Reattivo di Fenton


Il reattivo di Fenton è una soluzione di perossido di idrogeno e ferro(II) (presente in quantità catalitiche), impiegata principalmente per l'ossidazione di contaminanti organici nelle acque di scarico come fenolo, formaldeide o composti aromatici[1].

Indice

Scoperta


Il reattivo è stato scoperto nel 1876 da Henry John Horstman Fenton, da cui prende il nome, probabilmente per puro caso mescolando un sale di ferro(II), perossido di idrogeno e acido tartarico e notando un cambiamento di colore.[2][3] Tale reattivo inizialmente fu impiegato per sintetizzare composti organici o in chimica analitica e solo negli anni '30 del Novecento si cominciò a capirne l'importanza.

Panoramica


Il reattivo di Fenton non deve contenere obbligatoriamente sali di ferro(II), in quanto basta un composto in cui il metallo in forma ossidata (Cu(I), Co(II)) possa catalizzare la formazione di radicali.[2]

Le reazioni che avvengono in soluzione sono le seguenti: lo ione ferroso (II) è ossidato dal perossido di idrogeno a ione ferrico (III) con formazione di un radicale idrossilico e uno ione idrossido. Il ferro (III) è poi ridotto da un'altra molecola di perossido di idrogeno a ferro(II) con formazione di un radicale perossidico e un protone.

(1) Fe2+ + H2O2 → Fe3+ + OH· + OH
(2) Fe3+ + H2O2 → Fe2+ + OOH· + H+

Come si può osservare i prodotti netti sono acqua e i due radicali idrossilico e perossidico.

Questi due radicali sono attivi nei confronti dei composti organici e inorganici permettendo la formazione di composti meno pericolosi o comunque successivamente allontanabili dalle acque di scarico.

Il reattivo di Fenton è tuttavia impiegabile anche nella sintesi organica: un esempio è la dimerizzazione del ter-butanolo a 2,5-dimetil-2,5-esandiolo.[4]

La reazione di Fenton rappresenta anche una delle due fasi della reazione di Haber-Weiss[2].

Dato che nell'ambiente è presente lo ione ferrico bisogna controllare il pH dell'ambiente per evitare che possa precipitare come idrossido ferrico: esso deve essere quindi acido (generalmente compreso tra 3 e 6).

Note


  1. ^ Fentons Reagent and Hydrogen Peroxide | USP Technologies , su www.h2o2.com. URL consultato l'11 aprile 2020.
  2. ^ a b c Peter Wardman e Luis P. Candeias, Fenton Chemistry: An Introduction , in Radiation Research, vol. 145, n. 5, 1996-05, pp. 523, DOI:10.2307/3579270 . URL consultato l'11 aprile 2020.
  3. ^ (EN) W.H. Koppenol, The centennial of the Fenton reaction , in Free Radical Biology and Medicine, vol. 15, n. 6, 1993-12, pp. 645–651, DOI:10.1016/0891-5849(93)90168-T . URL consultato l'11 aprile 2020.
  4. ^ (EN) http://www.orgsyn.org/demo.aspx?prep=cv5p1026 , su www.orgsyn.org. URL consultato l'11 aprile 2020.

Voci correlate


Collegamenti esterni











Categorie: Reattivi chimici




Data: 24.01.2021 04:22:06 CET

Sorgente: Wikipedia (Autori [Cronologia])    Licenza: CC-BY-SA-3.0

Modifiche: Tutte le immagini e la maggior parte degli elementi di design correlati a questi sono stati rimossi. Alcune icone sono state sostituite da FontAwesome-Icons. Alcuni modelli sono stati rimossi (come "l'articolo ha bisogno di espansione) o assegnati (come" note "). Le classi CSS sono state rimosse o armonizzate.
Sono stati rimossi i collegamenti specifici di Wikipedia che non portano a un articolo o una categoria (come "Redlink", "collegamenti alla pagina di modifica", "collegamenti a portali"). Ogni collegamento esterno ha un'icona FontAwesome aggiuntiva. Oltre ad alcuni piccoli cambiamenti di design, sono stati rimossi i media container, le mappe, i box di navigazione, le versioni vocali e i geoformati.

Notare che Poiché il dato contenuto viene automaticamente prelevato da Wikipedia in un determinato momento, una verifica manuale è stata e non è possibile. Pertanto LinkFang.org non garantisce l'accuratezza e l'attualità del contenuto acquisito. Se ci sono informazioni che al momento sono sbagliate o che hanno una visualizzazione imprecisa, non esitate a Contattaci: e-mail.
Guarda anche: Impronta & Politica sulla riservatezza.