Occhiali da sole


Gli occhiali da sole sono un dispositivo di protezione individuale,[1] votato a salvaguardare l'apparato visivo di una persona dai possibili rischi causati dalla radiazione solare intensa.

Indice

Storia


Dai tempi preistorici, gli Inuit[2] indossano maschere d'avorio che bloccano i raggi del sole riflessi dalla neve. Sotto l'Impero romano, Plinio racconta che l'imperatore Nerone guardava le lotte dei gladiatori attraverso smeraldi[3]. In Cina, i vetri di quarzo fumè sono stati utilizzati nel XII secolo per proteggere gli occhi contro l'abbagliamento e per nascondere le espressioni dagli occhi dei giudici durante l'interrogatorio[4].

Sicuramente tra i primi a mettere a punto occhiali da sole nella moderna accezione fu il Duca Gian Vincenzo Pinelli, avente titolo di duca di Acerenza e Giugliano, (Napoli, 1535 – Padova, 31 agosto 1601), un eccezionale umanista italiano, conosciuto come un dotto e un mentore di Galileo Galilei.

È stato anche un botanico celebre, bibliofilo e collezionista di strumenti scientifici, e la sua enorme biblioteca era probabilmente la più grande nel XVI secolo in Italia, costituita al momento della sua morte da circa 8.500 opere stampate. Segretario di Pinelli, Paolo Gualdo, scrisse e pubblicò (1607) una biografia di Pinelli, che è anche il ritratto dello studioso perfetto e collezionista di libri.

Il suo amore per i libri e manoscritti, e il suo interesse per l'ottica derivò da una disabilità: un incidente d'infanzia avevano distrutto la visione di un occhio, costringendolo a proteggere la sua visione debole con lenti verdi tinta. Risulta quindi essere il primo ad aver applicato lenti colorate (c.d. lenti bruciate veneziane) ad occhiali, sicché è da considerare fra i possibili inventori degli occhiali da sole nella accezione moderna. Solo agli inizi del 1700, quindi oltre 100 anni dopo la morte di Pinelli, a Venezia si cominciarono a montare le lenti sugli occhiali in maniera diffusa. (rif. quotidiano Roma ed. luglio 2018 "Gli occhiali da sole un'invenzione del lucano Giovanni Vincenzo Pinelli" intervista al Dott. Raffaello Glinni a firma Leonardo Pisani).

I primi occhiali con lenti per filtrare i raggi UVA[5] sono prodotti nelle vetrerie di Murano, a Venezia dove delle copie del Settecento sono sopravvissute. Questi occhiali anche detti “occhiali da gondola”, “vetri da gondola” o “vetri di dama” con vetro verde sono stati utilizzati dalla nobiltà veneziana per preservare la vista dal riverbero costante della luce sull'acqua della laguna.

Nell'estate 2014, le sale monumentali della Biblioteca Marciana[6] ospitano una mostra dedicata agli occhiali da sole alla maniera della Venezia settecentesca. Intitolata Occhiali da Doge. Gli occhiali da sole nella Venezia del Settecento, l'esposizione presenta una collezione di pezzi unici e molto rari (come gli occhiali con lenti “poliedriche” o occhiali del tipo “Goldoni”) ad uno dei quali si attribuisce la proprietà al doge Alvise IV Giovanni Mocenigo

Costruzione


L'occhiale da sole si compone principalmente di due parti: montatura e lenti.

Montatura

La montatura per occhiali da sole può essere molto variabile nella struttura, ancor più rispetto ad un occhiale da vista.

Una montatura per occhiali da vista può essere utilizzata anche come struttura per applicare filtri o lenti da sole. Il limite di questa soluzione spesso è dato dall'estetica, poiché spesso le montature da sole sono diverse da quelle da vista. Difatti, in generale le montature da sole sono costruite in modo tale da coprire maggiormente l'occhio, sia come dimensione della lente stessa (calibro della montatura), sia per le aste più spesse.

Un altro sistema di protezione utilizzato è quello delle lenti avvolgenti, cioè molto più curve rispetto alle lenti standard da vista. Queste, permettono di seguire ancora di più il profilo del volto dando così una maggiore copertura.

Lenti

Gli occhiali da sole sono costituiti da due lenti che, qualora queste abbiano anche un effetto di correzione di difetti visivi, possono essere diverse fra loro.

I materiali di base sono organici (resine plastiche) o minerali (vetro). La plastica ha tra i vantaggi la resistenza agli urti, mentre il vetro è più resistente ai graffi (caratteristica che viene limitata da trattamenti della superficie, la quale comunque verrà rigata). La plastica ha solitamente un indice di rifrazione minore ed è quindi più spessa, mentre il vetro, al contrario, è più sottile. La plastica è più leggera, il vetro più pesante. Su queste basi vengono applicati trattamenti analoghi a quelli delle lenti correttive, come il trattamento indurente (chiamato impropriamente "antigraffio"), o i vari trattamenti antiriflesso.

La lente viene trattata in modo da ottenere una riduzione della luminosità che l'attraversa. Questo trattamento consiste normalmente nella colorazione della lente. Esistono inoltre alcuni trattamenti particolari, volti ad ottenere speciali caratteristiche filtranti.

Trattamenti particolari

Tipi particolari di occhiali da sole


Oltre agli occhiali da sole con lenti semplicemente colorate, esistono altre tipologie.

Gli occhiali fotocromatici sono caratterizzati da lenti la cui colorazione varia a seconda della luminosità esterna, comportandosi come occhiali da sole a riduzione di luminosità variabile, da quasi nulla a molto elevata.[8][9].

Gli occhiali digradanti hanno una colorazione variabile, e quindi una trasmissione di luminosità mutevole sulla lente. La parte superiore, blocca gran parte della radiazione solare, mentre quella inferiore è più trasparente: per queste caratteristiche sono particolarmente indicati per la guida di veicoli.[7][8]

Normative


Gli occhiali da sole sono considerati dispositivi di protezione individuali di prima categoria, in base al decreto legislativo 475/1992 e successive modificazioni.[1] In quanto tali, gli occhiali da sole sono regolamentati dalle normative europee 89/686/CEE, 93/68/CEE, 93/95/CEE e 96/58/CE, recepite in Italia dal suddetto D.Lgs. 475/1992 e dal decreto legge 10/1997. Tutte queste normative sono state armonizzate nella norma EN 1836:1997, recepita in Italia come norma UNI EN 1836:2006,[10] ed in seguito ad alcune modifiche come UNI EN 1836:2008.[11] La normativa prevede che ad ogni occhiale debbano essere allegate le seguenti informazioni:[10]

La normativa suddivide gli occhiali da sole in 5 categorie, a seconda del livello di riduzione della luminosità:[8][9]

Categoria Tipologia di lente Percentuale di luce trasmessa Utilizzo
0 Lenti minimamente oscurate.
Lenti fotocromatiche allo stato più chiaro.
80-100% Luoghi chiusi, cielo coperto
1 Lenti leggermente oscurate 43-79% Luce solare attenuata
2 Lenti mediamente oscurate 18-42% Luce solare media
3 Lenti scure.
Lenti fotocromatiche allo stato più scuro.
8-17% Luce solare intensa
4 Lenti scurissime 3-7% Luce solare estremamente intensa (alta montagna, mare, neve, ghiacciaio nelle ore centrali della giornata)

Le lenti di categoria 4 non sono adatte per la guida di veicoli.[9]

Note


  1. ^ a b testo del D.Lgs.475/1992 (PDF), su lavorandosicuri.it. URL consultato il 2 agosto 2010 (archiviato dall'url originale l'11 febbraio 2009). (PDF)
  2. ^ (EN) Prehistoric Inuit Snow-Goggles, circa 1200 , su collections.civilisations.ca, Canadian Museum of Civilization. URL consultato il 25-06-2014 (archiviato dall'url originale il 6 luglio 2011).
  3. ^ (EN) Pliny the Elder, The Natural History, Book XXXVII, Ch. 16 , su perseus.tufts.edu, Perseus digital library. URL consultato il 25-06-2014.
  4. ^ (EN) Sunglasses History - The Invention of Sunglasses , su ideafinder.com, The Great Idea Finder. URL consultato il 25-06-2014 (archiviato dall'url originale il 3 luglio 2007).
  5. ^ Occhiali da Doge. Gli occhiali da sole nella Venezia del Settecento , su beniculturali.it, Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo. URL consultato il 25-06-2014 (archiviato dall'url originale il 9 marzo 2016).
  6. ^ Occhiali da Doge. Gli occhiali da sole nella Venezia del Settecento , su marciana.venezia.sbn.it, Biblioteca Nazionale Marciana. URL consultato il 25-06-2014.
  7. ^ a b c d (EN) allaboutvision.com - occhiali da sole - FAQ , su allaboutvision.com. URL consultato il 2 agosto 2010.
  8. ^ a b c d e Centro consumatori - occhiali da sole , su centroconsumatori.tn.it. URL consultato il 2 agosto 2010.
  9. ^ a b c Ottica Silingardi - Filtro solare e UV index , su otticasilingardi.it. URL consultato il 4 gennaio 2016.
  10. ^ a b intercast - normativa sugli occhiali da sole , su intercast.it. URL consultato il 2 agosto 2010 (archiviato dall'url originale il 19 maggio 2011).
  11. ^ UNI - norma UNI EN 1836:2008 - presentazione [collegamento interrotto], su webstore.uni.com. URL consultato il 2 agosto 2010.

Voci correlate


Altri progetti


Collegamenti esterni


Controllo di autoritàThesaurus BNCF 63648  · LCCN (ENsh85130489  · GND (DE4331184-2  · BNF (FRcb12383969s (data)









Categorie: Occhiali | Oggetti per la persona | Accessori di abbigliamento | Dispositivi di protezione individuale




Data: 17.02.2022 04:46:10 CET

Sorgente: Wikipedia (Autori [Cronologia])    Licenza: CC-BY-SA-3.0

Modifiche: Tutte le immagini e la maggior parte degli elementi di design correlati a questi sono stati rimossi. Alcune icone sono state sostituite da FontAwesome-Icons. Alcuni modelli sono stati rimossi (come "l'articolo ha bisogno di espansione) o assegnati (come" note "). Le classi CSS sono state rimosse o armonizzate.
Sono stati rimossi i collegamenti specifici di Wikipedia che non portano a un articolo o una categoria (come "Redlink", "collegamenti alla pagina di modifica", "collegamenti a portali"). Ogni collegamento esterno ha un'icona FontAwesome aggiuntiva. Oltre ad alcuni piccoli cambiamenti di design, sono stati rimossi i media container, le mappe, i box di navigazione, le versioni vocali e i geoformati.

Notare che Poiché il dato contenuto viene automaticamente prelevato da Wikipedia in un determinato momento, una verifica manuale è stata e non è possibile. Pertanto LinkFang.org non garantisce l'accuratezza e l'attualità del contenuto acquisito. Se ci sono informazioni che al momento sono sbagliate o che hanno una visualizzazione imprecisa, non esitate a Contattaci: e-mail.
Guarda anche: Impronta & Politica sulla riservatezza.