Practica geometriae


Practica geometriae
Altri titoliPratica Geometrie
AutoreLeonardo Fibonacci
1ª ed. originale1220 - 1221
Generetrattato
Sottogenerematematica
Lingua originalelatino

La Practica geometriae di Leonardo Fibonacci è un importante trattato sulla pratica della geometria in lingua latina.

L'opera, che fu pubblicata tra il 1220 e il 1221[1], si apre con un'epistola di dedica a Domenico Ispano, importante personaggio della corte di Federico II, del quale tuttavia si hanno scarse notizie[2].

All'epistola segue un'introduzione in cui sono elencate alcune definizioni tratte dagli Elementi di Euclide e in cui sono illustrate le unità di misura in vigore nella Pisa dell'epoca.

Il fulcro dell'opera è infine ripartito in otto distinctiones concernenti il calcolo delle aree delle figure piane, l’estrazione delle radici quadrate e cubiche, la divisione delle superfici regolari, la determinazione del volume di diversi solidi, alcuni problemi di determinazione di altezze e distanze e, infine, alcune questioni di natura teorica[3].

Indice

Storia editoriale


La prima edizione a stampa della Practica geometriae è stata curata da Baldassarre Boncompagni Ludovisi, che nel 1862 ne pubblicò il testo secondo la lezione del manoscritto Urb. Lat. 292 della Biblioteca Apostolica Vaticana[4]. Fondandosi su questa edizione ottocentesca, di recente Barnabas Hughes ha pubblicato la prima traduzione integrale dell'opera in lingua inglese[5].

Note


  1. ^ Dei manoscritti che tramandano la Practica geometriae, alcuni riportano il 1220 come anno di composizione dell'opera, mentre altri riportano il 1221.
  2. ^ Domenico Ispano fu traduttore alla scuola di Toledo, retore e grammatico. G. Arrighi, La fortuna di Leonardo Pisano alla corte di Federico II, in Dante e la cultura sveva. Atti del Convegno di studi, Melfi, 2-5 novembre 1969, Firenze 1970, pp. 17-31: 20-21: «Debbo subito avvertire che di questo maestro Domenico, personaggio della corte imperiale e da Leonardo invocato amico ed onorato di elogio, non so dare altre notizie che quelle contenute nella epistola, poche altre verranno fuori nel proseguire questa rassegna delle opere leonardiane: forse esso potrebbe identificarsi col Dominicus Hispanus che, assieme a Michael Scotus, è ricordato da Guido Bonatti, astronomo ed astrologo del tredicesimo secolo, in un elenco di suoi contemporanei contenuto nel De astronomia tractatus [X universum quod ad iudiciarum rationem Nativitatum etc., Basileae anno M.D.L. col 335]»
  3. ^ Per una descrizione dettagliata del contenuto delle otto sezioni della Practica Geometriae, cfr. A. Simi, L’eredità della Practica Geometriae di Leonardo Pisano nella geometria del Basso Medioevo e del primo Rinascimento, in «Bollettino di Storia delle Scienze Matematiche» 24/1, 2004, pp. 9-41.
  4. ^ Baldassarre Boncompagni Ludovisi, La Practica Geometriae di Leonardo Pisano secondo la lezione del codice Urbinate n° 292 della Biblioteca Vaticana, in B. Boncompagni Ludovisi, Scritti di Leonardo Pisano matematico del secolo decimoterzo, vol. II, Roma 1862, pp. 1-224.
  5. ^ Barnabas Hughes, Fibonacci’s De Practica Geometrie, New York 2008. In essa lo studioso ha anche fornito un elenco di quattordici esemplari manoscritti: cfr. pp. 399-400. Più di recente, è stata pubblicata un'edizione critica e una traduzione italiana dell'espitola di dedica e della sezione introduttiva dell'opera: N. Rozza, L'epistola di dedica e la sezione introduttiva della Pratica geometrie di Leonardo Pisano, detto il Fibonacci, in «Spolia. Journal of Medieval Studies» V, 2019, pp. 222-255.

Bibliografia


Voci correlate


Collegamenti esterni











Categorie: Saggi del XIII secolo | Saggi in latino | Testi matematici medievali | Opere letterarie di autori italiani in latino | Opere letterarie medievali in latino | Manoscritti del XIII secolo | Manoscritti matematici




Data: 28.11.2020 10:59:17 CET

Sorgente: Wikipedia (Autori [Cronologia])    Licenza: CC-BY-SA-3.0

Modifiche: Tutte le immagini e la maggior parte degli elementi di design correlati a questi sono stati rimossi. Alcune icone sono state sostituite da FontAwesome-Icons. Alcuni modelli sono stati rimossi (come "l'articolo ha bisogno di espansione) o assegnati (come" note "). Le classi CSS sono state rimosse o armonizzate.
Sono stati rimossi i collegamenti specifici di Wikipedia che non portano a un articolo o una categoria (come "Redlink", "collegamenti alla pagina di modifica", "collegamenti a portali"). Ogni collegamento esterno ha un'icona FontAwesome aggiuntiva. Oltre ad alcuni piccoli cambiamenti di design, sono stati rimossi i media container, le mappe, i box di navigazione, le versioni vocali e i geoformati.

Notare che Poiché il dato contenuto viene automaticamente prelevato da Wikipedia in un determinato momento, una verifica manuale è stata e non è possibile. Pertanto LinkFang.org non garantisce l'accuratezza e l'attualità del contenuto acquisito. Se ci sono informazioni che al momento sono sbagliate o che hanno una visualizzazione imprecisa, non esitate a Contattaci: e-mail.
Guarda anche: Impronta & Politica sulla riservatezza.