Myia


Myia (in greco antico: Μυῖα, Myía; Crotone, seconda metà del VI secolo a.C.Crotone, ...) è stata una filosofa greca antica della scuola pitagorica.

Indice

Biografia


Myia (Mosca) è una figura quasi leggendaria i cui scritti sono andati perduti: sarebbe stata la figlia di Pitagora e di Teano[1][2][3][4], oltre che sposa del famoso lottatore Milone, a sua volta discepolo pitagorico [5].

Luciano di Samosata, nel suo Elogio di una mosca, afferma che avrebbe potuto raccontare molte cose su Myia se non fosse per il fatto che la sua storia era nota a tutti.[6]

Di lei rimane una lettera, molto probabilmente apocrifa indirizzata a una certa Phyllis contenente dei criteri per scegliere una buona nutrice. Nel testo compaiono i valori di armonia e di moderazione tipici del pitagorismo.[7] Per H. Thesleff questa lettera sarebbe stata scritta verso il III secolo a.C. [8].

Non sembra esserci un rapporto la filosofa Myia e l'omonima stella la più luminosa della costellazione della Mosca. Myia significa mosca in greco ma il nome è di origini recenti dato che la stella è troppo a sud per essere stata vista dagli antichi greci.[9]

Note


  1. ^ Clemente Alessandrino la cita per dimostrare che le donne hanno le stesse capacità degli uomini (in Stromata, IV, 19)
  2. ^ Suda, Myia
  3. ^ Suda, Theano
  4. ^ Porfirio, Vita di Pitagora, 4
  5. ^ Giamblico, Vita di Pitagora, 30-36
  6. ^ Luciano, Elogio di una mosca, 1
  7. ^ Mary Ellen Waithe, A History of Women Philosophers. Volume 1, 600 a.C-500 a.C., pages 15-17. Springer
  8. ^ H. Thesleff, The Pythagorean texts of the Hellenistics period, Turku (Finlande), 1965, p. 102.
  9. ^ «La costellazione della Mosca non è osservabile alle nostre latitudini; per poterla vedere per intero è necessario spingersi fin quasi all'equatore, a circa 10° N di latitudine.» [collegamento interrotto]

Bibliografia


Voci correlate


Collegamenti esterni


Controllo di autoritàVIAF (EN57001801  · Europeana agent/base/29927  · GND (DE102400016  · BNE (ESXX5300568 (data)  · CERL cnp00285244









Categorie: Filosofi greci antichi | Nati a Crotone | Morti a Crotone | Pitagorici




Data: 28.11.2020 11:33:01 CET

Sorgente: Wikipedia (Autori [Cronologia])    Licenza: CC-by-sa-3.0

Modifiche: Tutte le immagini e la maggior parte degli elementi di design correlati a questi sono stati rimossi. Alcune icone sono state sostituite da FontAwesome-Icons. Alcuni modelli sono stati rimossi (come "l'articolo ha bisogno di espansione) o assegnati (come" note "). Le classi CSS sono state rimosse o armonizzate.
Sono stati rimossi i collegamenti specifici di Wikipedia che non portano a un articolo o una categoria (come "Redlink", "collegamenti alla pagina di modifica", "collegamenti a portali"). Ogni collegamento esterno ha un'icona FontAwesome aggiuntiva. Oltre ad alcuni piccoli cambiamenti di design, sono stati rimossi i media container, le mappe, i box di navigazione, le versioni vocali e i geoformati.

Notare che Poiché il dato contenuto viene automaticamente prelevato da Wikipedia in un determinato momento, una verifica manuale è stata e non è possibile. Pertanto LinkFang.org non garantisce l'accuratezza e l'attualità del contenuto acquisito. Se ci sono informazioni che al momento sono sbagliate o che hanno una visualizzazione imprecisa, non esitate a Contattaci: e-mail.
Guarda anche: Impronta & Politica sulla riservatezza.