Princeton University Press


Princeton University Press
Stato Stati Uniti
Fondazione1911
Fondata daWhitney Darrow
Sede principalePrinceton
SettoreEditoria
Sito webpress.princeton.edu/

La Princeton University Press è una casa editrice statunitense indipendente con forti legami con la Università di Princeton. Il suo scopo è diffondere la conoscenza nel mondo accademico e nella società. Fu fondata da Whitney Darrow con il sostegno finanziario di Charles Scribner come tipografia al servizio della comunità di Princeton nel 1905.[1] La sua caratteristica sede fu eretta nel 1911 sulla William Street di Princeton.[2] Il suo primo libro fu una nuova edizione del 1912 di Lectures on Moral Philosophy di John Witherspoon.[3]

Indice

Premio Pulitzer e altri riconoscimenti


Sei libri, editi dalla Princeton University Press hanno vinto il Premio Pulitzer:

Libri editi dalla Princeton University Press hanno anche ricevuto i riconoscimenti del Premio Bancroft, del Nautilus Book Award e del National Book Award.

Papers projects


Progetti di documenti storici in più volumi sono stati intrapresi dalla casa editrice, tra i quali:

I documenti di Woodrow Wilson sono stati definiti «…uno dei grandi risultati dell'editoria in tutta la storia.»"[10]

Serie Bollingen


Le serie Bollingen della Princeton University Press hanno avuto inizio nella Fondazione Bollingen, un progetto del 1943 del vecchiio ambito della Fondazione Paul Mellon. Dal 1945 la fondazione ha avuto un suo status indipendente, pubblicando e fornendo assistenza e borse di studio in molte discipline quali archeologia, poesia e psicologia. Le Serie Bollingen passarono all'Università nel 1969.

Altre serie


Titoli scelti


Note


  1. ^ (EN) Princeton University Press, Erected Through the Generousity [sic] of Charles Scribners, a New and Unique Adjunct to the University (PDF), in The New York Times, 19 maggio 1912.
  2. ^ (EN) Alexander Letich, A Princeton Companion , Princeton University Press, 1978. URL consultato il 1º aprile 2016 (archiviato dall'url originale il 19 ottobre 2017).
  3. ^ (EN) A History of Princeton University Press Archiviato il 2 maggio 2019 in Internet Archive. (2002)
  4. ^ (EN) The Pulitzer Prizes: 1957 Winners
  5. ^ (EN) The Pulitzer Prizes: 1958 Winners
  6. ^ (EN) The Pulitzer Prizes: 1961 Winners
  7. ^ (EN) The Pulitzer Prizes: 1963 Winners
  8. ^ (EN) The Pulitzer Prizes: 1965 Winners
  9. ^ (EN) The Pulitzer Prizes: 1990 Winners
  10. ^ (EN) John Milton Cooper, Woodrow Wilson: A Biography , Random House, 2011, p. 736. URL consultato il 28 luglio 2012.

Bibliografia


Altri progetti


Collegamenti esterni


Controllo di autoritàVIAF (EN158317684  · ISNI (EN0000 0001 0675 184X  · LCCN (ENn80137807  · GND (DE5096712-5  · BNF (FRcb135099185 (data)  · BAV (EN494/54901  · WorldCat Identities (ENlccn-n80137807









Categorie: Aziende fondate nel 1911 | Case editrici statunitensi




Data: 14.05.2021 08:08:13 CEST

Sorgente: Wikipedia (Autori [Cronologia])    Licenza: CC-BY-SA-3.0

Modifiche: Tutte le immagini e la maggior parte degli elementi di design correlati a questi sono stati rimossi. Alcune icone sono state sostituite da FontAwesome-Icons. Alcuni modelli sono stati rimossi (come "l'articolo ha bisogno di espansione) o assegnati (come" note "). Le classi CSS sono state rimosse o armonizzate.
Sono stati rimossi i collegamenti specifici di Wikipedia che non portano a un articolo o una categoria (come "Redlink", "collegamenti alla pagina di modifica", "collegamenti a portali"). Ogni collegamento esterno ha un'icona FontAwesome aggiuntiva. Oltre ad alcuni piccoli cambiamenti di design, sono stati rimossi i media container, le mappe, i box di navigazione, le versioni vocali e i geoformati.

Notare che Poiché il dato contenuto viene automaticamente prelevato da Wikipedia in un determinato momento, una verifica manuale è stata e non è possibile. Pertanto LinkFang.org non garantisce l'accuratezza e l'attualità del contenuto acquisito. Se ci sono informazioni che al momento sono sbagliate o che hanno una visualizzazione imprecisa, non esitate a Contattaci: e-mail.
Guarda anche: Impronta & Politica sulla riservatezza.