Guardare Ascoltare Sentire


Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

La manovra Guardare Ascoltare Sentire (talvolta indicata con l'acronimo GAS o definita anche Guardo Ascolto Sento in inglese "looking, listening, and feeling") viene utilizzata da un soccorritore nel primo soccorso per determinare se una persona colta da malore stia respirando, per massimo 10 secondi, a seconda della condizione del soggetto. Più in generale, la pratica è utilizzata per monitorare i segni vitali delle persone, utilizzando 3 dei 5 sensi: vista, udito e tatto.

Nel caso di ostruzione totale della respirazione si hanno circa 3 minuti prima del decesso della persona, e in quel lasso di tempo occorre intervenire.[1]

Indice

Modalità


Il soccorritore si pone a un lato della testa dell'interessato e, avvicinando l'orecchio alla bocca e al naso della persona (a circa 3–5 cm), osserva l'espansione del torace (nel BLS anche e soprattutto l'addome) poggiandovi delicatamente una mano:

  1. Guarda l'espansione del torace, la bocca per la presenza di un corpo estraneo o per segni di cianosi;[2]
  2. Ascolta eventuali sibili dovuti alla respirazione; tenendo conto che i normali atti respiratori sono fra i 12 e i 30 al minuto.[3]
  3. Senti il calore e la pressione dell'aria espirata sulle proprie guance. Inoltre si deve fare attenzione alla presenza di un enfisema sottocutaneo.[4]

Quest'osservazione viene mantenuta per 10 secondi, iperestendendo il capo (in caso non vi sia sospetto di trauma al cranio o al collo) e contando ad alta voce. L'iperestensione si effettua ponendo una mano sulla fronte e due dita sotto la protuberanza mentoniera, in seguito portando la testa all'indietro sollevando il mento.

Note


  1. ^ Innes MH., Managing upper airway obstruction., in Br J Nurs., vol. 9, novembre 1992, pp. 732-5..
  2. ^ Colin Pinnock, Ted Lin, Tim Smith, Fundamentals of Anaesthesia seconda edizione, p. 150, 2002, ISBN 978-1-84110-122-4.
  3. ^ J Soar, Nolan, J; Perkins, G; Scott, M; Goodman, N;Mitchell, S, Immediate Life Support., Resuscitation Council(UK), 2006, ISBN 1-903812-12-7.
  4. ^ Eldar Søreide, Christopher M. Grande, Prehospital trauma care, p. 184, Informa Health Care, 2001, ISBN 978-0-8247-0537-4.

Bibliografia


Collegamenti esterni











Categorie: Procedure di primo soccorso




Data: 28.11.2020 11:58:20 CET

Sorgente: Wikipedia (Autori [Cronologia])    Licenza: CC-BY-SA-3.0

Modifiche: Tutte le immagini e la maggior parte degli elementi di design correlati a questi sono stati rimossi. Alcune icone sono state sostituite da FontAwesome-Icons. Alcuni modelli sono stati rimossi (come "l'articolo ha bisogno di espansione) o assegnati (come" note "). Le classi CSS sono state rimosse o armonizzate.
Sono stati rimossi i collegamenti specifici di Wikipedia che non portano a un articolo o una categoria (come "Redlink", "collegamenti alla pagina di modifica", "collegamenti a portali"). Ogni collegamento esterno ha un'icona FontAwesome aggiuntiva. Oltre ad alcuni piccoli cambiamenti di design, sono stati rimossi i media container, le mappe, i box di navigazione, le versioni vocali e i geoformati.

Notare che Poiché il dato contenuto viene automaticamente prelevato da Wikipedia in un determinato momento, una verifica manuale è stata e non è possibile. Pertanto LinkFang.org non garantisce l'accuratezza e l'attualità del contenuto acquisito. Se ci sono informazioni che al momento sono sbagliate o che hanno una visualizzazione imprecisa, non esitate a Contattaci: e-mail.
Guarda anche: Impronta & Politica sulla riservatezza.