Regno di Arles


Regno delle Due Borgogne (di Arles)
Il Regno di Arles attorno all'anno 1000
Dati amministrativi
Nome completoRegno delle Due Borgogne
Nome ufficialeRegno di Arles
CapitaleArles
Altre capitaliVienne e Basilea
Politica
Forma di governoMonarchia
Re933-937: Rodolfo I d'Arles già re della Borgogna Transgiurana

937-993: Corrado I d'Arles detto il Pacifico, figlio del precedente.
993-1032: Rodolfo II d'Arles, figlio del precedente.

NascitaNel 933 con Rodolfo I d'Arles
CausaUnione di Provenza e di Borgogna
FineNel 1032 con Rodolfo III di Borgogna
Territorio e popolazione
Religione e società
Religioni preminentiCattolicesimo
Religione di StatoCattolicesimo
La Borgogna tra XII e XIII secolo:

     Regno di Arles

     Ducato di Borgogna

     Dipendenze del ducato

Evoluzione storica
Succeduto daIl Regno si è scomposto in regioni più piccole e poi assorbito nel Sacro Romano Impero

Il Regno di Arles, delle due Borgogne o Secondo Regno di Borgogna fu uno stato medievale sorto a cavallo dell'arco alpino occidentale e lungo il bacino del Rodano. Fu un regno indipendente dal 933 al 1032, poi venne inglobato nel Sacro Romano Impero sino a sciogliersi completamente nel XIII secolo.

Indice

Descrizione


Secondo lo storico francese Paul Fournier il regno di Arles era uno stato nato per volontà politica. Le varie popolazioni che si trovavano sul territorio non erano unite da nessun saldo legame e la struttura del regno era così artificiale che ci volle del tempo affinché il regno stesso fosse accetto anche nella sua denominazione.[1] Alla monarchia non mancava solo il titolo ma anche il potere reale; il potere era nelle mani delle signorie ecclesiastiche di Besançon, Lione e Vienne, poi nelle contee di Vienne, Moriana e Provenza ed infine, verso la fine del X secolo anche nella contea di Borgogna (Franca Contea) e nel marchesato di Provenza.

Anche per la capitale non vi fu una residenza fissa: Arles era trascurata e i re preferirono risiedere a Vienne, mentre quando si recavano in Borgogna risiedevano a volte a Basilea, ma preferivano i monasteri e le abbazie come San Maurizio d'Agauno.

Storia


Il regno nacque dal patto sottoscritto dal re della Borgogna Transgiurana Rodolfo II e Ugo di Provenza, che governava la Borgogna Cisgiurana (di cui faceva parte anche la Provenza), per conto del Re Ludovico il Cieco, per risolvere la disputa sul trono italiano. Secondo gli accordi, Ugo cedette la Provenza a Rodolfo, che a sua volta rinunciò ad ogni pretesa sul regno d'Italia. Il regno delle due Borgogne così unificato venne chiamato regno di Arles. Nel 1032 morì Rodolfo II e si estinse la dinastia regnante e il Regno di Arles fu conquistato da Corrado II il Salico, finendo per divenire parte del Sacro Romano Impero. Da quel momento gli imperatori furono teoricamente re di Arles ma non tutti si fecero incoronare personalmente. Tra coloro che vennero ufficialmente incoronati vi fu Federico Barbarossa. Nel 1257 Carlo I d'Angiò acquistò dalla casa di Baux i diritti al trono del regno di Arles e quando nel 1280 l'imperatore Rodolfo I d'Asburgo pensò di ricostituire il regno dovette trattare con lui. Fu trovato tra i due sovrani un accordo in seguito al quale l'imperatore avrebbe ricostituito il regno per assegnarlo al figlio Carlo Lo Zoppo, principe di Salerno, che a sua volta avrebbe dovuto cederlo al momento delle nozze tra il nipote di Carlo I, Carlo Martello, e Clemenza, figlia di Rodolfo. Evento che non si realizzò a causa dei Vespri siciliani.

Elenco dei sovrani


I re della dinastia dei Vecchi Welfen del regno di Arles furono:

Note


  1. ^ Paul Fournier, Il regno di Borgogna o d'Arles dal XI al XV secolo, pp. 385,386.

Bibliografia


Voci correlate


Collegamenti esterni











Categorie: Re di Arles | Borgogna | Conti di Borgogna | Duchi di Borgogna | Stati del Sacro Romano Impero




Data: 14.05.2021 12:18:47 CEST

Sorgente: Wikipedia (Autori [Cronologia])    Licenza: CC-BY-SA-3.0

Modifiche: Tutte le immagini e la maggior parte degli elementi di design correlati a questi sono stati rimossi. Alcune icone sono state sostituite da FontAwesome-Icons. Alcuni modelli sono stati rimossi (come "l'articolo ha bisogno di espansione) o assegnati (come" note "). Le classi CSS sono state rimosse o armonizzate.
Sono stati rimossi i collegamenti specifici di Wikipedia che non portano a un articolo o una categoria (come "Redlink", "collegamenti alla pagina di modifica", "collegamenti a portali"). Ogni collegamento esterno ha un'icona FontAwesome aggiuntiva. Oltre ad alcuni piccoli cambiamenti di design, sono stati rimossi i media container, le mappe, i box di navigazione, le versioni vocali e i geoformati.

Notare che Poiché il dato contenuto viene automaticamente prelevato da Wikipedia in un determinato momento, una verifica manuale è stata e non è possibile. Pertanto LinkFang.org non garantisce l'accuratezza e l'attualità del contenuto acquisito. Se ci sono informazioni che al momento sono sbagliate o che hanno una visualizzazione imprecisa, non esitate a Contattaci: e-mail.
Guarda anche: Impronta & Politica sulla riservatezza.