Slovenia


Slovenia
(dettagli) (dettagli)
La Slovenia (verde scuro) nell'Unione europea (verde chiaro)
Dati amministrativi
Nome completo Repubblica di Slovenia
Nome ufficiale Republika Slovenija
Lingue ufficiali sloveno
Altre lingue italiano e ungherese ufficiali a livello locale[1][2]
Capitale Lubiana  (292 988 ab. / 2018)
Politica
Forma di governo Repubblica parlamentare[3]
Presidente della Repubblica Borut Pahor
Primo ministro Janez Janša
Indipendenza Dalla RSF di Jugoslavia,
25 giugno 1991
Ingresso nell'ONU 22 maggio 1992
Ingresso nell'UE 1º maggio 2004
Superficie
Totale 20 273 km² (150º)
% delle acque 0,6%
Popolazione
Totale 2 111 461[4] ab. (2020) (142º)
Densità 103 ab./km²
Tasso di crescita -0,26% (stima del 2015)[5]
Nome degli abitanti Sloveni
Geografia
Continente Europa
Confini Italia, Austria, Ungheria, Croazia
Fuso orario UTC+1
Economia
Valuta euro
PIL (nominale) 56 920[6] milioni di € (2019)
PIL pro capite (nominale) 27 506[6] $ (2019) (36º)
PIL (PPA) 80 375[7] milioni di $ (2019) (88º)
PIL pro capite (PPA) 38,841[6] $ (2019) (39º)
ISU (2014) 0,890 (molto alto) (25º)
Fecondità 1,6 (2010)[8]
Varie
Codici ISO 3166 SI, SVN, 705
TLD .si, .eu
Prefisso tel. +386
Sigla autom. SLO
Inno nazionale Zdravljica (7ª strofa)
Festa nazionale 25 giugno
Membro UE dal 1º maggio 2004
Membro NATO dal 29 marzo 2004
Membro ONU dal 22 maggio 1992
Evoluzione storica
Stato precedente  Jugoslavia
( RS Slovenia)
 

La Slovenia, ufficialmente Repubblica di Slovenia (in sloveno Republika Slovenija, in ungherese Szlovén Köztársaság), è uno Stato sovrano dell'Europa centrale, confinante a ovest con l'Italia (Friuli-Venezia Giulia), a nord con l'Austria, a est con l'Ungheria e la Croazia a sud, affacciandosi a sud-ovest sul mare Adriatico (golfo di Trieste). La sua capitale è Lubiana.

Dal 1º maggio 2004 la Slovenia è membro dell'Unione europea e la valuta nazionale, dal 1º gennaio 2007, è l'euro, che ha sostituito il tallero sloveno, adottato nel 1991 dopo l'indipendenza; in precedenza la moneta era il dinaro iugoslavo. Nella regione istriana del Paese vive una comunità autoctona italiana, mentre nella zona di confine orientale si trova quella ungherese; crescente è l'immigrazione serba e bosniaco-erzegovina. La Festa nazionale slovena, così come quella croata, ricorre il 25 giugno, anniversario della dichiarazione d'indipendenza del 1991 dalla Repubblica Socialista Federale di Iugoslavia.

Indice

Storia


Lo stesso argomento in dettaglio: Storia della Slovenia.

La storia del territorio della Slovenia e quella del popolo sloveno si intrecciano con le vicende delle potenze vicine nel corso dei secoli. Lo sviluppo nel tempo della storia slovena si segue facendo riferimento alle sue province storiche: la Carniola al centro, la porzione meridionale della Stiria a oriente, e l'area alpino-litoranea a ovest.

Durante l'Impero romano, il territorio dell'odierno Stato era suddiviso fra la regione della Venetia et Histria a occidente, e la provincia della Pannonia a oriente, separate da una linea di confine lungo le Alpi Giulie ed il Carso che ritornerà più volte nella vicenda storica. Dopo la caduta dell'Impero, il paese entrò a far parte del regno di Odoacre e poi di quello ostrogoto, mentre nel VI secolo si insediarono nell'area le genti slave meridionali, cui si possono ricondurre gli attuali sloveni.

Nell'VIII secolo la zona passò sotto il dominio dei Franchi e nel 788 la Carniola fu cristianizzata dal Patriarcato di Aquileia. Sotto Carlo Magno, la Carniola fece parte della Marca del Friuli, ma poi divenne un margraviato autonomo, governato da un margravio di etnia slava con sede a Kranj, soggetto ai duchi di Carinzia. L'area occidentale alpino-litoranea invece continuò a far parte del Friuli storico.

Nel X secolo diverse cittadine e vallate della zona furono aggregate, seppur distanti, a Principati vescovili dell'area tedesca, mentre nel 1071 anche la Carniola fu sottoposta alla giurisdizione secolare dei Patriarchi di Aquileia. Questi la diedero in feudo alla casata di Babenberg, iniziando così il legame storico e statuale fra la Slovenia e l'Austria. Nel 1245, Federico II di Babenberg, duca d'Austria e di Stiria, ottenne il titolo di Ducato anche alla Carniola. Nel 1278 la città di Capodistria e la zona costiera istriana a lei vicina, fino a quel momento appartenuta al Patriarcato, si unì alla Repubblica di Venezia.

Seguì un periodo di governo della casa di Carinzia e Tirolo, che erano già signori anche dell'area di Gorizia, ma alla morte di Enrico di Carinzia e Tirolo nel 1335 la Carinzia, la Carniola, la Stiria ed altri possedimenti furono assegnati dall'Imperatore Ludovico il Bavaro a Ottone IV d'Asburgo. Dal 1335 pertanto iniziò il lungo periodo di dominio asburgico dell'attuale Slovenia, terminato solo dopo sei secoli nel 1918.

Dopo i rivolgimenti ed i continui mutamenti di confini nell'età napoleonica, l'età della Restaurazione vide sancita l'annessione all'Impero d'Austria anche delle terre che erano state della Repubblica di Venezia, fra cui Capodistria e il litorale istriano.

Dopo la Prima guerra mondiale e la caduta dell'Impero austro-ungarico, la maggior parte dell'attuale Slovenia entrò nel neonato Regno di Jugoslavia ("Regno dei serbi, dei croati e degli sloveni"); mentre un'altra parte, corrispondente alla Valle dell'Isonzo, alle zone di Idria e di Postumia ed alla parte carsico-istriana, dove era presente una popolazione d'etnia slovena (minoritaria lungo le coste e nei centri maggiori, maggioritaria nell'interno), fu attribuita al Regno d'Italia.

Durante la Seconda guerra mondiale, nel 1941, la Jugoslavia venne invasa dagli eserciti dell'Asse, e la Slovenia fu divisa fra l'Italia (con la creazione della Provincia di Lubiana), la Germania e l'Ungheria. In quello stesso periodo, la popolazione tedesca dell'isola linguistica di Gottschee fu in larga parte espulsa, e l'area ripopolata con sloveni provenienti dalla zona sotto occupazione ungherese. Dal settembre 1943 anche la zona precedentemente annessa dall'Italia fu occupata dal Terzo Reich, e divenne parte della Zona d'operazioni del Litorale adriatico.

Alla fine della guerra, nel 1947, la Slovenia, divenuta repubblica federata della Jugoslavia socialista, ottenne buona parte delle terre del Regno d'Italia conquistate dalle formazioni slavo-comuniste di Tito, espandendosi fino all'Isonzo, nel Carso ed inglobando gran parte delle Alpi Giulie. La popolazione autoctona italiana, anche laddove era preponderante (come sul litorale), abbandonò il territorio con l'esodo giuliano-dalmata. Nel 1954, con la soppressione del Territorio Libero di Trieste, la Slovenia jugoslava annesse anche la porzione settentrionale della Zona B, corrispondente alla città di Capodistria e ai suoi dintorni, guadagnando così la sponda meridionale del golfo di Trieste e uno sbocco sul Mare Adriatico. Il confine meridionale con la Croazia fu fissato invece lungo il torrente Dragogna.

Il 25 giugno 1991 la Slovenia dichiarò l'indipendenza dalla Jugoslavia, e uscì relativamente indenne dal conflitto immediatamente scaturitone, denominato guerra dei dieci giorni, ottenendo nei mesi successivi il riconoscimento della propria sovranità.[9] Il Paese riuscì quindi a non essere militarmente coinvolto nei successivi eventi delle guerre jugoslave.

Con l'indipendenza inizia un riavvicinamento della nazione al contesto storico-politico dell'Europa Centrale, nel quale si era svolta gran parte della sua storia. Nel 2004 la Slovenia entra a far parte dell'Unione europea e della NATO, e nel 2007 adotta l'euro come propria moneta.

Geografia


Lo stesso argomento in dettaglio: Geografia della Slovenia.

La Slovenia si trova nell'Europa centro-meridionale, tra le Alpi e la penisola balcanica, con una superficie di 20 273 km² (una superficie pari a quella della Puglia) è la seconda meno estesa tra le ex-repubbliche jugoslave dopo il Montenegro.

Morfologia

La maggior parte del territorio sloveno si trova a più di 200 m sul livello del mare. Può essere suddiviso in tre zone: l'altopiano carsico (Kras), compreso tra il confine con l'Italia e Lubiana; la zona alpina e prealpina che occupa la maggior parte del paese e un lembo di pianura pannonica a est verso l'Ungheria.

L'altopiano carsico è caratterizzato da rocce calcaree soggette al caratteristico fenomeno detto appunto carsismo che prevede la formazione di cavità sotterranee in cui talvolta scorrono anche corsi d'acqua.

La zona alpina è composta, da ovest a est:

Oltre al Tricorno fra le montagne più alte del paese vi sono la Škrlatica (2 740 m), il Mangart (2 677 m), il monte Canin (Kanin, 2 587 m), il Grintovec (2 558 m), il monte Nero (Krn, 2 245 m).

Idrografia

I quattro principali fiumi del paese sono:

Il lago più esteso è quello di Cerknica, che può raggiungere i 38 km²: questo bacino ha la caratteristica di riempirsi e svuotarsi periodicamente a causa della presenza di fiumi carsici e inghiottitoi nel terreno sottostante; non raggiunge mai profondità superiori ai 3 m. Il secondo lago più esteso è quello di Bohinj, ai piedi del Tricorno, con una superficie di 3,28 km². Altro lago da segnalare, sebbene di ridotte dimensioni, è il lago di Bled: ha una superficie di appena 1,45 km² e può raggiungere una profondità di 30 m. Al centro del lago vi è un'isola ed essa è l'unica isola naturale della Slovenia.

La costa slovena si affaccia sul Golfo di Trieste per circa 46.6 km ed è principalmente rocciosa.

Clima

Il clima è submediterraneo sulla costa, alpino sulle montagne e continentale, con estati calde (spesso mitigate dall'altitudine) e inverni freddi, negli altopiani e nelle valli orientali.

La temperatura media annua sul litorale adriatico (Portorose) è di 13,8 °C, con una media del mese più freddo, gennaio, di 4,9 °C e del mese più caldo, luglio, di 23,3 °C[10]; a Lubiana, situata a quasi 400 metri di quota nella zona centrale, tali valori scendono rispettivamente a 9,3 °C per la media annua, -1,1 °C per la media di gennaio e 19,2 °C per la media di luglio.[11]

Le precipitazioni sono variabili, con valori di circa 1 000 mm sulla costa, 800 mm nel sud-est e 1 400 mm nella Slovenia centrale; lungo l'arco alpino, nelle zone orograficamente meglio esposte alle correnti umide, si possono raggiungere anche i 3 500 mm.

Società


La Slovenia a fine 2010 conta 2 045 901 abitanti.[12]

Comunità nazionali slovene autoctone esistono in tutti i quattro paesi confinanti: in Italia (nelle provincie di Trieste, Gorizia e Udine) sono stimate tra le 70.000 e 80.000 persone, in Austria (in Carinzia sono stimate tra le 20.000 e 40.000 persone, mentre in Stiria 5.000), in Ungheria (nel Porabje sono stimati 3.500 sloveni); anche in Croazia vi è una comunità nazionale slovena autoctona, in Istria settentrionale, nel Fiumano, nel Gorski Kotar e nel Medžimurje, ma anche nei pressi dei fiumi Kolpa e Sotla e il loro numero è stimato in circa 3.500 persone; in Croazia vive anche una consistente comunità slovena di emigranti, stimata in 10.000 individui[13]).

Evoluzione demografica

Il tasso di crescita annuo è dello 0,12% (stima 2000). L'aspettativa di vita è di 74 anni per gli uomini e di 81 anni per le donne; la mortalità infantile è del 4,1 per mille.

Circa il 51% della popolazione vive in aree urbane, il restante 49% in zone rurali; la densità abitativa, nel 2010, è di 101,4 abitanti per km².

La Slovenia è al diciottesimo posto al mondo per il tasso di suicidi.[14]

Etnie e le sue comunità

Il maggiore gruppo etnico è quello sloveno, omogeneamente distribuito in tutto il paese. Esistono poi due storiche minoranze autoctone, quella italiana (concentrata nel Litorale) e quella ungherese (nell'Oltremura), riconosciute dalla Costituzione, e alle quali sono garantiti seggi in Parlamento. Sono presenti consistenti etnie provenienti da altre ex-repubbliche jugoslave, principalmente serbi, croati, bosniaci, e albanesi. Seguono i dati del censimento del 2002:

La presenza autoctona di italiani

Lo stesso argomento in dettaglio: Esodo giuliano dalmata, Italiani di Slovenia e Unione Italiana.

Gli Italiani di Slovenia rappresentano una minoranza residuale di quelle popolazioni italiane autoctone che abitarono per secoli ed in gran numero, le coste dell'Istria e le principali città di questa, che erano territori della Repubblica di Venezia. In Istria, secondo i censimenti austriaci che raccolsero le dichiarazioni relative alla lingua d'uso nel 1880, 1890, 1900 e 1910, nella regione geografica istriana gli italofoni contavano dal 37,59% (1910) al 41,66% (1880) della popolazione totale, concentrati nella aree costiere occidentali dove raggiungevano anche il 90%. Hanno subito una drastica riduzione dovuta all'esodo giuliano dalmata, che è stato causato dall'occupazione del territorio da parte dell'esercito jugoslavo durante la seconda guerra mondiale e dalle persecuzioni perpetuate da questo nei confronti della popolazione italiana, che sono conosciute come "massacri delle foibe".

Secondo il censimento sloveno del 2002 in Slovenia ci sono 3 762 abitanti di nazionalità italiana, che sono organizzati nell'Unione Italiana. La lingua italiana viene insegnata in istituzioni statali in 9 scuole dell'infanzia, 3 scuole elementari, 3 scuole medie, due licei e in un istituto professionale (tutti nella zona del Litorale). Le maggiori comunità italiane sono a Ancarano, Capodistria, Pirano e Isola d'Istria che sono tutti e quattro comuni bilingui sloveno-italiani. Inoltre alla comunità italiana è garantito un seggio al Parlamento sloveno, occupato ininterrottamente da Roberto Battelli dal 1990 al 2018, al quale è succeduto Felice Žiža con le elezioni del 2018.[15]

La presenza autoctona di ungheresi

La comunità ungherese è concentrata soprattutto in tre comuni dell'Oltremura che sono bilingui sloveno-ungheresi. Anche alla comunità ungherese è garantito un seggio al Parlamento sloveno.

Religione

Lo stesso argomento in dettaglio: Chiesa cattolica in Slovenia.

Secondo i dati del censimento 2002[16] la popolazione slovena si ripartisce in:

Lingue

Lo stesso argomento in dettaglio: Lingue della Slovenia.

La lingua ufficiale su tutto il territorio è lo sloveno. Ad essa si affianca l'italiano nei quattro comuni litoranei di Ancarano, Capodistria, Isola d'Istria e Pirano, e l'ungherese in tre comuni di Oltremura (Dobrovnik/Dobrónak, Hodoš/Hodos e Lendava/Lendva). I locutori di madrelingua italiana sono 3 762 (lo 0,18% della popolazione), mentre la lingua italiana è parlata, come lingua straniera, dal 15% della popolazione (309 400 persone)[17]. Sloveno, italiano e ungherese sono le lingue elencate come ufficiali nella Costituzione. Come tali, tutte le leggi e i documenti di interesse nazionale sono redatti in tutte e tre le lingue, così come i passaporti. Inoltre i cittadini sloveni di lingua italiana e ungherese hanno diritto ad almeno un seggio nel Parlamento sloveno. Gli altri atti pubblici sono redatti in lingua slovena, mentre vengono redatti anche in italiano e in ungherese nelle zone dove queste hanno, a fianco dello sloveno, lo status di lingua ufficiale.

Politica


Ordinamento dello Stato

Lo stesso argomento in dettaglio: Politica della Slovenia.

La Slovenia è una Repubblica parlamentare[3].

Parlamento

Lo stesso argomento in dettaglio: Parlamento sloveno.

In Slovenia vige un bicameralismo imperfetto, vale a dire che i due rami del Parlamento non hanno gli stessi poteri.

Lo stesso argomento in dettaglio: Assemblea nazionale (Slovenia).

L'Assemblea nazionale (Državni Zbor) conta 90 membri, eletti con un sistema elettorale misto maggioritario-proporzionale direttamente dai cittadini, con due seggi riservati alle comunità nazionali autoctone italiana e ungherese. Il mandato è di quattro anni. L'Assemblea nazionale concede o revoca la fiducia al Governo, su proposta del Primo ministro nomina e revoca i ministri e ratifica con una maggioranza dei 2/3 dei suoi membri (60) i trattati internazionali, oltre a indire il referendum vincolante per la ratifica degli stessi. L'iniziativa legislativa appartiene ai deputati e al Governo. Una legge può essere proposta anche da 5 000 elettori.

Lo stesso argomento in dettaglio: Consiglio Nazionale (Slovenia).

Il Consiglio nazionale (Državni Svet), il senato sloveno, conta 40 seggi così ripartiti:

Il Consiglio nazionale propone all'Assemblea nazionale l'adozione di leggi ed esprime all'Assemblea nazionale il proprio parere su tutti gli affari di sua competenza. Prima della promulgazione di una legge può richiedere all'Assemblea nazionale una seconda deliberazione, può chiedere un'indagine su affari di carattere pubblico, può chiedere la indizione di un referendum. L'elezione del Consiglio nazionale avviene ogni cinque anni.

Presidente della Repubblica

Lo stesso argomento in dettaglio: Presidenti della Slovenia.

Il Presidente della Repubblica è eletto dal popolo per un mandato di cinque anni. Può essere eletto solamente due volte consecutive.

Rappresenta l'unità della nazione ed è capo delle forze armate. Promulga inoltre le leggi, accredita i diplomatici sloveni all'estero e riceve le credenziali di quelli stranieri in Slovenia, promulga i trattati internazionali.

Governo

Lo stesso argomento in dettaglio: Primi ministri della Slovenia.

Il Governo è composto dal Presidente e dai ministri. Nell'ambito delle loro competenze il Governo e i singoli ministri sono autonomi e responsabili verso l'Assemblea nazionale. Il Presidente della Repubblica, dopo le consultazioni con i capigruppo dei deputati, presenta all'Assemblea nazionale il candidato a Presidente del Governo. Il Presidente del Governo viene eletto dall'Assemblea a maggioranza dei voti di tutti i deputati. I ministri vengono nominati e destituiti dall'Assemblea nazionale su proposta del Presidente del Governo. Prima della nomina il ministro proposto deve presentarsi davanti alla competente commissione dell'Assemblea e rispondere alle interrogazioni.

Magistratura

Al vertice della Magistratura c'è la Corte suprema. L'Assemblea nazionale elegge i giudici su proposta del Consiglio della magistratura. Il Consiglio della magistratura è composto da undici membri: cinque sono eletti su proposta del Presidente della Repubblica dall'Assemblea nazionale, sei sono invece eletti nelle proprie file tra i giudici.

Corte costituzionale

È formata da nove giudici eletti dall'Assemblea nazionale su proposta del Presidente della Repubblica. Il suo presidente è eletto in seno alla stessa con voto segreto e svolge il suo mandato per tre anni. Essa giudica sulla conformità delle leggi rispetto alla Costituzione, delle leggi e dei regolamenti rispetto ai trattati internazionali ratificati e rispetto ai principi del diritto internazionale, dei regolamenti rispetto alla Costituzione e alle leggi.

Inno nazionale della Repubblica di Slovenia

Lo stesso argomento in dettaglio: Zdravljica.
Živé naj vsi naródi, Vivano tutti i popoli
ki hrepené dočakat dan, che anelano al giorno
da, koder sonce hodi, in cui la discordia verrà sradicata dal mondo
prepir iz svéta bo pregnan, ed in cui ogni nostro connazionale
da rojak sarà libero,
prost bo vsak, ed in cui il vicino
ne vrag, le sosed bo mejak! non un diavolo, ma sarà un amico!

Relazioni con l'Unione europea

Lo stesso argomento in dettaglio: Allargamento UE ad Est 2004-2007.

Queste le tappe già percorse del processo di integrazione:

Data o periodo Evento
10 giugno 1996 Presenta la domanda di adesione.
31 marzo 1998 Apre i negoziati di adesione all'Unione europea.
13 dicembre 2002 Chiusura dei negoziati di adesione all'Unione europea.
23 marzo 2003 Mediante un referendum popolare gli sloveni approvano la ratifica del Trattato di adesione all'Unione europea.
14 aprile 2003 Il Consiglio europeo approva l'adesione slovena all'Unione europea.
16 aprile 2003 Ad Atene firma il Trattato di adesione all'Unione europea.
1º maggio 2004 Diventa membro dell'Unione europea.
2 marzo 2006 Presenta richiesta di essere sottoposta all'esame sui criteri di convergenza.
15 e 16 maggio 2006 La Banca centrale europea e la Commissione europea pubblicano le loro relazioni sul rispetto dei parametri di Maastricht da parte slovena, nelle quali propongono l'adesione slovena all'eurozona a partire dal 2007.
16 giugno 2006 Il Consiglio europeo autorizza l'adozione dell'euro per la Slovenia
11 luglio 2006 Dopo la decisione dei capi di Stato o di governo, i ministri dell'economia e delle finanze (Ecofin) abrogano la deroga di cui godeva per l'adozione della moneta unica, fissando il seguente tasso irrevocabile di conversione: 1 euro = 239,640 talleri sloveni.
1º gennaio 2007 Adotta l'euro, che sostituisce definitivamente il tallero sloveno il 14 gennaio.
21 dicembre 2007 Aderisce agli accordi di Schengen.
1º semestre 2008 Ricopre la presidenza di turno dell'Unione europea, primo fra i nuovi stati membri.

Suddivisioni storiche ed amministrative


Regioni statistiche

Lo stesso argomento in dettaglio: Regioni statistiche della Slovenia.

La Slovenia è suddivisa in 12 regioni statistiche (Statistične regije), che non hanno carattere amministrativo, ma solamente statistico. Ognuna è formata da vari comuni (občina) per un totale di 210, di cui 12 con lo status di città (mestna občina).

Province tradizionali

Lo stesso argomento in dettaglio: Province slovene.

La Slovenia è suddivisibile anche secondo 7 province tradizionali (pokrajine), senza alcun valore amministrativo ma solo storico e culturale.

  1. Litorale sloveno (Primorska)
  2. Carniola (Kranjska)
    2a Alta Carniola (Gorenjska)
    2b Carniola interna (Notranjska)
    2c Bassa Carniola (Dolenjska) e Marca Bianca (Bela Krajina)
  3. Carinzia slovena (Koroška)
  4. Stiria slovena (Štajerska)
  5. Oltremura (Prekmurje)

Rivendicazioni territoriali

La Slovenia confina a nord con l'Austria e l'Ungheria, a est e a sud con la Croazia, a ovest con l'Italia.

Esistono attualmente varie dispute di confine con la Croazia. La Slovenia richiede la cessione da parte della Croazia di alcune delle sue acque territoriali a ovest di Umago per potere accedere direttamente alle acque internazionali. Altre controversie tra le due ex repubbliche jugoslave riguardano l'assegnazione di alcune piccole unità catastali nei pressi del monte Gorjanci e lungo il fiume Mura.

Città principali

Lo stesso argomento in dettaglio: Comuni della Slovenia e Città della Slovenia.

Di seguito sono riportati i comuni sloveni superiori ai 25.000 abitanti[18], ordinati per popolazione:

Città Abitanti
Lubiana (Ljubljana) 289.518
Maribor (Marburgo sulla Drava) 110.871
Kranj (Craimburgo o Carnio) 55.950
Celje (Cilli o Celie) 49.377
Novo mesto 36.533
Domžale 35.675
Velenje 32.802
Nova Gorica 31.638
Kamnik 29.487
Krško 25.833
Slovenska Bistrica 25.524
Capodistria (Koper) 25.521

Istituzioni


Università

La prima e la più grande università della Slovenia venne fondata nel 1919: si tratta dell'Università di Lubiana.

Economia


Lo stesso argomento in dettaglio: Economia della Slovenia.

Settore primario

L'agricoltura occupa il 6% del PIL (in particolar modo grano e granturco).[19]

Degno di nota è il grande proliferare di imprese di import/export grazie alla posizione strategica della nazione, che ne ha determinato sempre un crocevia. Il settore del commercio, in generale, contribuisce al 10,8% del PIL.[19]

Settore secondario

All'interno dell'economia slovena, il settore industriale è quello più significativo, occupando il 40% del PIL. In particolar modo sono sviluppati l'industria siderurgica e del legno, mentre sono in forte crescita l'industria elettronica, elettrodomestici e trasporti.[19] In particolar modo, nonostante le ridotte dimensioni della Nazione, la Slovenia può contare su Petrol, compagnia petrolifera nazionale equivalente in Italia all'Eni.

Settore terziario

Il settore economico turistico è prevalentemente montano, mentre rimane marginale il settore turistico balneare data la scarsa estensione delle coste. Fra le zone di un certo rilievo vanno menzionate le grotte di Postumia (Postojna) e il lago di Bled.

Molto importante per l'economia slovena è il gioco d'azzardo: molto frequentati sono i casinò, soprattutto quelli sul confine italiano a Nova Gorica.

Trasporti

Lo stesso argomento in dettaglio: Trasporti in Slovenia.

L'infrastruttura stradale dispone di una rete autostradale in via di ammodernamento. Dal 1º luglio 2008 è obbligatorio l'uso di un bollino (vinjeta), che può avere validità settimanale, mensile, semestrale od annuale, per percorrere tutte le autostrade e le superstrade slovene.

La Slovenia dispone di tre aeroporti internazionali: l'Aeroporto di Lubiana-Brnik, intitolato a Jože Pučnik (Letališče Jožeta Pučnika Ljubljana), che si trova a Brnik, 26 km a nord della capitale, l'Aeroporto di Maribor-Orehova Vas intitolato a Eduardo Rusjan presso Slivnica e l'aeroporto di Portorose presso Sicciole. Ci sono poi altri aeroporti minori.

La compagnia aerea nazionale è stata (dichiarò il fallimento nel 2019) l'Adria Airways.

Lungo il fiume Sava corre la linea ferroviaria che collega la Germania e l'Austria con i Balcani. Un'altra importante linea ferroviaria che attraversa la Slovenia parte da Trieste in Italia ed arriva in Ungheria, attualmente in fase di ammodernamento nell'ambito del progetto del corridoio V.

Ambiente


È prevalentemente montuoso/collinare. È attraversata da 2 fiumi principali: Drava e Sava

Il parco nazionale del Tricorno è l'unico parco nazionale della Slovenia e si trova nel nord ovest del paese, non lontano dalla frontiera italiana ed austriaca.

Cultura


Letteratura

Lo stesso argomento in dettaglio: Letteratura slovena.

La produzione letteraria slovena ebbe un primo periodo di splendore nel xvi secolo con la Riforma: si distinse la figura di Primož Trubar, Jurij Dalmatin, traduttore della Bibbia in lingua slovena e Adam Bohorič, autore, nel 1584, della prima grammatica slovena.

Nel XIX secolo la letteratura slovena raggiunge il momento di massimo splendore con Ivan Cankar nel romanzo e soprattutto con France Prešeren, il poeta nazionale sloveno, autore della poesia Zdravljica (oggi inno nazionale sloveno), la cui figura oggi è celebrata, il giorno della sua morte, l'8 febbraio, con il Giorno della Cultura Slovena.

Arte

Lo stesso argomento in dettaglio: Panjska končnica.

Nel campo dell'architettura nel XX secolo si afferma la figura di Jože Plečnik, considerato spesso l'architetto sloveno più importante [20].

Musica

Tra i musicisti e cantanti che si sono maggiormente distinti ricordiamo, tra gli altri, Rebeka Dremelj e soprattutto Slavko Avsenik, re del folk sloveno, interprete di canzoni famose come Na Golici (1955): questa canzone ebbe un notevole successo a livello mondiale.[21]

Nell’ambito della musica colta è da ricordare Matija Bravničar, tra i primi compositori sinfonici della Slovenia, presidente dell’Unione dei compositori iugoslavi e membro dell’Accademia slovena delle Scienze e delle Arti.[22]

Scienza

Matematica

Nel XVIII secolo si distinse la figura di Jurij Vega, che diede importanti contributi nel campo dei logaritmi, e propose un sistema metrico decimale, in seguito adottato, nel 1871, dal'Impero asburgico di allora.

Apicoltura

Nel XVIII secolo si affermò la figura dell'apicoltore sloveno Anton Janša (1734-1773), pioniere della apicoltura moderna: la sua figura ha assunto rilevanza internazionale in quanto il 20 maggio di ogni anno, in onore alla sua data di nascita, si celebra la Giornata mondiale delle api [23].

Slovenia nello spazio

3 settembre 2020: vengono lanciati Trisat e Nemo HD i primi satelliti sloveni nello spazio [24].

Sport


Sci alpino

Pallacanestro

Ciclismo

Anche nel ciclismo la Slovenia presenta importanti personalità: tra questi ricordiamo il ciclista su strada Tadej Pogačar, vincitore del Tour de France 2020: all'età di 22 anni meno un giorno è il 2° ciclista più giovane ad aver vinto il Tour.

Calcio

La Nazionale di calcio della Slovenia che ha giocato la sua prima gara un anno dopo la separazione dalla Jugoslavia, nel 1992, ha come attuale capocannoniere Zlatko Zahovič, con ben 35 reti.

Ginnastica artistica

Uno dei più importanti ginnasta iugoslavi naturalizzato sloveno fu Leon Štukelj, vincitore di diverse medaglie d'oro sia alle Olimpiadi che ai campionati mondiali.

Giochi olimpici

Lo stesso argomento in dettaglio: Slovenia ai Giochi olimpici.

Tra le più titolate campionesse olimpiche slovene ricordiamo Tina Maze, nello sci alpino, con 2 ori e due argenti.

La prima medaglia d'oro olimpica per la Slovenia venne dal canottaggio, ai Giochi olimpici di Sydney 2000, con Iztok Čop e Luka Špik, nel due di coppia.

Tradizioni e folclore


Una delle rappresentazioni sacre in lingua slovena celebri è la Passione di Škofja Loka, riproposta nel 1999 e nell'anno del Giubileo, il 2000. Si tratta del più antico libro conservato sulla Passione di Cristo.

Gastronomia


Lo stesso argomento in dettaglio: Cucina slovena.

Nell'ambito della gastronomia slovena possiamo ritrovare un tipo di cucina che va da quella della Pannonia, delle Alpi, a quella della penisola balcanica, fino ad arrivare alla cucina mediterranea.

Festività e ricorrenze nazionali


Data Nome Nome sloveno Significato
8 febbraio Giorno di Prešeren, festa della cultura slovena Prešernov dan, slovenski kulturni praznik Celebra la cultura slovena. La data è in onore alla data della morte del poeta France Prešeren, nel 1849
27 aprile Giorno della rivolta contro l'occupante Dan upora proti okupatorju Celebra l'anniversario della nascita del Fronte di Liberazione del Popolo Sloveno, nel 1941
25 giugno Giorno della statualità
(festa nazionale slovena)
Dan državnosti Celebra l'indipendenza dalla RSF di Iugoslavia, nel 1991
15 settembre Festa del ritorno del Litorale sloveno alla madrepatria Dan vrnitve Primorske k matični domovini Celebra il ritorno del Litorale sloveno alla madrepatria, nel 1947 col trattato di Parigi fra l'Italia e le potenze alleate
26 dicembre Giorno dell'Indipendenza e dell'Unità Dan samostojnosti in enotnosti Celebra la proclamazione del referendum sull'indipendenza slovena, nel 1990

Note


  1. ^ Costituzione della Slovenia
  2. ^ Articolo 11 della costituzione slovena.
  3. ^ a b Slovenia (Atlante Geopolitico Treccani) , su treccani.it. URL consultato il 29 aprile 2015.
  4. ^ https://www.stat.si/statweb/News/Index/8773
  5. ^ (EN) Population growth rate , in CIA World Factbook, Central Intelligence Agency. URL consultato il 12 gennaio 2015.
  6. ^ a b c Report for Selected Countries and Subjects , IMF, 20 ottobre 2019.
  7. ^ Report for Selected Countries and Subjects , IMF, 20 ottobre 2019.
  8. ^ Tasso di fertilità nel 2010 , su data.worldbank.org. URL consultato il 12 febbraio 2013.
  9. ^ Jože Pirjevec, Serbi, Croati, Sloveni , Il Mulino, 1995, ISBN 978-88-15-04852-3, p.173: “Alle otto di sera del 26 giugno 1991 la bandiera jugoslava fu ammainata davanti al parlamento di Lubiana e sul pennone fu issato il tricolore bianco, rosso e blu, ornato (...) Vi erano raffigurati il mare, il monte Tricorno e tre stelle gialle; richiamo al passato (essendo il Tricorno il simbolo della Slovenia)”.
  10. ^ Temperature medie mensili di Portorose / Sito di WorldClimate
  11. ^ Temperature medie mensili di Lubiana - WorldClimate.com
  12. ^ dato del SURS (Statistični Urad Republike Slovenije - Ufficio Statistico della Repubblica Slovena) , su stat.si. URL consultato il 24 gennaio 2011..
  13. ^ Copia archiviata , su uszs.gov.si. URL consultato il 1º marzo 2018 (archiviato dall'url originale il 1º marzo 2018).
  14. ^ WHO World Health Organization .
  15. ^ (SL) E' Felice Žiža il rappresentante della CNI al Parlamento di Lubiana , su RTVSLO.si. URL consultato il 9 settembre 2020.
  16. ^ Aleš Črnič, Mirt Komel, Marjan Smrke, Ksenija Šabec e Tina Vovk, Religious Pluralisation in Slovenia , in Teorija in praksa, vol. 50, n. 1, University of Ljubljana, Faculty of Sociology, Political Sciences and Journalism, 2013, pp. 205–232, 264, ISSN 0040-3598 (WC  · ACNP ), COBISS 31869277. URL consultato il 26 gennaio 2017 (archiviato dall'url originale il 28 novembre 2016).
  17. ^ (EN) Eurobarometre - Europeans and their languages
  18. ^ Popolazione al 1-1-2018
  19. ^ a b c www.diritto-internaziionale.com Archiviato il 28 luglio 2010 in Internet Archive.
  20. ^ https://www.slovenia.info/it/esperienze/cultura/scoprite-l-eredita-monumentale-di-joze-plecnik
  21. ^ Il re del folk sloveno: Slavko Avsenik , su temi.repubblica.it.
  22. ^ Bravničar, Matija , in Sapere.it, De Agostini. URL consultato il 25 settembre 2020.
  23. ^ https://guidominciotti.blog.ilsole24ore.com/2019/05/18/20-maggio-torna-giornata-mondiale-api-per-salvaguardia-biodiversita/
  24. ^ (EN) First Slovenian Satellites Finally in Space [Finalmente i primi satelli sloveni nello spazio] , su total-slovenia-news.com.

Voci correlate


Altri progetti


Collegamenti esterni


Controllo di autoritàVIAF (EN141826349  · ISNI (EN0000 0001 2110 9038  · LCCN (ENn81035365  · GND (DE4055302-4  · NDL (ENJA00577333  · WorldCat Identities (ENlccn-n81035365









Categorie: Slovenia




Data: 11.05.2021 04:51:58 CEST

Sorgente: Wikipedia (Autori [Cronologia])    Licenza: CC-BY-SA-3.0

Modifiche: Tutte le immagini e la maggior parte degli elementi di design correlati a questi sono stati rimossi. Alcune icone sono state sostituite da FontAwesome-Icons. Alcuni modelli sono stati rimossi (come "l'articolo ha bisogno di espansione) o assegnati (come" note "). Le classi CSS sono state rimosse o armonizzate.
Sono stati rimossi i collegamenti specifici di Wikipedia che non portano a un articolo o una categoria (come "Redlink", "collegamenti alla pagina di modifica", "collegamenti a portali"). Ogni collegamento esterno ha un'icona FontAwesome aggiuntiva. Oltre ad alcuni piccoli cambiamenti di design, sono stati rimossi i media container, le mappe, i box di navigazione, le versioni vocali e i geoformati.

Notare che Poiché il dato contenuto viene automaticamente prelevato da Wikipedia in un determinato momento, una verifica manuale è stata e non è possibile. Pertanto LinkFang.org non garantisce l'accuratezza e l'attualità del contenuto acquisito. Se ci sono informazioni che al momento sono sbagliate o che hanno una visualizzazione imprecisa, non esitate a Contattaci: e-mail.
Guarda anche: Impronta & Politica sulla riservatezza.