Recidiva


Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Recidiva (disambigua).

La recidiva, letteralmente ricaduta, è una circostanza aggravante prevista dal diritto penale che comporta un aumento della pena per chi, dopo essere stato condannato per un reato, ne commette un altro. In italiano, come in altre lingue, si usa lo stesso termine per designare la recidiva come istituto del codice penale e la recidiva come "recidivismo", cioè quale fenomeno criminale.

Indice

La recidiva in Italia


Storia

La presenza della recidiva quale circostanza aggravante in Italia è precedente al Codice Zanardelli: in seno alla Scuola Classica si era sviluppato un fiorente dibattito sull'istituto che vedeva contrapposte posizioni abolizioniste, che vedevano nell'aggravamento del nuovo reato per una precedente condanna una violazione del principio ne bis in idem, e posizioni che giustificavano la presenza dell'istituto nel sistema penale per la maggior carica di disvalore insita nel reato del recidivo, legata a una maggiore colpevolezza di quest'ultimo. Con la Scuola Positiva in seguito l'attenzione si spostò sul valore prognostico del precedente reato, idoneo a fondare una valutazione di pericolosità sociale nei confronti del reo. Entrambe le tendenze confluirono nel Codice Rocco, che disciplinava la recidiva all'art. 99. In questa fase, la recidiva si caratterizza come aumento di pena obbligatorio e severo nella misura dell'inasprimento edittale. Successivamente alla caduta del regime fascista, con l'avvento della Costituzione, sempre più voci critiche si levarono a sottolineare la poca coerenza tra la recidiva così disciplinata e il principio di rieducatività delle sanzioni penali contenuto all'art. 27, 3° comma della Costituzione. A queste critiche seguì, nel 1974, una riforma che abbassò la misura edittale degli aumenti di pena e rese la circostanza assoggettata al giudizio di bilanciamento tra aggravanti e attenuanti, lasciando alla discrezionalità del giudice la misura e l'applicazione. Nel 2005 il legislatore portò un'ultima modifica, con la legge 251 del 2005, soprannominata ex Cirielli.

La disciplina attuale

Il codice penale all'art.99 prevede tre tipologie di recidiva comune, cioè riguardante tutti i reati:

Inoltre, nel 2005 è stata introdotta un'ipotesi di recidiva "speciale", che riguarda i reati di cui all'art. 407, comma 2, lettera a), del codice di procedura penale, che dà facoltà al giudice di aumentare la pena e, se aggravata, pone un limite minimo alla misura dell'aumento applicabile.

Se la riforma del 1974 ha previsto la facoltatività dell'applicazione dell'aumento di pena in caso di recidiva, con ciò attribuendo al giudice un ampio potere discrezionale, nel 2005 il legislatore ha tentato di reintrodurre ipotesi di obbligatorietà. Sebbene il Pubblico Ministero sia sempre tenuto a contestare la recidiva, il giudice può non applicarla, anche nell'ipotesi reiterata di cui al quarto comma. Questo perché, come ha precisato la sentenza interpretativa di rigetto della Corte Costituzionale 14 giugno 2007 n. 192, la recidiva obbligatoria ricorreva soltanto nei casi reiterati ed aggravati di maggior allarme sociale specificati al quinto comma. La Corte Costituzionale con sentenza n. 185 del 23 luglio 2015 dichiara illegittima l'obbligatorietà citata nel quinto comma. Di fatto, quindi, non esistono forme di recidiva obbligatoria.

È altresì opportuno osservare che, nell'ordinamento giuridico italiano, gli effetti della recidiva sono molteplici e non influiscono solo sull'aumento della pena da infliggere. Fra l'altro, la forma reiterata di cui al quarto comma dell'art. 99 c.p.:

a) impedisce il giudizio di prevalenza delle circostanze attenuanti sulle aggravanti (art. 69 c.p.);

b) è di ostacolo al cosiddetto patteggiamento allargato (art. 444 comma 1 bis c.p.p.);

c) comporta un aumento della pena non inferiore ad un terzo di quella stabilita per il reato più grave, in caso di concorso formale o di continuazione di reati (art. 81 c.p.);

d) determina un aumento dei termini massimi di prescrizione di reati (un aumento di minore entità consegue anche alla recidiva aggravata di cui al secondo comma dell'art. 99, c.p.) (art. 161 c.p.);

e) rendeva immediatamente efficace l'ordine di esecuzione anche per le pene detentive brevi (art. 656 comma 9-c) c.p.p.); detta previsione è stata tuttavia abrogata dal D.L. n. 78/2013;

f) limita la possibilità di usufruire delle misure alternative alla detenzione (artt. 47 ter, 50 bis e 58 quater L. 26 luglio 1975 n. 354 e art. 94 DPR 9 ottobre 1990 n. 309);

g) incide sulla concessione di eventuali permessi premio ai detenuti (art. 30 L. 26 luglio 1975 n. 354).

Note



Bibliografia


Testi normativi


Voci correlate


Altri progetti


Collegamenti esterni


Controllo di autoritàThesaurus BNCF 28463  · LCCN (ENsh86001921  · BNF (FRcb133190412 (data)  · NDL (ENJA00569792









Categorie: Diritto penale




Data: 05.10.2021 06:50:05 CEST

Sorgente: Wikipedia (Autori [Cronologia])    Licenza: CC-BY-SA-3.0

Modifiche: Tutte le immagini e la maggior parte degli elementi di design correlati a questi sono stati rimossi. Alcune icone sono state sostituite da FontAwesome-Icons. Alcuni modelli sono stati rimossi (come "l'articolo ha bisogno di espansione) o assegnati (come" note "). Le classi CSS sono state rimosse o armonizzate.
Sono stati rimossi i collegamenti specifici di Wikipedia che non portano a un articolo o una categoria (come "Redlink", "collegamenti alla pagina di modifica", "collegamenti a portali"). Ogni collegamento esterno ha un'icona FontAwesome aggiuntiva. Oltre ad alcuni piccoli cambiamenti di design, sono stati rimossi i media container, le mappe, i box di navigazione, le versioni vocali e i geoformati.

Notare che Poiché il dato contenuto viene automaticamente prelevato da Wikipedia in un determinato momento, una verifica manuale è stata e non è possibile. Pertanto LinkFang.org non garantisce l'accuratezza e l'attualità del contenuto acquisito. Se ci sono informazioni che al momento sono sbagliate o che hanno una visualizzazione imprecisa, non esitate a Contattaci: e-mail.
Guarda anche: Impronta & Politica sulla riservatezza.