Gand


Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Gand (disambigua).
Gand
comune
(NL) Gent
(FR) Gand
Localizzazione
Stato Belgio
Regione Fiandre
Provincia Fiandre Orientali
ArrondissementGand
Amministrazione
SindacoMathias De Clercq
Territorio
Coordinate
Superficie156,18 km²
Abitanti262 219 (1-1-2019)
Densità1 678,95 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postaleda 9000 a 9052
Prefisso09
Fuso orarioUTC+1
Codice INS44021
Cartografia
Sito istituzionale

Gand[1][2] /gɑ̃/ (in olandese Gent,[3] pronunciato /ɣɛnt/ in lingua standard; /ʝɛnt/ nella variante fiamminga, in italiano storico Guanto), è una città del Belgio, capoluogo delle Fiandre Orientali.

Si estende su una superficie di 156,18 km², e al 1º gennaio 2019 contava 262.219 abitanti, il che ne faceva la terza città più popolata del Belgio. Gand fu la capitale dell'antica contea delle Fiandre, spesso rivale di Bruges, e città natale di Carlo V. Importante nodo ferroviario, dispone anche di un porto fluviale che, attraverso una serie di canali, si collega al Mare del Nord. Il motto della città è in latino Fides et amor, fedeltà e amore. Il dialetto locale «Gantois» è uno dei più tipici in Belgio.

Indice

Storia


Lo stesso argomento in dettaglio: Storia di Gand.

Le origini e il Medioevo

Il nome "Gand" deriva dal celtico Ganda, che significa "confluente", in quanto è situata alla confluenza dei fiumi Leie e Schelda.

Gand fu uno degli ultimi avamposti del Paganesimo nelle Gallie, tuttavia, all'inizio del VII secolo, Sant'Amando vi fondò due abbazie, quella di San Pietro nel 625 e quella di San Bavone nel 650, attorno alle quali si svilupparono subito dei villaggi.

I Vichinghi occuparono e distrussero più volte Gand e la regione circostante nell'851-852 e fra l'879 e l'883, finché vennero definitivamente fermati nell'autunno dell'891.

All'inizio del X secolo, Arnolfo I di Fiandra costruì una prima fortezza in pietra al posto dell'attuale Castello dei conti di Fiandra, alla confluenza dei due fiumi e ben presto attorno alla fortezza e lungo il fiume Leie (oggi il Graslei) crebbe un villaggio, l'Oudburg, il nucleo più antico da cui si sviluppò la città di Gand. Gand si trovava in un territorio paludoso, causato dai numerosi straripamenti dei due fiumi, Leie e Schelda. Fu intrapresa una intensa opera di bonifica dei terreni circostanti con canalizzazione di acque fluviali e pluviali, creando così le condizioni per l'impianto di mulini ad acqua i quali fornivano la forza motrice per le esigenze dell'industria tessile del lino e della lana.

A partire dall'anno 1000 lo sviluppo di Gand fu inarrestabile e in continua ascesa, tanto che divenne, fino al 1550, la più popolosa città dei Paesi Bassi e una delle maggiori d'Europa, arrivando fino ad avere, nel XIV secolo, oltre 60 000 abitanti[4]. Era più grande di Londra, Colonia e Mosca. Escludendo l'Italia c'era soltanto Parigi, con i suoi 100 000 abitanti, ad avere una popolazione maggiore, tanto che divenne famosa la frase che pronunciò l'imperatore Carlo V, nativo di Gand, che disse:

(FR)

«Je mettrai Paris dans mon Gant/-d»

(IT)

«Metterò Parigi nel mio Guanto»

(Carlo V d'Asburgo)

dove guanto (gant) con il gioco di trascrizione sta per Gand.

Nel 1180 Filippo d'Alsazia, conte di Fiandra, ricostruì il Castello di Gand, trasformando la città nella capitale delle Fiandre.

I comuni delle Fiandre, guidati dai ricchi mercanti, si trovarono dall'anno 1300 soggetti al dominio di Filippo IV il Bello, re di Francia, il quale aveva inviato una grande forza di occupazione per mantenere la sua sovranità sulla ricca regione, finché, nel 1302 i francesi, dopo aver subito il massacro della loro guarnigione a Bruges da contadini fiamminghi ribellatisi, furono sconfitti a Courtrai, nella Battaglia degli speroni d'oro, dai comuni fiamminghi Intanto, a seguito dell'intenso interscambio di materia prima con prodotti tessili finiti, i rapporti con l'Inghilterra divennero così stretti che il cittadino Giovanni di Gand divenne primo Duca di Lancaster.

Chiamato dal conte filo-francese Luigi I di Fiandra, Filippo VI di Francia intervenne con il suo esercito e schiacciò le città fiamminghe rivoltose a Cassel nel 1328. Luigi I giunse al punto di costringere i sudditi fiamminghi a combattere contro le navi di Edoardo III d'Inghilterra. Tuttavia i cittadini di Gand elessero loro borgomastro nel 1337 Jacob van Artevelde, figlio di una potente famiglia mercantile cittadina, che respinse l'11 aprile 1338 l'armata reale. Grazie a questo evento Artevelde acquisì un gran potere in città fondando nel 1338[5] un concilio di cinque Capitani (Audiëntie) di cui egli era il leader, in un regime semi-dittatoriale.[6]. Nel 1339 creò un'alleanza fra le tre città di Gand, Ipro e Bruges, dette i Tre Membri, che costrinse alla fuga il conte dai suoi territori[7] Furono proprio i Capitani di Gand a persuadere Edoardo III di Inghilterra a rivendicare il trono di Francia[5]; infatti proprio a Gand, l'8 febbraio 1340, Edoardo III si proclamò re di Francia. Ciò guadagnò alle Fiandre privilegi e concessioni economiche[5].

Una nuova ribellione fiamminga, organizzata dalla città di Gand, venne soffocata dal conte Luigi II di Fiandra e dal re di Francia nel gennaio del 1349, cui seguirono 30 anni di pace e prosperità durante i quali la città si rafforzò ulteriormente.

Nel 1360 ritornò a Gand, dopo la fuga in Inghilterra, Filips van Artevelde, figlio di Jacob, che rientrò subito in politica. Nel 1379, i tessitori di Gand si ribellarono nuovamente, mentre Bruges rimase fedele al conte, che pose il suo quartier generale proprio in quella città. Gand si affidò alla guida di Filips, che dopo il fallimento delle trattative attaccò Bruges, sconfisse Luigi II in campo aperto e conquistò la città nel maggio del 1382.

Tuttavia il re francese, alleato ora con il duca di Borgogna, sconfisse i fiamminghi nella Battaglia di Roosebeke nel novembre del 1382, ripristinando il dominio di Luigi II.

Nel 1385 Gand cedette alle pressioni francesi e, in cambio di un'amnistia, accettò il ritorno al potere dei conti di Fiandra e rinunciò all'alleanza con gli inglesi.

Nel 1407 la sede del Consiglio delle Fiandre, la più alta giurisdizione della contea, venne trasferita da Bruges a Gand.

Rinascimento ed età moderna

Il 24 febbraio del 1500 Giovanna di Castiglia diede alla luce, in città, il figlio Carlo, futuro imperatore del Sacro Romano Impero e re di Spagna, contro il quale anni dopo i cittadini di Gand si ribellarono. La rivolta, sviluppatasi fra il 1549 e il 1550, fu soffocata da Carlo V nel sangue. Inoltre essa perdette tutti i privilegi civici che aveva accumulato nel tempo. L'avvento del protestantesimo, in particolare del calvinismo, vide l'intervento spagnolo nelle Fiandre, al quale si ribellarono le città dei Paesi Bassi, che l'8 novembre 1576, a Gand, strinsero un'alleanza fra le Diciassette Province dei Paesi Bassi (Pacificazione di Gand), accordandosi per il mantenimento della tolleranza religiosa e per il proseguimento comune della lotta contro le forze spagnole ammutinate presenti nella regione. Nel 1577 i calvinisti radicali presero il potere e fecero di Gand una Repubblica calvinista, nella quale i cattolici vennero sistematicamente perseguitati e numerosi furono gli atti di iconoclastia. Il 23 gennaio 1579 Gand aderì all'Unione di Utrecht, promossa da Guglielmo d'Orange, e nel 1581, assieme al resto delle Fiandre, siglò l'Atto di abiura, ovvero la dichiarazione ufficiale di indipendenza dei Paesi Bassi dalla Spagna di Filippo II. Quest'ultimo reagì inviando nella regione Alessandro Farnese, duca di Parma e già vincitore di Lepanto, che grazie a duri assedi e all'abilità diplomatica, riprese a una a una tutte le città delle Fiandre, tra cui anche Gand (17 settembre 1584), ponendo termine al predominio protestante e restaurando definitivamente in tutta la regione la sovranità spagnola e, con essa, la religione cattolica.

Il ritorno degli spagnoli significò per tutte le Fiandre, Gand inclusa, un lungo periodo di decadenza, dacché le attività mercantili che avevano fatto la sua fortuna si spostarono più a nord, nella Repubblica delle Sette Province Unite, laddove la ribellione aveva avuto successo e che rimase indipendente e di fede protestante. La crisi divenne ancor più drammatica con la pace di Vestfalia (1648), che privò la città (così come l'antica rivale Anversa) di uno sbocco diretto al mare, solo parzialmente alleviata dall'apertura del canale verso Bruges. A quell'epoca, la popolazione si era ridotta a soli 30.000 abitanti, metà di quella dei tempi d'oro.

Nella seconda metà del XVII secolo i Paesi Bassi spagnoli finirono nelle mire del re di Francia Luigi XIV, venendo invasi a più riprese dalle armate francesi. In particolare, all'inizio del 1678 la città di Gand venne assediata e conquistata dalle truppe francesi del maresciallo di Francia Vauban,[8] ma con il Trattato di Nimega la città tornò alla Spagna.

Durante la Guerra di successione spagnola (1700-1714), il controllo di Gand passò di mano più volte: occupata dagli anglo-olandesi nel 1706, si ribellò nell'estate del 1708, tornando sotto controllo borbonico, ma venne definitivamente ripresa dagli alleati alla fine dello stesso anno. Come risultato, al termine della guerra Gand passò, con il resto dei Paesi Bassi (ex) spagnoli, all'Austria, ma non migliorò la propria posizione, poiché anche gli Asburgo austriaci, come prima i cugini spagnoli, non dimostrarono molto interesse per la regione.

Il dominio austriaco fu inframmezzato da brevi occupazioni francesi, come durante la Guerra di successione austriaca, quando due mesi dopo la vittoria francese della Battaglia di Fontenoy, Gand venne presa dai francesi l'11 luglio 1745, per essere restituita all'Austria al termine della guerra.

Il malcontento popolare nei confronti del governo liberale e centralizzatore di Giuseppe II e il successo della rivoluzione in Francia e a Liegi portarono, tra il 13 e il 17 novembre del 1789, all'Insurrezione di Gand, quando una rivolta urbana costrinse la nutrita guarnigione imperiale a evacuare la città; la vittoria dei ribelli fu alla base di un nuovo tentativo indipendentista dopo quello del XVI secolo, con la proclamazione degli Stati Belgi Uniti, ma come allora gli Asburgo riuscirono a riprendere il controllo della situazione già alla fine del 1790.

Il dominio asburgico comunque era agli sgoccioli; dopo la battaglia di Fleurus (26 giugno 1794), gli austriaci, sorprendentemente sconfitti, lasciarono tutta la regione nelle mani dei vittoriosi rivoluzionari francesi, nelle quali restò per tutto il periodo napoleonico. Gand divenne capitale del dipartimento della Schelda (Escaut), ritrovando l'accesso diretto al mare perduto più di due secoli prima.

Nel frattempo, già dalla metà del XVIII secolo Gand poté assistere finalmente a una ripresa economica della sua industria tessile, ritornando a essere la più grande città del Belgio fino alla carestia del 1845-48. In particolare, alla fine del XVIII secolo, Gand, divenne la prima città industrializzata di terraferma e nel 1800 l'ingegnere Lieven Bauwens installò a Gand il Mule Jenny, la prima macchina tessile industriale del continente, secondo disegni copiati in Inghilterra, che la poterà a essere, nella seconda metà del XIX secolo, la principale città tessile della lana dei Paesi Bassi, la più grande fabbrica di lino dell'Europa occidentale, e la prima città industriale in terraferma per il cotone, meritandogli il nome di "Manchester del Continente".

Il 24 dicembre 1814 venne firmato in città il Trattato di Gand, che pose fine alla Guerra anglo-americana del 1812 fra gli Stati Uniti e il Regno Unito. Durante i Cento giorni, il re Luigi XVIII di Francia si rifugiò a Gand, che le meriterà l'appellativo satirico di Notre Père de Gand.

Dopo la disfatta di Napoleone Bonaparte nella Battaglia di Waterloo del 18 giugno 1815 e il conseguente Congresso di Vienna, Gand e i vecchi Paesi Bassi meridionali entrarono a far parte nel 1816 del Regno Unito dei Paesi Bassi. L'autorità olandese aprì in città una propria università nel 1817 e la fece ridivenire un porto marittimo, grazie all'apertura del canale Gand-Terneuzen nel 1827.

Tuttavia, con lo scoppio della rivoluzione belga (1830) la città di Gand dovette soffrire nuovamente il blocco dell'accesso al mare per una decina di anni, con gravi conseguenze economiche.

Il primo sindacato belga venne fondato nel 1857 a Gand. Nel 1913, la città fu sede di un'esposizione universale, in occasione della quale venne edificata la stazione ferroviaria di Sint-Pieters (San Pietro).

Gand fu occupata dai tedeschi in entrambe le guerre mondiali, ma fortunatamente si salvò dalle gravi distruzioni. Fu liberata dagli inglesi della 7ª Divisione corazzata il 6 settembre 1944.

Monumenti e luoghi d'interesse


Monumenti civili

Monumenti religiosi

Il cimitero si trova su una collina sulla quale Sant'Amando avrebbe predicato nel VII secolo, con alla sua punta più alto la tarda cappella barocca di Sant'Amando (1720) e gli alberi che erano già presenti al primo funerale nel 1847 del benefattore Marie de Hemptinne.

Clima


Gand[10] Mesi Stagioni Anno
Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic InvPriEst Aut
T. max. mediaC) 4,96,19,312,917,020,121,521,519,415,09,46,15,713,121,014,613,6
T. min. mediaC) 0,41,02,75,38,611,513,213,411,78,44,31,61,05,512,78,16,8
Precipitazioni (mm) 625058475665686764737470182161200211754

Musei


Geografia antropica


Suddivisioni amministrative

Il comune di Gand è costituito dai seguenti distretti:

Sport


Calcio

La città è sede del Koninklijke Atletiek Associatie Gent, vincitore di un campionato e tre coppe nazionali.

Ciclismo

La città è famosa per essere la piazza di partenza della Gand-Wevelgem, importante classica del ciottolato di ciclismo su strada.

Football americano

La città è sede dei Ghent Gators, campioni nazionali nel 2014

Infrastrutture e trasporti


Lo stesso argomento in dettaglio: Servizio ferroviario suburbano di Gand.

Il trasporto pubblico cittadino è gestito dalla De Lijn e prevede anche una rete tranviaria composta da 4 linee. Lo scalo ferroviario principale è la stazione di Gent-Sint-Pieters.

Note


  1. ^ Cfr. "Gand " nell'enciclopedia Sapere.
  2. ^ Cfr. "Gand" in Sandro Toniolo, Principali esonimi italiani di elementi geografici europei Archiviato il 26 settembre 2017 in Internet Archive., in L'universo, anno LXXXI (2001), n. 2, Istituto geografico militare, Firenze, p. 10.
  3. ^ Zanichelli Dinucci
  4. ^ Sito dell'Ufficio turistico di Gand , su visitgent.be. URL consultato l'11 novembre 2012 (archiviato dall'url originale il 22 novembre 2012).
  5. ^ a b c Storia della borghesia in Francia. Dalle origini all'inizio dell'età moderna di Régine Pernoud , su books.google.com. URL consultato il 13 marzo 2011. su Google Libri
  6. ^ Flanders and Hainault: Early forms of democracy , su paulbuddehistory.com. URL consultato il 13 marzo 2011.
  7. ^ Lo stato presente di tutti i paesi e popoli del mondo naturale (...) , su books.google.com. URL consultato il 13 marzo 2011. di Thomas Salmon su Google Libri
  8. ^ (FR) Martin Barros, Nicole Salat e Thierry Sarmant: Vauban - L'intelligence du territoire. Ed. Nicolas Chaudun e "Service historique de l'armée", Parigi, 2006. ISBN 2-35039-028-4, p 167
  9. ^ (NL) Copia archiviata , su beschermingen.onroerenderfgoed.be. URL consultato il 18 novembre 2012 (archiviato dall'url originale l'8 dicembre 2015).
  10. ^ https://it.climate-data.org/location/6350/

Bibliografia


Voci correlate


Altri progetti


Collegamenti esterni


Controllo di autoritàVIAF (EN234569924  · LCCN (ENn79021344  · GND (DE4020176-4  · BNF (FRcb11949424z (data)  · WorldCat Identities (ENviaf-234569924









Categorie: Gand




Data: 19.06.2021 09:29:25 CEST

Sorgente: Wikipedia (Autori [Cronologia])    Licenza: CC-BY-SA-3.0

Modifiche: Tutte le immagini e la maggior parte degli elementi di design correlati a questi sono stati rimossi. Alcune icone sono state sostituite da FontAwesome-Icons. Alcuni modelli sono stati rimossi (come "l'articolo ha bisogno di espansione) o assegnati (come" note "). Le classi CSS sono state rimosse o armonizzate.
Sono stati rimossi i collegamenti specifici di Wikipedia che non portano a un articolo o una categoria (come "Redlink", "collegamenti alla pagina di modifica", "collegamenti a portali"). Ogni collegamento esterno ha un'icona FontAwesome aggiuntiva. Oltre ad alcuni piccoli cambiamenti di design, sono stati rimossi i media container, le mappe, i box di navigazione, le versioni vocali e i geoformati.

Notare che Poiché il dato contenuto viene automaticamente prelevato da Wikipedia in un determinato momento, una verifica manuale è stata e non è possibile. Pertanto LinkFang.org non garantisce l'accuratezza e l'attualità del contenuto acquisito. Se ci sono informazioni che al momento sono sbagliate o che hanno una visualizzazione imprecisa, non esitate a Contattaci: e-mail.
Guarda anche: Impronta & Politica sulla riservatezza.