcuni modelli sono stati rimossi (come "l'articolo ha bisogno di espansione) o assegnati (come" note "). Le classi CSS sono state rimosse o armonizzate.
Sono stati rimossi i collegamenti specifici di Wikipedia che non portano a un articolo o una categoria (come "Redlink", "collegamenti alla pagina di modifica", "collegamenti a portali"). Ogni collegamento esterno ha un'icona FontAwesome aggiuntiva. Oltre ad alcuni piccoli cambiamenti di design, sono stati rimossi i media container, le mappe, i box di navigazione, le versioni vocali e i geoformati.

Notare che Poiché il dato contenuto viene automaticamente prelevato da Wikipedia in un determinato momento, una verifica manuale è stata e non è possibile. Pertanto LinkFang.org non garantisce l'accuratezza e l'attualità del contenuto acquisito. Se ci sono informazioni che al momento sono sbagliate o che hanno una visualizzazione imprecisa, non esitate a Contattaci: e-mail.
Guarda anche: Impronta & Politica sulla riservatezza.