Lingua georgiana


Georgiano
ქართული (Kartuli)
Parlato in Georgia
 Iran
 Azerbaigian
 Turchia
 Russia
 Pakistan
 India
 Stati Uniti
 Macedonia del Nord
Locutori
Totale7,4 milioni
Classificanon tra le prime 100
Altre informazioni
ScritturaAlfabeti georgiani
TipoSVO + SOV + OSV
Tassonomia
FilogenesiCartveliche
 Georgiano
Statuto ufficiale
Ufficiale in Georgia

Monte Athos (Grecia)
Regolato daGoverno della Georgia
Codici di classificazione
ISO 639-1ka
ISO 639-2(B)geo, (T)kat
ISO 639-3kat (EN)
Glottolognucl1302 (EN)
Estratto in lingua
Dichiarazione universale dei diritti umani, art. 1
ყველა ადამიანი იბადება თავისუფალი და თანასწორი თავისი ღირსებითა და უფლებებით. მათ მინიჭებული აქვთ გონება და სინდისი და ერთმანეთის მიმართ უნდა იქცეოდნენ ძმობის სულისკვეთებით.
Traslitterazione
Q'vela adamiani ibadeba tavisupali da tanasts'ori tavisi ġirsebita da uplebebit. Mat minič'ebuli akvt goneba da sindisi da ertmanetis mimart unda iktseodnen dzmobis sulisk'vetebit.

La lingua georgiana (in georgiano: ქართული ენა?, kartuli ena) appartiene al gruppo sud-caucasico (cartvelico), di cui rappresenta la lingua franca e l'unica lingua con una propria tradizione letteraria. Il gruppo sembra non avere parentele con altre famiglie linguistiche, o almeno nessuna di quelle proposte sembra essere stata dimostrata in modo convincente. È tuttavia possibile un precoce contatto con le lingue indoeuropee. Le altre lingue cartveliche sono lo svan, il mingreliano e il laz.

È parlata come prima lingua da circa 3,9 milioni di persone in Georgia (l'83% della popolazione), di cui è la lingua ufficiale. Altri 3,5 milioni di persone la parlano all'estero (soprattutto in Turchia, Russia e Stati Uniti con piccole comunità in Iran ed Azerbaigian).

Si tratta di una lingua agglutinante (nella quale cioè gli elementi si combinano a formare le parole in sequenza lineare), come risulta evidente soprattutto nei verbi. Possiede una flessione nominale articolata in sette casi.

Il sistema fonetico presenta suoni particolari, detti glottalizzati. Le parole georgiane possono avere serie consecutive molto lunghe di consonanti: fino a otto (gvbrdgvnis).

Per la scrittura sono stati utilizzati nel tempo tre diversi alfabeti. L'attuale alfabeto georgiano comprende 33 lettere (ridotte dalle originarie 38 nel XIX secolo). Le prime iscrizioni in lingua georgiana risalgono al I secolo-III secolo, sebbene le fonti storiche asseriscano che la scrittura fu introdotta nel III secolo a.C. I primi manoscritti datano al V, e il primo libro a stampa al XVII secolo.

La lingua ha la reputazione di essere difficile da apprendere, soprattutto a causa della complessità del sistema verbale. Non esiste alcuna distinzione di genere tra maschile e femminile.

Numerose parole sono prestiti dalle lingue parlate nelle zone vicine, come l'arabo, il persiano e il turco. Ad eccezione di alcuni termini di origine greca, i prestiti dalle maggiori lingue europee, di origine piuttosto recente, sono avvenuti attraverso la mediazione del russo.

La lingua georgiana comprende circa 17 dialetti, suddivisi in un gruppo orientale e in uno occidentale, alcuni dei quali sono stati fortemente influenzati dal linguaggio dominante della regione in cui risultano parlati. In generale sono più conservativi i dialetti delle regioni montuose. La lingua letteraria si basa sul dialetto cartiliano (pianure orientali).

Il georgiano possiede una vasta letteratura e una prospera poesia popolare, oltre ad essere utilizzato per la tradizione di canto polifonico.

Indice

Classificazione


Il georgiano è la più diffusa delle lingue caucasiche meridionali, una famiglia che comprende anche svan e megrelio (parlato principalmente nella Georgia nord-occidentale) e laz (parlato principalmente lungo la costa turca del Mar Nero, da Melyat, Rize fino alla frontiera georgiana).

Dialetti


Lo stesso argomento in dettaglio: Dialetti della lingua georgiana.

I dialetti georgiani comprendono: imerezio, racha-lechkhumiano, guriano, agiaro, imerkheviano (in Turchia), kartliano, kakhetiano, ingilo (in Azerbaigian), tush, khevsur, mokheviano, pshaviano, dialetto fereydan in Iran nel Fereydunshahr e Faridan, mtiuletiano, meskhetiano.

Storia


Lo stesso argomento in dettaglio: Letteratura georgiana.

Il georgiano condivide una lingua ancestrale comune con lo svan e il mingrelio/laz e si crede si sia separata da queste nel I millennio a.C. In base al grado di mutamento, i linguisti (per es. Klimov, T. Gamkrelidze, G. Machavariani) ipotizzano che la più antica separazione sia avvenuta nel II millennio a.C. o anche prima, dividendo lo svan dalle altre lingue. Il megrelio e laz si separarono dal georgiano grosso modo un migliaio di anni più tardi.

La più antica allusione alla lingua georgiana parlata può essere trovata in un passo del grammatico romano Marco Cornelio Frontone nel II secolo d.C.: Frontone immagina gli iberici che si rivolgono all'imperatore Marco Aurelio nella loro lingua incomprensibile.[1]

L'evoluzione del georgiano, per quanto concerne la lingua scritta, fu una conseguenza della conversione dell'élite georgiana al cristianesimo, nella metà del IV secolo. La nuova lingua letteraria venne costruita su un'infrastruttura culturale già ben definita, appropriandosi delle funzioni, convenzioni, e stato dell'aramaico, la lingua letteraria della Georgia pagana, e la nuova religione nazionale.[2] I primi testi georgiani sono iscrizioni e palinsesti risalenti al V secolo. Il georgiano ha una ricca tradizione letteraria. La più antica opera letteraria sopravvissuta in georgiano è il "Martirio della santa regina Shushanik" (Tsamebay tsmindisa Shushanikisi, dedoplisa) di Iakob Tsurtaveli, del V secolo d.C. Il poema epico nazionale georgiano, "Il cavaliere dalla pelle di leopardo" (Vepkhistqaosani), di Shota Rustaveli, risale al XII secolo.

La storia del georgiano può convenzionalmente essere divisa in:

Suoni


Consonanti

I simboli a sinistra sono quelli dell'AFI e quelli a destra sono dell'alfabeto georgiano

Consonanti georgiane[3]
  Labiale Dentale/
Alveolare
Post-
alveolare
Velare Uvulare Glottale
Nasale m n
Occlusiva aspirata
sonora b d ɡ
eiettiva
Affricata sorda ts
sonora dz
eiettiva tsʼ tʃʼ
Fricativa sorda s ʃ x1 h
sonora v z ʒ ɣ1
Vibrante r
Laterale l
  1. Le opinioni differiscono su come classificare i fonemi /x/ e /ɣ/; Aronson, (1990) li classifica come post-velari, Hewitt (1995) argomenta che essi hanno un campo di estensione che va dal velare all'uvulare secondo il contesto, e molti altri studiosi [senza fonte] trattano i fonemi come fossero puramente velari.

Vocali

Vocali[4]
Anteriore Posteriore
Chiusa i u
Mediana ɛ ɔ
Aperta a~ɑ[5]

Fonotassi

Alcune caratteristiche della fonotassi georgiana.

Sistema di scrittura


Lo stesso argomento in dettaglio: Alfabeti georgiani.

Il georgiano è stato scritto in una varietà di alfabeti nel corso della sua storia. Attualmente un alfabeto, mkhedruli ("militare") è quasi completamente dominante, mentre gli altri sono oggetto di interesse per gli studiosi, perché è necessario conoscerli per la consultazione di documenti storici.

Lo mkhedruli ha 33 lettere di uso comune, delle quali attualmente più di mezza dozzina sono obsolete. Le lettere dello mkhedruli corrispondono ai suoni della lingua georgiana.

Secondo i resoconti tradizionali scritti da Leonti Mroveli nell'XI secolo, il primo alfabeto georgiano venne creato dal primo re dell'Iberia caucasica (nota anche come Kartli), Pharnavaz, nel III secolo a.C. Tuttavia, i primi esempi di quest'alfabeto, o la sua versione modificata, risalgono al V secolo d.C. Nel corso di molti secoli, l'alfabeto venne modernizzato. Ci sono adesso tre alfabeti georgiani completamente diversi, chiamati asomtavruli (lettere maiuscole), nuskhuri (lettere minuscole) e mkhedruli. I primi due sono utilizzati insieme come lettere maiuscole e minuscole, formando un singolo alfabeto usato dalla chiesa ortodossa georgiana e chiamato khutsuri (dei sacerdoti).

Nello mkhedruli, non ci sono forme separate per le lettere maiuscole. Tuttavia, talvolta, un effetto maiuscolo, chiamato mtavruli (titolo o intestazione), viene ottenuto graduando e posizionando le lettere ordinarie in modo che le loro dimensioni verticali siano tutte identiche rispetto alla linea di base. Questo modo di scrivere le lettere viene spesso utilizzato nelle pagine di intestazione, titoli di capitoli, iscrizioni monumentali e simili.

Grammatica


Lo stesso argomento in dettaglio: Grammatica georgiana.

Morfologia

Morfonologia

Inflessione

nominativo
ergativo
dativo
genitivo
strumentale
avverbiale
vocativo

Una caratteristica interessante del georgiano è che, mentre il soggetto di una frase è generalmente nel caso nominativo, e l'oggetto è nel caso accusativo (o dativo), in molte situazioni si può verificare il contrario (questo dipende principalmente dal carattere del verbo). Questa fenomeno è chiamato inversione.

Inoltre, nel tempo passato è spesso presente una costruzione ergativa; in tal caso il soggetto è nel caso ergativo e l'oggetto nel caso nominativo. Ciò avviene soprattutto nel passato dei verbi transitivi (ma anche, eccezionalmente, nel presente del verbo "conoscere").

Sintassi

Vocabolario


Il georgiano ha un ricco sistema di derivazione dei vocaboli. Aggiungendo alcuni prefissi e suffissi specifici a una radice, si possono da questa derivare molti sostantivi e aggettivi. Per esempio, dalla radice -kart-, possono essere derivate le successive parole: kartveli (una persona georgiana), kartuli (la lingua georgiana) e sakartvelo (Georgia).

La maggior parte dei cognomi georgiani terminano in

-dze ("figlio") (Georgia occidentale)
-shvili ("bambino") (Georgia orientale)
-ia (Georgia occidentale, Samegrelo)
-ani (Georgia occidentale, Svaneti)
-uri (Georgia orientale), ecc.

La desinenza -eli è una particella nobiliare, equivalente al francese de, al tedesco von o al polacco -ski. Almeno due cognomi georgiani di personaggi storici sono famosi all'estero: Eduard Shevardnadze e Stalin, il cui cognome era Dzhugashvili. Negli anni '90, la squadra di calcio britannica del Manchester City ebbe un numero di giocatori georgiani che avevano il nome con queste desinenze, come Georgi Kinkladze, Murtazi Shelia, Kakhaber Tshkadadze e Mikhail Kavelashvili.

Il georgiano ha un sistema di numerazione vigesimale, ovvero basato sul numero 20, come il basco o il francese antico. Per esprimere un numero più grande di 20 e minore di 100, per primo viene stabilito il numero delle ventine e il numero rimanente viene sommato. Per esempio, il 93 viene scritto (in lettere) ოთხმოცდაცამეტი - otkh-m-ots-da-tsamet'i (quattro-volte-venti-e-tredici).

Esempi


Formazione delle parole

Il georgiano ha un sistema derivazionale della parola che permette la derivazione di nomi da radici verbali, sia con prefissi che con suffissi. Per esempio:

È anche possibile derivare i verbi da sostantivi:

In modo similare, i verbi possono essere derivati dagli aggettivi:

Parole che iniziano con consonanti multiple

In georgiano molti sostantivi e aggettivi iniziano con due o più consonanti contigue.

Numeri cardinali da 1 a 10


ერთი (ert'i) (uno), ორი (ori) (due), სამი (sami) (tre), ოთხი (ot'khi) (quattro), ხუთი (khut'i) (cinque), ექვსი (ek'vsi) (sei), შვიდი (shvidi) (sette), რვა (rva) (otto), ცხრა (ts'khra) (nove), ათი (at'i) (dieci).

Note


  1. ^ (EN) Braund, David (1994), Georgia nell'antichità; una storia della Colchide e dell'Iberia Transcaucasica, 550 a.C. – 562 d.C., p. 216. Oxford University Press, ISBN 0-19-814473-3
  2. ^ a b (EN) Tuite, Kevin, "Antico georgiano", pp. 145-6, in: Woodard, Roger D. (2008), Le lingue antiche dell'Asia Minore. Cambridge University Press, ISBN 0-521-68496-X
  3. ^ Shosted & Shikovani, 2006, p. 255
  4. ^ Shosted & Chikovani, 2006, p. 261
  5. ^ Aronson, 1990, descrive questa vocale come più anteriore di [ɑ]

Bibliografia


Voci correlate


Altri progetti


Collegamenti esterni


Risorse per l'apprendimento:

-

Controllo di autoritàThesaurus BNCF 125  · LCCN (ENsh85054242  · GND (DE4124679-2  · NDL (ENJA00562661









Categorie: Lingua georgiana | Lingue SVO




Data: 13.05.2021 09:11:21 CEST

Sorgente: Wikipedia (Autori [Cronologia])    Licenza: CC-BY-SA-3.0

Modifiche: Tutte le immagini e la maggior parte degli elementi di design correlati a questi sono stati rimossi. Alcune icone sono state sostituite da FontAwesome-Icons. Alcuni modelli sono stati rimossi (come "l'articolo ha bisogno di espansione) o assegnati (come" note "). Le classi CSS sono state rimosse o armonizzate.
Sono stati rimossi i collegamenti specifici di Wikipedia che non portano a un articolo o una categoria (come "Redlink", "collegamenti alla pagina di modifica", "collegamenti a portali"). Ogni collegamento esterno ha un'icona FontAwesome aggiuntiva. Oltre ad alcuni piccoli cambiamenti di design, sono stati rimossi i media container, le mappe, i box di navigazione, le versioni vocali e i geoformati.

Notare che Poiché il dato contenuto viene automaticamente prelevato da Wikipedia in un determinato momento, una verifica manuale è stata e non è possibile. Pertanto LinkFang.org non garantisce l'accuratezza e l'attualità del contenuto acquisito. Se ci sono informazioni che al momento sono sbagliate o che hanno una visualizzazione imprecisa, non esitate a Contattaci: e-mail.
Guarda anche: Impronta & Politica sulla riservatezza.