Metta World Peace - it.LinkFang.org

Metta World Peace


(Reindirizzamento da Ron_Artest)


Metta Ford-Artest
Metta Ford-Artest nel 2015
Nazionalità  Stati Uniti
Altezza 201 cm
Peso 118 kg
Pallacanestro
Ruolo Allenatore (ex ala piccola)
Ritirato 2017 - giocatore
Carriera
Giovanili
199?-1997LaSalle Academy
1997-1999St. John's R. Storm
Squadre di club
1999-2002Chicago Bulls175 (2194)
2002-2006Indiana Pacers193 (3189)
2006-2008Sacramento Kings167 (3158)
2008-2009Houston Rockets69 (1181)
2009-2013L.A. Lakers298 (2964)
2013-2014N.Y. Knicks29 (139)
2014Sichuan B. Whales13 (264)
2015Pall. Cantù13 (174)
2015-2017L.A. Lakers60 (233)
Carriera da allenatore
2017-2018South Bay Lakers(vice)
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 30 aprile 2018

Metta Ford-Artest[1], nato Ronald William Artest jr. (Queens, 13 novembre 1979), è un ex cestista e allenatore di pallacanestro statunitense.

In carriera si è sempre distinto per la sua foga e aggressività, ed è celebre l'episodio in cui ha rotto le costole a Michael Jordan[2][3] oltre ad avere scatenato una rissa nel 2004 in un Detroit-Indiana.[4][5]

Indice

Biografia


Conosciuto fino al 2011 come Ron Artest, nel 2011 ottenne dalle autorità americane il permesso di cambiare il proprio nome in Metta World Peace.[6]

Suo figlio Ron Artest III è anch'egli un cestista.

Carriera


Primi anni nel mondo del basket

Nacque a Queensbridge, nello stato di New York. Il padre, un ex pugile con un passato nei Marines, divorziò dalla madre quando Ron aveva solo 6 anni, creando non pochi problemi al giovane che, fin dalla tenera età, mostrò infatti una spiccata propensione alle risse. Fu però grazie a questa situazione di disagio che, ad otto anni, conobbe l'assistente sociale che convinse i genitori ad iscriverlo ad una squadra di basket, in modo che imparasse a socializzare con i coetanei. Al liceo si iscrisse alla Salle Academy High School. L'anno della sua consacrazione fu il suo anno da Senior, quando venne eletto giocatore dell'anno dello stato e della Città di New York. In quello stesso anno venne convocato per il McDonald's All-American Game, torneo cui solitamente prendono parte i migliori liceali d'America.

La carriera al college (1997-1999)

Nonostante le decine di offerte che aveva ricevuto nell'anno da Senior, optò per il programma della St. John's University. Nel suo primo anno, il 1997, Artest viaggiò con una discreta media di 11,6 punti a partita, cui aggiunse 6,3 rimbalzi e 1,9 assist con 1,1 stoppate. A fine anno, queste cifre gli garantirono un posto nell'All-Rookie Team. La squadra annoverava tra le sue file Tyrone Grant (Teramo, Milano), Lavor Postell (Pesaro), Bootsy Thornton (Cantù, Siena) e Erick Barkley (Blazers). Al secondo anno, infatti, sotto la guida di Mike Jarvis, arrivò ad un passo dalla Final Four.

Per Artest il 1998 fu un anno positivo chiuso con 14,5 punti, 6,5 rimbalzi e 4,2 assist di media. A fine stagione venne inserito nel primo quintetto ideale della Big East e nel terzo quintetto All-American.

La carriera in NBA (1999-2014)

Chicago Bulls (1999-2002)

Nel 1999 decise di dichiararsi eleggibile per il draft NBA, dove venne selezionato come 16ª scelta dai Chicago Bulls.

Indiana Pacers (2002-2006)

Dopo tre stagioni passò ai Pacers e quella del 2003-04 fu la sua migliore stagione con una media di 18,3 punti, 5,7 rimbalzi e 3,7 assist a partita. Nel 2004, inoltre, fu scelto come riserva nell'All-Star Game, e fu nominato il miglior difensore dell'anno.

Il 19 novembre 2004 è stato coinvolto in una gigantesca rissa al Palace of Auburn Hills di Detroit contro alcuni giocatori dei Detroit Pistons (per primo il pivot Ben Wallace) ed alcuni tifosi locali.[4] A seguito di questa rissa Artest venne squalificato per 73 incontri (il resto della stagione NBA).[4]

L'addio a Indiana: Sacramento Kings e Houston Rockets (2006-2009)

Al ritorno in campo nella stagione 2005-06, non si trovò bene nei Pacers, e nel febbraio fu ceduto ai Sacramento Kings, in cambio di Predrag Stojaković. Con i Kings raggiunse i play-off, perdendo al primo turno contro i San Antonio Spurs.

Dopo tre anni ai Kings, viene scambiato a Houston in cambio della matricola Donté Greene, Bobby Jackson e una prima scelta al Draft NBA 2009. Artest andò a rinforzare un team già forte, con giocatori del calibro di Tracy McGrady, Yao Ming e Luis Scola. Nonostante l'infortunio di McGrady per tutta la seconda metà di stagione, i razzi riuscirono a raggiungere il 2º turno dei playoffs (cosa mai riuscita negli anni precedenti con T-Mac in campo) per la prima volta dal 1997. Contro i Lakers si aggiunge alla lista infortunati anche Yao, ma i Rockets riuscirono a portare la serie fino al settimo incontro, prima di venire eliminati.

Los Angeles Lakers e la vittoria dell'anello (2009-2013)

Nell'estate 2009, dopo essere diventato free agent, Artest firma un contratto di 5 anni a 6,4 milioni di dollari per stagione con i Los Angeles Lakers.[7] Il 27 maggio 2010, nella gara 5 della finale di western conference contro i Phoenix Suns dopo un tiro da tre punti sbagliato da Kobe Bryant, Artest prende il rimbalzo offensivo e corregge nel canestro proprio sulla sirena del 4º periodo, regalando ai Lakers la vittoria per 103-101 e il 3-2 nella serie. Si dimostra decisivo e indispensabile per il quintetto di coach Phil Jackson in tutto il resto delle finals fino alla prestazione con 20 punti, 5 rimbalzi e 5 palle rubate, di gara 7 giovedì 17 giugno 2010 contro i Celtics, che porta ai Lakers il sedicesimo titolo e per "Ron Ron" il suo primo anello.

Nella partita del 23 aprile 2012 contro gli Oklahoma City Thunder rifila una gomitata a James Harden venendo espulso e lasciando i Los Angeles Lakers a finire la partita senza di lui, poi vinta dopo due overtime 114-106. Questo gesto gli costa 7 gare di squalifica.

Il 9 luglio 2013 i Los Angeles Lakers comunicano di aver esercitato la amnesty clause su Metta World Peace per liberare spazio salariale in vista del mercato estivo.

New York Knicks (2013-2014)

Dopo aver comunicato di voler giocare in Cina o addirittura cambiare sport e giocare a football,[8] il 16 luglio 2013 viene ufficializzato il suo accordo con i New York Knicks.[9]

Anni all'estero (2014-2015)

Cina (2014)

Nell'estate 2014 si trasferisce in Cina ai Sichuan Blue Whales in Chinese Basketball Association. Decide inoltre di cambiare ancora il suo nome in "The Panda's Friend". Ha terminato la stagione anzitempo a causa di problemi al ginocchio, ed è stato poi sostituito da Daniel Orton. Negli incontri giocati, ha viaggiato a 19 punti e 6 rimbalzi di media.

Italia (2015)

Il 24 marzo 2015 la Pallacanestro Cantù comunica la firma di un accordo fino al termine della stagione 2014-2015 con il giocatore.[10] Metta World Peace, dopo essere rimasto svincolato per alcuni mesi, si unisce pertanto ai brianzoli che al momento del suo arrivo erano decimi in classifica e fuori dalla zona playoff.[11]

Esordisce con la squadra lombarda il 30 marzo, nella partita persa 88-87 dopo un supplementare a Pistoia contro la Giorgio Tesi Group, tirando 1 su 6 da due punti, 2 su 8 da tre, 8 su 8 ai liberi, prendendo 8 rimbalzi e distribuendo 3 assist. Il 4 aprile fa il suo esordio al Pianella nella larga vittoria contro l'Orlandina Basket, con una prestazione da 19 punti. Con buone prestazioni nelle successive 6 gare di campionato, tra cui spiccano i 25 punti con 6 su 7 da tre punti contro l'Acea Roma, porta la squadra al 7º posto finale. La formazione allenata da coach Sacripanti accede così ai playoff, dove viene però sconfitta al primo turno dall'Umana Reyer Venezia.

Ritorno ai Lakers (2015-2017)

Sul finire di settembre, Metta World Peace firma un contratto annuale non garantito con i Lakers di coach Byron Scott, partecipando al camp della squadra in base al quale si decide l'eventuale conferma per la stagione.[12] Alla fine del training camp venne confermato nella rosa della squadra. Metta ebbe un ruolo totalmente marginale nei Lakers, giocando solo 35 partite (di cui 5 da titolare) in quella che fu l'ultima stagione tra i professionisti del suo compagno di squadra e amico (oltre che leggenda della squadra gialloviola) Kobe Bryant.

Giocò con i Lakers anche la stagione successiva.

Dopo non essere stato riconfermato dal club gialloviola, nonostante la propria volontà di giocare fino al 2019-2020,[13] Il 24 ottobre 2017 annunciò il proprio ritiro dall'attività agonistica.[14]

Dirigente sportivo


Dopo aver annunciato il suo ritiro, venne assunto come assistant coach dei South Bay Lakers in D-League.[15][16]

Statistiche


NBA

Legenda
  PG Partite giocate   PT  Partite da titolare  MP  Minuti a partita
 TC%  Percentuale tiri dal campo a segno  3P%  Percentuale tiri da tre punti a segno  TL%  Percentuale tiri liberi a segno
 RP  Rimbalzi a partita  AP  Assist a partita  PRP  Palle rubate a partita
 SP  Stoppate a partita  PP  Punti a partita  Grassetto  Career high

Regular season

Anno Squadra PG PT MP TC% 3P% TL% RP AP PRP SP PP
1999-2000 Chicago Bulls 72 63 31,1 40,7 31,4 67,4 4,3 2,8 1,6 0,5 2,3 12,0
2000-01 Chicago Bulls 76 74 31,1 40,1 29,1 75,0 3,9 3,0 2,0 0,6 2,1 11,9
2001-02 Chicago Bulls 27 26 30,5 43,3 39,6 62,8 4,9 2,9 2,8 0,9 2,6 15,6
2001-02 Indiana Pacers 28 24 29,3 41,1 21,5 73,3 5,0 1,8 2,4 0,6 1,8 10,9
2002-03 Indiana Pacers 69 67 33,6 42,8 33,6 73,6 5,2 2,9 2,3 0,7 2,1 15,5
2003-04 Indiana Pacers 73 71 37,2 42,1 31,0 73,3 5,3 3,7 2,1 0,7 2,8 18,3
2004-05 Indiana Pacers 7 7 41,6 49,6 41,2 92,2 6,4 3,1 1,7 0,9 2,4 24,6
2005-06 Indiana Pacers 16 16 37,7 46,0 33,3 61,2 4,9 2,2 2,6 0,7 2,7 19,4
2005-06 Sacramento Kings 40 40 40,1 38,3 30,2 71,7 5,2 4,2 2,0 0,8 2,2 16,9
2006-07 Sacramento Kings 70 65 37,7 44,0 35,8 74,0 6,5 3,4 2,1 0,6 2,1 18,8
2007-08 Sacramento Kings 57 54 38,1 45,3 38,0 71,9 5,8 3,5 2,3 0,7 2,6 20,5
2008-09 Houston Rockets 69 55 35,5 40,1 39,9 74,8 5,2 3,3 1,5 0,3 2,0 17,1
2009-10 L.A. Lakers 77 77 33,8 41,4 35,5 68,8 4,3 3,0 1,4 0,3 1,6 11,0
2010-11 L.A. Lakers 82 82 29,4 39,7 35,6 67,6 3,3 2,1 1,5 0,4 1,1 8,5
2011-12 L.A. Lakers 64 45 26,9 39,4 29,6 61,7 3,4 2,2 1,1 0,4 1,1 7,7
2012-13 L.A. Lakers 75 66 33,7 40,3 34,2 73,4 5,0 1,5 1,6 0,6 1,3 12,4
2013-14 N.Y. Knicks 29 1 13,4 39,7 31,5 62,5 2,0 0,6 0,8 0,3 0,7 4,8
2015-16 L.A. Lakers 35 5 16,9 31,1 31,0 70,2 2,5 0,8 0,6 0,3 0,4 5,0
2016-17 L.A. Lakers 25 2 6,4 27,9 23,7 62,5 0,8 0,4 0,4 0,1 0,3 2,3
Carriera 991 840 31,7 41,4 33,9 71,5 4,5 2,7 1,7 0,5 1,8 13,2

Play-off

Anno Squadra PG PT MP TC% 3P% TL% RP AP PRP SP PP
2002 Indiana Pacers 5 5 33,4 40,7 46,2 69,2 6,0 3,2 2,6 0,6 1,8 11,8
2003 Indiana Pacers 6 6 42,0 38,9 38,7 80,0 5,8 2,2 2,5 1,0 2,7 19,0
2004 Indiana Pacers 15 15 38,9 37,8 28,8 71,8 6,5 3,2 1,4 1,1 2,5 18,4
2006 Sacramento Kings 5 5 39,6 38,3 33,3 69,6 5,0 3,0 1,6 0,8 1,0 17,4
2009 Houston Rockets 13 13 37,5 39,4 27,7 71,4 4,3 4,2 1,1 0,2 2,5 15,6
2010 L.A. Lakers 23 23 36,5 39,8 29,1 57,9 4,0 2,1 1,5 0,5 1,1 11,2
2011 L.A. Lakers 9 9 31,9 44,3 32,1 76,2 4,6 2,2 1,1 0,8 1,0 10,6
2012 L.A. Lakers 6 6 39,3 36,7 38,9 75,0 3,5 2,3 2,2 0,7 0,8 11,7
2013 L.A. Lakers 3 3 28,0 25,0 14,3 100 3,7 1,7 0,7 0,3 1,0 6,0
Carriera 85 85 36,9 36,9 30,8 71,4 4,8 2,8 1,5 0,7 1,7 13,9

Premi e riconoscimenti


Los Angeles Lakers: 2010
2004
First Team: 2004, 2006
Second Team: 2003, 2009
2004
Second Team: 2000
Third Team: 2004

Fuori dal campo


Il suo matrimonio con Kimsha è durato dal 2003 al 2009, con 3 figli.

Ha inciso un album rap di nome My World.[17]

Il 26 agosto 2011 Artest ha ottenuto ufficialmente dalle autorità americane il permesso di cambiare il proprio nome in Metta World Peace. La spiegazione: "È un nome che parla di amore, di pace nel mondo […] I bambini devono capire il concetto di pace nel mondo".[18]

Note


  1. ^ (EN) Ron Artest changes name again, this time to Metta Ford-Artest , su cbssports.com. URL consultato il 5 maggio 2020.
  2. ^ Le 10 “perle” che non sai di Ron Artest , su Dotsport.it, 17 settembre 2015. URL consultato l'8 dicembre 2018.
  3. ^ Harrison Faigen, World Peace explains how he broke Jordan's ribs , su Silver Screen and Roll, 8 giugno 2016. URL consultato l'8 dicembre 2018.
  4. ^ a b c Giacomo Sordo, The Brawl. La Rissa che cambiò la storia , su NBARELIGION.COM, 27 novembre 2013. URL consultato l'8 dicembre 2018.
  5. ^ Gazzetta dello Sport - Detroit-Indiana rissa totale , su gazzetta.it. URL consultato l'8 dicembre 2018.
  6. ^ (EN) Dave McMenamin, Ron Artest now Metta World Peace , su espn.com, 16 settembre 2011.
  7. ^ Lakers, Ariza per Artest , su basketnet.it. URL consultato il 4 luglio 2009 (archiviato dall'url originale il 6 luglio 2009).
  8. ^ (EN) Metta World Peace says he wants to play in China or arena football , in cbssports.com, 12 luglio 2013. URL consultato il 16 luglio 2013.
  9. ^ (EN) World Peace With Media, "The Team Is Amazing" , knicksnow.com. URL consultato il 16 luglio 203 (archiviato dall'url originale il 18 luglio 2013).
  10. ^ Il sogno diventa realtà! , Pallacanestro Cantù - Twitter, 24 marzo 2015. URL consultato il 24 marzo 2015.
  11. ^ Regular Season A - 8ª Giornata - Ritorno , legabasket.it. URL consultato il 25 marzo 2015.
  12. ^ Nba, il ritorno di Metta World Peace: va ai Los Angeles Lakers , gazzetta.it.
  13. ^ Metta World Peace: "Continuo in NBA per altri 3 o 4 anni" , su www.nbareligion.com. URL consultato il 30 novembre 2017.
  14. ^ Metta World Peace continua la sua storia con i Lakers, sarà assistente in G League - NBARELIGION.COM , su www.nbareligion.com. URL consultato il 30 novembre 2017.
  15. ^ (EN) Metta World Peace joins South Bay Lakers as player development coach , in Orange County Register, 23 ottobre 2017. URL consultato il 30 novembre 2017.
  16. ^ Metta World Peace diventa assistant coach dei South Bay Lakers [collegamento interrotto], in Sportando. URL consultato il 30 novembre 2017.
  17. ^ (EN) Discography , AllMusic. URL consultato il 5 marzo 2011.
  18. ^ Artest cambia nome , Sportando, 26 agosto 2011. URL consultato il 5 marzo 2011 (archiviato dall'url originale il 9 gennaio 2012).

Altri progetti


Collegamenti esterni


Controllo di autoritàVIAF (EN26840047  · Europeana agent/base/151948  · LCCN (ENno2007046631  · WorldCat Identities (ENlccn-no2007046631








Categorie: Cestisti dei St. John's Red Storm | Cestisti dei Chicago Bulls | Cestisti degli Indiana Pacers | Cestisti dei Sacramento Kings | Cestisti degli Houston Rockets | Cestisti dei Los Angeles Lakers | Cestisti dei New York Knicks | Cestisti dei Sichuan Blue Whales | Cestisti della Pallacanestro Cantù | Cestisti statunitensi | Allenatori di pallacanestro statunitensi | Nati nel 1979 | Nati il 13 novembre | Nati a Queens








Data: 21.05.2020 07:04:16 CEST

Sorgente: Wikipedia (Autori [Cronologia])    Licenza: CC-by-sa-3.0

Modifiche: Tutte le immagini e la maggior parte degli elementi di design correlati a questi sono stati rimossi. Alcune icone sono state sostituite da FontAwesome-Icons. Alcuni modelli sono stati rimossi (come "l'articolo ha bisogno di espansione) o assegnati (come" note "). Le classi CSS sono state rimosse o armonizzate.
Sono stati rimossi i collegamenti specifici di Wikipedia che non portano a un articolo o una categoria (come "Redlink", "collegamenti alla pagina di modifica", "collegamenti a portali"). Ogni collegamento esterno ha un'icona FontAwesome aggiuntiva. Oltre ad alcuni piccoli cambiamenti di design, sono stati rimossi i media container, le mappe, i box di navigazione, le versioni vocali e i geoformati.

Notare che Poiché il dato contenuto viene automaticamente prelevato da Wikipedia in un determinato momento, una verifica manuale è stata e non è possibile. Pertanto LinkFang.org non garantisce l'accuratezza e l'attualità del contenuto acquisito. Se ci sono informazioni che al momento sono sbagliate o che hanno una visualizzazione imprecisa, non esitate a Contattaci: e-mail.
Guarda anche: Impronta & Politica sulla riservatezza.