Principato dei Paesi Bassi Uniti


Principato dei Paesi Bassi Uniti
(dettagli)(dettagli)
Dati amministrativi
Nome ufficiale(NL) Vorstendom der Verenigde Nederlanden
Lingue parlateolandese
InnoWilhelmus van Nassouwe
CapitaleAmsterdam
Politica
Forma di governoprincipato
Organi deliberativiStati Generali
Nascita1813 con Guglielmo Federico dei Paesi Bassi
CausaIndipendenza dal Primo impero francese
Fine1815 con Guglielmo Federico dei Paesi Bassi
CausaElevazione a regno
Territorio e popolazione
Popolazione2.233.000 nel 1815
Economia
Valutagulden olandese
Religione e società
Religioni preminentiprotestantesimo, cattolicesimo
Religione di Statoprotestantesimo
Classi socialipatrizi, clero, cittadini, popolo
Evoluzione storica
Preceduto da Primo impero francese
Succeduto da Regno Unito dei Paesi Bassi
Questa voce è parte della serie
Storia dei Paesi Bassi

Storia antica

Portale Paesi Bassi

Il Principato dei Paesi Bassi Uniti fu un principato di breve vita, precursore del Regno Unito dei Paesi Bassi nel quale venne riunito assieme ai Paesi Bassi meridionali nel 1815. Il principato venne proclamato nel 1813 quando i vincitori delle Guerre napoleoniche stabilirono una riorganizzazione politica dell'Europa, definita in seguito meglio dal Congresso di Vienna.

Indice

La proclamazione


Dopo la liberazione dei Paesi Bassi dalla Francia ad opera delle truppe prussiane e russe nel 1813, un governo provvisorio prese il controllo dello stato. Questo governo provvisorio venne retto da tre nobili olandesi, Frans Adam van der Duyn van Maasdam, Leopoldo di Limburg Stirum e Gijsbert Karel van Hogendorp. Questo Driemanschap ebbe il controllo dello stato dal 20 novembre, e dichiarò la formazione del Principato dei Paesi Bassi Uniti il giorno seguente.[1]

Venne dato per scontato che ogni nuovo regime avrebbe avuto per capo Guglielmo Federico, figlio dell'ultimo Stadtholder della Repubblica Olandese, Guglielmo V. Anche se diversi membri del nuovo governo provvisorio erano stati tra coloro che avevano scacciato Guglielmo V alla fine del Settecento, molti altri pensavano che avrebbero fatto meglio a scegliere un principe olandese piuttosto che ritrovarsi un principe imposto dagli alleati vincitori. Ricevuto l'invito dal Driemanschap, Guglielmo Federico fece ritorno in patria dal suo esilio in Inghilterra. Sbarcò dalla HMS Warrior a Scheveningen il 30 novembre 1813, ed accettò il trono del principato il 2 dicembre, proclamandosi "Principe Sovrano" dei Paesi Bassi Uniti.[2][3][4]

La costituzione


Sul finire dell'anno, una commissione presieduta da Gijsbert Karel van Hogendorp pose in atto la creazione di una bozza di costituzione nazionale. Il 29 marzo 1814, venne riunita ad Amsterdam la cosiddetta "Assemblea dei Notabili" per votare la bozza finale. 474 dei 600 membri dell'assemblea erano presenti, e di questi solo 26 (in gran parte cattolici) votarono contro.[5] La costituzione che rimarrà in forza per un anno e poco più, introdusse il concetto di una monarchia centralizzata nel quale il principe aveva molti poteri, pur contenendo diversi elementi anche democratici. Gli Stati Generali vennero decretati come sistema governativo con 55 membri eletti provincialmente dagli Stati Provinciali. Questi stati sarebbero stati a loro volta eletti con rappresentanti dalle città, dalle campagne e dalla nobiltà. Gli Stati Generali godevano di diritto di iniziativa e potere di approvare o non approvare le legislazioni. Ad ogni modo il principe godeva il privilegio di poter porre per decreto personale delle leggi, limitando quindi di molto il predetto potere degli Stati Generali. Anche il potere delle province e delle città venne considerevolmente limitato rispetto al periodo della Repubblica Olandese. Molti dei diritti fondamentali di questa costituzione vennero derivati dall'influsso culturale del periodo di dominazione francese. La costituzione incluse anche la libertà di religione, oltre ad una revisione del codice civile e penale.[6] Guglielmo Federico venne formalmente intronato come principe dall'assemblea nella Nieuwe Kerk ("Chiesa Nuova") di Amsterdam, il 30 marzo.[7]

La riunificazione


Nei territori degli ex Paesi Bassi austriaci, conquistati dalla Francia nel 1794 ed annessi nel 1795, gli Alleati facevano velocemente dei progressi. Si presentò dunque da subito il problema su cosa fare di questi territori. Le trenta famiglie più importanti di Bruxelles espressero la volontà di restaurare il vecchio governatorato generale degli austriaci, e questo di fatti venne provvisoriamente re-istituito dagli Alleati nel febbraio del 1814 come governatorato militare. Ad ogni modo l'Austria espresse ben poco interesse nel recuperare quest'area sotto il proprio dominio. Gli Alleati pensarono dunque di annettere segretamente l'area al nuovo stato olandese tramite il Trattato di Chaumont. Questo fatto venne formalizzato dal Trattato di Parigi del 30 maggio 1814, nel quale il Belgio dalla riva sinistra della Mosa venne annesso ai Paesi Bassi.[8]

Vennero in seguito siglati quelli che divennero noti come "Otto articoli di Londra". Sotto i termini di questo trattato, siglato il 21 giugno 1814, Guglielmo Federico ottenne ufficialmente il territorio dei Paesi Bassi austriaci. Divenne governatore generale del Belgio dal 1º agosto, portando avanti quindi un'unione personale tra i Paesi Bassi del nord e del sud, riuscendo per la prima volta dopo tre secoli a riunire tutto il territorio sotto la guida degli Orange.

Guglielmo Federico in seguito tentò di ottenere l'assenso dei rappresentanti del popolo belga alla costituzione olandese, ma incontrò una fiera opposizione in particolare della maggioranza cattolica che viveva nell'area. Ad ogni modo la riunificazione venne portata a compimento il 16 marzo 1815, quando Guglielmo Federico venne incoronato come Guglielmo I del Regno Unito dei Paesi Bassi a Bruxelles.[9][10]

Note


  1. ^ (NL) Algemeen Bestuur der Verenigde Nederlanden , su Huygens Resources. URL consultato il 23 luglio 2014.
  2. ^ (NL) Algemeen Bestuur 1813 , su Parlement & Politiek. URL consultato il 26 giugno 2014.
  3. ^ (NL) Proclamaties , su Nederlandse Grondwet. URL consultato il 23 luglio 2014.
  4. ^ Simon Schama, Patriots and Liberators. Revolution in the Netherlands 1780-1813, NewYork, Vintage Books, 1992, ISBN 0-679-72949-6.
  5. ^ (NL) Vergadering van Notabelen, 29 maart 1814 , su Parlement & Politiek. URL consultato il 26 giugno 2014.
  6. ^ (NL) De Grondwet van 1814 , su Parlement & Politiek. URL consultato il 26 giugno 2014.
  7. ^ (NL) Periode 1813-1815: Soeverein Vorst Willem , su Parlement & Politiek. URL consultato il 26 giugno 2014.
  8. ^ Colenbrander, p. LXX
  9. ^ Edward et al., pp. 522-524
  10. ^ (NL) De Grondwet van 1815 , su Parlement & Politiek. URL consultato il 26 giugno 2014.









Categorie: Paesi Bassi | Storia dei Paesi Bassi | Storia del Belgio | Stati costituiti negli anni 1810 | Stati dissolti negli anni 1810




Data: 28.11.2020 08:34:46 CET

Sorgente: Wikipedia (Autori [Cronologia])    Licenza: CC-BY-SA-3.0

Modifiche: Tutte le immagini e la maggior parte degli elementi di design correlati a questi sono stati rimossi. Alcune icone sono state sostituite da FontAwesome-Icons. Alcuni modelli sono stati rimossi (come "l'articolo ha bisogno di espansione) o assegnati (come" note "). Le classi CSS sono state rimosse o armonizzate.
Sono stati rimossi i collegamenti specifici di Wikipedia che non portano a un articolo o una categoria (come "Redlink", "collegamenti alla pagina di modifica", "collegamenti a portali"). Ogni collegamento esterno ha un'icona FontAwesome aggiuntiva. Oltre ad alcuni piccoli cambiamenti di design, sono stati rimossi i media container, le mappe, i box di navigazione, le versioni vocali e i geoformati.

Notare che Poiché il dato contenuto viene automaticamente prelevato da Wikipedia in un determinato momento, una verifica manuale è stata e non è possibile. Pertanto LinkFang.org non garantisce l'accuratezza e l'attualità del contenuto acquisito. Se ci sono informazioni che al momento sono sbagliate o che hanno una visualizzazione imprecisa, non esitate a Contattaci: e-mail.
Guarda anche: Impronta & Politica sulla riservatezza.