Istaevones


Istaevones
Le popolazioni della Germania Magna e le sue principali suddivisioni interne sulla base degli scritti di Plinio il Vecchio (77/78) e Tacito (98):

     Ingaevones

     Istaevones

     Herminones

 
Sottogruppine facevano parte facevano parte in particolare Catti, Batavi,[1] Ubi, Treveri e più tardi i Franchi.[2][3]
Luogo d'origineoccupavano la parte vicina al Reno (la terra di mezzo tra Ingaevones e Herminones) della Germania Magna
PeriodoDal II secolo a.C.
PopolazioneGermani occidentali
LinguaLingue germaniche
Distribuzione
Germania Magna

Nella Germania Tacito, gli Istaevones (italianizzato in Istaevoni o Istevoni) sono uno dei tre gruppi nei quali si ripartivano i Germani occidentali, accanto a Ingaevones e Herminones. La storiografia moderna ha identificato gli Istaevones con le tribù germaniche stanziate nel bacino del Reno-Weser;[2] tra queste, una delle più rilevanti fu quella dei Catti, che forse però era un endoetnonimo che indicava proprio l'insieme degli Istaevones: per esempio i Batavi, certamente istaevones, sono da Tacito indicati anche come tribù appartenente al popolo dei Catti.[1] Degli Istaevones facevano parte anche gli Ubi e i Treveri e da una loro tribù ebbe origine una della più importanti federazioni etniche germaniche: quella dei Franchi[4].

Indice

I Catti


Lo stesso argomento in dettaglio: Catti.

Tra le principali popolazioni istaevones (se non lo stesso popolo nella sua totalità), i Catti occupavano un'ampia regione tra il Reno e il Weser, tra gli attuali Land tedeschi dell'Assia e della Bassa Sassonia. Resistettero valorosamente ai tentativi di conquista romani, partecipando alla Battaglia della foresta di Teutoburgo che segnò il definitivo arresto dell'espansione romana in Germania Magna (9 d.C.).

Nel corso del I e del II secolo i Catti si scontrarono ancora ripetutamente con l'Impero romano, che aveva eretto il proprio Limes proprio nel loro territorio, per arginarne le incursioni; in seguito sarebbero entrati a far parte della confederazione dei Franchi (VI secolo). Furono cristianizzati da san Bonifacio nell'VIII secolo.

I Batavi


Lo stesso argomento in dettaglio: Batavi.

Forse tribù appartenente ai Catti, i Batavi sono collocati da Tacito nell'area della foce del Reno, a cavallo dunque del Limes romano. Alleati della stessa Roma, ne riconobbero l'autorità e le fornirono contingenti militari (soprattutto di cavalleria), pur rimanendo esenatati da tributi. Nel 69-70, tuttavia, si ribellarono (Rivolta batava) e sterminarono quattro legioni, prima di essere definitivamente sottomessi da Quinto Petillio Cereale.

Gli Ubi


Lo stesso argomento in dettaglio: Ubi (popolo).

Stanziati lungo la riva destra del Reno e confinanti con gli Usipeti, sul finire del I secolo a.C. passarono il fiume e si stanziarono in Gallia, presso Colonia.

I Treveri


Lo stesso argomento in dettaglio: Treveri.

Stanziati in Gallia belgica, i Treveri (o Treviri) erano probabilmente una popolazione etnicamente mista, che includeva numerosi elementi celtici. Durante la conquista della Gallia cesariana, furono condotti contro il proconsole romano dal loro capo Induziomaro, ma furono sconfitti da Tito Labieno.

I Franchi


Lo stesso argomento in dettaglio: Franchi.

Inizialmente una piccola tribù, probabilmente un ramo dei Catti, nel II-III secolo attorno ai Franchi si aggregò una vasta confederazione etnica, che incluse altri Istaevones (Catti, Cauci, Bructeri, Camavi, Sigambri), Herminones (Bavari) e Ingaevones (Sassoni)[5].

Dopo alcune incursioni in territorio romano (III secolo), ai Franchi venne assegnata un'ampia area della Gallia Belgica, che occuparono come foederati. Da lì prese avvio, a partire dall'inizio del V secolo (406), un vasto e continuo processo di espansione, che li portò prima alla conquista dell'antica Gallia (sotto la dinastia dei Merovingi) e poi alla fondazione di un impero europeo (con Carlo Magno e i Carolingi).

Note


  1. ^ a b Tacito, Germania, 29, 1. Una possibile conferma si può trovare nell'assonanza fonetica tra il termine Istaevones, frutto della latinizzazione tacitiana, e l'etnonimo che nel Beowulf identifica i Catti: Hetwaras.
  2. ^ a b Francisco Villar, Gli Indoeuropei e le origini dell'Europa, p. 436.
  3. ^ Plinio il Vecchio, IV, 99-100.
  4. ^ Villar, cit., p. 439
  5. ^ Villar, cit., p. 440.

Bibliografia


Fonti primarie

Fonti secondarie

Voci correlate


Collegamenti esterni











Categorie: Popoli germanici occidentali




Data: 28.11.2020 06:12:24 CET

Sorgente: Wikipedia (Autori [Cronologia])    Licenza: CC-BY-SA-3.0

Modifiche: Tutte le immagini e la maggior parte degli elementi di design correlati a questi sono stati rimossi. Alcune icone sono state sostituite da FontAwesome-Icons. Alcuni modelli sono stati rimossi (come "l'articolo ha bisogno di espansione) o assegnati (come" note "). Le classi CSS sono state rimosse o armonizzate.
Sono stati rimossi i collegamenti specifici di Wikipedia che non portano a un articolo o una categoria (come "Redlink", "collegamenti alla pagina di modifica", "collegamenti a portali"). Ogni collegamento esterno ha un'icona FontAwesome aggiuntiva. Oltre ad alcuni piccoli cambiamenti di design, sono stati rimossi i media container, le mappe, i box di navigazione, le versioni vocali e i geoformati.

Notare che Poiché il dato contenuto viene automaticamente prelevato da Wikipedia in un determinato momento, una verifica manuale è stata e non è possibile. Pertanto LinkFang.org non garantisce l'accuratezza e l'attualità del contenuto acquisito. Se ci sono informazioni che al momento sono sbagliate o che hanno una visualizzazione imprecisa, non esitate a Contattaci: e-mail.
Guarda anche: Impronta & Politica sulla riservatezza.