Pena capitale nell'ebraismo


La tradizione ebraica e la Halakhah descrivono certe forme di punizione corporale e di pena capitale per certi crimini particolari, allo stesso tempo cautelando sull'uso di tali punizioni.

Indice

Pena capitale nelle fonti classiche


La severità della pena di morte indicava la gravità del reato. I filosofi ebrei sostengono che lo scopo della punizione corporale doveva servire come ammonimento alla comunità sulla natura severa di alcuni atti. Ecco perché, nella Legge ebraica, la pena di morte è più un principio che una pratica. I numerosi riferimenti alla pena di morte nella Torah sottolineano la gravità del peccato piuttosto che la stessa condanna a morte. Ciò viene affermato dagli standard di prova richiesti per l'applicazione della pena capitale, che sono sempre stati estremamente rigorosi (Talmud babilonese Makkot 7b). Poiché gli standard di prova sono sempre stati così alti, era quasi impossibile per infliggere la pena di morte. La Mishnah (Trattato Makkot 1:10) definisce le opinioni di alcuni eminenti rabbini del I secolo sul tema:

Un Sinedrio che mette a morte un uomo una volta in sette anni viene chiamato distruttivo. Rabbi Eleazar ben Azariah dice che questo si applica anche ad un Sinedrio che mette a morte un uomo una volta in 70 anni. Rabbi Akiva e Rabbi Tarfon dicono: Se ci fossimo stati noi nel Sinedrio, nessuno sarebbe mai stato condannato a morte.

Secondo il Talmud, quaranta anni prima la distruzione del Tempio di Gerusalemme nel 70 e.v. – e quindi nel 30 e.v. – il Sinedrio effettivamente abolì la pena capitale.

Il rinomato filosofo, medico e giurista del XII secolo, Maimonide affermava che "è meglio e più soddisfacente assolvere mille persone colpevoli piuttosto che condannare a morte un innocente". Maimonide asseriva che giustiziare un imputato avendo meno di una certezza assoluta porterebbe ad una china scivolosa di diminuzione del peso della prova, fino a quando si condannerebbe soltanto "secondo i capricci del giudice." Maimonide era preoccupato della necessità di proteggere la Legge nella percezione pubblica, per preservare la sua maestosità e mantenerla nel rispetto e stima del popolo.[1]

Limitazioni delle prove nei casi capitali

Di conseguenza, nell'Ebraismo era quasi impossibile condannare qualcuno di reato capitale.[3]

Le quattro forme di pena capitale

Prima che qualsiasi condanna capitale venisse effettuata, al condannato era somministrato un farmaco per renderlo esanime. C'erano quattro tipi di pena capitale, noti come mitath beth din (esecuzione [ordinata] dal tribunale rabbinico). Questi quattro tipi di pena capitale, in ordine di decrescente gravità, erano:

Peccati capitali separati dalle quattro forme di pena

La seguente è una lista presentata da Maimonide nella sua opera Mishneh Torah (Hilchoth Sanhedrin Chapter 15) in merito a quali crimini imponessero la pena capitale:

Punizione per Sekila (lapidazione)

Punizione per Serefah (fuoco)

Lo stesso argomento in dettaglio: Relazioni proibite nell'Ebraismo.

Punizione per Hereg (decapitazione)

Punizione per Chenek (strangolamento)

Punizione corporale nelle fonti classiche


Lo stesso argomento in dettaglio: Punizione corporale.

In passato, nell'Ebraismo esisteva solo una forma di punizione corporale - la flagellazione (malkoth). Il numero massimo di sferzate permesse per ogni sentenza era 40, date in multipli di 3, in effetti risultanti in un massimo di 39. A parte come punizione per aver violato la legge della Torah, venivano somministrate malkuth mardus (sferzate di ribellione) in casi di oltraggio alla corte e violazione di legge rabbinica, dove il tribunale flagellava il trasgressore nella misura che riteneva opportuna.[4]

Opinioni contemporanee sulla pena capitale


I rabbini leader dell'Ebraismo riformato, Ebraismo conservatore e Ebraismo ortodosso tendono a ritenere che la pena di morte sia una corretta e giusta punizione in teoria, ma sostengono che in pratica non dovrebbe generalmente essere utilizzata (o non utilizzata affatto). In pratica l'applicazione di una tale punizione può essere effettuata solo da quella società il cui sistema giudiziario è quasi perfetto, una situazione che non esiste da molto tempo o non è mai esistita.

I tribunali rabbinici hanno rinunciato alla facoltà di infliggere qualsiasi punizione di tipo fisico/corporale, e tali punizioni sono rimandate al potere giudiziario del sistema legale della società civile. In ogni modo, la moderna istituzione della pena di morte viene opposta e contrastata dalle principali organizzazioni di tutte le correnti religiose ebraiche.[6][7][8]

Note


  1. ^ Mosè Maimonide, I Comandamenti, Comandamento Negativo 290, pp. 269-271 (trad. Charles B. Chavel, 1967).
  2. ^ Talmud babilonese, Trattato Sanhedrin, p. 17a. Cfr. anche Maimonide, Mishneh Torah, Sanhedrin, Cap. 9.
  3. ^ Joseph Telushkin, Biblical Literacy, William Morrow, 1997, Parte II e passim.
  4. ^ a b c Alfred J. Kolatch, Inside Judaism: The Concepts, Customs, and Celebrations of the Jewish People, Jonathan David Publishers, 2006, ss.vv. "Death", "Punishment", "Sin" et al.
  5. ^ Tempio di Gerusalemme [1], sala dove si riuniva il Sinedrio nel Tempio [2].
  6. ^ Risoluzione 1979 dell'Ebraismo Riformato Archiviato il 7 ottobre 2013 in Internet Archive. contro la pena di morte.
  7. ^ Dichiarazione di Rabbi Ben Zion Bokser, dell'Ebraismo Conservatore], "Contro la pena capitale", 1960, in Proceedings of the Committee on Jewish Law and Standards 1927-1970, Volume III, pp. 1537-1538.
  8. ^ Scritti contro la pena capitale, Ebraismo ortodosso, int. al., Rabbi Yosef Edelstein, Direttore del Savannah Kollel; Rabbi Aryeh Kaplan, Handbook of Jewish Thought, Volume II, pp. 170-71.

Voci correlate


Collegamenti esterni











Categorie: Legge ebraica | Talmud | Pena di morte | Punizioni




Data: 06.10.2021 08:49:22 CEST

Sorgente: Wikipedia (Autori [Cronologia])    Licenza: CC-BY-SA-3.0

Modifiche: Tutte le immagini e la maggior parte degli elementi di design correlati a questi sono stati rimossi. Alcune icone sono state sostituite da FontAwesome-Icons. Alcuni modelli sono stati rimossi (come "l'articolo ha bisogno di espansione) o assegnati (come" note "). Le classi CSS sono state rimosse o armonizzate.
Sono stati rimossi i collegamenti specifici di Wikipedia che non portano a un articolo o una categoria (come "Redlink", "collegamenti alla pagina di modifica", "collegamenti a portali"). Ogni collegamento esterno ha un'icona FontAwesome aggiuntiva. Oltre ad alcuni piccoli cambiamenti di design, sono stati rimossi i media container, le mappe, i box di navigazione, le versioni vocali e i geoformati.

Notare che Poiché il dato contenuto viene automaticamente prelevato da Wikipedia in un determinato momento, una verifica manuale è stata e non è possibile. Pertanto LinkFang.org non garantisce l'accuratezza e l'attualità del contenuto acquisito. Se ci sono informazioni che al momento sono sbagliate o che hanno una visualizzazione imprecisa, non esitate a Contattaci: e-mail.
Guarda anche: Impronta & Politica sulla riservatezza.