Immedingi


Gli Immidingi (in tedesco Immedinger) erano una famiglia nobile della Sassonia medievale, discendente del leader sassone Vitichindo. Ipotesi moderne li ritengono discendenti del dux sassone Albione[1]. Il membro più famoso fu santa Matilde († 968), regina consorte dei Franchi Orientali dopo aver spostato re Enrico I di Germania.

Erano importanti benefattori della chiesa nella Sassonia del X secolo, ed ebbe membri in essa come i figli di Immed IV, sant'Emma di Lesum e suo e Meinwerk (1009-1036), vescovo di Paderborn[2]; la loro relazione con gli Immedingi è però contestata. La nonna di Matilde, Matilde I, fu badessa dell'abbazia di Herford. Intorno al 940 un conte di nome Immad della dinastia degli Immedingi fondò un convento di suore a Ringelheim in Ostfalia. La regina Matilda stessa alla morte di suo marito nel 936 fondò l'abbazia di Quedlinburg, dove fu anche sepolta.

Secondo la Res gestae saxonicae del cronista Vitichindo di Corvey, il padre di Matilda, il conte di Vestfalia Teodorico, era un discendente del dux Vitichindo. Una sorella di lei sposò il conte Wichmann il Vecchio della dinastia dei Billunghi.

Un membro della stirpe fu il vescovo di Paderborn Meinwerk.

Albero genealogico


Albero genealogico degli Immedingi[3]. Una genealogia precisa non è stata tuttavia ancora definitivamente stabilita.

 Reginardo di Ringelheim
⚭ Matilda
 
   
 Regibern
Teodorico di Ringelheim
917
⚭ Reinilde di Godefrid
Immed
 
    
 Amalrada
⚭ Eberardo
conte di Hamalant
 Frederuna

    
Wichmann I il Vecchio
Matilde di Ringelheim

    
Enrico I l'Uccellatore
duca di Sassonia
re dei Franchi Orientali
Bia
   
    
Berengario di Cambrai
vescovo di Cambrai
956-958
Teodorico di Metz
vescovo di Metz
965-984
Billunghi
Liudolfingi


Bibliografia


  1. ^ Walther Lammers: Abbio. In: Lexikon des Mittelalters (LexMA). Band 1, p.14, Artemis & Winkler, München/Zürich 1980, ISBN 3-7608-8901-8, Sp. 14 f.
  2. ^ Herbermann, Charles, ed. (1913). "Blessed Meinwerk". Catholic Encyclopedia. New York: Robert Appleton Company.
  3. ^ Tietmaro, Tavole genealogiche, in Cronaca di Tietmaro, Fonti tradotte per la storia dell'Alto Medioevo, traduzione di Matteo Taddei, Pisa University Press, p. 321, ISBN 978-8833390857.









Categorie: Sassonia | Dinastie nobili della Sassonia | Liste di nobili




Data: 01.03.2021 06:50:28 CET

Sorgente: Wikipedia (Autori [Cronologia])    Licenza: CC-BY-SA-3.0

Modifiche: Tutte le immagini e la maggior parte degli elementi di design correlati a questi sono stati rimossi. Alcune icone sono state sostituite da FontAwesome-Icons. Alcuni modelli sono stati rimossi (come "l'articolo ha bisogno di espansione) o assegnati (come" note "). Le classi CSS sono state rimosse o armonizzate.
Sono stati rimossi i collegamenti specifici di Wikipedia che non portano a un articolo o una categoria (come "Redlink", "collegamenti alla pagina di modifica", "collegamenti a portali"). Ogni collegamento esterno ha un'icona FontAwesome aggiuntiva. Oltre ad alcuni piccoli cambiamenti di design, sono stati rimossi i media container, le mappe, i box di navigazione, le versioni vocali e i geoformati.

Notare che Poiché il dato contenuto viene automaticamente prelevato da Wikipedia in un determinato momento, una verifica manuale è stata e non è possibile. Pertanto LinkFang.org non garantisce l'accuratezza e l'attualità del contenuto acquisito. Se ci sono informazioni che al momento sono sbagliate o che hanno una visualizzazione imprecisa, non esitate a Contattaci: e-mail.
Guarda anche: Impronta & Politica sulla riservatezza.