Jago (scultore) - it.LinkFang.org

Jago (scultore)




Jago, pseudonimo di Jacopo Cardillo (Frosinone, 18 aprile 1987), è un artista e scultore italiano.

Indice

Biografia


Dopo aver conseguito il diploma di Liceo Artistico, si iscrive all'Accademia di Belle Arti di Frosinone, che abbandona prima di terminare gli studi.

A 24 anni viene selezionato da Vittorio Sgarbi per partecipare alla 54ª Esposizione Internazionale d'Arte della Biennale di Venezia (Padiglione Italia – RomaPalazzo Venezia).[1] Nello stesso anno, in occasione dell'esposizione Vanitas. Lotto, Caravaggio, Guercino nella Collezione Doria Pamphilj, presenta cinque ritratti di marmo della famiglia.[2]

Il 21 novembre 2012 riceve dal papa la Medaglia del Pontificato, a seguito della realizzazione di un busto in marmo raffigurante papa Benedetto XVI coperto dalla veste pontificia, ispirandosi al ritratto di papa Pio XI di Adolfo Wildt.[3] A seguito delle dimissioni del papa, modifica il busto originale, rappresentando il papa emerito a torso nudo e intitolando la scultura Habemus Hominem, immagine del rappresentante di Dio tornato a essere uomo.[4]

Nel 2013 vince il primo premio al Galà de l'Art di Montecarlo.[5] Nel 2015 vince il premio Catel con l'opera Containers.[6] Nel 2016, all'interno della cripta della Basilica dei Santi XII Apostoli, ha luogo la sua prima esposizione personale a Roma, intitolata Memorie, una selezione di opere realizzate in marmo di Carrara.[7][8]

Nel 2017 con l'opera Eataly si aggiudica il premio del pubblico presso Arte Fiera di Bologna.[9] Nel 2018 espone all'interno del Museo Carlo Bilotti di Villa Borghese a Roma, con l'opera Venere, e alla Biennale Internazionale di Arte Contemporanea Sacra e delle Religioni dell'Umanità a Palermo.[10][11][12] Espone all'Armory Show nello stesso anno con l'opera Donald e nel 2019 con Memoria di sé.[13][14][15]

Nel 2019 a New York completa il Figlio Velato, scolpendo un blocco di marmo Danby del Vermont. L'opera, ispirata al Cristo Velato di Giuseppe Sanmartino, rappresenta un bambino disteso coperto da un velo. Il 21 dicembre la scultura viene collocata presso la Cappella dei Bianchi della chiesa di San Severo fuori le mura, nel rione Sanità di Napoli.[16]

Riconoscimenti


Elenco parziale delle opere


Note


  1. ^ exibart_admin, 54. Biennale di Venezia - Padiglione Lazio , su exibart.com. URL consultato il 22 gennaio 2020.
  2. ^ La Vanitas protagonista nella collezione Doria Pamphilj , su ItalNews, 5 settembre 2011. URL consultato il 22 gennaio 2020.
  3. ^ a b MESSAGGIO DEL SANTO PADRE IN OCCASIONE DELLA XVII SEDUTA PUBBLICA DELLE PONTIFICIE ACCADEMIE , su press.vatican.va. URL consultato il 23 gennaio 2020.
  4. ^ JAGO, il giovane scultore autodidatta che voleva essere Michelangelo . URL consultato il 22 gennaio 2020.
  5. ^ Sora24, Jacopo Cardillo conquista Montecarlo al "Gala de l'Art" , su Sora24, 8 giugno 2013. URL consultato il 22 gennaio 2020.
  6. ^ Premio Catel, a Jacopo Cardillo il primo premio della kermesse curata da Paola Di Giammaria e Vittorio Sgarbi , su www.ilmessaggero.it. URL consultato il 22 gennaio 2020.
  7. ^ JAGO - MEMORIE - Mostra d'arte a Roma per stonetales 22/04-22/05 , su STONETALES. URL consultato il 22 gennaio 2020.
  8. ^ exibart_admin, Jago - Memorie , su exibart.com. URL consultato il 22 gennaio 2020.
  9. ^ Jago, con l'opera Eataly , su www.gruppoeuromobil.com. URL consultato il 22 gennaio 2020.
  10. ^ Jago | Museo Carlo Bilotti Aranciera di Villa Borghese , su www.museocarlobilotti.it. URL consultato il 22 gennaio 2020.
  11. ^ La “Venere” di Jago. In mostra a Roma, al Museo Carlo Bilotti, Aranciera di Villa Borghese , su Exibart.tv, 13 febbraio 2018. URL consultato il 22 gennaio 2020.
  12. ^ (EN) Artisti BIAS 2018 , su Bias Institute, 25 aprile 2018. URL consultato il 23 gennaio 2020.
  13. ^ Montrasio Arte / Km0 , su The Armory Show. URL consultato il 22 gennaio 2020.
  14. ^ (EN) Пост , su Orchard Galerie. URL consultato il 22 gennaio 2020.
  15. ^ The Armory Show 2019 , su Montrasio Arte. URL consultato il 22 gennaio 2020.
  16. ^ A Napoli Il Figlio Velato, il marmo morbido di Jago - ViaggiArt , su ANSA.it, 18 dicembre 2019. URL consultato il 22 gennaio 2020.








Categorie: Artisti italiani | Scultori italiani | Nati nel 1987 | Nati il 18 aprile | Nati a Frosinone








Data: 23.05.2020 03:25:27 CEST

Sorgente: Wikipedia (Autori [Cronologia])    Licenza: CC-by-sa-3.0

Modifiche: Tutte le immagini e la maggior parte degli elementi di design correlati a questi sono stati rimossi. Alcune icone sono state sostituite da FontAwesome-Icons. Alcuni modelli sono stati rimossi (come "l'articolo ha bisogno di espansione) o assegnati (come" note "). Le classi CSS sono state rimosse o armonizzate.
Sono stati rimossi i collegamenti specifici di Wikipedia che non portano a un articolo o una categoria (come "Redlink", "collegamenti alla pagina di modifica", "collegamenti a portali"). Ogni collegamento esterno ha un'icona FontAwesome aggiuntiva. Oltre ad alcuni piccoli cambiamenti di design, sono stati rimossi i media container, le mappe, i box di navigazione, le versioni vocali e i geoformati.

Notare che Poiché il dato contenuto viene automaticamente prelevato da Wikipedia in un determinato momento, una verifica manuale è stata e non è possibile. Pertanto LinkFang.org non garantisce l'accuratezza e l'attualità del contenuto acquisito. Se ci sono informazioni che al momento sono sbagliate o che hanno una visualizzazione imprecisa, non esitate a Contattaci: e-mail.
Guarda anche: Impronta & Politica sulla riservatezza.