Glicemia


Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

La glicemia (dal greco antico: γλυκύς, glukýs, «dolce» eαἷμα, haîma, «sangue») è il valore della concentrazione di glucosio nel sangue[1].

Indice

Misure e valori


Il suo valore può essere espresso con diverse unità di misura in mg/dl o mmol/l. La normalità di tale valore è relativo alla assunzione di pasti e viene per tale ragione valutata una sua eventuale anormalità con tre metodiche.

La determinazione della glicemia si può effettuare sul sangue venoso (esame di laboratorio) oppure sul sangue capillare usando il glucometro avendo il risultato in pochi secondi (si preleva una goccia di sangue capillare dal polpastrello tramite la puntura di una lancetta pungidito, questo permette ai diabetici un migliore controllo della patologia con una minore insorgenza di complicanze).

Metabolismo alla base della glicemia


Il glucosio ematico deriva dai carboidrati della dieta. Avendo già descritto i valori normali in soggetti normo nutriti, in digiuno protratto può tuttavia scendere a 60–70 mg/dl.

La glicemia è controllata da tutti i tessuti in modo più o meno diretto.

Problematiche relative alla glicemia


La normale quantità di glucosio contenuta nel sangue di una persona adulta è complessivamente di 5 grammi. Per avere un termine di paragone, un cucchiaino di zucchero contiene 8 grammi di glucosio, e quindi un semplice caffè zuccherato o un dolcetto, specialmente fuori pasto, rappresentano per il corpo un'overdose di zuccheri. Per mantenere la glicemia entro livelli non letali, il pancreas produce insulina. Nel tempo il pancreas si "affatica" e le cellule diventano meno sensibili all'insulina, per cui ne occorrono quantitativi maggiori per ottenere i soliti effetti.

L'assimilazione dello zucchero e di altri carboidrati semplici necessita del supporto di sali minerali e di vitamina B1. La carenza di quest'ultima causa vari sintomi, come stitichezza o stanchezza. Tramite la glicosilazione, lo zucchero si lega alle proteine nelle cellule, stabilendo dei legami stabili, che costringono la cellula a produrre nuove proteine per potersi nutrire, con conseguente dispendio energetico.

Note


  1. ^ Glicemia , in Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana.
  2. ^ FAQ - Quali sono i livelli normali di glicemia? - Diabete.com

Voci correlate


Altri progetti


Collegamenti esterni


Controllo di autoritàThesaurus BNCF 21143  · LCCN (ENsh85015019  · GND (DE4146101-0  · BNF (FRcb12046627d (data)  · BNE (ESXX533079 (data)









Categorie: Medicina di laboratorio | Endocrinologia




Data: 24.02.2022 03:51:16 CET

Sorgente: Wikipedia (Autori [Cronologia])    Licenza: CC-BY-SA-3.0

Modifiche: Tutte le immagini e la maggior parte degli elementi di design correlati a questi sono stati rimossi. Alcune icone sono state sostituite da FontAwesome-Icons. Alcuni modelli sono stati rimossi (come "l'articolo ha bisogno di espansione) o assegnati (come" note "). Le classi CSS sono state rimosse o armonizzate.
Sono stati rimossi i collegamenti specifici di Wikipedia che non portano a un articolo o una categoria (come "Redlink", "collegamenti alla pagina di modifica", "collegamenti a portali"). Ogni collegamento esterno ha un'icona FontAwesome aggiuntiva. Oltre ad alcuni piccoli cambiamenti di design, sono stati rimossi i media container, le mappe, i box di navigazione, le versioni vocali e i geoformati.

Notare che Poiché il dato contenuto viene automaticamente prelevato da Wikipedia in un determinato momento, una verifica manuale è stata e non è possibile. Pertanto LinkFang.org non garantisce l'accuratezza e l'attualità del contenuto acquisito. Se ci sono informazioni che al momento sono sbagliate o che hanno una visualizzazione imprecisa, non esitate a Contattaci: e-mail.
Guarda anche: Impronta & Politica sulla riservatezza.