Organizzazione internazionale per la normazione


(Reindirizzamento da Organizzazione_Internazionale_per_le_Standardizzazioni)
Disambiguazione – "ISO" rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi ISO (disambigua).
Organizzazione internazionale per la normazione
(EN) International Organization for Standardization
AbbreviazioneISO
Tipoorganizzazione non governativa
Fondazione23 febbraio 1947
Scopodefinizione di norme tecniche
Sede centrale Ginevra
Area di azione165 Stati[1]
Presidente Eddy Njoroge[2]
Lingue ufficialiinglese, francese, russo
Membri164 (2019)
MottoWhen the world agrees
Sito web

L'Organizzazione internazionale per la normazione (in inglese International Organization for Standardization, abbreviazione ISO[3]) è la più importante organizzazione a livello mondiale per la definizione di norme tecniche. Svolge funzioni consultive per l'UNESCO e per l'Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU).[3]. Le lingue ufficiali dell'ISO sono l'inglese, il francese e il russo (art. 19.1 dello statuto)[4]. La maggior parte delle norme pubblicate si trova su Lista di standard ISO.

Il termine "ISO" non è un acronimo (infatti in inglese l'ISO viene anche chiamata International Organization for Standardization, in francese Organisation internationale de normalisation e in russo Международная организация по стандартизации, che si pronuncia: Mezhdunarodnaya organizatsiya po standartizatsii), bensì deriva dal greco ἴσος (pronuncia: ìsos), il cui significato sta per "uguale". La scelta di un termine di origine greca anziché di un acronimo era dettata dalla ricerca di un'abbreviazione che avesse carattere di universalità (l'acronimo è invece solitamente legato alla lingua rispetto alla quale viene usato).[1]

Ha il suo quartier generale a Ginevra in Svizzera,[3] e i suoi membri sono gli organismi nazionali di standardizzazione di 164[1][5] paesi del mondo. L'ISO coopera strettamente con la Commissione elettrotecnica internazionale (IEC), responsabile per la standardizzazione dei dispositivi elettrici ed elettronici, e con l'Unione internazionale delle telecomunicazioni (ITU) per quanto riguarda le norme tecniche nell'ambito delle telecomunicazioni.[6] Dalla sua nascita fino al 2019, l'ISO ha sviluppato 22 683 norme tecniche internazionali.[7] Ha inoltre sviluppato altre tipologie di documenti chiamati specifiche tecniche (Technical Specifications - TS), rapporti tecnici (Technical Reports - TR), specifiche disponibili pubblicamente (Publicly Available Specifications - PAS), accordi di workshop internazionali (International Workshop Agreements - IWA) e guide.[8].

Indice

Storia


L'ISO fu fondata il 23 febbraio 1947, in seguito ad un incontro all'interno dell'Institute of Civil Engineers a Londra, avvenuto nel 1946, al quale parteciparono delegati provenienti da 25 stati diversi.[1] L'ISO sostituì così l'International Federation of the National Standardizing Association (ISA - attiva dal 1926 al 1942) e lo United Nations Standards Coordinating Committee (UNSCC - fondato nel 1944).[9]

Nell'anno della sua fondazione, l'ISO contava 67 comitati tecnici[10] e fu una delle prime organizzazioni chiamate alla consultazione dal Consiglio economico e sociale delle Nazioni Unite.[11]

Il primo ufficio dell'ISO era situato in una piccola casa di proprietà privata a Ginevra, in Svizzera.[10]

Nel 1951 viene pubblicato il primo standard ISO, denominato "ISO/R 1:1951" - Standard reference temperature for industrial length measurements, dove la lettera "R" stava per "raccomandazione",[10] ad indicarne la non obbligatorietà. Venne inoltre dato alle stampe l'ISO Journal, rivista mensile contenente informazioni sulle attività dell'ISO.[10]

Nel 1960 viene pubblicato lo standard ISO 31 sulle unità di misura.[10]

Nel 1987 viene pubblicato il primo standard sulla gestione della qualità (ISO 9000).[10]

Nel 1991 fu formalizzata la cooperazione tra l'ISO e il Comitato europeo di normazione (CEN) attraverso l'Accordo di Vienna.[12] che sostituì il precedente accordo del 1989 sullo scambio di informazioni tecniche tra le due organizzazioni (Accordo di Lisbona).

Nel 1996 viene poi pubblicato lo standard ISO 14001 sulla gestione ambientale.[10]

Nel 2018 viene pubblicato lo standard ISO 45001:2018 sulla sicurezza sul lavoro.[10]

Organizzazioni di normazione regionali riconosciute


L'ISO riconosce le seguenti organizzazioni di normazione regionali (cioè operanti in più di uno stato):[6]

Membri


Quella che segue è la lista dei membri dell'ISO, aggiornata al 2019, che conta 121 Member bodies, 39 Correspondent member e 4 Subscriber member.[13]

Enti affiliati

  • Afghanistan National Standards Authority (ANSA)
  • Institut Algérien de Normalisation (IANOR)
  • Instituto Argentino de Normalización y Certificación (IRAM)
  • National Institute of Standards (SARM)
  • Standards Australia (SA)
  • Austrian Standards International - Standardization and Innovation (ASI)
  • Azerbaijan Standardization İnstitute (AZSTAND)
  • Bahamas Bureau of Standards & Quality (BBSQ)
  • Bahrain Standards and Metrology Directorate (BSMD)
  • Bangladesh Standards and Testing Institution (BSTI)
  • Barbados National Standards Institution (BNSI)
  • State Committee for Standardization of the Republic of Belarus (BELST)
  • Bureau de Normalisation (NBN)
  • Agence nationale de Normalisation, de Métrologie et du Contrôle Qualité (ANM)
  • Instituto Boliviano de Normalización y Calidad (IBNORCA)
  • Institute for Standardization of Bosnia and Herzegovina (ISBIH)
  • Botswana Bureau of Standards (BOBS)
  • Associação Brasileira de Normas Técnicas (ABNT)
  • Bulgarian Institute for Standardization (BDS)
  • Agence Burkinabé de Normalisation, de Métrologie et de la Qualité (ABNORM)
  • Agence des Normes et de la Qualité (ANOR)
  • Standards Council of Canada (SCC)
  • Instituto Nacional de Normalización (INN)
  • Standardization Administration of China (SAC)
  • Instituto Colombiano de Normas Técnicas y Certificación (ICONTEC)
  • Office Congolais de Contrôle (OCC)
  • Instituto de Normas Técnicas de Costa Rica (INTECO)
  • Croatian Standards Institute (HZN)
  • Oficina Nacional de Normalización o Oficina Nacional de Normalizacion (NC)
  • Cyprus Organization for Standardization (CYS)
  • Czech Office for Standards, Metrology and Testing (UNMZ)
  • Côte d'Ivoire Normalisation (CODINORM)
  • Danish Standards (DS)
  • Instituto Dominicano para la Calidad (INDOCAL)
  • Servicio Ecuatoriano de Normalización (INEN)
  • Egyptian Organization for Standardization and Quality (EOS)
  • Organismo Salvadoreño de Normalización (OSN)
  • Eesti Standardikeskus (EVS)
  • Ethiopian Standards Agency (ESA)
  • Department of National Trade Measurement and Standards (DNTMS)
  • Finnish Standards Association SFS (SFS)
  • Association française de normalisation (AFNOR)
  • Agence Gabonaise de Normalisation (AGANOR)
  • Standards Norway (SN)
  • Directorate General for Standards and Metrology (DGSM)
  • Pakistan Standards and Quality Control Authority (PSQCA)
  • Comisión Panameña de Normas Industriales y Técnicas (COPANIT)
  • Instituto Nacional de Calidad (INACAL)
  • Bureau of Philippine Standards (BPS)
  • Polish Committee for Standardization (PKN)
  • Instituto Português da Qualidade (IPQ)
  • Qatar General Organization for Standardization (QS)
  • Asociatia de Standardizare din România (ASRO)
  • Federal Agency on Technical Regulating and Metrology (GOST R)
  • Rwanda Standards Board (RSB)
  • Saint Lucia Bureau of Standards (SLBS)
  • Saudi Standards, Metrology and Quality Organization (SASO)
  • Association Sénégalaise de Normalisation (ASN)
  • Institute for Standardization of Serbia (ISS)
  • Singapore Standards Council, Enterprise Singapore (SSC)
  • Slovak Office of Standards, Metrology and Testing (UNMS SR)
  • Slovenian Institute for Standardization (SIST)
  • South African Bureau of Standards (SABS)
  • Asociación Española de Normalización (UNE)
  • Sri Lanka Standards Institution (SLSI)
  • Sudanese Standards and Metrology Organization (SSMO)
  • Swedish Institute for Standards (SIS)
  • Swiss Association for Standardization (SNV)
  • Syrian Arab Organization for Standardization and Metrology (SASMO)
  • Tanzania Bureau of Standards (TBS)
  • Thai Industrial Standards Institute (TISI)
  • Trinidad and Tobago Bureau of Standards (TTBS)
  • Institut National de la Normalisation et de la Propriété Industrielle (INNORPI)
  • Türk Standardlari Enstitüsü (TSE)
  • Uganda National Bureau of Standards (UNBS)
  • Ukrainian scientific-research and training center of issues of standardization, certification and quality (DSTU)
  • Emirates Authority for Standardization and Metrology (ESMA)
  • British Standards Institution (BSI)
  • American National Standards Institute (ANSI)
  • Instituto Uruguayo de Normas Técnicas (UNIT)
  • Agency for Standardization, Metrology and Certification of Uzbekistan (UZSTANDARD)
  • Directorate for Standards, Metrology and Quality (STAMEQ)
  • Standards Association of Zimbabwe (SAZ)

Correspondent member

  • General Directorate of Standardization (DPS)
  • Instituto Angolano de Normalização e Qualidade (IANORQ)
  • Bhutan Standards Bureau (BSB)
  • National Standards Centre (NSC)
  • Bureau Burundais de Normalisation et Contrôle de la Qualité (BBN)
  • Institute of Standards of Cambodia (ISC)
  • Dominica Bureau of Standards (DBOS)
  • Eritrean Standards Institution (ESI)
  • Eswatini Standards Authority (SWASA)
  • The Gambia Standards Bureau (TGSB)
  • Georgian National Agency for Standards and Metrology (GEOSTM)
  • Comisión Guatemalteca de Normas (COGUANOR)
  • Guyana National Bureau of Standards (GNBS)
  • Bureau Haïtien de Normalisation (BHN)
  • Honduran Standards Organization (OHN)
  • Innovation and Technology Commission (ITCHKSAR)
  • Center for Standardization and Metrology (KYRGYZST)
  • Department of Standardization and Metrology (DOSM)
  • Macau Productivity and Technology Transfer Center (CPTTM)
  • Bureau de Normes de Madagascar (BNM)
  • Direction de la Normalisation et de la Promotion de la Qualité (DNPQ)
  • Institute for Standardization of Moldova (ISM)
  • Institute for Standardization of Montenegro (ISME)
  • Instituto Nacional de Normalização e Qualidade (INNOQ)
  • Department of Research and Innovation (DRI)
  • Dirección de Normalización y Metrología (DNM)
  • Direction de la Normalisation, de la Promotion de la Qualité et de la Métrologie (DNPQM)
  • Palestine Standards Institution (PSI)
  • National Institute of Standards and Industrial Technology (NISIT)
  • Instituto Nacional de Tecnología, Normalización y Metrología (INTN)
  • Saint Kitts and Nevis Bureau of Standards (SKNBS)
  • Seychelles Bureau of Standards (SBS)
  • Sierra Leone Standards Bureau (SLSB)
  • Suriname Standards Bureau (SSB)
  • Agency of Standardization, Metrology, Certification and Trade Inspection under the Government of Republic of Tajikistan (TJKSTN)
  • Agence Togolaise de Normalisation (ATN)
  • The Major State Service "Turkmenstandartlary" (MSST)
  • Vanuatu Bureau of Standards (VBS)
  • Zambia Bureau of Standards (ZABS)

Subscriber member

Nomenclatura dei documenti


Le norme ISO sono numerate e hanno un formato del tipo "ISO nnnn:yyyy - titolo", dove:

Ad esempio la norma ISO 9001:2015 - Quality management systems -- Requirements corrisponde alla norma numero 9001 aggiornata nel 2015 (ma la cui pubblicazione è del 1987), che tratta dei requisiti (in inglese "Requirements") dei sistemi di gestione per la qualità. La descrizione della norma può cambiare durante le revisioni. Ad esempio, nella sua prima pubblicazione, la ISO 9001 era denominata ISO 9001:1987 - Quality systems -- Model for quality assurance in design/development, production, installation and servicing.

Quando una norma ISO viene recepita a livello nazionale, nel nome compaiono anche le sigle delle organizzazioni che la recepiscono e il testo e la descrizione della norma vengono eventualmente tradotte nella lingua dell'organizzazione che recepisce la norma. Ad esempio la norma ISO 9001 è denominata nel Regno Unito "BS EN ISO 9001", dove "BS" indica le norme della British Standards Institution (BSI) mentre "EN" indica le norme del Comitato europeo di normazione (CEN). In questi casi, l'ordine in cui compaiono le sigle indica l'ordine (indicato in senso inverso) con il quale le norme sono state recepite. Nell'esempio precedente, la norma è stata prima redatta dall'ISO, poi recepita dal Comitato europeo di normazione e infine dalla British Standard Institute, per cui prima compare la sigla "BS", poi "EN" e infine "ISO".

Inoltre quando una norma viene redatta congiuntamente dall'ISO e dall'IEC, nel suo titolo compaiono entrambe le sigle. Un esempio è la norma ISO/IEC 17025:2017 - General requirements for the competence of testing and calibration laboratories.

Le bozze delle norme che non sono ancora state approvate sono indicate dalla sigla "ISO/DIS" (Draft International Standard).[14]

Gli altri documenti ISO sono invece indicati come segue:[8]

Note


  1. ^ a b c d (EN) All about ISO , su sito ufficiale ISO. URL consultato il 3 giugno 2019.
  2. ^ ISO - Structure
  3. ^ a b c ISO , in Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana.
  4. ^ (ENFRRU) ISO Statutes, Articolo 23.1 (PDF), su sito ufficiale ISO. URL consultato il 18 febbraio 2016.
  5. ^ (EN) ISO Members , su iso.org. URL consultato il 5 maggio 2018.
  6. ^ a b (EN) My ISO job - What delegates and experts need to know
  7. ^ (EN) ISO - ISO Store
  8. ^ a b (EN) ISO - ISO deliverables
  9. ^ (EN) ISO focus+ : the magazine of the International Organization for Standardization - Volume 5, No. 6, June 2008 , ISSN 1729-8709 (WC  · ACNP )
  10. ^ a b c d e f g h (EN) ISO - The ISO story
  11. ^ (EN) List of non-governmental organizations in consultative status with the Economic and Social Council as of 1 September 2014
  12. ^ (EN) The Agreement on technical cooperation between ISO and CEN (Vienna Agreement) ,
  13. ^ (EN) Lista dei membri ISO
  14. ^ (EN) Developing ISO standards

Voci correlate


Altri progetti


Collegamenti esterni


Controllo di autoritàVIAF (EN149705257  · ISNI (EN0000 0001 2182 7734  · LCCN (ENn79034445  · GND (DE1008314-5  · BNF (FRcb118710878 (data)  · J9U (ENHE987007263028705171 (topic)  · NDL (ENJA00288472  · WorldCat Identities (ENlccn-n79034445









Categorie: Organizzazione internazionale per la normazione




Data: 30.06.2022 07:57:26 CEST

Sorgente: Wikipedia (Autori [Cronologia])    Licenza: CC-BY-SA-3.0

Modifiche: Tutte le immagini e la maggior parte degli elementi di design correlati a questi sono stati rimossi. Alcune icone sono state sostituite da FontAwesome-Icons. Alcuni modelli sono stati rimossi (come "l'articolo ha bisogno di espansione) o assegnati (come" note "). Le classi CSS sono state rimosse o armonizzate.
Sono stati rimossi i collegamenti specifici di Wikipedia che non portano a un articolo o una categoria (come "Redlink", "collegamenti alla pagina di modifica", "collegamenti a portali"). Ogni collegamento esterno ha un'icona FontAwesome aggiuntiva. Oltre ad alcuni piccoli cambiamenti di design, sono stati rimossi i media container, le mappe, i box di navigazione, le versioni vocali e i geoformati.

Notare che Poiché il dato contenuto viene automaticamente prelevato da Wikipedia in un determinato momento, una verifica manuale è stata e non è possibile. Pertanto LinkFang.org non garantisce l'accuratezza e l'attualità del contenuto acquisito. Se ci sono informazioni che al momento sono sbagliate o che hanno una visualizzazione imprecisa, non esitate a Contattaci: e-mail.
Guarda anche: Impronta & Politica sulla riservatezza.