Rene


Disambiguazione – "Reni" rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi Reni (disambigua).
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Rene
1. Piramide renale
2. Arterie efferente
3. Arteria renale
4. Vena renale
5. Ilo del rene
6. Pelvi renale o Bacinetto renale
7. Uretere
8. Calice minore
9. Capsula renale
10. Capsula renale inferiore
11. Capsula renale superiore
12. Vena afferente
13. Nefrone
14.Calici minori
15. Calice maggiore
16. Papilla renale
17. Colonna renale
Posizione dei due reni
Anatomia del Gray(EN) Pagina 1215
Sistemaapparato urinario e apparato endocrino
Arteriaarterie renali
Venavene renali
NervoPlesso renale
Identificatori
MeSHKidney
A05.810.453
TAA08.1.01.001
FMA7203

I reni sono organi pari parenchimatosi secretori[1] (nello specifico, emuntori) dei vertebrati. Insieme alle vie urinarie costituiscono l'apparato urinario, che filtra dal sangue i prodotti di scarto del metabolismo e li espelle tramite l'urina. Il settore della medicina che studia i reni e le loro malattie è chiamato nefrologia. Il loro compito principale è quello di mantenere il corretto equilibrio idro-salino nell'organismo, nonché di assicurare ogni giorno, per mezzo delle loro unità funzionali, i nefroni, una costante depurazione del nostro sangue.

Indice

Anatomia macroscopica


I reni sono due organi parenchimatosi retroperitoneali, pari e simmetrici, posti nella cavità addominale.

Forma del rene

Sono simili a due grossi fagioli. Ogni rene presenta:

Forma dell'ilo renale

Rispetto all'ilo renale, c'è da specificare che l'uretere occupa l'angolo postero-inferiore della losanga. Inoltre ogni ilo renale è limitato:

Date le loro sporgenze, le due labbra si incrociano ad X.

Posizione

I reni occupano la regione topografica posteriore dell'addome: sono infatti organi retroperitoneali. Si trovano posti subito ai lati della colonna vertebrale tra T11- T12 e L3.

Il rene destro è posto un po' più in basso (circa 2 cm, cioè mezza vertebra) di quello sinistro, a causa dell'ingombro del fegato nell'ipocondrio destro, ed è leggermente più corto e tozzo, il sinistro più allungato e leggermente più piatto.

Direzione degli assi dei reni

Il grande asse dei reni (che congiunge il polo superiore con quello inferiore, detto anche asse longitudinale) non è parallelo all'asse mediano, è invece obliquo in basso e lateralmente. Neanche risulta parallelo al piano frontale, poiché essi si adagiano alla parete dell'addome. La faccia posteriore è più rivolta medialmente, mentre quella anteriore più lateralmente.

Dimensioni e peso

In media i reni sono lunghi 12 cm, larghi 6 cm e spessi 3 cm. Pesano in media 170 g (mediamente circa 150 g negli uomini e 135 g nelle donne) con il rene sinistro tendenzialmente più lungo del destro di 1-1,5 cm, anche se i due reni possono risultare di dimensioni molto simili. Entrambi contengono al loro interno circa 30 g di sangue. Il rene di sinistra è solitamente un po' più voluminoso.

Il rene raggiunge il volume massimo a 25-30 anni. Il rene dell'anziano si atrofizza e si modifica nell'aspetto.

Aspetto superficiale del rene nell'adulto e nel neonato

Nell'adulto la superficie risulta liscia e uniforme, tranne nell'ilo dove è presente un solco medialmente circondato da diverse incisure. La superficie liscia è il risultato di un processo di fusione, in quanto nel feto (agli ultimi mesi), nel neonato e nell'infante ai suoi primi anni il rene presenta un aspetto lobato, ed è pieno di solchi disposti a rete. L'aspetto lobato scompare di solito alla fine del quinto anno di vita. Può permanere in maniera anomala anche tra gli adulti.

Il seno renale: topografia

Il seno renale è una profonda cavità del rene, che contiene i vasi renali (arterie e vene interpapillari) e i canali di origine dell'apparato escretore (calici di primo e secondo ordine e una parte del bacinetto), circondati da un grasso molle, dipendenza della capsula adiposa renale.

Se si eliminano tutte queste parti il seno appare come una cavità rettangolare, appiattita dall'avanti all'indietro e limitata da tutte le parti, eccetto a livello dell'ilo, dal parenchima renale. Riproduce quindi la forma esterna del rene.[2] Le sue dimensioni, secondo Grégoire et al., sono 7 cm x 3,25 cm.

Il seno renale può essere esaminato con due sezioni del rene:

Nell'ilo dei reni, localizzato presso il suo margine mediale, penetrano i vasi di maggior calibro diretti a quest'organo, l'arteria renale e la vena renale, rispettivamente, ramo dell'aorta e affluente della vena cava inferiore, vasi linfatici e nervi. Nell'ilo, lungo 3–4 cm, entrano, dalla più superficiale (anteriore) alla più profonda (posteriore) le seguenti strutture: la vena renale e i tronchi linfatici che la affiancano, l'arteria renale e la pelvi renale.

Colore e consistenza

I reni sono di colore bruno-rossastro, e se meno vascolarizzati possono anche raggiungere una colorazione grigio-rossastra.

Sono di consistenza dura e pertanto resistono meglio ad azioni traumatiche e trazioni rispetto alla milza e al fegato.

Alterazioni di consistenza (più duro o più molle) e colore sono indice di alterazione parenchimale.

Mezzi di fissità del rene

Il rene si sposta sensibilmente durante atti fisiologici, con uno spostamento verticale fino a 3 cm. Ad esempio:

Il motivo di questa mobilità risiede nel fatto che risiedono in una loggia più grande della loro dimensione.

Questo spazio viene riempito dal primo mezzo di fissità, il grasso. Gli altri mezzi di fissità sono rappresentati da altri parti fisse, quali vasi, peritoneo e visceri circostanti.

Vasi

I vasi mantengono fisso il rene in misura minore rispetto agli altri mezzi di fissità. Il peduncolo renale infatti è estensibile, fino a qualche centimetro. Questa peculiarità del peduncolo renale è utilizzata dai chirurghi per sezionare i vasi del rene senza minimamente muoverlo.[3]

Peritoneo

Il peritoneo contribuisce in piccola parte a mantenere fisso il rene. Tuttavia esso contribuisce indirettamente, premendo sul rene a causa della pressione positiva esercitata dai visceri addominali.

Loggia fibrosa del rene e fascia di Gerota

Il rene contrae stretti rapporti con la sua capsula connettivale. Assieme alla sua capsula propria, è racchiuso in un'ulteriore capsula detta capsula fibroadiposa o fascia perirenale. La capsula fibroadiposa delimita una loggia (loggia renale) tra la parete addominale posteriore e il peritoneo parietale posteriore. All'interno della loggia, delimitata anteriormente dalla fascia di Gerota, troviamo, oltre al rene e ai suoi vasi, anche l'adipe perirenale (grasso perirenale) - di maggior spessore ai margini del rene - e che si estende fino al seno renale approfondendosi nell'ilo.

La fascia perirenale si distingue in due parti:

Originariamente ritenute due entità distinte, poi fuse lateralmente per formare la fascia lateroconale. Successivi lavori tuttavia dimostrano come la fascia perirenale non sia un'unica entità, ma sia multilaminata ed inoltre questa:

La fascia lateroconale continua antero-lateralmente, posteriormente al colon, per fondersi col peritoneo parietale.

Composizione

Il rene è ricoperto da una sottile capsula fibrosa costituita da collagene in cui sono immerse anche fibre elastiche e cellule muscolari lisce. Una volta sezionato frontalmente a circa metà spessore, è possibile distinguere nel parenchima due parti, anche servendosi di una semplice lente d'ingrandimento:

  1. La corticale, una parte esterna di colore più cupo e più granulosa;
  2. La midollare, più interna, più chiara e dall'aspetto striato.

La differenza tra corticale e midollare non è così netta in quanto:

Corticale

Midollare

La midollare è posta in profondità dell'organo e circonda in maniera discontinua il seno renale. È costituita da 8-18 piramidi renali (del Malpighi).

Piramidi renali del Malpighi

Le piramidi renali sono delle formazioni coniche con la base rivolta verso la superficie del rene e l'apice smusso che sporge nel seno renale. Sono di colore rosso-scuro e hanno un aspetto striato in senso longitudinale: ciò è dovuto al fatto che sono costituite da tubuli rettilinei decorrenti dalla base fino all'apice

Le piramidi renali del Malpighi sono raggiunte in tre file principali, disposte lungo l'asse longitudinale:

Tra una fila e l'altra riscontriamo le colonne del Bertin, dei prolungamenti di sostanza corticale che si spingono fino al seno renale. Ogni papilla è costituita da:

Lo spazio presente tra la fascia e Il rene contiene il tessuto adiposo perirenale, in cui sono immersi il rene, la ghiandola surrenale e i vasi renali e surrenali, oltre a vasi linfatici e nervi. Postero-medialmente la fascia renale è fusa con lo strato fasciale che avvolge i muscoli grande psoas e quadrato dei lombi, ma poi si sdoppia formando due foglietti, uno anteriore ed uno posteriore al rene che lateralmente si fondono continuandosi nella fascia trasversale, cialmente al peritoneo. Il foglietto anteriore ricopre anteriormente il rene e tra questo e l'organo il tessuto adiposo è scarso, mentre è più abbondante medialmente, lateralmente e posteriormente a ciascun rene, dopodiché si dirige posteriormente verso il foglietto posteriore, senza tuttavia fondersi con esso. Il foglietto posteriore ricopre posteriormente il rene da cui è separato da tessuto adiposo, poi si fonde con la fascia del muscolo grande psoas e prende inserzione sulla superficie anteriore del corpo delle vertebre lombari. Dal momento che le due fasce non si fondono, lo spazio perirenale mette in comunicazione i due reni che non si trovano in due compartimenti fasciali separati. Superiormente i foglietti posteriori sono fusi con quelli anteriori, chiudendo lo spazio fasciale. Tale versione non è però universalmente accettata e taluni sostengono che superiormente le fasce non si fondano tra loro ma che la posteriore si fonda con quella dei muscoli grande psoas e quadrato dei lombi, mentre quella anteriore con il legamento coronario del fegato e con il legamento gastrolienale. Inferiormente taluni sostengono che le fasce si fondano tra loro e con la fascia iliaca chiudendo lo spazio perirenale, altri, supportati da esperimenti su cadavere, ritengono che non si fondano.

Rapporti

Il rene destro ha rapporto anteriormente con la seconda porzione del duodeno, superiormente con la ghiandola surrenale ed il fegato, medialmente con i vasi renali, antero-lateralmente con la flessura colica destra, inferiormente con l'intestino tenue, posteriormente con i muscoli grande psoas, quadrato dei lombi, l'aponeurosi del muscolo trasverso dell'addome e il diaframma. I rapporti posteriori del rene sinistro sono simili, anteriormente è in rapporto con stomaco, milza e pancreas, con la flessura colica sinistra, il colon discendente e inferiormente con il digiuno. In generale però, s'intende che i rapporti del rene con gli altri organi sono mediati dal rivestimento peritoneale.

Arterie

I reni necessitano di un grande apporto ematico e pertanto presentano una ricca vascolarizzazione che si sviluppa nel suo complesso per circa 160 chilometri di lunghezza. Per ogni gettata cardiaca, circa il 20% del sangue fluisce attraverso questi organi; da ciò risulta che nei reni circolano in media 1 100 ml di sangue al minuto. I principali vasi arteriosi del rene sono le due arterie renali, sinistra e destra, due vasi di grosso calibro (5–7 mm) che si distaccano quasi ad angolo retto dall'aorta addominale, poco sotto l'arteria mesenterica superiore e decorrono dietro le vene renali. L'arteria renale destra è più lunga della sinistra, dato che l'aorta è spostata a sinistra rispetto alla linea mediana e si trova leggermente più in alto. Dalle arterie renali si distaccano superiormente dei vasi di piccolo calibro, le arterie surrenali inferiori, che vascolarizzano la parte inferiore delle ghiandole surrenali.

Ciascuna arteria renale si divide in un ramo anteriore alla pelvi renale, detto prepielico e in uno posteriore, detto retropielico. Il ramo prepielico si divide in ulteriori quattro rami, dette arterie segmentali, che irrorano le porzioni apicale, superiore, media ed inferiore di ciascun rene, mentre l'arteria retropielica si divide in rami che vascolarizzano tutti un unico segmento, quello posteriore. È bene sapere che il segmento apicale della rene comprende la regione superiore del rene, sia anteriore che posteriore, il segmento superiore comprende la regione al di sopra di un'ipotetica linea retta trasversale tracciata dall'ilo al margine laterale e si estende sulla faccia anteriore e su metà di quella laterale, il segmento medio comprende la regione sottostante la linea trasversale e metà della porzione laterale (cioè la parte antero-laterale), il segmento inferiore comprende il polo inferiore del rene e la porzione che gli è superiore, sia sulla faccia anteriore che su quella posteriore, mentre il segmento posteriore comprende tutta la faccia posteriore e la faccia postero-mediale esclusi il segmento apicale e l'inferiore.

Vi sono perciò cinque arterie segmentali per ciascun rene. Ogni arteria segmentale si divide in alcune arterie lobari, di norma una per ciascuna piramide renale verso cui si dirigono, ma prima di giungervi ciascuna di queste si divide in 2-3 arterie interlobari, che decorrono attorno alla corrispondente piramide renale dirigendosi dall'apice alla base, verso la corticale all'interno delle colonne del Bertin. Giunte a livello della sostanza corticale iuxtamidollare, o corticale interna, ogni arteria interlobare si sdoppia ad angolo retto in due arterie arcuate, che decorrono alla base delle piramidi renali. Ogni arteria arcuata emette ulteriori rami che si portano superiormente e quindi si distaccano da essa ad angolo retto, queste sono le arterie interlobulari, che si dispongono radialmente nella corticale iuxtamidollare ed esterna del rene. Alcune arterie interlobulari non originano dalle arterie arcuate ma direttamente dalle arterie interlobari. La maggior parte delle arterie interlobulari si dirige verso un glomerulo, ma alcune perforano la corticale vascolarizzando la capsula renale dove formano il plesso capsulare.

Un'arteria interlobulare non entra direttamente in un glomerulo ma rilascia rami laterali, le arteriole glomerulari afferenti; tali rami si distaccano obliquamente verso la capsula nella parte più superficiale della corticale (corticale esterna) e obliquamente verso la midollare nella corticale interna. Un'arteriola glomerulare afferente penetra in un corpuscolo renale formando il glomerulo, per poi uscirne sotto il nome di arteriola glomerulare efferente. Le arteriole glomerulari efferenti, che raccolgono il sangue filtrato nei glomeruli, formano un plesso di capillari arteriosi attorno ai tubuli renali. La midollare del rene è vascolarizzata da arteriole glomerulari efferenti o aglomerulari provenienti dalla corticale interna e talvolta anche da porzioni più superficiali della corticale. Giunte nella midollare, le arteriole efferenti danno origine a 10-25 arteriole rette che discendono nei raggi midollari formando un plesso capillare a livello della papilla. Seguono quindi in generale il percorso dei tubuli contorti prossimali e distali e dei dotti collettori. Alcune arteriole rette originano direttamente dalle arterie arcuate e sono chiamate arteriole rette "vere".

Vene

I capillari venosi che si formano da quelli arteriosi a livello della papilla renale si uniscono a formare le venule rette ascendenti, che risalgono lungo i raggi midollari seguendo le arteriole a cui sono accoppiate fino a drenare a livello della base delle piramidi renali nelle vene arcuate o nelle vene interlobulari. Le arteriole discendenti e le venule ascendenti sono perciò molto vicine tra loro e questo facilita fenomeni di scambio. Le venule ascendenti drenano direttamente nelle vene arcuate ma più spesso nel plesso venoso peritubulare che a sua volta drena nella vena interlobulare, così come fanno le vene stellate della capsula renale. Le vene interlobulari decorrono verso la corticale interna dove drenano nelle vene arcuate, le vene arcuate procedono trasversalmente e drenano nelle vene interlobari, che discendono lungo le colonne renali per formare infine le due vene renali che escono dall'ilo del rene. Le vene renali sono anteriori alle arterie renali, si portano medialmente verso la vena cava inferiore che drena il loro sangue. La vena renale sinistra è più lunga della destra (il triplo, circa 7,5 cm) che invece è molto corta data la stretta vicinanza con la vena cava inferiore. La vena renale sinistra è appena posteriore all'arteria mesenterica superiore che la scavalca e drena il sangue della vena gonadica sinistra che vi affluisce inferiormente, così come quello della vena surrenale sinistra che vi affluisce superiormente. La vena renale sinistra drena nella vena cava inferiore poco al di sopra della destra. Le vene renali possono essere doppie.

Linfa

I vasi linfatici del rene drenano in tre plessi, collocati nel tessuto adiposo perirenale, nella capsula renale e attorno ai tubuli renali. I vasi linfatici che decorrono lungo i dotti collettori seguono il decorso delle vene renali e drenano la linfa in vasi di calibro sempre maggiore sino a formare a livello dell'ilo 4-5 tronchi linfatici che seguono la vena renale, ricevono i vasi linfatici del plesso capsulare e terminano nei linfonodi aortici laterali. Il plesso nel tessuto adiposo perirenale, invece, drena direttamente nei linfonodi aortici laterali.

Innervazione

L'innervazione simpatica del rene è fornita da rami del plesso celiaco, aorticorenale, dal nervo piccolo splancnico (T10, T11), dal nervo splancnico minimo (T12) e dal I nervo splancnico lombare che seguono il decorso dell'arteria renale costituendo poi il plesso renale. Presso l'origine dell'arteria renale è presente almeno un ganglio nervoso. I nervi successivamente proseguono seguendo il decorso delle arterie e distribuendosi a tutto il rene. L'innervazione parasimpatica è data invece dal tronco vagale posteriore e, secondo alcuni testi, anche dai nervi splancnici pelvici (S2, S3, S4).

Anatomia microscopica


Capsula renale

La superficie del rene è coperta da un tessuto connettivo, detto capsula. Essa passa all'interno dell'ilo, dove forma il tessuto connettivo che copre il seno e diventa continuo con il tessuto connettivo che forma la parete dei calici e della pelvi renale.

La capsula consiste di due strati distinti:

La contrattilità dei miofibroblasti potrebbe aiutare il rene a sopportare le variazioni di volume e pressione che il rene incontra durante la sua attività fisiologica. Il loro ruolo specifico è tuttavia sconosciuto.[4]

Glomerulo renale

Lo stesso argomento in dettaglio: Glomerulo.

I reni sono costituiti dal parenchima e dallo stroma. Il parenchima è formato da un insieme di nefroni e di unità elementari, i corpuscoli renali, che hanno la funzione uropoietica, e da un sistema di dotti escretori, i quali convogliano l'urina verso l'apice delle piramidi renali e provvedono anche a modificarne la composizione. Lo stroma, di natura connettivale, contiene i vasi sanguigni, i vasi linfatici e le terminazioni nervose del plesso renale che decorrono sempre vicine ai tubuli contorti e ai dotti collettori, facilitando gli scambi. I nefroni sono unità funzionali del rene e sono contenuti prevalentemente nella corticale, mentre lo stroma è più abbondante nella midollare dei dotti escretori. Il nefrone è suddivisibile in due parti, il corpuscolo renale, che filtra il sangue dell'arteriola glomerulare afferente e lo convoglia nell'arteriola glomerulare efferente, e il tubulo renale, deputato al riassorbimento selettivo del filtrato che in ultima analisi formerà l'urina la quale si riversa nei dotti collettori che sboccano nell'area cribrosa di una papilla renale e quindi nelle vie urinifere superiori.

Tubulo renale

Lo stesso argomento in dettaglio: Tubulo renale.

Il tubulo renale veicola il filtrato dallo spazio urinario sino al dotto collettore. Origina dal polo urinifero della capsula di Bowman tramite il tubulo contorto prossimale. Nel suo percorso si distinguono un tubulo contorto collocato nella corticale esterna o intermedia che si continua in un tubulo retto prossimale il quale scende inferiormente sino alla corticale interna per poi penetrare nelle piramidi midollari con la porzione tubulare chiamata ansa di Henle (tratto discendente) che forma una curva a U con la concavità rivolta verso la corticale per poi risalire (tratto ascendente) e continuarsi nel tubulo retto distale che risale nella corticale interna fino a costituire il tubulo contorto distale che si immette nel dotto collettore. Il dotto collettore è una struttura tubulare che accoglie l'urina da più tubuli renali, quindi non è parte del nefrone; esso discende di nuovo in un raggio midollare, sino a sboccare in un dotto di calibro maggiore detto dotto papillare, il quale sbocca nell'area cribrosa della papilla renale. La capsula è un'espansione del tubulo contorto prossimale e si continua con esso mediante una breve zona che forma un colletto.

Apparato iuxtaglomerulare

Lo stesso argomento in dettaglio: Apparato iuxtaglomerulare.

L'apparato iuxtaglomerulare è un raggruppamento di varie popolazioni cellulari del tubulo contorto distale, tra cui cellule sensibili alla variazione di concentrazione di elettroliti nella pre-urina (osmocettori - trasmettono segnali alle cellule ilari e iuxtaglomerulari). Tali cellule si distribuiscono tutte nello spazio compreso tra la macula densa (parete del tubulo contorto distale che aderisce all'arteriola afferente) e le arteriole glomerulari afferente ed efferente. Questo spazio è occupato principalmente da cellule mesangiali extraglomerulari, dette cellule ilari. Si tratta di cellule dendritiche che mettono in comunicazione la macula densa con le cellule iuxtaglomerulari granulari e lo fanno mediante giunzioni comunicanti; sono anche cellule dalla funzione vasocostrittrice. La tonaca media delle due arteriole è qui costituita da cellule muscolari lisce modificate dette cellule iuxtaglomerulari granulari. Sono cellule tondeggianti e voluminose, con un citoplasma ricco di mitocondri e vescicole di 10-40 nm contenenti renina, dunque regolano la pressione sanguigna mediante il sistema renina-angiotensina, ma aiutano anche l'assorbimento di acqua e ioni. Sono collocate più precisamente tra la parete del tubulo distale (non la macula densa) e l'endotelio delle arteriole. Le cellule della macula densa, cioè cellule epiteliali modificate della parete mediale del tubulo contorto distale, hanno nuclei ovalari di notevoli dimensioni e mitocondri numerosi ma concentrati nella porzione apicale del citoplasma. La loro funzione è quella di regolare il contenuto di NaCl del filtrato. Le cellule ilari (o mesangio extraglomerulare) si trovano tra arteriola afferente, efferente e macula densa, hanno la funzione di ricezione e trasmissione di stimoli dalla macula densa alle cellule iuxtaglomerulari.

Pelvi renale

Lo stesso argomento in dettaglio: Pelvi renale.

La parete dei calici minori e maggiori è costituita da tre strati ovvero una tonaca avventizia, il più esterno, una tonaca muscolare liscia ed una tonaca mucosa interna. La mucosa è costituita da urotelio, un epitelio specializzato sostenuto da una lamina propria formata da tessuto connettivo fibroelastico. La tonaca muscolare è formata da due strati dalla differente struttura, uno più interno e sottile che decorre nella parete dei calici minori e tra un calice minore e l'altro per poi continuarsi nei calici maggiori e nella pelvi terminando solo a livello dell'uretere e l'altro costituito da fibre muscolari ramificate e piuttosto distanziate (negli interstizi vi è tessuto connettivo) che si continuano anche a livello dell'uretere costituendone la tonaca muscolare. La tonaca avventizia è costituita da tessuto connettivo fibroelastico che si fonde con la capsula fibrosa del rene.

Fisiologia


Lo stesso argomento in dettaglio: Glomerulo e Tubulo renale.

I reni non hanno solo il compito, tramite i nefroni, di eliminare i prodotti di scarto del catabolismo azotato e i prodotti tossici che vi giungono, ma anche quello di regolare il volume del liquido extracellulare e quindi il contenuto idrico dell'organismo e poi di regolare il pH ematico tramite riassorbimento ed eliminazione di bicarbonato HCO3-; hanno anche importanti funzioni endocrine, secernendo diversi ormoni ad azione sistemica (quali renina ed eritropoietina) ed attivando il calcitriolo.

Il rene è principalmente un organo escretore, ma svolge anche altre funzioni:

Metabolismo


Le caratteristiche metaboliche del rene variano in base alla porzione che andiamo a considerare. La porzione corticale, ricca di mitocondri, presenta un accentuato metabolismo ossidativo: β-ossidazione degli acidi grassi (principalmente dell'acido palmitico), gluconeogenesi (a partire da acido lattico e da aminoacidi gluconeogenici) e chetogenesi (anche se in misura minore rispetto al fegato). La porzione midollare, povera di mitocondri, presenta soltanto la glicolisi, rigorosamente anaerobica. I reni sono avvolti dal più denso tessuto adiposo dell'organismo. Esso generalmente non viene usato come risorsa energetica ma ha la funzione di mantenere in situ le reni. In caso di dimagramenti eccessivi o gravi stadi di anoressia, tuttavia questa adipe viene gradualmente a mancare provocando lo spostamento verso il basso dei reni, noto come ptosi renale.

Anomalie congenite


Lo stesso argomento in dettaglio: CAKUT.

Statistiche sui trapianti renali


Nazione Trapianti da cadavere Trapianti da donatore vivente Trapianti totali Fonte
 Canada 724 388 1 112 (nel 2000) [1]
 Francia 1 991 136 2 127 (nel 2003) [2]
 Italia 1 489 135 1 624 (nel 2003)
 Spagna 1 991 60 2 051 (nel 2003)
 Regno Unito 1 297 439 1 736 (nel 2003) [3]
 Stati Uniti 8 670 6 468 15 138 (nel 2003) [4] Archiviato il 4 febbraio 2005 in Internet Archive.

Note


  1. ^ Testut, vol. 6, p. 9.
  2. ^ Testut, vol. 6, p. 12.
  3. ^ Testut - Latarjet, vol. 6, p. 14.
  4. ^ Ross - Histology, a Text and Atlas, 2015, p. 699.
  5. ^ Ian Sample, How many people have four kidneys? , in The Guardian, London, 19 febbraio 2008.
  6. ^ Girl's Kidneys Fail, But Doctors Find Double Valves, Saving Her Life , su abcnews.go.com, 18 maggio 2010. URL consultato il 3 gennaio 2011.
  7. ^ J. Stephen Jones, Inderbir S. Gill e Raymond Rackley, Operative Urology at the Cleveland Clinic, Totowa, NJ, Humana Press, 2006, DOI:10.1007/978-1-59745-016-4_16 , ISBN 978-1-58829-081-6.

Bibliografia


Voci correlate


Altri progetti


Collegamenti esterni


Controllo di autoritàThesaurus BNCF 2931  · LCCN (ENsh85072254  · GND (DE4042270-7  · BNF (FRcb11932741g (data)  · J9U (ENHE987007543430905171 (topic)  · NDL (ENJA00574833









Categorie: Rene




Data: 05.05.2022 08:51:27 CEST

Sorgente: Wikipedia (Autori [Cronologia])    Licenza: CC-BY-SA-3.0

Modifiche: Tutte le immagini e la maggior parte degli elementi di design correlati a questi sono stati rimossi. Alcune icone sono state sostituite da FontAwesome-Icons. Alcuni modelli sono stati rimossi (come "l'articolo ha bisogno di espansione) o assegnati (come" note "). Le classi CSS sono state rimosse o armonizzate.
Sono stati rimossi i collegamenti specifici di Wikipedia che non portano a un articolo o una categoria (come "Redlink", "collegamenti alla pagina di modifica", "collegamenti a portali"). Ogni collegamento esterno ha un'icona FontAwesome aggiuntiva. Oltre ad alcuni piccoli cambiamenti di design, sono stati rimossi i media container, le mappe, i box di navigazione, le versioni vocali e i geoformati.

Notare che Poiché il dato contenuto viene automaticamente prelevato da Wikipedia in un determinato momento, una verifica manuale è stata e non è possibile. Pertanto LinkFang.org non garantisce l'accuratezza e l'attualità del contenuto acquisito. Se ci sono informazioni che al momento sono sbagliate o che hanno una visualizzazione imprecisa, non esitate a Contattaci: e-mail.
Guarda anche: Impronta & Politica sulla riservatezza.