Giovanni di Lancaster


Giovanni di Lancaster
Giovanni di Lancaster in atteggiamento orante, Bedford Hours, particolare, Londra, British Library
Duca di Bedford
In carica 16 maggio 1414-
14 settembre 1435
Predecessore carica creata
Successore carica abolita
Lord Protettore
In carica 5 novembre 1422 - 6 dicembre 1429 (con il fratello Humphrey di Lancaster)
Reggente di Francia
In carica 5 novembre 1422 - 6 dicembre 1429 (in nome del nipote Enrico II)
Altri titoli Conte di Richmond
Conte di Kendal
Nascita 20 giugno 1389
Morte Rouen, 14 settembre 1435
Padre Enrico IV d'Inghilterra
Madre Maria di Bohun
Coniugi Anna di Borgogna
Giacometta di Lussemburgo
Religione Cattolicesimo
Motto A Vous Entier

Giovanni di Lancaster, 1 ° Duca di Bedford, Reggente di Francia e Inghilterra, noto anche come Giovanni Plantageneto (Inghilterra, 20 giugno 1389Rouen, 14 settembre 1435), è stato un principe della casa reale inglese. Terzo figlio superstite di Enrico IV d'Inghilterra e di Maria di Bohun, fu Reggente di Francia per suo nipote, re Enrico VI d'Inghilterra, e uno dei reggenti d'Inghilterra.

Indice

Biografia


Giovanni di Lancaster nacque il 20 giugno 1389 da Enrico di Bolingbroke e Maria di Bohun. Nel 1399 suo padre si ribellò al cugino Riccardo II d'Inghilterra, detronizzandolo e salendo al trono come Enrico IV d'Inghilterra. Il 12 ottobre 1399, all'incoronazione del padre, Giovanni fu nominato cavaliere, mentre nel 1402 entrò a far parte dell'Ordine della Giarrettiera. Fra il 1403 e il 1405 le sue ricchezze aumentarono notevolmente grazie alle terre requisite ai Percy, e dal 1403 al 1414 fu Guardiano delle marche occidentali.

Nel 1413 suo padre morì e al trono salì suo fratello maggiore, che divenne Enrico V d'Inghilterra. Per suo volere l'anno seguente Giovanni ricevette i titoli di Conte di Kendal, Conte di Richmond e duca di Bedford. Nel 1422 anche Enrico morì, lasciando il trono al giovane nipote di Giovanni, Enrico VI d'Inghilterra di appena un anno. Lui e l'ultimo dei fratelli sopravvissuti, Humphrey di Lancaster, entrarono in lizza per la reggenza della nazione. Giovanni tuttavia dovette concentrarsi sulla Guerra dei cent'anni, che andava progredendo in Francia e benché, formalmente, fosse lui ad essere reggente, durante la sua assenza fu il fratello Humphrey ad agire come Lord protettore.

Egli sconfisse più volte i francesi, catturando e facendo ucciderne i principali comandanti nella Battaglia di Verneuil, nel 1424. La situazione cambiò completamente dopo l'arrivo di Giovanna d'Arco, che risollevò le sorti dei francesi. Nel 1431 Giovanni ottenne l'arresto e l'esecuzione della futura Santa per l'accusa di Eresia, e nel 1431 tentò di nuovo e inutilmente di ottenere la corona di Francia per il nipote.

Fra il 1422 e il 1432[1] Giovanni fu governatore della Normandia e nel 1432 fu fondata sotto la sua egida l'Università di Caen. Importante ammiratore del Manoscritto miniato, ne commissionò molti sia da Parigi che dall'Inghilterra. Uno di essi, il Bedford Hours, è custodito presso la British Library.

Matrimoni e morte

Il 14 giugno 1423, a Troyes, sposò Anna, figlia di Giovanni Senza Paura, duca di Borgogna. La nobile morì però di peste nel 1432[2]. Il 22 aprile 1433 Giovanni si risposò con Giacometta, figlia di Pietro I di Lussemburgo-Saint Pol e di Margherita del Balzo.

Giovanni morì poco prima della stipulazione del trattato di Arras il 14 settembre 1435. Da nessuna delle sue due mogli ebbe figli, lasciando una sola figlia illegittima, Maria.

Note


  1. ^ Giovanni di Bedford , su tudorplace.com.ar.
  2. ^ Chipps Smith, Jeffrey (1984). "The Tomb of Anne of Burgundy, Duchess of Bedford, in the Musée du Louvre". Gesta 23 (01)

Ascendenza


Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Edoardo III d'Inghilterra Edoardo II d'Inghilterra  
 
Isabella di Francia  
Giovanni di Gand  
Filippa di Hainaut Guglielmo I di Hainaut  
 
Jeanne di Valois  
Enrico IV d'Inghilterra  
Henry di Grosmont Henry Plantageneto  
 
Maud Chaworth  
Bianca di Lancaster  
Isabel de Beaumont Enrico di Beaumont  
 
Alice Comyn  
Giovanni di Lancaster  
William di Bohun, I conte di Northampton Humphrey de Bohun, IV conte di Hereford  
 
Elizabeth d'Inghilterra  
Humphrey di Bohun, VII conte di Hereford  
Elizabeth de Badlesmere Bartolomeo di Badlesmere, I barone Badlesmere  
 
Margaret de Clare  
Maria di Bohun  
Richard FitzAlan, X conte di Arundel Edmund FitzAlan, IX conte di Arundel  
 
Alice de Warenne  
Joan FitzAlan  
Eleanor di Lancaster Henry Plantageneto  
 
Maud Chaworth  
 

Altri progetti


Collegamenti esterni


Controllo di autoritàVIAF (EN25408132  · ISNI (EN0000 0000 6675 9184  · CERL cnp00550712  · LCCN (ENnr94011215  · GND (DE119231530  · BNF (FRcb124210463 (data)  · J9U (ENHE987007263566005171 (topic)  · WorldCat Identities (ENlccn-nr94011215









Categorie: Nobili britannici | Nobili del XV secolo | Britannici del XV secolo | Nati nel 1389 | Morti nel 1435 | Nati il 20 giugno | Morti il 14 settembre | Morti a Rouen | Casa di Lancaster | Conti di Richmond | Personalità della guerra dei cent'anni




Data: 05.05.2022 02:05:19 CEST

Sorgente: Wikipedia (Autori [Cronologia])    Licenza: CC-BY-SA-3.0

Modifiche: Tutte le immagini e la maggior parte degli elementi di design correlati a questi sono stati rimossi. Alcune icone sono state sostituite da FontAwesome-Icons. Alcuni modelli sono stati rimossi (come "l'articolo ha bisogno di espansione) o assegnati (come" note "). Le classi CSS sono state rimosse o armonizzate.
Sono stati rimossi i collegamenti specifici di Wikipedia che non portano a un articolo o una categoria (come "Redlink", "collegamenti alla pagina di modifica", "collegamenti a portali"). Ogni collegamento esterno ha un'icona FontAwesome aggiuntiva. Oltre ad alcuni piccoli cambiamenti di design, sono stati rimossi i media container, le mappe, i box di navigazione, le versioni vocali e i geoformati.

Notare che Poiché il dato contenuto viene automaticamente prelevato da Wikipedia in un determinato momento, una verifica manuale è stata e non è possibile. Pertanto LinkFang.org non garantisce l'accuratezza e l'attualità del contenuto acquisito. Se ci sono informazioni che al momento sono sbagliate o che hanno una visualizzazione imprecisa, non esitate a Contattaci: e-mail.
Guarda anche: Impronta & Politica sulla riservatezza.