Pendenza topografica


La pendenza è il grado di ripidità o di inclinazione di una strada o di un tratto di percorso. La pendenza di una strada è indicata dalla segnaletica verticale con cartelli di pericolo che indicano la pendenza con una percentuale. Il termine pendenza è un termine usato anche in geometria analitica.

Indice

Pendenza puntuale


La pendenza \({\displaystyle m}\) in un particolare punto di un tratto rettilineo di strada è definita matematicamente come la tangente dell'angolo \({\displaystyle \theta }\) di inclinazione della stessa, cioè:[1]

\({\displaystyle m=\tan(\theta )}\)

La pendenza può essere espressa anche in termini percentuali, moltiplicando \({\displaystyle \tan(\theta )}\) per 100:[1]

\({\displaystyle m\%=\tan(\theta )\times 100\%}\)

Per risalire al valore dell'angolo \({\displaystyle \theta }\) a partire dal valore della pendenza \({\displaystyle m}\), è necessario applicare la funzione arcotangente, inversa della funzione tangente:

\({\displaystyle \theta =\arctan(m)}\)
\({\displaystyle \theta =\arctan \left({\frac {m\%}{100}}\right)}\)

Un valore maggiore della pendenza \({\displaystyle m}\) corrisponde a una maggiore ripidità del tratto di strada, in particolare:

Non linearità della pendenza

La definizione di pendenza come tangente trigonometrica di un angolo, implica che essa non è una funzione lineare, perciò ad essa non si applicano le regole delle trasformazioni lineari; infatti, una strada che ha una pendenza del 10% non ha un angolo associato che è un decimo dell'angolo associato ad una strada con pendenza del 100%, ma l'angolo di inclinazione del tratto al 10% è di 5,7°, mentre quello del tratto al 100% è di 45°.

Pendenza media


La pendenza media \({\displaystyle {\bar {m}}}\) di una strada è definita dal rapporto tra il dislivello \({\displaystyle \Delta y}\) tra il punto di partenza e quello di arrivo e la distanza orizzontale \({\displaystyle \Delta x}\):

\({\displaystyle {\bar {m}}={\frac {\Delta y}{\Delta x}}}\)

La distanza orizzontale \({\displaystyle \Delta x}\) è la proiezione sull'orizzontale del percorso, non la distanza effettivamente percorsa \({\displaystyle \Delta s}\).

Il rapporto \({\displaystyle {\bar {m}}}\) è coincidente alla tangente trigonometrica dell'angolo di incidenza \({\displaystyle {\bar {\theta }}}\) medio sull'intero percorso, cioè considerando esclusivamente il punto di partenza e il punto di arrivo.

\({\displaystyle {\bar {m}}=\tan({\bar {\theta }})}\)

La pendenza media espressa in percentuale \({\displaystyle {\bar {m}}\%}\) si ottiene poi moltiplicando la pendenza media \({\displaystyle {\bar {m}}}\) per 100:

\({\displaystyle {\bar {m}}\%={\frac {\Delta y}{\Delta x}}\times 100\%}\)

Un valore maggiore della pendenza corrisponde a una maggiore ripidità del tratto di strada. Una strada che abbia il punto di partenza e di arrivo alla stessa altitudine ha una pendenza dello 0%; aver percorso una strada con una pendenza media del 100% significa essersi spostati complessivamente in orizzontale della stessa variazione di quota a cui si è giunti in verticale.

Per pendenze non molto elevate si può confondere \({\displaystyle {\Delta y}/{\Delta x}}\) con il rapporto \({\displaystyle {\Delta y}/{\Delta s}}\), che è pari al seno dell'angolo medio, cioè \({\displaystyle {\bar {m}}=\sin({\bar {\theta }})}\), infatti, per piccoli angoli, il seno e la tangente sono approssimabili tra loro con un errore trascurabile; tale rapporto è di più facile misurazione in campo, dato che \({\displaystyle \Delta s}\) si può ottenere direttamente con un contachilometri, mentre su di una mappa si misura più facilmente \({\displaystyle \Delta x}\).

Nella seguente tabella sono mostrati i valori della pendenza calcolati nei due modi e l'errore commesso nell'approssimare \({\displaystyle {\Delta y}/{\Delta x}}\) a \({\displaystyle {\Delta y}/{\Delta s}}\)

\({\displaystyle {\bar {\theta }}}\)[2] \({\displaystyle {\Delta y}/{\Delta x}}\) \({\displaystyle {\Delta y}/{\Delta s}}\) Errore commesso
0,57° 1% 0,99995% 0,005%
1,15° 2% 1,9996% 0,02%
1,72° 3% 2,9987% 0,043%
2,86° 5% 4,9938% 0,124%
4,57° 8% 7,9938% 0,124%
5,7° 10% 9,950% 0,5%
8,5° 15% 14,83% 1,13%
11,3° 20% 19,61% 1,95%
14,0° 25% 24,25% 3%
16,7° 30% 28,7% 4,33%
21,8° 40% 37,1% 7,25%
26,6° 50% 44,7% 10,6%
45° 100% 70,7% 29,3%
63,4° 200% 89,4% 55,3%

Poiché le strade molto raramente presentano pendenze superiori al 20%, l'errore commesso nell'approssimare \({\displaystyle {\Delta y}/{\Delta x}}\) a \({\displaystyle {\Delta y}/{\Delta s}}\) è minore del 2% (e minore dello 0,5% per pendenze inferiori al 10%), quindi a livello pratico si può approssimare \({\displaystyle {\Delta y}/{\Delta x}}\) a \({\displaystyle {\Delta y}/{\Delta s}}\).

Valori notevoli


Pendenze massime ammissibili stradali

La pendenza massima ammissibile per una strada, così come gli altri elementi geometrici (raggi delle curve, distanze di visibilità, ecc.), è commisurata alla velocità di progetto, che costituisce un valore ideale corrispondente alla velocità più alta che può essere mantenuta con sicurezza, su un determinato tratto stradale, quando le condizioni meteorologiche, di traffico e di ambiente sono così favorevoli che la stessa velocità dei veicoli è limitata solo dalle caratteristiche geometriche della strada.

Per le strade di nuova costruzione le pendenze massime sono stabilite dal D.M. 5 novembre 2001 (Norme funzionali e geometriche per la costruzione delle strade), emanato dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti in attuazione dell'art. 13, comma 1, del decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285 (Nuovo codice della strada).

La tabella seguente mostra alcuni valori:[3]

Tipologia di connessione Velocità di progetto Pendenza massima ammissibile
Strade primarie 90 km/h 6%
Strade urbane di scorrimento 70 km/h 4-6%
Strade urbane di quartiere 50 km/h 5-7%
Strade locali 25 km/h 10%

Prima dell'emanazione del D.M. 5 novembre 2001 non esistevano regole cogenti per la costruzione delle strade: ciò spiega perché è frequentissimo che le strade già esistenti alla data del 4 gennaio 2002 (pubblicazione del decreto in Gazzetta Ufficiale) riportino valori di pendenza anche di molto superiori rispetto a quelli stabiliti con il D.M. del 2001.

Sono note ad esempio le pendenze, spesso superiori al 20%, delle strade alpine sulle quali transita il Giro d'Italia, abitualmente aperte anche al traffico automobilistico.

Pendenze massime ferroviarie

Le ferrovie hanno le pendenze espresse in "per mille" (‰): una pendenza dell'1‰ corrisponde ad 1 metro di dislivello che viene superato con inclinazione costante su una distanza – anche eventualmente con parti curve – di mille metri (i mille metri sono riferiti alla lunghezza della proiezione del tracciato sul piano orizzontale, non alla lunghezza del tracciato – dei binari – che sarà quindi di estensione superiore).

I limiti massimi – per le ferrovie ad aderenza naturale – variano in base alla loro tipologia; le linee principali e ad alto traffico arrivano a massimo 10-12‰, per le secondarie raramente si arriva al 35‰ ed oltre.[1]

In Italia vi sono casi estremi che arrivano fino al 60‰, ma sono per lo più relativi a ferrovie dismesse (un raro esempio in funzione è il ramo Perugia Ponte San Giovanni-Perugia Sant'Anna della Ferrovia Centrale Umbra[4]) o a scartamento ridotto (ad esempio la Ferrovia Domodossola-Locarno).

Riguardo al resto d'Europa, la linea ferroviaria ad aderenza naturale e scartamento normale più ripida è la ferrovia dell'Uetliberg, che arriva al 79‰.[5][6]

Le ferrovie con aderenza a cremagliera raggiungono anche pendenze fino al 480‰.[7]

Pendenza massima per carrozzine

La pendenza massima di percorsi per carrozzine è dell'8%, pari a 4,57°[senza fonte].

Pendenze consigliate[non chiaro] per tetti a falda

Per i tetti a falda è consigliata una pendenza tra il 30% e il 40%, corrispondente a circa 16°-22°.[senza fonte]

Pendenza minima per il deflusso dell'acqua

Si ammette come pendenza minima per il deflusso dell'acqua una pendenza del 2%, pari a 1,15°. Per valori inferiori l'acqua non defluisce abbastanza velocemente o non defluisce affatto.[senza fonte]

Note


  1. ^ a b c Enciclopedia Treccani, pendenza.
  2. ^ L'angolo θ indicato è quello relativo al valore della pendenza media calcolata come Δy/Δx.
  3. ^ Strada nell'Enciclopedia Treccani
  4. ^ Raddoppio ferrovia Ponte San Giovanni-Perugia Sant'Anna http://tuttoggi.info/ferrovia-ponte-san-giovanni-perugia-santanna-lavori-di-raddoppio/254634/
  5. ^ (DE) Bahn S4/S10 - Sihltal Zürich Uetliberg Bahn SZU , su szu.ch. URL consultato il 24 agosto 2017.
  6. ^ (DE) 79-Promille-Rampe , su bahnbilder.de. URL consultato il 24 agosto 2017.
  7. ^ Pilatus, la cremagliera più ripida del mondo https://www.pilatus.ch/it/scoprire/cremagliera/

Bibliografia


Voci correlate


Controllo di autoritàGND (DE4258169-2









Categorie: Topografia | Costruzione e sicurezza delle strade




Data: 02.06.2022 03:06:09 CEST

Sorgente: Wikipedia (Autori [Cronologia])    Licenza: CC-BY-SA-3.0

Modifiche: Tutte le immagini e la maggior parte degli elementi di design correlati a questi sono stati rimossi. Alcune icone sono state sostituite da FontAwesome-Icons. Alcuni modelli sono stati rimossi (come "l'articolo ha bisogno di espansione) o assegnati (come" note "). Le classi CSS sono state rimosse o armonizzate.
Sono stati rimossi i collegamenti specifici di Wikipedia che non portano a un articolo o una categoria (come "Redlink", "collegamenti alla pagina di modifica", "collegamenti a portali"). Ogni collegamento esterno ha un'icona FontAwesome aggiuntiva. Oltre ad alcuni piccoli cambiamenti di design, sono stati rimossi i media container, le mappe, i box di navigazione, le versioni vocali e i geoformati.

Notare che Poiché il dato contenuto viene automaticamente prelevato da Wikipedia in un determinato momento, una verifica manuale è stata e non è possibile. Pertanto LinkFang.org non garantisce l'accuratezza e l'attualità del contenuto acquisito. Se ci sono informazioni che al momento sono sbagliate o che hanno una visualizzazione imprecisa, non esitate a Contattaci: e-mail.
Guarda anche: Impronta & Politica sulla riservatezza.