Pace di Rinonico


Pace di Rinonico
ContestoGuerra dei fuorusciti pisani contro la madrepatria[1]
Firma13 giugno[1] 1276
LuogoFosso Rinonico, Pisa, Repubblica di Pisa[1]
CondizioniRestituzione totale dei beni sequestrati alle consorterie guelfe[1] ed annullamento della condanna all'esilio inflitta ai fuorusciti[1]
Parti Repubblica di Pisa[1]

Visconti[1]
Gherardesca[1]
Capraia[1]
Upezzinghi[1]
Coalizione guelfa

Mediatori Valesco dei Minori[1]
Negoziatori Ugolino Gatto (maggio - 9 giugno 1276)[1]
Ugo Bercio da Vico (maggio - 9 giugno 1276)[1]
Bartolomeo di San Michele degli Scalzi (maggio - 9 giugno 1276)[1]
Marzucco Scornigiani (9 giugno - 13 giugno 1276)[1]
Nicola Benigni (9 giugno - 13 giugno 1276)[1]
Guido de Vada (9 giugno- 13 giugno 1276)[1]
voci di trattati presenti su Wikipedia

La Pace di Rinonico, firmata a Pisa il 13 giugno del 1276[1], pose fine al conflitto, avviato quasi tre anni prima, tra i fuorusciti pisani e la madrepatria[2].

Indice

Antefatti


Lo stesso argomento in dettaglio: Guerra toscana tra guelfi e ghibellini (1273-1276).

Nel 1273, a seguito di una probabilmente infondata accusa di omicidio[3], il più potente membro della fazione guelfa pisana, il giudice Giovanni Visconti, si era ritirato nei propri domini sardi con il desiderio di allontanarsi momentaneamente dalla turbolenta politica toscana[4]. Il gesto, interpretato come ribelle, condusse, nel luglio 1274, ad una sua definitiva condanna all'esilio ed alla revoca di tutti i possedimenti[5]. L'allontanamento del Visconti causò l'intervento della vasta coalizione guelfa, la quale ribaltò le sorti del conflitto, conducendo alla vittoria i fuorusciti, capeggiati, dopo la prematura morte del giudice di Gallura, dal suocero, il conte Ugolino della Gherardesca[1].

Pace


Le trattative, inaugurate nel maggio 1276, furono condotte da Ugolino Gatto, dal giurista Ugo Bercio da Vico e dal monaco Bartolomeo di San Michele degli Scalzi in un primo momento[1], venendo sostituiti successivamente, il 9 giugno, dagli ambasciatori Marzucco Scornigiani, Nicola Benigni e Guido de Vada[1]. Come mediatore venne invece eletto da entrambe le parti Valesco dei Minori, nunzio pontificio e vescovo della città portoghese di Guarda[1]. La firma avvenne nella tenda dei capitani guelfi, i quali costrinsero la repubblica ad una pace onerosissima: il totale reintegro dei fuorusciti nel tessuto cittadino e la restituzione delle vastissime proprietà sarde ai Visconti, ai Capraia ed ai della Gherardesca[1].

Note


  1. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z aa ab ac ad ae Tamponi, p.210.
  2. ^ Tamponi, p.179.
  3. ^ Tamponi, p.169.
  4. ^ Tamponi, p.170.
  5. ^ Tamponi, p.171.

Bibliografia











Categorie: Trattati internazionali del XIII secolo | Trattati di pace | Trattati della Repubblica di Firenze | Trattati della Repubblica di Pisa | Trattati della Repubblica di Lucca




Data: 29.11.2020 01:15:26 CET

Sorgente: Wikipedia (Autori [Cronologia])    Licenza: CC-BY-SA-3.0

Modifiche: Tutte le immagini e la maggior parte degli elementi di design correlati a questi sono stati rimossi. Alcune icone sono state sostituite da FontAwesome-Icons. Alcuni modelli sono stati rimossi (come "l'articolo ha bisogno di espansione) o assegnati (come" note "). Le classi CSS sono state rimosse o armonizzate.
Sono stati rimossi i collegamenti specifici di Wikipedia che non portano a un articolo o una categoria (come "Redlink", "collegamenti alla pagina di modifica", "collegamenti a portali"). Ogni collegamento esterno ha un'icona FontAwesome aggiuntiva. Oltre ad alcuni piccoli cambiamenti di design, sono stati rimossi i media container, le mappe, i box di navigazione, le versioni vocali e i geoformati.

Notare che Poiché il dato contenuto viene automaticamente prelevato da Wikipedia in un determinato momento, una verifica manuale è stata e non è possibile. Pertanto LinkFang.org non garantisce l'accuratezza e l'attualità del contenuto acquisito. Se ci sono informazioni che al momento sono sbagliate o che hanno una visualizzazione imprecisa, non esitate a Contattaci: e-mail.
Guarda anche: Impronta & Politica sulla riservatezza.