Ipofisi


L'ipofisi (pronuncia: /iˈpɔfizi/[1]; dal greco ὑπόφυσις hypóphysis, derivato di ὑποϕύω, ὑποϕύομαι, "produrre sotto", "crescere sotto"), detta anche ghiandola pituitaria, è una ghiandola endocrina situata alla base del cranio, nella fossa ipofisaria della sella turcica dell'osso sfenoide.

Si può dividere in due lobi, strutturalmente e funzionalmente diversi, che controllano, attraverso la secrezione di numerosi ormoni, l'attività endocrina e metabolica di tutto l'organismo:

Essi sono divisi da una pars intermedia, piccola e poco vascolarizzata.

Indice

Anatomia


La ghiandola si trova postero-inferiormente al chiasma ottico. È di dimensioni abbastanza piccole e pesa non più di 0,9 g. È separata dall'encefalo da una porzione della dura madre, che la sovrasta ad ombrello e attraverso un peduncolo vascolo-nervoso comunica con l'ipotalamo, che regola attraverso altre sostanze ormonali l'ipofisi stessa. Intorno alla sella turcica si trovano i seni cavernosi da cui defluiscono le carotidi interne e i nervi cranici III, IV, V e VI; è facile immaginare che alterazioni a carico dell'ipofisi possono quindi causare diversi effetti secondari sulla funzione visiva (compromissione del chiasma), vascolare, neurologica.

Per definire la loro azione, secondo il metodo classico della fisiologia sperimentale, si è proceduto all'asportazione chirurgica della ghiandola in animali da laboratorio. Gli effetti dell'ablazione del lobo anteriore sono in parte caratterizzati dalla diminuita attività delle altre ghiandole endocrine: la tiroide si atrofizza, e così pure le surreni e le gonadi, con scomparsa della spermatogenesi nel maschio e dell'ovulazione nella femmina; aumenta la sensibilità all'insulina per la compromissione delle isole pancreatiche, e insorge una lieve forma di diabete insipido. L'ipofisectomia comporta inoltre arresto dello sviluppo somatico negli animali giovani, con alterazioni scheletriche e muscolari. Queste osservazioni hanno permesso di individuare i diversi ormoni secreti dall'ipofisi.

Ormoni secreti dall'ipofisi


Ormoni agenti su organi e cellule bersaglio

Sono prodotti dalle cellule acidofile dell'adenoipofisi

Ormoni trofici

Gli ormoni trofici sono ormoni glicoproteici (PAS positivi) che agiscono su altre ghiandole endocrine, e sono prodotti dalle cellule basofile:

La porzione posteriore dell’ipofisi detta Neuroipofisi, rilascia due neuropeptidi prodotti a monte dell’asse ipotalamo-ipofisario dai nuclei ipotalamici: Ossitocina e ADH.

L’Ossitocina viene prodotta e rilasciata durante l’atto sessuale, il parto e l’allattamento.

È un vasodilatatore della muscolatura liscia usato anche in terapia sistemica per indurre il parto.

Diverse ricerche individuano nell’Ossitocina peculiarità legate alla sfera affettiva e relazionale. Determina infatti meccanismi di attaccamento affettivo nei mammiferi dovuti al coinvolgimento anatomico e funzionale del Sistema Limbico e delle altre strutture Diencefaliche.


L’ADH o Ormone antidiuretico o Vasopressina determina la ritenzione di liquidi e l’aumento della volemia.

L’azione di questo ormone si estrinseca nel dotto collettore, dove induce l’espressione di AQP-2 con conseguente riassorbimento di acqua.

È rilasciata in caso di ipernatriemia e disidratazione ma anche nello Shock ed in stati di ipoperfusione del rene in qualità di effettore del sistema renina-angiotensina-aldosterone.

L’ADH è inibito principalmente negli stati ipertensivi, in caso di aumento della GFR e da sostanze specifiche tra cui l’alcool etilico.

Patologia


Se questi meccanismi di regolazione sono alterati, o se l'ipofisi è in qualche modo danneggiata, si può verificare un'eccessiva produzione di ormoni (iperpituitarismo) o una loro carenza (ipopituitarismo).

Ipofisi nella mistica


Secondo gli insegnamenti rosacrociani la ghiandola pituitaria è associata a uno dei centri psichici dell'uomo. Attraverso opportune metodologie, è possibile stimolare tale centro psichico e far risvegliare alcune facoltà latenti, proprie dell'uomo ma che si sono atrofizzate a causa del loro inutilizzo.[10]

Note


  1. ^ Luciano Canepari, ipofisi , in Il DiPI – Dizionario di pronuncia italiana, Zanichelli, 2009, ISBN 978-88-08-10511-0.
  2. ^ Pietro Mortini, Lina Raffaella Barzaghi e Marco Losa, Microsurgical therapy of pituitary adenomas , in Endocrine, vol. 59, n. 1, 2018 Jan, pp. 72-81, DOI:10.1007/s12020-017-1458-3 , PMID 29067608 .
  3. ^ Alfio Spina, Marco Losa e Pietro Mortini, Pituitary adenomas in elderly patients: clinical and surgical outcome analysis in a large series , in Endocrine, vol. 65, n. 3, pp. 637-645, DOI:10.1007/s12020-019-01959-0 , PMID 31209675 .
  4. ^ Marco Losa, Carmine Antonio Donofrio e Pietro Mortini, Pretreatment with somatostatin analogs does not affect the anesthesiologic management of patients with acromegaly , in Pituitary, vol. 22, n. 2, DOI:10.1007/s11102-019-00952-0 , PMID 30826981 .
  5. ^ Lina Raffaella Barzaghi, Marco Losa e Pietro Mortini, Pediatric Pituitary Adenomas: Early and Long-Term Surgical Outcome in a Series of 85 Consecutive Patients , in Neurosurgery, vol. 85, n. 1, DOI:10.1093/neuros/nyy204 , PMID 29790934 .
  6. ^ S Melmed, A Giustina e Acromegaly Consensus Group, Guidelines for acromegaly management: an update , in J Clin Endocrinol Metab, vol. 94, n. 5, DOI:10.1210/jc.2008-2421 , PMID 19208732 .
  7. ^ Andrea Giustina, Pietro Mortini e Shlomo Melmed, Multidisciplinary management of acromegaly: A consensus , in Rev Endocr Metab Disord, vol. 21, n. 4, Dec 2020, pp. 667-678, DOI:10.1007/s11154-020-09588-z .
  8. ^ Felipe F Casanueva, Pietro Mortini e Andrea Giustina, Criteria for the definition of Pituitary Tumor Centers of Excellence (PTCOE): A Pituitary Society Statement , in Pituitary, vol. 20, n. 5, pp. 489-498, DOI:10.1007/s11102-017-0838-2 , PMID PMC5606938 .
  9. ^ Andrea Giustina, Pietro Mortini e Shlomo Melmed, A Consensus on the Diagnosis and Treatment of Acromegaly Comorbidities: An Update , in J Clin Endocrinol Metab, vol. 105, n. 4, 2020 Apr, DOI:10.1210/clinem/dgz096 , PMID 31606735 .
  10. ^ Antico e Mistico Ordine della Rosa-Croce, I Rosa-Croce tolgono il velo (Consiglio Supremo dell'Ordine), Intento, 2013. ISBN 9788898047055

Voci correlate


Altri progetti


Collegamenti esterni


Controllo di autoritàThesaurus BNCF 11989  · LCCN (ENsh85102519  · GND (DE4026389-7  · BNF (FRcb119413718 (data)  · NDL (ENJA00565139









Categorie: Ipofisi




Data: 30.12.2021 03:22:17 CET

Sorgente: Wikipedia (Autori [Cronologia])    Licenza: CC-BY-SA-3.0

Modifiche: Tutte le immagini e la maggior parte degli elementi di design correlati a questi sono stati rimossi. Alcune icone sono state sostituite da FontAwesome-Icons. Alcuni modelli sono stati rimossi (come "l'articolo ha bisogno di espansione) o assegnati (come" note "). Le classi CSS sono state rimosse o armonizzate.
Sono stati rimossi i collegamenti specifici di Wikipedia che non portano a un articolo o una categoria (come "Redlink", "collegamenti alla pagina di modifica", "collegamenti a portali"). Ogni collegamento esterno ha un'icona FontAwesome aggiuntiva. Oltre ad alcuni piccoli cambiamenti di design, sono stati rimossi i media container, le mappe, i box di navigazione, le versioni vocali e i geoformati.

Notare che Poiché il dato contenuto viene automaticamente prelevato da Wikipedia in un determinato momento, una verifica manuale è stata e non è possibile. Pertanto LinkFang.org non garantisce l'accuratezza e l'attualità del contenuto acquisito. Se ci sono informazioni che al momento sono sbagliate o che hanno una visualizzazione imprecisa, non esitate a Contattaci: e-mail.
Guarda anche: Impronta & Politica sulla riservatezza.