Sinope - it.LinkFang.org

Sinope




Disambiguazione – Se stai cercando il comune brasiliano dello stato del Mato Grosso, vedi Sinop (Brasile).
Sinope
il belediyesi
Sinop
Veduta
Localizzazione
Stato Turchia
RegioneMar Nero
ProvinciaSinope
DistrettoSinope
Territorio
Coordinate
Abitanti37 708 (2010)
Altre informazioni
Cod. postale57000
Prefisso+90(0)368
Fuso orarioUTC+2
Targa57
Cartografia
Sito istituzionale

Sinope[1] (in turco Sinop, in greco Σινώπη, Sinopi) è una città della Turchia, capoluogo dell'omonima provincia. Si trova nella penisola di Boztepe, sulla costa del Mar Nero.

La città è centro industriale (alimentari e cantieristiche) con un'importante flotta da pesca, anche se l'attività più importante della regione è la coltivazione di lino, tabacco e mais. Importante anche il turismo grazie alle necropoli (ricche di ceramiche e steli a rilievo) e al tempio scoperto in scavi recenti.

Sinope ha dato il nome ad un satellite di Giove.

Indice

Storia


Fu fondata da coloni greci nel 630 a.C. Vi nacque il filosofo cinico Diogene. La città è nominata da Senofonte nel V libro della sua Anabasi. Dopo un breve periodo di democrazia, nel 380 a.C. fu occupata dai Persiani; successivamente fu conquistata da Alessandro Magno. In epoca ellenistica divenne la capitale del Regno del Ponto.

Nel 47 a.C. Giulio Cesare la conquistò e vi dedusse una colonia romana; in seguito la città prosperò durante gli anni dell'impero romano. Il teologo cristiano Marcione era originario di Sinope; la città ha dato il proprio nome alla tecnica pittorica realizzata con le sinopie, cioè disegno preparatorio per un affresco, con il rosso di Sinope.

Successivamente fece parte dell'Impero bizantino e ridiventò importante quando si riaprirono gli scambi con l'oriente. Era uno dei porti più ricchi del Mar Nero con Trebisonda. Con il saccheggio di Costantinopoli, nel 1204, e il successivo smembramento dell'Impero bizantino fece parte dell'Impero di Trebisonda per due anni quando i Paleologhi di Nicea la conquistarono. Nel 1214 la città fu conquistata dai Selgiuchidi (Sultanato d'Iconio). I Pervâneoğulları formarono una piccola ed effimera dinastia beylicale che regnarono su Sinope e la sua regione dal 1277 fino al 1322 quando furono soppiantati dai Jandarides (Candaroğulları). Cadde successivamente sotto il dominio degli Ottomani per più di quattro secoli.

Durante la guerra di Crimea, il 30 novembre 1853, vi ebbe luogo la battaglia di Sinope, durante la quale la flotta turca fu annientata dalla squadra navale russa di Pavel Stepanovič Nachimov e la città venne danneggiata nel bombardamento navale.

Note


  1. ^ Atlante Zanichelli 2009, Zanichelli, Torino e Bologna, 2009, p. 55.

Voci correlate


Altri progetti


Collegamenti esterni


Controllo di autoritàVIAF (EN158342544  · LCCN (ENn85166456  · WorldCat Identities (ENlccn-n85166456








Categorie: Sinope | Regno del Ponto








Data: 21.05.2020 07:30:46 CEST

Sorgente: Wikipedia (Autori [Cronologia])    Licenza: CC-by-sa-3.0

Modifiche: Tutte le immagini e la maggior parte degli elementi di design correlati a questi sono stati rimossi. Alcune icone sono state sostituite da FontAwesome-Icons. Alcuni modelli sono stati rimossi (come "l'articolo ha bisogno di espansione) o assegnati (come" note "). Le classi CSS sono state rimosse o armonizzate.
Sono stati rimossi i collegamenti specifici di Wikipedia che non portano a un articolo o una categoria (come "Redlink", "collegamenti alla pagina di modifica", "collegamenti a portali"). Ogni collegamento esterno ha un'icona FontAwesome aggiuntiva. Oltre ad alcuni piccoli cambiamenti di design, sono stati rimossi i media container, le mappe, i box di navigazione, le versioni vocali e i geoformati.

Notare che Poiché il dato contenuto viene automaticamente prelevato da Wikipedia in un determinato momento, una verifica manuale è stata e non è possibile. Pertanto LinkFang.org non garantisce l'accuratezza e l'attualità del contenuto acquisito. Se ci sono informazioni che al momento sono sbagliate o che hanno una visualizzazione imprecisa, non esitate a Contattaci: e-mail.
Guarda anche: Impronta & Politica sulla riservatezza.