Priore


(Reindirizzamento da Priorato)
Disambiguazione – "Priorato" rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi Priorato (disambigua).

Il titolo di priore (dal latino prior, "primo dei due") designava il primo di un gruppo o un superiore; veniva utilizzato nel medioevo sia in ambito ecclesiastico che in quello civile.[1]

Indice

Chiesa cattolica


Comunità religiose

Nella chiesa cattolico-romana, comunemente si definisce "priore" la guida di una comunità religiosa che non gode di totale autonomia.

Diverso, quindi, è il caso dell'abate, che è la guida di una comunità monastica indipendente (come accade tra i benedettini o i basiliani). Spesso però, in un'abbazia, esiste anche la carica del priore, seconda a quella dell'abate: al priore compete la responsabilità e il governo delle questioni più concrete e quotidiane legate alla vita del monastero.

La scelta di non avere "abati", ma soltanto "priori", fu tipica della riforma cluniacense, nella quale venne mantenuto un unico abate, quello di Cluny, mentre tutti gli altri insediamenti monastici erano soltanto dei priorati, dipendenti dall'unico abate.

Si utilizza il titolo di priore anche per il superiore di un convento di alcuni ordini mendicanti, come i domenicani o i carmelitani.

Proprio in ragione del fatto che il priore governa una comunità nel quadro di un'organizzazione più ampia, nella maggior parte degli ordini e delle congregazioni religiose il priore viene nominato dal moderatore supremo o dal superiore provinciale, sebbene in alcuni contesti egli possa anche essere eletto direttamente dal capitolo della comunità locale.

Carica ecclesiastica

Il termine priore indica in alcuni casi la prima dignità di un capitolo di canonici (es. il priore del capitolo della cattedrale di Catania[2]) o il parroco (es. il priore parroco della Parrocchia San Filippo d'Agira[3] in diocesi di Nicosia).

Confraternita laica

Si parla di priore anche per indicare il responsabile di una confraternita, associazione di fedeli che di solito persegue finalità di carità o culto. In questo caso il priore è un laico e ha il compito di:

Comuni medievali


I Priori erano anche i rappresentanti delle Arti. Inoltre veniva utilizzato per designare il primo dei consoli del comune cittadino (prior consulum).[1][4] Questa magistratura ha spesso dato il proprio nome ad alcuni edifici di molte città italiane, chiamati Palazzo dei Priori.

Priorato municipale era chiamato, fino al XIX secolo, il comune in molti Stati preunitari d'Italia; il sindaco era detto "priore municipale".[5]

Firenze

A Firenze la carica fu istituzionalizzata attorno al 1282-1283. Erano i rappresentanti delle Arti, inizialmente in numero di tre, successivamente aumentati a sei e infine nel 1423 diventati otto. Essi erano collegialmente conosciuti col nome di Priorato delle Arti e rappresentavano il massimo potere esecutivo del Comune.[1][4]

Dante fu priore del comune dal 15 giugno al 15 agosto del 1300.[6]

Altri usi


Nelle feste patronali di alcuni piccoli comuni (come il paesino di Ozegna in provincia di Torino) viene ancora nominato il priore (della festa) che conduce e offre cibi e bevande ai partecipanti della festa.[senza fonte]

Nel paese di Cavaglià, in provincia di Biella, viene eletto il Priore della Festa dei Giovani, antichissima manifestazione di cui si trova traccia fin dal 1518, che si svolge ogni anno a cavallo di Ferragosto per dieci giorni consecutivi che uniscono il paese in vari festeggiamenti, danze e cene[7]

Curiosità


A fine '700 si stabilì in località Stella -frazione di Monsampolo del Tronto- tale famiglia Priori e successivamente anche in località Tortoreto, provincia di Teramo. Quasi certamente inviata dalla curia tosco-romana a presidiare il territorio dello Stato Pontificio che aveva la sua arteria strategica lungo la via Salaria che costeggiava il fiume Tronto da ambo i lati, negli attuali versanti marchigiano e abruzzese.

Note


  1. ^ a b c Barbero, Frugoni, p. 200.
  2. ^ Il Capitolo della Cattedrale , su Basilica Cattedrale Sant'Agata V.M. Catania. La Cattedrale. URL consultato il 17 marzo 2017 (archiviato dall'url originale il 6 maggio 2017).
  3. ^ Il Priore Parroco , su Chiesa Reale Abbazia di San Filippo d'Agira già di Santa Maria Latina di Gerusalemme. URL consultato il 17 marzo 2017 (archiviato dall'url originale il 17 marzo 2017).
  4. ^ a b priore , su treccani.it. URL consultato il 3 maggio 2021.
  5. ^ Di Francesco Dall'Ongaro, Protocollo della Repubblica Romana: collezione degli atti indirizzi.
  6. ^ G. Petrocchi, Vita di Dante (1983).
  7. ^ Amedeo Ferragatta, il priore agricoltore della Festa dei Giovani di Cavaglià , su NewsBiella.it Quotidiano online gratuito di Biella e del Biellese. Costume e società, 31 dicembre 2016.

Bibliografia


Altri progetti


Collegamenti esterni


Controllo di autoritàThesaurus BNCF 30527  · GND (DE4268556-4









Categorie: Cristianesimo | Funzionari medievali




Data: 02.06.2022 03:29:10 CEST

Sorgente: Wikipedia (Autori [Cronologia])    Licenza: CC-BY-SA-3.0

Modifiche: Tutte le immagini e la maggior parte degli elementi di design correlati a questi sono stati rimossi. Alcune icone sono state sostituite da FontAwesome-Icons. Alcuni modelli sono stati rimossi (come "l'articolo ha bisogno di espansione) o assegnati (come" note "). Le classi CSS sono state rimosse o armonizzate.
Sono stati rimossi i collegamenti specifici di Wikipedia che non portano a un articolo o una categoria (come "Redlink", "collegamenti alla pagina di modifica", "collegamenti a portali"). Ogni collegamento esterno ha un'icona FontAwesome aggiuntiva. Oltre ad alcuni piccoli cambiamenti di design, sono stati rimossi i media container, le mappe, i box di navigazione, le versioni vocali e i geoformati.

Notare che Poiché il dato contenuto viene automaticamente prelevato da Wikipedia in un determinato momento, una verifica manuale è stata e non è possibile. Pertanto LinkFang.org non garantisce l'accuratezza e l'attualità del contenuto acquisito. Se ci sono informazioni che al momento sono sbagliate o che hanno una visualizzazione imprecisa, non esitate a Contattaci: e-mail.
Guarda anche: Impronta & Politica sulla riservatezza.