Località abitata


Disambiguazione – "Località" rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi Località (disambigua).

L'ISTAT definisce[1] una località abitata come l'«area più o meno vasta di territorio, conosciuta di norma con un nome proprio, sulla quale sono situate una o più case raggruppate o sparse. Si distinguono tre tipi di località abitate: centro abitato, nucleo abitato e case sparse».

In occasione di ogni censimento della popolazione e delle abitazioni, di norma con cadenza decennale, l'ISTAT pubblica i dati relativi alla popolazione residente per ciascuna località abitata d'Italia. In tali occasioni l'ISTAT ha anche il compito di aggiornare l'elenco di tutti i centri abitati ed i nuclei abitati d'Italia e di stabilire, con la collaborazione dei comuni, da quanti e quali edifici ed abitazioni sono composti.

Indice

Centro abitato


Lo stesso argomento in dettaglio: Centro abitato.

Il termine centro abitato (C.A.) non è rinvenibile in termini univoci nel quadro normativo.

In Italia il codice della strada (D.Lgs. 30 aprile 1992, n. 285), all'art. 3.lo definisce come un «insieme di edifici, delimitato lungo le vie di accesso dagli appositi segnali di inizio e fine. Per insieme di edifici si intende un raggruppamento continuo, ancorché intervallato da strade, piazze, giardini o simili, costituito da non meno di venticinque fabbricati e da aree di uso pubblico con accessi veicolari o pedonali sulla strada».

Sempre in Italia, l'ISTAT lo definisce come la località abitata costituita da un «aggregato di case contigue o vicine con interposte strade, piazze e simili, o comunque brevi soluzioni di continuità per la cui determinazione si assume un valore variabile intorno ai 70 metri, caratterizzato dall'esistenza di servizi od esercizi pubblici (scuola, ufficio pubblico, farmacia, negozio o simili) costituenti la condizione di una forma autonoma di vita sociale, e generalmente determinanti un luogo di raccolta ove sono soliti concorrere anche gli abitanti dei luoghi vicini per ragioni di culto, istruzione, affari, approvvigionamento e simili, in modo da manifestare l'esistenza di una forma di vita sociale coordinata dal centro stesso. (omissis[1], differenziandolo così dal nucleo abitato e dal quartiere, che è contiguo ad altri luoghi di raccolta ed insieme a questi sono parte del centro abitato stesso.

Un centro abitato può dare il suo nome ad una frazione geografica.

Il servizio di cartografia OpenStreetMap, valido a livello internazionale e più preciso dell'ISTAT[senza fonte], identifica il centro abitato come paese, indicando come caratteristica propria una popolazione compresa tra i 200 e i 10.000 abitanti e una separazione urbanistica dai centri abitati più prossimi. Le suddivisioni interne ad esso prendono il nome di quartiere. Un centro con popolazione superiore ai 10.000 abitante assume la dicitura di città, con la possibilità di accorpare paesi che, una volta inglobati nello stesso tessuto urbano, prendono il nome di sobborgo.

Nucleo abitato


L'ISTAT definisce il nucleo abitato (N.A.) come la «località abitata, priva del luogo di raccolta che caratterizza il centro abitato, costituita da un gruppo di case contigue e vicine, con almeno cinque famiglie, con interposte strade, sentieri, piazze, aie, piccoli orti, piccoli incolti e simili, purché l'intervallo tra casa e casa non superi trenta metri e sia in ogni modo inferiore a quello intercorrente tra il nucleo stesso e la più vicina delle case manifestamente sparse. Il carattere di nucleo è riconosciuto anche:

OpenStreetMap identifica i nuclei abitati come piccolo borgo, con la caratteristica principale di avere un popolazione inferiore ai 200 abitanti. Qualunque località abitata che rispetti tale parametro e che abbia almeno tre case vicine tra loro, può essere così definita.

Case sparse


Le case sparse (C.S.) sono definite dall'ISTAT come «case disseminate nel territorio comunale a distanza tale tra loro da non poter costituire nemmeno un nucleo abitato» [1]

OpenStreetMap prevede solamente le "abitazioni isolate": vengono etichettate così le località con uno o due edifici, come alcune cascine o singole case costruite in località con una propria denominazione.

Note


  1. ^ a b c d glossario , su ISTAT. URL consultato il 22 dicembre 2020.

Altri progetti


Collegamenti esterni











Categorie: Diritto urbanistico italiano




Data: 26.12.2020 04:48:00 CET

Sorgente: Wikipedia (Autori [Cronologia])    Licenza: CC-BY-SA-3.0

Modifiche: Tutte le immagini e la maggior parte degli elementi di design correlati a questi sono stati rimossi. Alcune icone sono state sostituite da FontAwesome-Icons. Alcuni modelli sono stati rimossi (come "l'articolo ha bisogno di espansione) o assegnati (come" note "). Le classi CSS sono state rimosse o armonizzate.
Sono stati rimossi i collegamenti specifici di Wikipedia che non portano a un articolo o una categoria (come "Redlink", "collegamenti alla pagina di modifica", "collegamenti a portali"). Ogni collegamento esterno ha un'icona FontAwesome aggiuntiva. Oltre ad alcuni piccoli cambiamenti di design, sono stati rimossi i media container, le mappe, i box di navigazione, le versioni vocali e i geoformati.

Notare che Poiché il dato contenuto viene automaticamente prelevato da Wikipedia in un determinato momento, una verifica manuale è stata e non è possibile. Pertanto LinkFang.org non garantisce l'accuratezza e l'attualità del contenuto acquisito. Se ci sono informazioni che al momento sono sbagliate o che hanno una visualizzazione imprecisa, non esitate a Contattaci: e-mail.
Guarda anche: Impronta & Politica sulla riservatezza.