Giacomo di Castiglia


Giacomo di Castiglia (1267Orgaz, 9 agosto 1284) fu un principe castigliano, signore di Cameros e re di Murcia.

Indice

Biografia


Era figlio del re Alfonso X di Castiglia e della principessa Violante d'Aragona.

Il 17 febbraio 1281 fu nominato cavaliere dal padre a Burgos e con i fratelli Giovanni e Pietro di Castiglia giurò fedeltà alla corona[1].

Ricevette nel 1277 la signoria di Cameros da suo padre, dopo l'esecuzione capitale del precedente signore Simon Ruiz avvenuta insieme all'infante Federico di Castiglia, zio paterno di Giacomo.

Quando la guerra civile iniziò nel regno di Castiglia e Leon tra Alfonso X il Saggio e il figlio Sancho Giacomo prese dapprima le parti del fratello maggiore ma nel marzo 1283 tornò al servizio di suo padre[2].

Nel 1283 in collaborazione con Juan Alfonso de Haro fomentò la rivolta delle città di Soria e Ágreda contro suo fratello l'Infante Sancio che aveva temporaneamente preso il trono di loro padre.[2] Alfonso X, come ricompensa per il servizio prestato ancora una volta, diede a Giacomo per testamento il regno di Murcia, a condizione che si considerasse vassallo del regno di Castiglia e Leon[3]. Giacomo però morì prima di entrarne in possesso nel 1284[4].

Ascendenza


Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Alfonso IX di León Ferdinando II di León  
 
Urraca del Portogallo  
Ferdinando III di Castiglia  
Berenguela di Castiglia Alfonso VIII di Castiglia  
 
Leonora d'Aquitania  
Alfonso X di Castiglia  
Filippo di Svevia Federico Barbarossa  
 
Beatrice di Borgogna  
Beatrice di Svevia  
Irene Angelo Isacco II Angelo  
 
Irene  
Giacomo di Castiglia  
Pietro II d'Aragona Alfonso II d'Aragona  
 
Sancha di Castiglia  
Giacomo I d'Aragona  
Maria di Montpellier Guglielmo VIII di Montpellier  
 
Eudocia Comnena  
Violante d'Aragona  
Andrea II d'Ungheria Bela III d'Ungheria  
 
Agnese di Chatillon  
Iolanda d'Ungheria  
Iolanda di Courtenay Pietro II di Courtenay  
 
Iolanda di Fiandra  
 

Note


  1. ^ (ES) González Jiménez, Manuel (octubre de 2004). «XII». Alfonso X el Sabio (1ª edición). Barcelona: Editorial Ariel S. A.. ISBN 84-344-6758-5. p. 340.
  2. ^ a b (ES) Manuel González Jiménez, (octubre de 2004). «XII». Alfonso X el Sabio (1ª edición). Barcelona: Editorial Ariel S. A.. ISBN 84-344-6758-5 p. 355.
  3. ^ (ES) Gaspar Ibañez de Segovia Peralta y Mendoza, Marqués de Mondejar (1777). «XVIII». En Joachin Ibarra. Memorias historicas del Rei D. Alonso el Sabio i observaciones a su chronica. Madrid. pp. 535. http://books.google.es/books?id=NCkE93FlcSQC&printsec=frontcover&source=gbs_v2_summary_r&cad=0#v=onepage&q=&f=false.
  4. ^ Castile

Bibliografia


in lingua spagnola salvo diverso avviso

Voci correlate











Categorie: Nati nel 1267 | Morti nel 1284 | Morti il 9 agosto | Morti a Orgaz | Anscarici




Data: 13.05.2021 08:34:55 CEST

Sorgente: Wikipedia (Autori [Cronologia])    Licenza: CC-BY-SA-3.0

Modifiche: Tutte le immagini e la maggior parte degli elementi di design correlati a questi sono stati rimossi. Alcune icone sono state sostituite da FontAwesome-Icons. Alcuni modelli sono stati rimossi (come "l'articolo ha bisogno di espansione) o assegnati (come" note "). Le classi CSS sono state rimosse o armonizzate.
Sono stati rimossi i collegamenti specifici di Wikipedia che non portano a un articolo o una categoria (come "Redlink", "collegamenti alla pagina di modifica", "collegamenti a portali"). Ogni collegamento esterno ha un'icona FontAwesome aggiuntiva. Oltre ad alcuni piccoli cambiamenti di design, sono stati rimossi i media container, le mappe, i box di navigazione, le versioni vocali e i geoformati.

Notare che Poiché il dato contenuto viene automaticamente prelevato da Wikipedia in un determinato momento, una verifica manuale è stata e non è possibile. Pertanto LinkFang.org non garantisce l'accuratezza e l'attualità del contenuto acquisito. Se ci sono informazioni che al momento sono sbagliate o che hanno una visualizzazione imprecisa, non esitate a Contattaci: e-mail.
Guarda anche: Impronta & Politica sulla riservatezza.