Ingaevones


Ingaevones
Le popolazioni della Germania Magna e le sue principali suddivisioni interne sulla base degli scritti di Plinio il Vecchio (77/78) e Tacito (98):

     Ingaevones

     Istaevones

     Herminones

 
Sottogruppine facevano parte facevano parte in particolare Frisi, Cauci, Cimbri, Teutoni, Angli, Sassoni e Juti.[1][2]
Luogo d'origineoccupavano la parte nord della Germania Magna, lungo le coste del Mare del Nord
PeriodoDal II secolo a.C.
PopolazioneGermani occidentali
LinguaLingue germaniche
Distribuzione
Germania Magna

Nell'opera Germania scritta da Tacito gli Ingaevones (italianizzato in Ingveoni, Ingaevoni o Ingevoni) sono uno dei tre gruppi nei quali si ripartivano i Germani occidentali, accanto a Istaevones e Herminones. La storiografia moderna ha identificato gli Ingaevones con le tribù germaniche stanziate lungo le coste del Mare del Nord e sulle piccole isole adiacenti[1].

Tra le varie tribù, degli Ingaevones facevano parte in particolare Frisi, Cauci, Cimbri, Teutoni, Angli, Sassoni e Juti.[1]

Indice

Etimologia


Ing o Inguo, il leggendario progenitore degli Ingaevones, figlio di Manno, deriva il suo nome da un presunto proto-germanico *Ingwaz. Questo è anche il nome applicato alla divinità dell'era vichinga Freyr, conosciuta anche come Yngvi-Freyr[3] e menzionata come tale nella Saga degli Ynglingar di Snorri Sturluson[4]. Jacob Grimm, nella sua Mitologia Teutonica, considera questo Ing come originariamente identico allo scandinavo Yngvi, antenato eponimo della casa reale svedese degli Yngling, o figli di Ing.

Gli Ingaevones compaiono nel poema anglosassone dell'VIII secolo Beowulf, in cui il re Hrothgar è detto "Signore degli Ingwine".

I Frisi


Lo stesso argomento in dettaglio: Frisi.

I Frisi o Frisoni erano stanziati, all'inizio del I secolo a.C., presso la foce del Reno. Entrati a contatto con i Romani nel 12 a.C., divennero loro tributari in seguito alle campagne di Germania di Druso maggiore (12-10 a.C.). La loro lingua, l'antico frisone, è attestata a partire dall'VIII secolo; il suo erede moderno, la lingua frisone, è tuttora parlata - seppure minoritariamente - in una zona costiera compresa tra Paesi Bassi e Germania, oltre che sulle Isole Frisone che dall'antico popolo hanno derivato il nome[5].

Gli Angli


Lo stesso argomento in dettaglio: Angli.

Stanziati, secondo Tolomeo, lungo il medio corso dell'Elba, erano tuttavia originari - secondo Beda il Venerabile - di una regione stretta tra Sassoni e Juti, l'Angulus (identificata dagli studiosi moderni con l'Anglia, nell'odierno Schleswig-Holstein). Nel V secolo gli Angli emigrarono in massa in Gran Bretagna, senza lasciare traccia nella loro terra natale; giunti nella nuova regione, si fusero con Sassoni e Juti, dando origine agli Anglosassoni[5].

I Sassoni


Lo stesso argomento in dettaglio: Sassoni.

Collocati da Tolomeo (II secolo) in una regione corrispondente all'attuale Schleswig-Holstein. i Sassoni si espansero presto verso ovest e verso sud, entrando in conflitto con altre tribù germaniche. La loro presenza divenne, nel V secolo, la più caratteristica dell'intera costa meridionale del Mare del Nord, chiamata all'epoca litora saxonica e dalla quale esercitavano la pirateria. Proprio a quel secolo risale lo stanziamento di ampie porzioni del popolo in Gran Bretagna, dove si mescolò ad Angli e Juti per dar vita agli Anglosassoni. Parte dei Sassoni rimase tuttavia sul continente europeo, in un'ampia ragione chiamata Sassonia (ben più estesa dell'attuale Land tedesco, tanto da abbracciare gran parte dell'odierna Germania centro-settentrionale). Della loro lingua, l'antico sassone (o basso tedesco antico), esistono testimonianze risalenti al IX-XII secolo[5].

Gli Juti


Lo stesso argomento in dettaglio: Juti.

In assenza di menzioni storiche esplicite sul loro conto, tradizionalmente gli Juti sono considerati originari della regione, oggi in Danimarca, che porta il loro nome: lo Jutland. Con gli Angli e i Sassoni migrarono in massa in Gran Bretagna, dove si fusero con gli altri popoli e diedero origine agli Anglosassoni. Nessuna traccia del loro popolo e della loro lingua è rimasta sul continente[5].

Note


  1. ^ a b c Francisco Villar, Gli Indoeuropei e le origini dell'Europa, p. 436.
  2. ^ Plinio il Vecchio, IV, 99-100.
  3. ^ R. North, Heathen Gods in Old English Literature (Cambridge) 1997.
  4. ^ Noted by John Grigsby, Beowulf & Grendel (London: Watkins) 2005:98 note 6.
  5. ^ a b c d Villar, cit., p. 437.

Bibliografia


Fonti primarie

Fonti secondarie

Voci correlate


Collegamenti esterni











Categorie: Popoli germanici occidentali




Data: 14.05.2021 05:19:47 CEST

Sorgente: Wikipedia (Autori [Cronologia])    Licenza: CC-BY-SA-3.0

Modifiche: Tutte le immagini e la maggior parte degli elementi di design correlati a questi sono stati rimossi. Alcune icone sono state sostituite da FontAwesome-Icons. Alcuni modelli sono stati rimossi (come "l'articolo ha bisogno di espansione) o assegnati (come" note "). Le classi CSS sono state rimosse o armonizzate.
Sono stati rimossi i collegamenti specifici di Wikipedia che non portano a un articolo o una categoria (come "Redlink", "collegamenti alla pagina di modifica", "collegamenti a portali"). Ogni collegamento esterno ha un'icona FontAwesome aggiuntiva. Oltre ad alcuni piccoli cambiamenti di design, sono stati rimossi i media container, le mappe, i box di navigazione, le versioni vocali e i geoformati.

Notare che Poiché il dato contenuto viene automaticamente prelevato da Wikipedia in un determinato momento, una verifica manuale è stata e non è possibile. Pertanto LinkFang.org non garantisce l'accuratezza e l'attualità del contenuto acquisito. Se ci sono informazioni che al momento sono sbagliate o che hanno una visualizzazione imprecisa, non esitate a Contattaci: e-mail.
Guarda anche: Impronta & Politica sulla riservatezza.